Article

[Smoking while driving and its consequences on road safety]

Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva, 2 Facoltà di Medicina, Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica, Sapienza Università di Roma.
Annali di igiene: medicina preventiva e di comunità 05/2007; 19(3):253-67.
Source: PubMed
ABSTRACT
The study was focused on the risk assessment of distraction of smoking habits while driving vehicles. We have compared the results with the data about driving distraction using mobile phone without voice devices. We video-recorded 10 smokers, 4 male and 6 female, smoking while driving a car The average of measured driving distraction of smokers is about 12 seconds. It means to cover a distance of 160 metres with a speed of 50 Km/h. Comparing to the use of mobile phone, the data of driving distraction show a duration of 10.6 seconds, that means to cover a distance of 150 metres at the speed of 50 Km/h. This result suggest that cigarette smoking produces a remarkable risk for road safety, more than the mobile phone use. In addiction to the conditions that produce a considerable driving distraction of smokers, we underline a demonstrated shortage of oxygen, the presence of carbon monoxide and hight concentration offine particulate in the air breathed inside the vehicle. We also consider another aspect related to smoking habits while driving vehicles: the environmental damage. In fact throwing cigarette outside, while the vehicle is moving, is the prevalent reason of setting fire to the edge of the road. This study proposes to make changes in the laws and regulation on road safety in order to fine smokers behaviour during vehicle driving. Furthermore it seems necessary to promote public information about those risks among people.

Full-text

Available from: Giacomo Mangiaracina, Nov 28, 2015
SITAB, Società Italiana di Tabaccologia, via G. Scalia 39, 00136 Roma. Tel.: 06.39722649, TiscaliFax: 178.2215662. CF: 96403700584
Email: info@tabaccologia.it - Web: www.tabaccologia.org
Le implicazioni sulla sicurezza stradale del
fumare durante la guida
Smoking while driving and its consequences on the road safety
Giacomo Mangiaracina *, Letizia Palumbo **
* Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva, 2° Facoltà di Medicina, Università La Sapienza di Roma.
** Psicologa Area Ricerca e Formazione “GEA Progetto Salute - Onlus”.
Riassunto
Il presente lavoro si pone l’obiettivo di analizzare i rischi legati al consumo di tabacco e le determinanti di rischio
infortunistico stradale nel fumo alla guida. Abbiamo analizzato e misurato i tempi di distrazione di un campione di 10
soggetti fumatori, di cui 4 maschi e 6 femmine. I risultati sono stati comparati con i dati dell’uso del telefonino alla
guida. I soggetti sono stati videoregistrati, con camera digitale, mentre effettuavano le abituali operazioni necessarie per
fumare una sigaretta durante la guida e con il veicolo in movimento. Si è potuto osservare che la pericolosità del fumare
al volante è quantificabile in maniera rilevante: la distrazione media riscontrata nel fumare alla guida è di circa 12
secondi. Sebbene tale distrazione non sia continuativa, il percorso totale effettuato senza guardare la strada, ad una
velocità di 50 Km/h, è di 160 metri. I dati sull’uso del telefonino dimostrano che la distrazione maggiore nel suo
utilizzo è dovuta alla composizione del numero: 10,6 secondi, pari a 150 metri percorsi ad una velocità di 50 Km/h.
Oltre alle condizioni che creano un elevato grado di distrazione alla guida da parte dei soggetti fumatori, si aggiunge
una dimostrata carenza di ossigeno, presenza di monossido di carbonio e di una elevata concentrazione di particolato
sottile, nell’aria respirata all’interno del veicolo. Si considera, altresì, il danno ambientale determinato dal lancio dei
mozziconi dal veicolo in movimento, causa prevalente di incendi ai margini della strada.
I risultati emersi dallo studio sul comportamento dei fumatori durante la guida, suggeriscono una opportuna e
tempestiva modifica del Codice della Strada che renda sanzionabile tale comportamento al pari dell’uso del telefonino,
unitamente ad una campagna di sensibilizzazione degli stessi fumatori.
Abstract
The study was focused on the risk assessment of distraction of smoking habits while driving vehicles. We have
compared the results with the data about driving distraction using mobile phone without voice devices. We video-
recorded 10 smokers, 4 male and 6 female, smoking while driving a car. The average of measured driving distraction of
smokers is about 12 seconds. It means to cover a distance of 160 metres with a speed of 50 Km/h. Comparing to the use
of mobile phone, the data of driving distraction show a duration of 10,6 seconds, that means to cover a distance of 150
metres at the speed of 50 Km/h. This result suggest that cigarette smoking produces a remarkable risk for road safety,
more than the mobile phone use.
In addiction to the conditions that produce a considerable driving distraction of smokers, we underline a demonstrated
shortage of oxygen, the presence of carbon monoxide and high concentration of fine particulate in the air breathed
inside the vehicle. We also consider another aspect related to smoking habits while driving vehicles: the environmental
damage. In fact throwing cigarette outside, while the vehicle is moving, is the prevalent reason of setting fire to the
edge of the road.
This study proposes to make changes in the laws and regulation on road safety in order to fine smokers behaviour
during vehicle driving. Furthermore it seems necessary to promote public information about those risks among people.
Parole chiave:
Tabagismo, controllo sul tabacco, sicurezza stradale, distrazione alla guida.
Key words :
Cigarette smoking, tobacco control, road safety, driver distraction.
1
Page 1
Introduzione
La ricerca, in ambito di prevenzione nell’infortunistica stradale, mira ad individuare le aree di rischio attraverso la
pianificazione di precisi interventi di contenimento degli eventi accidentali.
[14-17-27-28] I fattori che possono concorrere al verificarsi di incidenti stradali sono:
1. l’ambiente stradale inteso sia come infrastrutture sia come traffico;
2. i veicoli.
3. gli utenti delle strade.
1. L’ambiente stradale può presentare difetti che inducono ad errori nella percezione o amplificano gli effetti di
distrazioni alla guida, come nel caso di intersezioni viarie (gli incidenti si verificano con maggiore frequenza in
condizioni di conflitto segnaletico o strutturale-ambientale) o di margini di protezione spesso inadeguati alla fuoriuscita
di veicoli dalla carreggiata o all'impatto con ostacoli (alberi, segnaletica e supporti per l’illuminazione)
[13].
2. La variabile “veicolo” incide sulla sicurezza per possibili difetti o avarie. La ricerca in questi ambiti mira a migliorare
sia gli aspetti costruttivi sul piano tecnologico, sia quegli elementi di sicurezza dinamica, dall’apparato frenante, alla
deformabilità progressiva dell’abitacolo in fase di impatto violento, alla protezione degli occupanti del veicolo mediante
supporti gonfiabili ad espansione immediata (Airbag).
3. Il comportamento umano alla guida, riveste il ruolo più importante nel rischio di infortuni su strada, di solito per
inosservanza delle norme del codice della strada. La ricerca pone la giusta attenzione alla guida con limitate o ridotte
capacità psicofisiche, all’abuso di sostanze psicotrope, in particolare l’alcol, che alterano sia lo stato di coscienza che i
riflessi [4-19-31]. Un’area di attenzione e di studio relativa al comportamento umano, riguarda la distrazione durante la
guida e riconosce cause interne ed esterne all’autoveicolo [37]. Le fonti di distrazione sono diverse, come accendere e
sintonizzare la radio, parlare al telefono, mangiare durante la marcia, esaminare cartine stradali
[32].
Tra le abitudini correnti e diffuse tra i conduttori di autoveicoli, vi è anche quella di fumare durante la guida. Si tratta di
un comportamento ritenuto “normale”, ovvero di larga prevalenza nella popolazione.
Il consumo di tabacco induce forte dipendenza
[29-36-39]. Studi del National Institute on Drug Abuse (NIDA), massima
autorità internazionale nel campo delle dipendenze, evidenziano che la capacità di indurre dipendenza da parte della
Nicotina, è superiore a quella degli oppiacei [40-42].
Lo stato di dipendenza dei fumatori conduce ad azioni reiterate ed obbligate che a livello sociale si esprimono in
atteggiamenti e comportamenti strutturati nello schema di personalità dell’individuo, al punto da potersi definire
tabagici [30]. Peculiarità dei fumatori è il comportamento “di maggioranza”, ovvero la pretesa di un presunto “diritto a
fumare” al punto da avere ottenuto privilegi sociali incondizionati come la possibilità di fumare ovunque, e di avere a
disposizione aree appositamente dedicate nei mezzi di trasporto (treni, navi, aerei). Va considerato che per vari decenni
il consumo di tabacco è stato considerato un’abitudine di larga prevalenza e pertanto generalmente tollerata e
socialmente accettata, alterando la percezione concreta e reale del problema in termini qualitativi e quantitativi
[34-35].
Negli ultimi anni, gli studi sulla pericolosità del fumo “passivo”
[26], hanno fatto si che lo IARC (International Agency
on Researches on Cancer), agenzia dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, avesse classificato il Tabacco tra le 88
sostanze riconosciute sicuramente cancerogene. Da qui si è snodato un percorso di consapevolezza sociale che ha
portato vari governi a sviluppare campagne pubbliche ed a legiferare per la tutela dei non fumatori [6-23-25]. Il primo
coordinamento internazionale si è realizzato con la Framework Convention on Tobacco Control, convenzione quadro
internazionale entrata in vigore dal 2004 ed in via di ratifica da parte del governo italiano, con cui si concordano linee
comuni di intervento specie nel campo della pubblicità dei prodotti del tabacco.
Le azioni normative, lungi dal rappresentare la misura di eccellenza nel campo della prevenzione, ha comunque una
validità indiscussa. Lo dimostra l’entrata in vigore, il 10 gennaio 2005, della Legge 3/2003 sulla Pubblica
Amministrazione, il cui articolo 51 vieta di fumare nei luoghi di svago e di lavoro, e comunque nei luoghi chiusi in cui
vi siano più persone (pubblico o utenti). Tale norma ha determinato una riduzione del 5-6% del consumo di tabacco in
Italia, ed anche in minima parte degli stessi fumatori.
Parimente sono stati gradualmente soppressi, per larga parte, gli spazi per fumatori in treni ed aerei, mentre permane il
divieto di fumare sui mezzi pubblici di trasporto (Bus, Metropolitane, Taxi) in base alla Legge 584 dell’11 novembre
1975, che decretava allo stesso tempo il divieto di fumare nei cinema, nei teatri, nelle scuole e negli ospedali,
determinando la prima svolta nei comportamenti sociali della popolazione.
Tuttavia, nonostante il divieto di fumare sia stato imposto ai conduttori di mezzi di trasporto pubblici, non si è mai
tenuto conto del fatto che fumare durante la guida potesse causare danni al conducente, alle persone trasportate,
incrementando contemporaneamente il rischio di incidenti della strada
[9]. Unica eccezione è rappresentata dai consigli
delle autorità di Polizia della Strada, che hanno periodicamente suggerito di non fumare alla guida come suggerimento
prudenziale (informazioni direttamente raccolte per intervista degli organi dirigenziali).
2
Page 2
I dati ACI - ISTAT
Il numero degli incidenti nel 2005 (225.078) si è rivelato ridotto dell’1,8% rispetto al 2004 [43-44]; i morti (5.426) sono
diminuiti del 4,7%, i feriti (313.727) del 2,7%. Sono diminuiti soprattutto gli incidenti mortali: 4.918 nel 2005 rispetto
ai 5.082 dell’anno precedente, con 266 vite risparmiate.
Resta però lontano l’obiettivo fissato dall’Unione Europea che prevede la riduzione del 50% dei morti entro il 2010 [10]:
per raggiungere questo risultato l’Italia non dovrebbe superare i 3.100 morti per incidenti stradali annui, e ciò equivale
ad una riduzione ogni anno di circa il 9%. [11, 15, 45]
Nonostante il miglioramento, il bilancio resta dunque pesante: 617 incidenti nel "giorno medio", con 15 morti e 860
feriti; luglio il mese in cui si muore di più (19 morti al giorno); domenica il giorno nero con 1.014 decessi, pari al 19%
del totale. Tra le 17 e le 19 l’orario più a rischio, anche se la notte (dalle 22 alle 6 del mattino) è il periodo con il p
alto tasso di mortalità (doppio rispetto al giorno). Sulle strade urbane il maggior numero di incidenti (76,6%), con il
44,5% di morti.
Al contrario, sulle autostrade il 6,3% degli incidenti con il 10,7% dei morti. Il mancato rispetto delle regole di
precedenza, la guida distratta e la velocità troppo elevata le principali cause (oltre il 50%).
I giovani sono ancora i più colpiti: tra i 25 e i 29 anni si registrano 637 morti e 41.230 feriti, se consideriamo, poi, la
classe d’età 16/29, allora, si contano 1.636 morti (il 30% del totale) e 109.361 feriti (pari al 35% del totale). Parimente,
anche il costo sociale connesso con gli incidenti si è ridotto del 5%, passando dai 35.464 milioni di euro del 2003 ai
33.706 milioni di euro del 2004, cifra che rimane comunque considerevole essendo pari al 2.5% del PIL.
Un prima analisi ISTAT - ACI sugli effetti della patente a punti, ha mostrato un riduzione dell’8% degli incidenti, del
18% dei decessi, e del 10% dei feriti nel primo anno di applicazione (luglio 2003-giugno 2004). I dati del secondo
semestre del 2004 (il terzo di applicazione della patente a punti) si stabilizzano invece sui livelli del secondo semestre
2003 (primo di applicazione)
[1-12-16]. Inoltre sono più di 560 milioni di euro i “costi umani” relativi alle spese sanitarie,
al danno biologico e morale, ed alla mancata produzione, risparmiati nel 2004.
Sempre elevato risulta il numero di giovani coinvolti in incidenti stradali. I giovani di età inferiore ai 30 anni risultano
20 volte più a rischio di mortalità rispetto alla media della popolazione. Grazie al casco, i motorini sono invece diventati
più “sicuri”. Il rischio di mortalità (0,81), è difatti inferiore alla media di tutti i veicoli (1,00) ed è più che dimezzato
rispetto a moto (2.05) e biciclette (2,07).
Sarebbero 3.050 (8 al giorno) gli incidenti causati dall’abuso di alcol, 876 dovuti a malore o colpo di sonno, e 4.835 a
comportamento scorretto da parte dei pedoni. Per quanto riguarda invece difetti o avarie dei veicoli, si segnalano 235
casi di veicoli con rottura o insufficienza dei freni, 216 casi di scoppio o eccessiva usura dei pneumatici.
Coinvolti soprattutto i conducenti (66,7% dei decessi e 69,3% dei feriti), seguono i passeggeri trasportati (20,7% dei
morti, 24,9% dei feriti) e i pedoni (12,6% dei morti e 5,8% dei feriti. La Lombardia, con 46.798 incidenti, 832 morti,
63.218 feriti), il Lazio (27.377; 543; 38190) e l’Emilia Romagna (23.531; 596; 32.414) sono le regioni più “colpite”.
Valle d’Aosta (407), Molise (470) e Basilicata (741) quelle che hanno fatto registrare il minor numero di incidenti,
precedute dal Trentino (3.200 incidenti, 117 morti, 4.238 feriti)
[16].
Obiettivi
Le cause principali degli incidenti stradali riconoscono al primo posto la guida distratta
[7-11]. A seguire, l’eccesso di
velocità, ed il mancato rispetto delle distanze di sicurezza. Lo studio in questione concerne appunto questo aspetto in
relazione ai comportamenti umani ed in particolare quello del fumare durante la guida.
In Italia, come in altri Paesi, è appropriatamente vietato condurre autoveicoli e al tempo stesso fare una telefonata e
parlare tenendo staccata una mano dal volante per il tempo necessario. L’unica possibilità per poterlo fare senza
incorrere in sanzioni, è quello di utilizzare degli strumenti di comunicazione in viva voce [11]. La ratio del divieto del
Codice della Strada si giustifica in quanto che le aspettative di rischio per distrazione sono logicamente incrementate,
come appunto è il caso del parlare al telefono con l’autoveicolo in movimento.
Proprio per analogia di comportamento abbiamo posto attenzione all’abitudine corrente dei tabagisti, diffusa alla quasi
totalità dei fumatori (circa il 25% della popolazione italiana), di fumare durante la guida del veicolo.
Per tale motivo, lo studio ha inteso confrontare le situazioni “telefonare” e “fumare”, valutandone opportunamente i
termini di correlazione in riferimento al rischio di infortunistica stradale.
Studi recenti evidenziano che fumare comporterebbe un rischio di distrazione superiore a quella causata da animali
liberi in auto, dalla consultazione di guide e cartine, dalla sistemazione di oggetti nell’abitacolo
[45].
3
Page 3
Confrontando un campione di fumatori con uno di non fumatori è stato dimostrato che fumare alla guida
incrementerebbe il rischio di incidenti indipendentemente dal fattore età, genere, scolarizzazione, consumo di alcool ed
esperienza alla guida. La causa viene con molta probabilità addotta a:
a) distrazione causata dall’attività del fumare, come togliere le mani dal volante per accendere la sigaretta,
fumarla e gettarne il mozzicone;
b) differenze di comportamento tra fumatori e non fumatori e tra gli stessi fumatori;
c) riduzione della ossigenazione del veicolo ed intossicazione da monossido di carbonio (CO).
Gli studi condotti evidenzierebbero che su 100 incidenti stradali, almeno 1 sarebbe legato alla distrazione dovuta al
fumare durante la guida [8]. Tradotto in cifre corrisponderebbe, riferito ai dati dell’infortunistica stradale in Italia,
approssimativamente a 2.200 incidenti e a 60 decessi per anno correlati all’abitudine di fumare durante la guida.
Oltre alle condizioni che creano certamente un elevato grado di distrazione da parte dei soggetti fumatori, va rilevato un
altro dato critico riguardante la dimostrata carenza di ossigeno nell’aria respirata all’interno del veicolo, per la riduzione
di ossigeno, elevata concentrazione di monossido di carbonio (CO) e di particolato sottile (PM-10, -5, -2.5, -1) [15-20],
con conseguente danno documentato alle facoltà cerebrali, e pericolosità in termini di vigilanza e di riflessi durante le
guida
[21-22].
Non va trascurato il fatto che un aspetto rilevante del pericolo di fumare durante la guida, consiste anche nel danno
ambientale, determinato dal lancio dei mozziconi dal veicolo in movimento nella strada, causa per larga parte di incendi
ai margini delle strade.
Materiali e Metodi
Analisi e Misurazione dei Tempi di Distrazione
L’esperimento proposto in questo studio è finalizzato:
- alla misurazione dei tempi di distrazione (secondi) del fumatore alla guida mentre esegue le operazioni necessarie
per fumare una sigaretta;
- al calcolo del percorso (metri) effettuato con distrazione durante le suddette operazioni.
A tal fine sono state realizzate 10 videoregistrazioni, previo consenso informato scritto dell’interessato, utilizzando una
telecamera digitale JVC mod. GR-D23E.
Il comportamento in guida dei soggetti, prima, durante e dopo aver fumato una sigaretta, è stato videoregistrato
posizionando e fissando la telecamera alla destra del guidatore, in modo da ottenere una inquadratura che consenta di
visualizzare in modo accurato il volto dei soggetti, gli arti superiori e il volante con una buona porzione del parabrezza.
A posteriori, è stato codificato lo sguardo dei fumatori alla guida dell’automobile.
I soggetti sono stati invitati a percorrere un breve tragitto in città in situazioni variabili di traffico, in 2 giorni festivi ed 8
feriali (Tab.1). In tal modo è stato possibile analizzare aspetti peculiari del comportamento distrattivo alla guida.
Definizione operativa:
La DISTRAZIONE alla GUIDA è stata codificata frame-by-frame
1
, sommando i frame/sec. durante i quali il soggetto
ruota la testa e/o distoglie lo sguardo dalla strada mentre esegue ciascuna delle operazioni effettuate per fumare una
sigaretta con il veicolo in movimento.
Procedura sperimentale
2
:
Le operazioni del fumatore alla guida sono 5:
1
Un frame è 1/25 secondi.
2
N.B. Nella prima operazione rientrano 3 comportamenti diversi. Tale scelta deriva dai seguenti motivi:
L’inquadratura è troppo limitata per poter riprendere il soggetto mentre esegue i suddetti comportamenti. Pertanto
risulta impossibile poter codificare la distrazione alla guida durante ciascuno dei 3 comportamenti. Diversamente,
raggruppandoli in una sola operazione, la distrazione viene codifica partendo dal frame in cui il soggetto lascia il
volante con una mano per cercare il pacchetto di sigarette, fino al frame in cui egli porta la sigaretta alla bocca.
Evitando di standardizzare rigidamente tali comportamenti, si tiene conto della reale variabilità soggettiva con cui
essi vengono messi in atto.
4
Page 4
1. Cercare/Prendere il pacchetto di sigarette, Prelevare la sigaretta, Cercare/Prendere l’accendino;
2.
Accendere la sigaretta;
3. Riporre l’accendino;
4.
Fumare;
5.
Spegnere la sigaretta.
Realizzazione dei filmati:
I filmati sono stati realizzati con il software “Pinnacle Studio” versione 9.0.
I file sono in formato MPEG e presentano le seguenti caratteristiche tecniche:
Video: Compatibile DVD 720 x 576, 6000 kbit/sec.
Audio: Stereo 48 kHz 224 kbit/sec.
Ciascuno di essi presenta un titolo in sovrimpressione, della durata di 10 secondi, che riporta la velocità media di
andatura e la durata di distrazione nelle 5 Operazioni.
Codifica dei dati:
I dati sono stati codificati con l’ausilio del software “Pinnacle Studio” versione 9.0.
I secondi di distrazione sono stati computati rapportando i frame in centesimi di secondo.
Esempio
1 secondo = 25 frame
1 secondo e 12 frame = 1,5 sec. (12 : 25 = 0,48)
Calcolo dei metri percorsi in 1 secondo in base alla velocità media di andatura
Esempio
Se a 60 Km/h si percorrono 1000 metri in 60 secondi, allora i metri percorsi in 1 secondo sono 16,7 (1000/60).
Km/h metri secondi Km/h metri/sec.
55 1000 65,5 55 15,3
60 1000 60 60 16,7
65 1000 55,4 65 18,1
70 1000 51,4 70 19,5
75 1000 48 75 20,8
Il campione preso in esame presenta una velocità media di andatura che oscilla
tra 55 Km/h (MIN.) e 75 Km/h (MAX.)
Conoscendo i metri percorsi in 1 secondo si moltiplicano per i secondi di distrazione. In tal modo si ottengono i metri
percorsi con distrazione.
Caratteristiche del campione:
10 soggetti fumatori, di cui 4 maschi e 6 femmine. La velocità di andatura media è di 67 Km/h.
Nella pagina seguente viene riportata la tabella generale con le caratteristiche del campione.
5
Page 5
TAB. 1: 10 SOGGETTI FUMATORI = 4 Maschi; 6 Femmine. Velocità media di andatura = 67 Km/h.
5 operazioni del Fumatore alla guida:
1) Cercare/Prendere il pacchetto di sigarette, Prelevare la sigaretta, Cercare/Prendere l'accendino
2) Accendere la sigaretta
3) Riporre l'accendino
4) Fumare
5) Spegnere la sigaretta
VELOCITA' TOTALE TOTALE TOTALE PERCORSO
MEDI
A
DURAT
A
DURAT
A
DURANTE
A
NDATURA
V
IDEO OPERAZIONI LE OPERAZIONI
(ANNI) (MEDIA) RIPRESA (Km/h) (secondi) (metri) (secondi) (metri)
1 M 39 20 20 22/10/2006 Monterotondo (RM) 16.00 75 315 6552,0 312 6489,6
2 F 27 10 20 31/10/2006 Roma 16.00 55 301 46053,0 282 4314,6
3 M 25 8 15 31/102006 Roma 17.00 75 200 4160,0 191 3972,8
4 F 28 12 20 01/11/2006 Roma 15.30 60 336 5611,2 329 5494,3
5 F 25 7 15 02/11/2006 Roma 12.30 65 252 4561,2 240 4344,0
6 F 25 10 10 06/11/2006 Roma 15.30 65 281 5086,1 276 4995,6
7 F 25 10 20 06/11/2006 Roma 15.45 70 242 4719 221 4309,5
8 F 24 7 15 06/11/2006 Roma 16.00 75 268 5574,4 259 5387,2
9 M 60 25 15 09/11/2006 Roma 10.00 60 331 5527,7 325 5427,5
10 M 28 9 10 10/11/2006 Roma 16.30 65 280 5068 271 4905,1
2806 92912,6 2706 49640,2
67 280,6 9291,3 270,6 4964,0
TOTALE
PERCORSO
ID SESSO ETA' LUOGO RIPRESA
DA QUANTO
TEMPO FUMA
SIGARETTE
GIORNALIERE
ORARIO
INIZIO
DATA
RIPRESA
Totali
Medie
6
Page 6
Risultati
I 10 soggetti hanno impiegato in media 270,6 secondi (4,5 minuti circa) per effettuare le 5 operazioni necessarie per
fumare una sigaretta durante la guida.
La media dei secondi di distrazione trascorsi durante tutte le 5 operazioni è 11,5.
Si precisa che il campione in esame non distoglie lo sguardo per 11,5 secondi in maniera continuativa. I secondi di
distrazione sono intervallati da attimi in cui i soggetti guardano la strada ma, in totale, si distraggono per 11,5 secondi.
Durante le 5 operazioni si percorrono in media 4964 metri (Velocità media di andatura = 67 Km/h).
215,9 sono i metri percorsi manifestando un comportamento distratto (il 4% del percorso totale).
L’operazione che ha distratto più frequentemente il campione è la 4
a
: Fumare la sigaretta.
I fumatori hanno manifestato una distrazione pari a 4,5 secondi (il 39% della distrazione totale), effettuando in tutto
84,5 metri senza guardare la strada. Questo è dovuto principalmente al numero di occorrenze di distrazione (i soggetti si
sono distratti mediamente per 4,7 volte).
Nella 1
a
operazione: Cercare/Prendere il pacchetto di sigarette, Prelevare la sigaretta, Cercare/Prendere l’accendino, la
durata della distrazione raggiunge il picco più alto (ad es. il terzo soggetto ha impiegato ben 3 secondi per cercare
l’accendino), pur con una frequenza di distrazione inferiore rispetto a quella riscontrata nella 4
a
operazione: 27
occorrenze nella la 1
a
operazione vs 47 occorrenze nella 4
a
.
Vedi Tabella 2 con la presentazione analitica dei dati.
Vedi Figure 1,2,3.
7
Page 7
TAB. 2: 10 SOGGETTI FUMATORI = 4 Maschi; 6 Femmine. Velocità media di andatura = 67 Km/h.
5 operazioni del Fumatore alla guida:
1) Cercare/Prendere il pacchetto di sigarette, Prelevare la sigaretta, Cercare/Prendere l'accendino
2) Accendere la sigaretta
3) Riporre l'accendino
4) Fumare
5) Spegnere la sigaretta
Tempo (secondi) di distrazione calcolato frame by frame in ciascuna delle 5 operazioni con l'automobile in movimento.
Percorso (metri) effettuato con distrazione in ciascuna delle 5 operazioni.
VELOCITA' TOT.
TOT.
MEDIA TEMPO PERCORSO
A
NDATURA
(Km/h) 1 2 3 4 5 1 2 3 4 5
1 2,3 1,4 1,0 1,7 1,1 47,8 29,1 20,8 35,4 22,9
20,8 1,0
1,3
16,6 20,8
27,0
3 0,6 1,1 12,5 22,9
41,2 25,0
51,4 29,1
61,8 37,4
71,4 29,1
81,2 25,0
91,0 20,8
2 F 27 20 (Fuma da 10 anni) 55 1 1,0 1,3 1,0 0,9 0,0 15,3 19,9 15,3 13,8 0,0
4,2 64,3
1 1,0 1,0 1,2 0,0 0,0 20,8 20,8 25,0 0,0 0,0
2 1,2 1,0 25,0 20,8
3 1,0 20,8
4 1,0 20,8
5 1,1 22,9
6 3,0 62,4
1 1,0 1,3 2,0 1,0 2,0 16,7 21,7 33,4 16,7 33,4
21,0
0,8
16,7
13,4
3 1,3 1,0 21,7 16,7
4 1,0 16,7
1 1,2 1,6 1,0 1,0 1,0 21,7 29,0 18,1 18,1 18,1
2 1,0 1,0 1,3 18,1 18,1 23,5
3 1,2 1,0 2,0 21,7 18,1 36,2
40,9 16,3
51,1 19,9
61,0 18,1
60 12,4 207,1
5
F 25 15 (Fuma da 7 anni) 65 16,3 295,0
4
F 28 20 (Fuma da 12 anni)
3
M 25 15 (Fuma da 8 anni)
di distraz.
(secondi)
con
distrazione
(metri)
75
20,3 422,3
OCCORRENZE
DISTRAZIONE
TEMPO DI DISTRAZIONE PERCORSO CON DISTRAZIONE
in ciascuna delle 5 operazioni
75 11,5 239,2
39 20 (Fuma da 20 anni)
in ciascuna delle 5 operazioni
(secondi) (metri)
ID
SESSO
ETA'
SIGARETTE
GIORNALIERE
1M
8
Page 8
VELOCITA' TOT.
TOT.
MEDIA TEMPO PERCORSO
A
NDATURA
(Km/h) 1 2 3 4 5 1 2 3 4 5
1 1,0 1,2 0,0 1,3 1,1 18,1 21,7 0,0 23,5 19,9
2 1,2 21,7
3 1,1 19,9
4 1,1 19,9
1 1,0 1,0 1,0 0,7 1,4 19,5 19,5 19,5 13,7 27,3
2 1,0 0,6 19,5 11,7
3 1,2 0,6 23,4 11,7
4 1,2 0,5 23,4 9,8
5 0,6 11,7
6 0,7 13,7
1 0,7 1,2 0,5 0,7 1,2 14,6 25,0 10,4 14,6 25,0
2 0,5 0,8 0,8 10,4 16,6 16,5
3 0,7 0,6 14,6 12,5
4 0,6 12,5
5 0,5 10,4
6 0,5 10,4
1 0,7 1,3 1,0 1,2 1,0 11,7 21,7 16,7 20,0 16,7
2 1,2 1,0 0,6 20,0 16,7 10,0
3 1,0 0,7 16,7 11,7
1 0,5 1,0 0,0 0,7 0,0 9,1 18,1 0,0 12,7 0,0
2 0,5 1,2 0,5 9,1 21,7 9,1
3 1,0 18,1
4 1,0 18,1
5 1,1 19,9
6 1,2 21,7
7 1,3 23,5
8 1,4 25,3
28,5 19,7 9,7 44,6 12,1 541,9 368,6 180,0 845,1 223,0
114,6 2158,5
67 km/h
2,9 2,0 1,0 4,5 1,2 54,2 36,9 18,0 84,5 22,3
11,5 215,9
Legenda
Valore Minimo
Valore Massimo
PERCORSO CON DISTRAZIONE
di distraz.
(secondi)
con
distrazione
(metri)
in ciascuna delle 5 operazioni in ciascuna delle 5 operazioni
(secondi) (metri)
ETA'
SIGARETTE
GIORNALIERE
OCCORRENZE
DISTRAZIONE
TEMPO DI DISTRAZIONE
ID
SESSO
9
M
8
11,4 206,3
75
10
M 28 10 (Fuma da 9 anni) 65
162,0
60 15 (Fuma da 25 anni)
F 24 15 (Fuma da 7 anni)
60
193,3
9,8
F
11,5
9,2
224,3
7 F 25 20 (Fuma da 10 anni) 70
656 25 10 (Fuma da 10 anni)
8,0 144,8
Totali
Medie
9
Page 9
2,9
2,0
1,0
4,5
1,2
0,0
1,0
2,0
3,0
4,0
5,0
sec.
Durata media di distrazione (sec.) in
ciascuna delle 5 operazioni
5 4 3 2 1
Operazioni
270,6
11,5
4%
Durata media di distrazione
(sec.) nelle 5 operazioni
Durata media (sec.)
delle 5 operazioni
10
Page 10
54,2
36,9
18,0
84,5
22,3
0,0 20,0 40,0 60,0 80,0 100,0
1 operazione
2 operazione
3 operazione
4 operazione
5 operazione
Percorso medio (metri) effettuato con
distrazione in ciascuna delle 5 opera z ioni
metri
4964,0
215,9
4%
Percorso medio (metri)
effettuato con distrazione
durante le 5 operazioni
Percorso medio (metri) effettuato
durante le 5 operazioni
11
Page 11
Discussione
Telefonare guidando è uno dei comportamenti più diffusi, eppure molti studi dimostrano che l’uso del telefonino in auto
è estremamente pericoloso. Alm & Nilsson (1994), utilizzando il simulatore di guida del VTI (Swedish Road and
Transport Research Institute), hanno mostrato come l’uso di un cellulare durante la guida comportava effetti negativi sui
tempi semplici di reazione e portava ad una riduzione della velocità del veicolo. Redelmaier e Tibshirani (1997),
invece, hanno reclutato, nella città di Toronto, 699 soggetti, possessori di telefono cellulare, che erano stati coinvolti in
un incidente stradale. Analizzando i tabulati delle compagnie telefoniche, le dichiarazioni dei soggetti, i verbali della
polizia e i listati delle chiamate di soccorso è stato possibile collegare l’ora dell’incidente con quella della telefonata.
Dall’indagine è emerso che il rischio relativo di collisione in un arco di tempo compreso entro 10 minuti dopo che la
telefonata aveva avuto inizio andava da 3.0 a 6.5.
[38]
McEvoy S.P. et al. (2005) hanno condotto uno studio su 456 autisti di età superiore a 17 anni che possedessero un
telefono cellulare e coinvolti in incidenti stradali che richiedessero cure ospedaliere. La ricerca ha cercato di definire,
attraverso le interviste effettuate agli incidentati e i tabulati forniti dalle compagnie telefoniche, l'eventuale uso del
cellulare al tempo stimato dell'impatto e l'uso nello stesso momento della giornata durante la settimana precedente
l'incidente. I risultati dimostrano che chi utilizza il cellulare mentre guida, con o senza auricolari, è soggetto a incidenti
quattro volte di più rispetto a chi non ne fa uso.
Il Codice della Strada (30 Aprile 1992) prevede espressamente il divieto di far uso del telefonino mentre si guida.
Secondo l’art. 173 “E’ vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare
cuffie sonore […] E’ consentito l’uso di apparecchi a viva voce che non richiedono l’uso delle mani”.
A questo proposito la rivista “Altroconsumo”
[2-3], organo di stampa dell’Associazione Indipendente di Consumatori ha
pubblicato i risultati di un test effettuato su alcuni conducenti mentre usavano un normale GSM alla guida in situazioni
reali. Le prove eseguite durante questo test prevedevano una serie di mansioni per il conducente: ricevere o fare una
telefonata, abbassare il volume della radio componendo il numero o ricevendo la chiamata, chiudere la comunicazione.
Per comporre un numero di telefono con un normale GSM il tempo di distrazione medio rilevato corrisponde a 10,6
secondi, pari alla percorrenza “al buio” di 150 metri, viaggiando a 50 Km/h (velocità consentita in città), e a 356 metri a
120 Km/h (in autostrada).
Si ribadisce che il conducente non distoglie lo sguardo per 10,6 secondi di fila, ma il tempo di distrazione è intervallato
e composto da vari tempi in cui si alterna l’osservazione la strada con la distrazione. Il tempo totale di distrazione è di
10,6 secondi.
Le operazioni necessarie al campione del presente studio per fumare una sigaretta comportano una distrazione di un
tempo maggiore, 11,5 secondi, che rapportati alla velocità di 50 Km/h fanno 159,9 metri e a 120 Km/h diventano 383
metri.
Di seguito viene riportata la Tabella 3. con i risultati relativi all’uso del telefonino alla guida, messi a confronto con
quelli riscontrati nel presente studio:
TAB. 3 DISTRAZIONE DEL CONDUCENTE (DURATA IN SECONDI E DISTANZA PERCORSA)
Ri
chia
Ab
de
ri
chi
Tempi medi di distrazione 2,1 sec. Tempi medi di distrazione 2,9 sec.
Metri percorsi a 50 Km/h 29 Metri percorsi a 50 Km/h 40,3
Metri percorsi a 120 Km/h 70 Metri percorsi a 120 Km/h 96,6
Tempi medi di distrazione 1,5 sec. Tempi medi di distrazione 2,0 sec.
Metri percorsi a 50 Km/h 21 Metri percorsi a 50 Km/h 27,8
Metri percorsi a 120 Km/h 50 Metri percorsi a 120 Km/h 66,6
Prendere la
sigaretta e
l'accendino
bassare il volume
lla radio per
cevere una
amata
Accendere la
sigaretta
USO DEL TELEFONINO ALLA GUIDA FUMARE ALLA GUIDA
spondere a una
mata
Le prove effettuate durante il test del telefonino lo dimostrano chiaramente: anche se rispondere a una chiamata è meno
pericoloso che comporre un numero di telefono, usare il telefonino guidando, senza l’ausilio di apparecchi a viva voce,
comporta molti rischi sia per chi lo fa che per gli altri automobilisti.
Nel caso di operazioni effettuate telefonando con l’uso del viva voce o degli auricolari i risultati presentati su
“Altroconsumo” riportano una distrazione pari a 9,1 sec. per comporre un numero di telefono, che rapportati alla
velocità di 50Km/h fanno 127 metri percorsi senza guardare la strada e a 120 Km/h sono 305 metri.
Sulla base di quanto esposto e dai dati emersi dal confronto dei due comportamenti quali il telefonare e il fumare alla
guida, appare evidente che fumare al volante, oltre ad essere altamente nocivo per la salute, è estremamente pericoloso
e, nei casi suesposti, sensibilmente più rischioso che telefonare.
12
Page 12
Conclusioni
I dati del campione in esame dimostrano che fumare durante la guida rappresenta un pericolo rilevante e che il rischio
per la sicurezza stradale supera quello riscontrato nei test effettuati sull’uso del telefonino.
Date le condizioni “sperimentali” effettuate sotto vigilanza, appare ovvio che i soggetti fumatori, ripresi con telecamera,
erano consapevoli di essere videoregistrati, perciò la consapevolezza di essere “sorvegliati” li induceva verosimilmente
ad una maggiore attenzione durante la marcia. Nonostante ciò, la durata di distrazione media durante le operazioni
necessarie per fumare una sigaretta è quantificabile in misura rilevante. Basti pensare che 11,5 secondi di distrazione in
guida, sebbene non continuativa, rappresentano, a 50 Km/h, ben 160 metri percorsi “al buio”, senza guardare la strada, a
cui bisogna aggiungere il tempo di reazione e la distanza di frenata in caso di emergenza improvvisa.
Tuttavia, è ragionevole ritenere che in condizioni di normalità, e senza lo stato di “osservazione”, le condizioni di
vigilanza dei soggetti sull’atto del fumare siano ridotte, pertanto a nostro avviso, in condizioni di normalità questi tempi
di distrazioni siano maggiori, con conseguente maggiore pericolo per la sicurezza stradale.
Fumare al volante è solo uno dei comportamenti che inducono disattenzione e distrazione. Capita spesso che durante la
guida il conducente si dedichi ad una serie di azioni “complementari” come regolare il volume della radio, guardare
fuori dal finestrino, ricevere una telefonata, anche con il dispositivo “viva-voce” inserito, osservare oggetti all’interno
dell’autoveicolo. Tutte queste operazioni, compiute mentre si fuma una sigaretta, contribuiscono ad incrementare
fortemente il rischio distrattivo, costituendo un valore incrementale moltiplicativo e non sommatorio.
Si ricorda, altresì, che l’art. 187, comma 1 del suddetto codice sancisce che è vietato guidare in condizioni di alterazione
fisica e psichica correlata con l'uso di sostanze stupefacenti o psicotrope. Ciò che non si valuta opportunamente è la
combinazione di fattori diversi, singolarmente in apparenza non tali da ritenersi pericolosi in modo serio, come bere
modiche quantità di alcol. Nei soggetti fumatori, anche piccole dosi di alcol interagiscono con la riduzione di ossigeno
nel sangue e con la presenza di CO, riducendo i riflessi del conducente.
A ciò si aggiungono altri aspetti non considerati nel presente studio, ma riconosciuti oggettivamente da addetti e
preposti alla sicurezza stradale. Si tratta di quegli eventi in un certo senso accidentali, ma assolutamente prevedibili in
un fumatore alla guida:
1. il fumo negli occhi;
2. la cenere che cade addosso o nell’abitacolo;
3. bruciature accidentali;
4. un colpo di vento, a finestrino aperto, che può portare fumo e cenere negli occhi;
5. il fumare con auto chiusa e climatizzatore con ricircolo dell’aria che fa da moltiplicatore all’inquinamento.
Anche la carenza di ossigeno nell’aria respirata all’interno del veicolo rappresenta un pericolo per il rallentamento e
l’intorpidimento dei riflessi del conducente [41].
Il concetto di sicurezza stradale va esteso anche a livello ambientale
[5]. Uno degli aspetti collaterali del pericolo di
fumare al volante è il “danno ambientale”, determinato dal lancio dei mozziconi dal veicolo in movimento, causa di un
gran numero di incendi ai margini delle strade nella stagione calda.
Nel campione esaminato, è stato rilevato che 7 soggetti su 10, dopo avere consumato la loro sigaretta, hanno gettato via
il mozzicone acceso dal finestrino, dimostrando che nella maggior parte dei fumatori questo comportamento è divenuto
“normale”, ossia prevalente.
Si è anche potuto anche dedurre ipoteticamente che un lancio del mozzicone dal finestrino possa anche inavvertitamente
colpire un motociclista in procinto di sorpassare o comunque essere di nocumento a qualche passante. Pertanto, è
possibile concludere che fumare alla guida risulti dannoso per l’ambiente e la sicurezza anche degli altri.
Altro dato di sicuro interesse emerso dal presente studio è l’avere rilevato che 3 soggetti su 10 hanno lasciato il volante
con entrambe le mani per accendere la sigaretta mentre il veicolo è in movimento a una media di oltre 70 Km/ora (vedi
Foto n. 1, 2, 3).
A tale proposito si ricorda che l’art. 173 del codice della strada recita:
E’ vietato al conducente di fare uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie
sonore […]. E’ consentito l’uso di apparecchi a viva voce che non richiedono l’uso delle mani”.
Si capisce che il gesto apparentemente innocuo di fumare una sigaretta al volante, crei importanti occasioni di rischio
che si ripetono più volte. Va considerato anche il fatto che i fumatori compiono questo gesto alla guida numerose volte,
in misura maggiore che telefonare, creando quindi una sommatoria di grande pericolo concreto per la sicurezza stradale,
sia per il conducente che per terze persone.
Da quanto emerge dal presente studio si ritiene indispensabile e opportuna la modifica del Codice della Strada, che
renda quantomeno sanzionabile tale comportamento al pari dell’uso del telefonino, nonché una campagna di pubblica
informazione e di sensibilizzazione degli automobilisti in merito [5-18-33].
13
Page 13
Foto 1
Foto 2
Foto 3
14
Page 14
Bibliografia e Sitografia
1. ACI, Studi e ricerche, 27.11.2006.
2. Altroconsumo Guida a rischio con autoradio e telefonino, n°102 – Febbraio 1998.
3. Altroconsumo Il pericolo vien parlando, n°123 – Gennaio 2000.
4. Amici S, Barilaro A, Beccaria F et al. Alcol, droghe, guida. Riflessioni in corso. Kit multimediale. ASL “Città di
Milano”, ASL 1 Torino: 1999.
5. Amici S, Beccaria F. Comunicazione e prevenzione: linee guida per messaggi di promozione della salute rivolti
all’universo giovanile. Dal Fare al Dire, 2003; 3.
6. Associated Press. No butts behind wheel? New Jersey moves on smokers (www.msnbc.msn.com/id/8697348/),
Jul.2 2005.
7. Beirness DJ, Simpson HM, Pak A. The Road Safety Monitor, Driver Distraction, Traffic Injury Research
Foundation, Ottawa, Ontario, 2002.
8. Brison RJ. Risk of automobile accidents in cigarette smokers. Can J Public Health, 81(2), 102-106, 1990.
9. Buňuel Granados JM, Cordoba García R, del Castello Pardo M, Álvarez Pardo JL, Monreal Hijar A, Cerezuela FP.
Smoking and Nonfatal Traffic Accidents. Atencón Primaria, 31(6), 349-353, 2003.
10. Commissione delle Comunità Europee. Libro Bianco: La politica europea dei trasporti fino al 2010: il momento
delle scelte. Bruxelles: 2001.
11. Ding SL, Wang JD, Chen KT. Estimation of case fatality rate and incidence rate of traffic injury in taiwan—
analysis of 4.329 victims at a medical center. J Formosan Med Assoc, 92(2), 76-81, 1993.
12. Epicentro. Iss.ii. www.epicentro.iss.it/focus/stradale/incidentistradali2003xstampa.pdf
13. Ferrara A. Ambiente e Sicurezza stradale. Tierre Edizioni, 2002.
14. Governo.it. 7 Aprile: io ci provo, né morti né feriti sulle strade. (www.governo.it/governoinforma/dossier/7
aprile_sicurezza.stradale/doc/incidenti nel mondo.pdf), 2004.
15. Invernizzi G, Ruprecht A, Mazza R, Rossetti E, Sasco A, Nardini S, Boffi R. Particulate matter from tobacco
versus diesel car exhaust: an educational perspective. Tob Control. 2004 Sep;13(3):219-21.
16. Istituto Nazionale di Statistica. Statistica degli incidenti stradali. Anno 2003.
17. Istituto Piepoli. Ricerca sulle cause soggettive degli incidenti stradali, rapporto finale, (www.silb.it/cgi-
bin/documenti/pdfincidenti.pdf), 2004.
18. Istituto Superiore di Sanità. Incidenti stradali: educazione e prevenzione. Notiziario, numero Speciale. Volume 18 -
Numero 11, Novembre 2005. (www.iss.it/binary/publ/publi/novembre1.1132825335.pdf)
19. Johansson G. Smoking and night driving. Scandinavian Journal of Psychology, 6(2), 124-128, 1965.
20. Leistikow BN, Martin DC, Jacobs J, Rocke DM. Smoking as a Risk Factor for Injury Death: A Meta-Analysis of
Cohort Studies. Preventive Medicine, 27(6), 871-878, 1998.
21. Leistikow BN, Martin DC, Samuels SJ. Injury death excesses in smokers: a 1990-95 United States national cohort
study. Injury Prevention, 6, 277-280, 2000.
22. Leistikow BN, Shipley MJ. Might Stopping Smoking Reduce Injury Death Risks? A Meta-analysis of Randomized,
Controlled Trials. Preventive Medicine, 28(3), 255-259, 1999.
23. Liaw KM, Chen CJ. Mortality attributable to cigarette smoking in taiwan: a 12-year follow-up study. Tobacco
Control, 7, 141-148, 1998.
24. Ministero della Salute. Piano Sanitario Nazionale 2003-2005 (www.ministerosalute.it/psn/psnHome.jsp).
25. Nardini S, Pacifici R, Mortali C, Zuccaro PG. A survey on policies of smoking control in Italian hospitals. Monaldi
Arch Chest Dis.59(4):310-3, Oct-Dec 2003.
26. Nardini S. Passive smoking and S.I.D.R.I.A. studies. Epidemiol Prev. 22(3):134-6, Jul-Sep; 1988.
27. National Safe Driving Week. Eyes on the Road, Hands on the Wheelhttp (www.safety-
council.org/info/traffic/distract.html), 2003.
28. OMS Centro Europeo Ambiente e Salute Roma. Gli effetti del traffico sulla salute, L’esperienza dell’OMS,
(www.euromobility.org/documenti/atti_di_convegni/2003_05_26_roma/OMS_26_maggio.ppt) 2003.
29. Parrott AC. Smoking cessation leads to reduced stress, but why?. Int J Addict., 30(11), 1509-1516, 1995.
30. Patton D, Banners GE, Murray RP. A Personality typology of smokers. Addict Behaviors, 22(2), 269-273, 1997.
31. Piffer S, Fateh-Moghadam P, Cappelletti M, Kaisermann DT, Chesi L, Grandelis L, Gravina T, Maranelli G,
Moretti AM, Moser M, Pancheri R, Spaccini M, Vassallo A, Vivori C, Zanin A, Zanon D. La percezione del
rischio degli incidenti stradali in un campione di utenti dei servizi di Igiene Pubblica del Trentino. Notiziario ISS,
Vol. 17, n. 10, Novembre 2004 (http://www.epicentro.iss.it/ben/2004/novembre/2.htm).
32. Piret R.Psicologia dell’automobilista, Editrice Universitaria, Firenze, 1959.
33. Rapporti ISTISAN a cura di A. De Santi, P. Casella, L. Penna. Prevenzione degli incidenti stradali: promozione di
interventi formativi nelle autoscuole, Istituto Superiore di Sanità (Settore Attività Editoriali), Parte I - II, 2004.
34. Ross RK, Bernstein L, Trent L, Henderson BE, Paganini-Hill A. A prospective study of risk factors for traumatic
deaths in a retirement community. Preventive Medicine, 19(3), 323-334, 2004.
35. Sacks JJ, Nelson DE. Smoking and Injuries: An Overview. Preventive Medicine, 23(4), 515-520, 1994.
36. Sommese T, Patterson JC. Acute effects of cigarette smoking withdrawal: a review of literature. Aviat Space
Environ Med, 66(2), 164-167, 1995.
15
Page 15
16
37. Stutts JC, Reinfurt DW, Rodgman EA. The role of driver distraction in crashes: an analysis of 1995-1999
Crashworthiness Data System Data. Annu. Proc. Assoc. Adv. Automot. Med., 45, 287-301, 2001.
38. Taggi F, Giustini M, E’ l’uso del telefono cellulare durante la guida un rischio reale per la sicurezza stradale? -
Aspetti sanitari della sicurezza stradale - (Progetto Datis - Il rapporto). Istituto Superiore di Sanità, Roma 2003.
(www.iss.it/binary/sicu/cont/LIBRO%20II%20(1-18)%20SITO.1119430208.pdf)
39. Tsai SP, Cowles SR, Ross CE. Smoking and morbidity frequency in a working population. J Occup Med., 32(3),
245-249, 1990.
40. Tverdal A, Thelle D, Stensvold I, Leren P, Bjartveit K. Mortality in relation to smoking history: 13 years’ follow-
up of 68.000 Norwegian men and women 35-49 years. Journal of Clinical Epidemiology, 46(5), 475-487, 1993.
41. Valente A. Aria in viaggio. Intervista al prof. Aldo Ferrara (http://www.coopfirenze.it/info/art_2460.htm), giugno
2004.
42. Wen CP, Tsai SP, Cheng TY, Chan HT, Chung WS, Chen CJ. Excess injury mortality among smokers: a neglected
tobacco hazard. Tobacco Control, 14, 28-32, 2005.
43. www.aci.it/fileadmin/documenti/notizie/Studi_e_ricerche/incidentistradali2005.zip
44. www.istat.it/salastampa/comunicati/non_calendario/20051013_00/novita_editoriale_incidenti_stradali_2004.pdf
45. Young K, Regan M, Hammer M. Driver Distraction: A Review of the Literature, Monash University Accident
Research Centre, Victoria, Australia, 2003.
----------------------
Articolo originale pubblicato su:
Annali di Igiene, Medicina Preventiva e di Comunità”, rif. N° 2095, fasc. 3, vol. 19, 2007.
Supporti e patrocini:
------------------------------
Società Autostrade
Codacons
Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori
Società Italiana di Tabaccologia
Agenzia Nazionale per la Prevenzione
Articolo 32
GEA Progetto Salute
Page 16
  • Source
    • "Three groups of drivers in this study did not show any significant difference regarding alcohol consumption, addiction, and cigarette smoking, probably due to low prevalence of cigarette smoking, addiction, and alcohol abuse in the city. However, many studies found significantly higher rate of accidents among alcohol-dependent, smokers, and addicted drivers (Jakubczyk et al., 2013; Mangiaracina & Palumbo, 2007; Reece, 2008). This study had a few limitations. "
    [Show abstract] [Hide abstract] ABSTRACT: Driver-related behaviors are substantial causes for motor vehicle accidents. It has been estimated that about 95% of all accidents are due to driver-related dangerous behaviors and approximately 60% of accidents are directly caused by driving behaviors. The aim of this study was to assess driving behaviors and its possible related factors among drivers in Mashhad city, Iran. In a cross-sectional design, a total number of 514 drivers in Mashhad, Iran Surveyed. Manchester driver behavior questionnaire with 50 questions evaluated dangerous driving behaviors in 4 categories "aggressive violations", "ordinary violations", "errors" and "lapses". In this study, the median age of drivers was 31. Besides, 58.2% of men mentioned having a history of driving accident. Our study indicated smoking and alcohol drinking as risk factors of having more accidents. Hookah abuse is a predictor of aggressive violations and errors. This is the first study to assess the relation of personal car and its market value with the likelihood of having accidents. Due to major influences of driving fines, cigarette smoking, alcohol consumption and addiction on violations and errors, we recommend pivotal measures to be taken by road safety practitioners regarding driving surveillance.
    Full-text · Article · Apr 2015 · Global journal of health science
  • No preview · Article · Jan 2010 · Epidemiologia e prevenzione
  • Source
    [Show abstract] [Hide abstract] ABSTRACT: to estimate the prevalence of smokers inside cars or duty vehicles and the presence of children exposed to second hand smoke on board, in the NHS districts of Veneto Region. an observational study was carried out by the technicians of the Prevention department from October 1st to October 17th 2008. The observers had to record sex of the driver and of the passengers, their presumed ages, verify if drivers or passengers were smoking, and if there were any children on board. 19 Local Health Authorities (90,5%) out of 21 in the Veneto region. percentage of crossings monitored out of the total scheduled. a total of 5,928 cars were examined at the crossings, males accounted for 61,4% of the drivers. Smoking overall by at least one person in the car was reported in 409 cases (6.9%, 12% among commercial vehicles), the driver alone was smoking in 87.3% of the cases, whereas only the passenger smoking represented 8.3% of the cases. Both the driver and passenger smoking were 4.4% of the observations. Children were present as passengers in 762 cars (12.9%); there were people smoking with children on board in 7 cars (0.9%). in spite of the efforts to limit the dangers of second hand smoke, smoking in car is still a common behaviour, and represents a serious risk both for both, adults and children. Focusing in research projects could help the Department of Prevention of the Local Health Authorities to increase their activities and involvement in the research field.
    Full-text · Article · Sep 2010 · Epidemiologia e prevenzione
Show more