Conference PaperPDF Available

I benefici della narrazione emotivamente coinvolgente sulla salute

Authors:
  • University of Perugia. Italy

Abstract

Il confronto tra i recenti risultati ottenuti dal gruppo di neuroscienziati della University of California di Berkeley guidati da Alex Huth (2016) sulla rappresentazione del linguaggio nel sistema semantico cerebrale e quelli, oramai consolidati, degli effetti sulla salute della narrazione emotivamente coinvolgente (Pennebaker & Seagal, 1999), permette di cogliere un nesso tra le basi neurobiologiche del comportamento umano e quelle psicologiche. Le parole curano, è un fatto, come uccidono o deprimono, perché risulta sempre più evidente oggi quanto potente sia il loro effetto sul nostro cervello. Il linguaggio umano coinvolge massivamente le aree corticali attivando un sistema semantico organizzato in intricati pattern neurali, che sembrano essere simili tra individuo e individuo, suggerendo una loro origine biologica più che esperienziale, innata più che acquisita. È la lingua che acquisiamo, ma il linguaggio e i suoi concetti li possediamo. La dischiusura emotiva attraverso la narrazione affida alle parole un potere curante perché permette di risolvere, attraverso la parola, quelle dissonanze neuro-cognitive che il trauma ha generato, riconciliando un conflitto tra un senso fenomenologico, emerso dall’esperienza traumatica, con quello naturale, biologico, dei significati.
171
Stefano Federici
I beneci della narrazione emotivamente coinvolgente
sulla salute
1. L’atlante semantico
Ero convinto che la comprensione e produzione delle parole fosse
riservata ad una parte del cervello corrispondente a quelle aree
della corteccia cerebrale, la parte più recente e superciale del
nostro cervello, che in genere si trovano nell’emisfero sinistro e che ven-
gono chiamate con i nomi dei due loro scopritori: Broca (1865) e Wer-
nicke (1874). Pazienti che a causa di un ictus o di un trauma cerebrale
hanno compromesse queste aree dell’emisfero sinistro, infatti, hanno
dicoltà nella produzione o comprensione del linguaggio. Anche l’os-
servazione del comportamento di quei pazienti a cui è stato reciso il
corpo calloso, che permette la comunicazione tra i due emisferi, mostra
che il solo emisfero destro, dove in genere non sono presenti le aree di
Broca e di Wernicke, non è in grado di produrre parole (Gazzaniga,
LeDoux, Wilson 1977).
Ma dalla primavera dello scorso anno lo studio di Alex Huth e dei
suoi collaboratori (2016), pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature,
ha rivoluzionato il mio modo di vedere il rapporto tra attività cerebrale
e parole. Questo gruppo di scienziati della University of California di
Berkeley ha condotto uno straordinario esperimento volto a mappare
le aree del cervello in cui le parole vengono rappresentate. Sei volontari
sono stati invitati ad ascoltare due ore di registrazione di un famoso pro-
gramma radiofonico di racconti di storie (e Moth Radio Hour) men-
tre l’attività del loro cervello era registrata da un apparecchio per la riso-
nanza magnetica funzionale. Dai risultati ottenuti da questa immensa
fonte di dati i ricercatori sono riusciti a creare un “atlante semantico”,
172
II. EmozIonI E FunzIonI CognItIvE
cioè un modello dettagliato di come viene interpretato il linguaggio
all’interno del cervello umano.
La prima cosa che mi ha colpito è che questo atlante delle parole
ricopre tutta la supercie della nostra corteccia di entrambi gli emisferi
e non solo alcune aree speciche, per esempio quelle del linguaggio.
Le parole, cioè, mettono in moto gran parte della nostra corteccia ce-
rebrale, anche di aree già impegnate nelle più diverse funzioni corticali
che caratterizzano il nostro comportamento umano, cioè l’elaborazione
dei nostri pensieri e credenze, la risoluzione dei problemi, il signicato
delle risposte emotive, i valori e le regole sociali, la creazione artistica e
così via.
Il secondo risultato sorprendente è che una parola può attivare aree
diverse del cervello a seconda del signicato che gli si attribuisce. Per
esempio, la parola “sopra” attiverà aree diverse qualora essa stia ad indi-
care sopra un tavolo, in cima ad una lista o classica, al piano di sopra
di un’abitazione o un soprabito. Una parola, dunque, non è immagaz-
zinata in un unico punto del cervello, come una voce in un dizionario,
ma in diverse zone corticali a seconda del concetto che esprime. E nelle
stesse aree troveremo immagazzinate parole appartenenti alla stessa ca-
tegoria concettuale. Per riprendere l’esempio di prima, se per “sopra
s’intende sul tavolo, la parola “sopra” sarà rappresentata in quell’area
dove si trovano anche tavolo, sedia, mobile, ecc. (vedi il lmato didatti-
co elaborato dalla rivista Nature: http://www.nature.com/nature/vide-
oarchive/brain-dictionary/index.html). È stato così possibile riprodurre
un atlante, di questa complessa rete neurale, non solo delle parole ma
dei concetti. Questo vuol dire che il nostro cervello non coglie le parole
estrapolandole da un contesto signicante ma all’interno di un processo
narrativo in cui trovano signicato e acquistano di senso.
Terzo risultato aascinante di questo studio è che, confrontando tra
loro i diversi cervelli dei volontari sottoposti alla sperimentazione, le
aree che venivano attivate dalle parole e dai rispettivi concetti erano
simili tra cervello e cervello. Nonostante le dierenze individuali, sem-
brerebbe che il cervello si sviluppi biologicamente predisponendo aree
speciche per l’elaborazione di concetti come violenza, sociale, luogo,
tempo, esterno, tattile, ecc. Quando una parola assume un certo signi-
cato ci possiamo aspettare che attivi per tutti una stessa area corti-
S. Federici | I benefIcI della narrazIone emotIvamente coInvolgente
173
cale, biologicamente destinata a quel concetto, connettendosi ad altre
parole concettualmente simili. Se, dunque, diversi individui ascoltano
la parola “strage” ci aspettiamo che si attivi in tutti la stessa area della
corteccia che raccoglie (naturalmente) parole che esprimono violenza.
Ci intendiamo non tanto perché parliamo una medesima lingua, ma
perché condividiamo cervelli che elaborano medesimi concetti. Chissà
se ad un terrorista la parola strage attiverà ugualmente l’area del cer-
vello che nella maggioranza della popolazione umana raccoglie parole
e signicati di violenza e terrore? E se un giorno scoprissimo che il suo
atlante semantico non coincidesse con quello (naturale) della popola-
zione comune, potremo ancora addebitargli una responsabilità morale
dei suoi atti criminosi o dovremo ricondurli solo ad una disfunzione
neurobiologica? Una volta le maestre punivano i bambini discalculici
che non imparavano le tabelline, mentre oggi sappiamo che non dipen-
deva dal loro impegno nell’apprendimento. Ma qui andiamo ad aprire
un dibattito sulla coscienza umana e sul rapporto tra mente e cervello
che esula dagli scopi di questo capitolo.
Ho voluto aprire questo capitolo con lo studio di Alex Huth (2016)
per mettere in evidenza lo stretto rapporto che esiste tra un qualcosa di
così immateriale come la parola o una narrazione e i processi biologici
del nostro organismo. Oggi ancor più di prima possiamo capire lo stret-
to rapporto che c’è tra parola e cervello, tra parola e salute. La parola
non ha a che fare semplicemente con un modulo specico della nostra
mente, deputato al linguaggio, né ad una sola e specica area cerebrale
che la elabora. Oggi più di prima sappiamo che la parola e il contesto
narrativo entro cui essa acquista senso e signicato coinvolgono l’atti-
vità biologica del cervello in modo massivo. Il nesso tra parola e salute
è sempre più chiaro. L’atto di costruire storie non è solo un prodotto
culturale umano che aiuta gli individui a comprendere le loro esperien-
ze e se stessi ma, anche, dopo un lungo processo evolutivo di tipo epi-
genetico, un atto biologico attraverso il quale il cervello si rappresenta
la realtà. La salute, che ha a che fare non semplicemente con l’assenza
di malattie, è l’esisto di un processo complesso dove le dimensioni si-
ca, mentale e sociale (WHO, 1948) trovano un corretto equilibrio. La
parola, e nel senso più ampio la narrazione, sono uno dei modi, il più
174
II. EmozIonI E FunzIonI CognItIvE
umano che esista, attraverso cui le dimensioni della salute si esprimono,
trovano signicato, si riequilibrano, si curano.
2. Le parole come atto di cura
Lo stretto rapporto che abbiamo individuato tra la dimensione im-
materiale e mentale delle parole e il loro nesso neurobiologico ore un
orizzonte neuroscientico a quanto è già evidente nell’esperienza quo-
tidiana, cioè che “le parole sono un atto di cura, il primo atto, il primo
farmaco somministrato e sempre usato, giorno dopo giorno” (Giudetti,
Quarta, Pampallona 2014, 198).
La letteratura scientica è ricca di studi sull’ecacia della parola nella
cura dei pazienti. Uno di questi, condotto da un gruppo di neuroscien-
ziati dell’Università di Torino, guidato da Fabrizio Benedetti (2004), ha
sottoposto un gruppo di pazienti parkinsoniani a un nuovo trattamento
per migliorare la performance motoria. Un secondo gruppo, invece, è
stato solo persuaso di ricevere il trattamento. La performance motoria
è migliorata anche in questo gruppo, con evidenze di variazioni delle
attività neuronali connesse al sintomo (nuclei subtalamici). La forza
della parola non ha solo modicato un comportamento, la performance
motoria, ma ha modicato anche la struttura biologica di alcune cellule
del cervello, nuclei subtalamici.
Sempre lo stesso gruppo di ricerca dell’Università di Torino (Pollo
et al. 2001) ha anche voluto vericare come parole diverse producano
eetti diversi su una terapia del dolore. Questa volta l’esperimento è
stato condotto su trentotto pazienti toracotomizzati (con resezione del
polmone). A dieci di loro è stato somministrato il protocollo standard
di trattamento post-operatorio che prevede la somministrazione in suc-
cessione di 3 dosi di un potente antidolorico (buprenorna) durante
la prima ora dall’operazione. Quindi, nelle successive 71 ore, sempre se-
condo il protocollo standard, ai pazienti veniva somministrata una ebo
di soluzione salina e ancora l’antidolorico solo se richiesto dal paziente.
Ad un secondo gruppo, dopo il trattamento standard della prima ora,
veniva detto che nella soluzione salina poteva esserci o dell’antidolori-
co o del placebo. Inne, ad un terzo gruppo, invece, sempre dopo aver
S. Federici | I benefIcI della narrazIone emotIvamente coInvolgente
175
ricevuto le prime tre dosi di antidolorico, è stato detto che nella so-
luzione salina, che gli si sarebbe somministrata per le successive 71 ore
post-operatorie, era presente un “potente” antidolorico. Gli studiosi
hanno quindi sommato quanti milligrammi di antidolorico sono stati
somministrati a richiesta durante le 71 ore post-operatorie ai pazienti
di ciascun gruppo. Il gruppo di pazienti che ha fatto maggiore richiesta
di antidolorico fu il primo, cioè il gruppo che aveva ricevuto la terapia
standard, a cui nulla era stato detto sulla natura della soluzione salina. I
pazienti del secondo e terzo gruppo ricevettero rispettivamente il 21%
e il 39% in meno di antidolorico rispetto ai pazienti del primo grup-
po. La rilevanza di questo studio non sta tanto nel dimostrare l’eetto
placebo, che è un dato oramai assodato in scienza (Beauregard 2007),
quanto piuttosto nel dimostrare l’ecacia di un diverso tipo di comuni-
cazione. Coloro cui era stata detta una mezza verità (secondo gruppo),
ma meno convincente (forse riceverai dell’antidolorico), hanno avuto
un eetto placebo meno forte di coloro a cui è stata detta una bugia
(terzo gruppo), ma più convincente (riceverai del potente antidolori-
co). Se il dolore ha qualcosa a che fare con la salute, allora, a buon ra-
gione, possiamo dire che la parola ha curato e che alcune parole hanno
curato meglio di altre.
3. La narrazione
È un fatto: Scrivere importanti esperienze personali, mettendo in
evidenza le emozioni vissute, per almeno 15 minuti per 3 giorni, mi-
gliora la salute mentale e sica. Questo risultato è stato replicato per età,
sesso, cultura, classe sociale e tipo di personalità. È quanto aermato
da James W. Pennebaker e Janel D. Seagal (1999) nella loro rassegna
di studi condotti sull’ecacia della narrazione. Pennebaker, professore
emerito di psicologia alla University of Texas di Austin negli Stati Uniti,
ha speso la sua vita di scienziato nello studio della relazione tra l’uso
della lingua naturale, salute e comportamento sociale. Pioniere della
scrittura terapeutica, egli ha indagato l’ecacia della scrittura e della
narrazione sui traumi psicologici.
176
II. EmozIonI E FunzIonI CognItIvE
Ci dice Pennebaker (Pennebaker, Chung 2006; Pennebaker, Seagal
1999) che l’atto di costruire storie è un processo umano naturale che
aiuta le persone a capire le proprie esperienze e se stesse. Permette di
organizzare e ricordare eventi in modo coerente integrando pensieri e
sentimenti. Una volta che un’esperienza possiede una sua struttura e
signicato, gli eetti emotivi sono più gestibili, perché dà agli individui
un senso di prevedibilità e controllo sulla propria vita. Eventi dolorosi
non strutturati in un formato narrativo favoriscono il mantenimento
di pensieri e sentimenti negativi. Le persone cominciano ad apprendere
come padroneggiare un racconto già dalla prima infanzia. Acquisire l’a-
bilità di tracciare delle relazioni causali e formare storie secondo questi
principi è un compito cruciale dell’infanzia che aiuta nello sviluppo
di una vita emotiva coerente (Mancuso, Sarbin 1998). È così cruciale
questa abilità che il gestirla può avere conseguenze sulla propria salute.
Un’ampia ricerca scientica ha rivelato che quando le persone mettono
i loro turbamenti emotivi in parole, la loro salute sica mentale mi-
gliora nettamente. La narrazione caratterizza anche molta parte della
psicoterapia. L’apertura è inequivocabilmente al centro della terapia e
questo di solito comporta mettere insieme una storia che spiegherà e or-
ganizzerà grandi eventi della vita che causano disagio (Mahoney 1980).
4. La scrittura emotivamente espressiva
Andiamo ora a vedere come Pennebaker ha sviluppato la tecnica che
è stata alla base di numerosi altri studi che hanno dimostrato l’ecacia
della narrazione scritta sulla salute (Pennebaker, Mayne, Francis 1997).
La tecnica sperimentale è piuttosto semplice ed è la seguente (Pen-
nebaker, Seagal 1999). I partecipanti vengono divisi in due gruppi: uno
sperimentale, cioè quello in cui si introduce la narrazione scritta emoti-
vamente coinvolgente, che ci si aspetta inuenzi le condizioni di salute,
e un gruppo di controllo, cioè quello a cui non viene chiesto di scrivere
di proprie esperienze traumatiche. Si chiede ai partecipanti di scrivere,
per 15 minuti per quattro giorni consecutivi. Al gruppo sperimentale si
dice di scrivere i propri pensieri e sentimenti più profondi su un’espe-
rienza la più traumatica della loro vita; ai partecipanti il gruppo di con-
S. Federici | I benefIcI della narrazIone emotIvamente coInvolgente
177
trollo, di scrivere su argomenti non emotivamente rilevanti. Si può scri-
vere di un’esperienza sola per tutti e quattro i giorni o diverse per ogni
giorno. Una sola regola: una volta iniziato a scrivere, continuare a farlo
senza fermarsi, senza prestare attenzione all’ortograa, alla grammatica
o alla struttura della frase. Inoltre, si informano i partecipanti che i
loro scritti resteranno anonimi e che non riceveranno alcun feedback da
parte dei ricercatori. Ai partecipanti si spiega che lo scopo dello studio
è di imparare qualcosa in più sulla scrittura e la psicologia; ossia, non è
detto ai partecipanti il vero scopo della ricerca per non inuenzare i loro
comportamenti futuri che saranno poi osservati.
Che cosa osservano e misurano gli sperimentatori? Il numero di vi-
site mediche che hanno fatto i partecipanti prima e dopo l’esperimento
nell’arco di un anno. Per esempio, se i partecipanti erano studenti uni-
versitari, si contava il numero di visite al centro medico del campus uni-
versitario. Altri studi utilizzano, invece, misure psicometriche dette di
outcome, cioè che misurano i risultati ottenuti dalla scrittura espressiva
sul comportamento dei partecipanti, sul loro stato emotivo, depressio-
ne, autostima, cambiamenti cognitivi, ecc.
I risultati ottenuti dai primi studi condotti negli anni ’90 furono
chiari: coloro che avevano scritto dei loro pensieri e sentimenti su vicen-
de traumatiche della loro vita avevano drasticamente ridotto il numero
delle visite mediche dopo lo studio rispetto al gruppo di controllo che
aveva scritto solo su banali argomenti (Pennebaker et al. 1997).
Oltreché con studenti universitari, questi risultati si ottennero anche
con detenuti di massima sicurezza, studenti di medicina, vittime di rea-
ti, pazienti con artrite e dolori cronici, licenziati dal lavoro, donne pri-
mipare. Gli stessi eetti si sono riscontrati in tutte le classi sociali e tra
i maggiori gruppi etnici degli Stati Uniti e in campioni di partecipanti
provenienti dal Messico, dalla Nuova Zelanda, dal Belgio e dall’Olanda
(Domínguez et al. 1995; Pennebaker, Seagal 1999; Petrie, Booth, Pen-
nebaker, Davison, omas 1995; Richards, Beal, Seagal, Pennebaker
2000; Rimé 1995; Schoutrop, Lange, Brosschot, Everaerd 1997; Spera,
Buhrfeind, Pennebaker 1994).
178
II. EmozIonI E FunzIonI CognItIvE
5. Parlare o scrivere
La tecnica della scrittura espressiva si basa sulla produzione scritta
di narrazioni emotivamente coinvolgenti di traumi vissuti. Daniel A.
Donnelly e Edward J. Murray, della University of Miami in Florida,
hanno voluto vericare se l’ecacia della scrittura espressiva si riscon-
trasse anche in una comunicazione verbale in psicoterapia (Donnel-
ly & Murray, 1991). Questi studiosi hanno replicato la tecnica della
scrittura espressiva, come descritta sopra, aggiungendo una variante: ad
un terzo gruppo di partecipanti è stata fatta la medesima consegna del
gruppo sperimentale della scrittura espressiva, soltanto che questi non
avrebbero dovuto scrivere ma parlare con uno psicoterapeuta delle loro
esperienze più traumatiche. Come misura dell’ecacia loro non hanno
indagato il numero di visite mediche ma, attraverso la somministrazio-
ne di alcune misure psicometriche, l’umore, l’autostima, cambiamenti
cognitivi, ecc. Entrambi i gruppi sperimentali, cioè coloro che hanno
scritto o parlato di esperienze traumatiche rispetto al gruppo di con-
trollo, hanno dimostrato cambiamenti cognitivi, nell’autostima e nel
comportamento. Le emozioni positive e l’autostima sono aumentate nel
tempo mentre le emozioni negative sono diminuite. Dolore e amarezza
per gli argomenti arontati sono diminuiti nel tempo.
6. Con carta e penna o digitando sul web?
Diversi studi sono stati condotti anche sulla scrittura strutturata in
Internet che hanno dimostrato un’ecacia della cura della scrittura
espressiva anche su soggetti con un disturbo da stress post-traumatico
(Ruwaard, Lange, 2016). Questi risultati, ottenuti lasciando digitare
dei propri traumi, invece che scrivere con carta e matita, ci fanno co-
gliere una ragione in più da attribuire al perché del successo mondiale,
interculturale dei social-network. A ciò si aggiunga anche il fatto che
l’ecacia della scrittura espressiva è indipendente dal fatto di sapere
da parte del partecipante se qualcuno leggerà mai il contenuto dello
S. Federici | I benefIcI della narrazIone emotIvamente coInvolgente
179
scritto. Gli eetti della scrittura non sono correlati ad un destinatario
particolare.
Nella maggior parte degli studi, i partecipanti si convincono che solo
gli sperimentatori esamineranno ciò che hanno scritto. Ma nell’esperi-
mento condotto da Jeanne Czajka (1987) gli studenti hanno scritto su
una tavoletta magica per bambini: il loro scritto è stato cancellato non
appena sollevato il foglio di plastica dalla tavoletta. Ciò che appare esse-
re ecace è che le persone siano incoraggiate a esplorare le proprie emo-
zioni e pensieri indierentemente da quale mezzo venga utilizzato, dal
destinatario e dal contenuto del racconto (Pennebaker, Seagal 1999). Si
è addirittura provato a chiedere ai partecipanti non di raccontare un’e-
sperienza traumatica vissuta, ma di immaginarne una come fosse stata
vissuta da loro. Ebbene, è stata riscontrata la medesima ecacia (Green-
berg, Wortman, Stone 1996). Possiamo capire perché la forza empatica
di un gruppo di terapia produca eetti positivi indipendentemente da
quanto ciascuno abbia avuto modo di parlare di sé. Anche attraverso
l’elaborazione del trauma di un’altra persona si ottengono beneci sulla
propria salute.
7. Perché la narrazione emotiva coinvolgente è ecace?
Pennebaker indaga su quali siano i meccanismi sottostanti responsa-
bili dei beneci di una scrittura espressiva. Perché narrare di esperienze
emotivamente coinvolgenti inuenza la salute? Forse perché la consape-
volezza che emerge dall’aver narrato di eventi traumatici spinge al cam-
biamento di quei comportamenti più nocivi alla salute? È ragionevole
pensare, infatti, che il prendere contatto con eventi traumatici faccia
essere più protettivi nei propri confronti, più attenti alla propria salute.
Eppure, questa non sembra essere la vera ragione. Secondo una meta-a-
nalisi (analisi statistica operata su dati provenienti da diverse ricerche
scientiche già pubblicate) condotta sull’ecacia della scrittura emoti-
vamente espressiva da Joshua M. Smyth, della State University of New
York, i partecipanti continuano a fumare come prima, a non praticare
più esercizio sico, a non cambiare dieta e a socializzare come sempre
(Smyth 1998). Non sono i comportamenti a cambiare, né tanto meno il
180
II. EmozIonI E FunzIonI CognItIvE
fatto in sé di aver espresso in modo catartico le proprie emozioni – che
non risulta di alcuna ecacia se ad esso non è associato un processo di
elaborazione cognitiva (Lewis, Bucher 1992).
I beneci per la salute sembrano richiedere che l’esperienza sia tra-
dotta in linguaggio. L’atto di convertire emozioni e immagini in parole
cambia il modo in cui la persona organizza e pensa al trauma. Siccome
parte del disagio causato dal trauma risiede non solo negli eventi ma
nelle reazioni emotive della persona, la narrazione aiuterebbe a costruire
una visione coerente dell’esperienza traumatica (Clark 1993).
Come ha scritto bene Aldous Huxley (1932) “L’esperienza non è ciò
che accade a un uomo: è ciò che un uomo fa con quel che gli accade”.
Ora, la caratteristica della narrazione è proprio quella di collegare i cam-
biamenti della nostra vita in una storia, trasformando i signicati degli
eventi in una vita che abbia senso. Una volta che un evento comples-
so è messo nel formato di una storia, questo è semplicato, fornendo
un modello di realtà di cui il cervello ha bisogno per comprendere la
complessità del reale. La narrazione diventa un modo di “fare” con ciò
che ci accade, per parafrasare le parole di Huxley, di “farne” esperienza,
di renderla accessibile alla persona che l’ha vissuta. Nelle narrazioni,
inferendo cause, costruendo anticipazioni della realtà e soluzioni ai pro-
blemi che presenterà la vita, comprendiamo il mondo che ci circonda,
facendone esperienza.
Questo processo cognitivo di costruzione delle esperienze di vita at-
traverso il linguaggio, attraverso la parola, oggi trova un ulteriore ag-
gancio neuro-cognitivo. Come abbiamo visto nello studio condotto
da Huth (2016), il nostro cervello, massivamente ed estensivamente,
è coinvolto nell’elaborazione delle parole. Ciascuna parola trova il suo
posto in un’area geograca corticale che le connette ad altre a seconda
del concetto che essa esprime. Queste aree semantiche, come abbiamo
visto, non si collocano arbitrariamente sulla supercie del nostro tessu-
to corticale, ma sembrano distribuirsi in maniera similare tra individuo
e individuo, in un modo cioè biologicamente predeterminato, dando
vita ad un atlante semantico nel quale trova posto, per tutti allo stesso
modo, una mappa semantica e una rete di termini con cui lo si esprime.
Ora immaginiamoci cosa potrebbe produrre un trauma, per esempio di
una bambina che ha subito abusi da un padre.
S. Federici | I benefIcI della narrazIone emotIvamente coInvolgente
181
Quando la bambina si sentirà dire dal padre abusante “ti voglio
bene”, quel “bene” dove troverà spazio nel suo atlante semantico? A
quale rete di parole e concetti si connetterà? Come per la maggioranza
degli esseri umani essa ci aspettiamo sia collocata in quell’area dove
cura, calore, aetto, protezione, autorità e autorevolezza, rispetto e am-
mirazione costituiscono la rete semantica, la mappa categoriale entro la
quale quel “bene” paterno troverebbe signicato. Ma questa rete ore,
biologicamente, un senso ad un’esperienza che non coincide, fenome-
nologicamente, con quella della bimba violata, il cui “bene” dell’abu-
sante sembra doversi collocare, invece, tra parole come sesso, orgasmo,
eccitazione, seduzione, soerenza, paura, umiliazione. Come in quelle
nevrosi sperimentali di Ivan P. Pavlov (2004) – che induceva compor-
tamenti patologici in animali che venivano costretti a discriminare tra
stimoli simili che elicitavano risposte tra loro antitetiche – così la bimba
violata vive un conitto tra parole il cui signicato “naturale”, “biolo-
gico”, contraddice il vissuto, resiste al contesto esperienziale, inducen-
do il trauma, se posso dire, neuro-cognitivo. Un “bene” vissuto in una
profonda dissonanza (neuro) cognitiva che reclama (trauma) una solu-
zione, uno scioglimento di senso. La narrazione, il riordino delle parole
in una struttura verbale emotivamente coinvolgente e cognitivamente
organizzante, permette di attribuire quel giusto signicato alle parole e
restituire un senso all’esperienza traumatica vissuta.
Nella sua teoria della dissonanza cognitiva, Leon Festinger (1957),
famoso psicologo e sociologo statunitense. sosteneva che le persone cer-
cano di dare a se stesse una spiegazione esauriente delle proprie incoe-
renze, perché la dissonanza provoca un disagio psicologico che spinge
l’individuo a tentare di ridurla per ottenere una consonanza cognitiva.
Ecco perché le persone tendono (inconsapevolmente) ad evitare situa-
zioni e conoscenze incoerenti con il proprio status sociale, gruppo di
appartenenza, partito politico, stile di vita, nazionalità, ecc. Cioè tutti
gli esseri (viventi) umani tendono a rifuggire condizioni di dissonanza
(conittualità cognitiva), perché traumatiche, in maggior o minor mi-
sura. Se siamo pedoni che attraversano una strada tenderemo ad attri-
buire la pericolosità delle strade all’irresponsabilità degli automobilisti.
Viceversa, come automobilisti siamo portati a sottolineare l’avventatez-
za dei pedoni che attraversano o troppo lentamente o distrattamente
182
II. EmozIonI E FunzIonI CognItIvE
guardando il cellulare o fuori dalle strisce pedonali, ecc. Un fumatore
dirà che è maggiore il rischio di vita salendo su una macchina o respi-
rando l’aria inquinata di una grande città, piuttosto che ammettere che
il fumo uccide.
Ritengo che oggi possiamo pensare che il disagio dovuto alle proprie
incoerenze non avvenga solo a livello psicologico, ma neuro-biologi-
co. La costruzione di storie emotivamente coinvolgenti di traumi, non
aiuta solo a riportare ad uno stato omeostatico uno squilibrio psico-
logico, ma ha il potere di curare, perché la parola risolve un conitto,
un disturbo, che ha basi biologiche in quelle cellule neurali che, oltre
ad orire la possibilità di rappresentare e costruire un mondo, sono le
stesse cellule a cui è adato il controllo di tutte le altre cellule corporee.
Come ci spiega bene Antonio R. Damasio, famoso neuroscienziato e
saggista portoghese, professore al Salk Institute for Biological Studies di
La Jolla in California, i neuroni sono cellule uniche, perché “esistono
a vantaggio di tutte le altre cellule dell’organismo”. “Non sono essen-
ziali per i processi fondamentali della vita, come possono facilmente
testimoniare le creature viventi che non li possiedono”, ma “assistono
il corpo nella gestione dei processi vitali. Questo è il loro scopo ed è lo
scopo del cervello che, nel loro insieme, essi costituiscono” (Damasio
2012, 55). Gli stessi neuroni a cui è adata la rappresentazione della
realtà e dei suoi signicati, delle parole e dei loro concetti, sono gli stessi
a cui è adata la cura dei nostri processi vitali. La narrazione espressiva
ada alla parola la possibilità di ricondurre ad uno stato originario di
equilibrio neuro-cognitivo i contenuti fenomenologici dell’esperienza.
E questa regolazione omeostatica dei processi cognitivi, che riconduce
ad un equilibrio emotivo lo squilibrio provocato dal trauma, favorisce
l’azione di quelle stesse cellule a cui è adato l’equilibrio vitale del no-
stro corpo. Tra parole e salute è in gioco sempre il medesimo neurone.
8. Conclusione
Il confronto tra i recenti risultati ottenuti dal gruppo di neuroscien-
ziati della University of California di Berkeley guidati da Alex Huth
(2016) sulla rappresentazione del linguaggio nel sistema semantico ce-
S. Federici | I benefIcI della narrazIone emotIvamente coInvolgente
183
rebrale e quelli, oramai consolidati, degli eetti sulla salute della narra-
zione emotivamente coinvolgente (Pennebaker & Seagal, 1999), ci ha
permesso di cogliere un nesso tra le basi neurobiologiche del comporta-
mento umano e quelle psicologiche. Le parole curano, è un fatto, come
uccidono o deprimono, perché risulta sempre più evidente oggi quan-
to potente sia il loro eetto sul nostro cervello. Il linguaggio umano
coinvolge massivamente le aree corticali attivando un sistema semantico
organizzato in intricati pattern neurali, che sembrano essere simili tra
individuo e individuo, suggerendo una loro origine biologica più che
esperienziale, innata più che acquisita. È la lingua che acquisiamo, ma il
linguaggio e i suoi concetti li possediamo. La dischiusura emotiva attra-
verso la narrazione ada alle parole un potere curante perché permette
di risolvere, attraverso la parola, quelle dissonanze neuro-cognitive che
il trauma ha generato, riconciliando un conitto tra un senso fenome-
nologico, emerso dall’esperienza traumatica, con quello naturale, biolo-
gico, dei signicati.
184
II. EmozIonI E FunzIonI CognItIvE
Riferimenti bibliograci
Beauregard, M.
2007, Mind does really matter: Evidence from neuroimaging studies of emo-
tional self-regulation, psychotherapy, and placebo eect, Progress in Neu-
robiology, 81(4), 218-236. doi:10.1016/j.pneurobio.2007.01.005
Benedetti, F., Colloca, L., Torre, E., Lanotte, M., Melcarne, A., Pesare,
M.,... Lopiano, L.
2004, Placebo-responsive Parkinson patients show decreased activity in sin-
gle neurons of subthalamic nucleus, Nature Neuroscience, 7(6), 587-
588. doi:10.1038/nn1250
Broca, P.
1865, Sur le siège de la faculté du langage articulé, Bulletins de la So-
ciété d’anthropologie de Paris, 6(1), 377-393. doi:10.3406/bm-
sap.1865.9495
Clark, L. F.
1993, Stress and the cognitive-conversational benets of social interaction,
Journal of Social and Clinical Psychology, 12(1), 25. doi:10.1521/
jscp.1993.12.1.25
Czajka, J. A.
1987, Behavioral inhibition and short term physiological responses, Unpu-
blished master’s thesis, Southern Methodist University, Dallas, TX.
Damasio, A. R.
2012, Il sé viene alla mente. La costruzione del cervello cosciente (3th ed.).
Milano, IT: Adelphi.
Domínguez, B., Valderrama, P., Meza, M. d. l. A., Pérez, S. L., Silva, A.,
Martínez, G.,. ... Olvera, Y.
1995, e roles of emotional reversal and disclosure in clinical practice,
in J. W. Pennebaker (Ed.), Emotion, disclosure, and health (pp. 255-
270). Washington, DC: American Psychological Association.
S. Federici | I benefIcI della narrazIone emotIvamente coInvolgente
185
Donnelly, D. A., & Murray, E. J.
1991, Cognitive and Emotional Changes in Written Essays and erapy
Interviews, Journal of Social and Clinical Psychology, 10(3), 334-
350. doi:10.1521/jscp.1991.10.3.334
Festinger, L.
1957, A theory of Cognitive Dissonance. Palo Alto, CA, US: Stanford
University Press.
Gazzaniga, M. S., LeDoux, J. E., & Wilson, D. H.
1977, Language, praxis, and the right hemisphere: clues to some mecha-
nisms of consciousness, Neurology, 27(12), 1144-1147. doi:10.1212/
WNL.27.12.1144
Giudetti Quarta, L., & Pampallona, A.
2014, Anche le parole curano. Relazione di cura e complessità. Milan, IT:
Giancarlo Quarta Onlus.
Greenberg, M. A., Wortman, C. B., & Stone, A. A.
1996, Emotional expression and physical health: Revising traumatic me-
mories or fostering self-regulation? Journal of Personality and Social
Psychology, 71(3), 588–602. doi:10.1037/0022-3514.71.3.588
Huth, A. G., de Heer, W. A., Griths, T. L., eunissen, F. E., & Gal-
lant, J. L.
2016, Natural speech reveals the semantic maps that tile human cerebral
cortex, Nature, 532(7600), 453-458. doi:10.1038/nature17637
Huxley, A. L.
1932, Texts & Pretexts: An Anthology with Commentaries: Chatto &
Windus.
Lewis, W. A., & Bucher, A. M.
1992, Anger, catharsis, the reformulated frustration-aggression hypothesis,
and health consequences, Psychotherapy: eory, Research, Practice,
Training, 29(3), 385–392. doi:10.1037/h0088540
186
II. EmozIonI E FunzIonI CognItIvE
Mahoney, M. J.
1980, Psychotherapy and the Structure of Personal Revolutions, In M. J.
Mahoney (Ed.), Psychotherapy Process: Current Issues and Future Di-
rections (pp. 157-180), New York, NY, US: Plenum Press.
Mancuso, J. C., & Sarbin, T. R.
1998, e Narrative Construction of Emotional Life: Developmental
Aspects, In M. F. Mascolo & S. Grin (Eds.), What Develops in
Emotional Development? Emotions, Personality, and Psychotherapy (pp.
297-316), New York, NY: Plenum Press.
Pavlov, I. P.
2004, Scritti Psichiatrici. Forte dei Marmi, IT: Psichiatria e Territorio.
Pennebaker, J. W., & Chung, C. K.
2006, Expressive Writing, Emotional Upheavals, and Health, In H. S. Fri-
edman & R. Cohen Silver (Eds.), Foundations of Health Psychology
(pp. 770-835), New York, NY: Oxford University Press.
Pennebaker, J. W., Mayne, T. J., & Francis, M. E.
1997, Linguistic predictors of adaptive bereavement, Journal of Perso-
nality and Social Psychology, 72(4), 863-871. doi:10.1037/0022-
3514.72.4.863.
Pennebaker, J. W., & Seagal, J. D.
1999, Forming a story: the health benets of narrative, Journal of Clinical
Psychology, 55(10), 1243-1254. doi:10.1002/(sici)1097-4679(199
910)55:10<1243:aid-jclp6>3.0.co;2-n.
Petrie, K. J., Booth, R. J., Pennebaker, J. W., Davison, K. P., & omas,
M. G.
1995, Disclosure of trauma and immune response to a hepatitis B vaccina-
tion program, Journal of Consulting and Clinical Psychology, 63(5),
787-792. doi:10.1037/0022-006X.63.5.787
S. Federici | I benefIcI della narrazIone emotIvamente coInvolgente
187
Pollo, A., Amanzio, M., Arslanian, A., Casadio, C., Maggi, G., & Be-
nedetti, F.
2001, Response expectancies in placebo analgesia and their clinical relevan-
ce, Pain, 93(1), 77-84. doi:10.1016/S0304-3959(01)00296-2
Richards, J. M., Beal, W. E., Seagal, J. D., & Pennebaker, J. W.
2000, Eects of disclosure of traumatic events on illness behavior among
psychiatric prison inmates, Journal of Abnormal Psychology, 109(1),
156-160. doi:10.1037/0021-843x.109.1.156
Rimé, B.
1995, Mental rumination, social sharing, and the recovery from emotional
exposure, In J. W. Pennebaker (Ed.), Emotion, disclosure, and health (pp.
271-291),Washington, DC: American Psychological Association.
Ruwaard, J., & Lange, A.
2016, Online Structured Writing erapy for Post-traumatic Stress Disor-
der and Complicated Grief, In N. Lindefors & G. Andersson (Eds.),
Guided Internet-Based Treatments in Psychiatry (pp. 121-141), Cham:
Springer International Publishing.
Schoutrop, M., Lange, A., Brosschot, J., & Everaerd, W.
1997, Overcoming traumatic events by means of writing assignments, In A.
Vingerhoets, F. v. Bussel, & J. Boelhouwer (Eds.), e (Non) expres-
sion of emotions in health and disease (pp. 279-289), Tilburg, NL:
Tilburg University Press.
Smyth, J. M.
1998, Written emotional expression: Eect sizes, outcome types, and mo-
derating variables. Journal of Consulting and Clinical Psychology,
66(1), 174-184. doi:10.1037/0022-006X.66.1.174
Spera, S. P., Buhrfeind, E. D., & Pennebaker, J. W.
1994, Expressive writing and coping with job loss, Academy of Manage-
ment Journal, 37(3), 722-733. doi:10.2307/256708
188
II. EmozIonI E FunzIonI CognItIvE
Wernicke, C.
1874, e aphasic symptom complex: a psychological study on a neurolo-
gical basis, Breslau: Cohn and Weigert. Reprinted. [Der aphasische
Symptomencomplex: eine psychologische Studie auf anatomischer
Basis]. Boston studies in the philosophy of science, 4, 34-97.
WHO (World Health Organization)
1948, Constitution of the World Health Organization. Geneva, CH:
WHO.
ResearchGate has not been able to resolve any citations for this publication.
Chapter
Full-text available
Post-traumatic stress disorder (PTSD) and complicated grief are related disorders for which well-described and effective cognitive-behavioural therapeutic procedures exist that are fi rmly rooted in theoretical work. As a result, several research groups have been able to successfully translate these procedures into e-mental health applications for the prevention, detection and treatment of the disorders. This chapter reviews online structured writing therapy (oSWT), a standardised therapist-guided Internet-based cognitive-behavioural treatment (ICBT) for post-traumatic stress disorder and complicated grief, which can be fully delivered online, without face-to-face contact between the patient and therapist. This protocol integrates three principal elements of trauma-focused therapy: (1) exposure through self-confrontation, (2) cognitive reappraisal and (3) strengthening of social support. A unique characteristic of oSWT is that it implements these three elements through writing assignments. In the past two decades, oSWT has been validated in a series of controlled studies and in routine clinical practice, with positive results. This chapter reviews these effi cacy and effectiveness trials, elaborates on the details of the therapeutic procedures of the treatment protocol and identifi es future research themes.
Article
The meaning of language is represented in regions of the cerebral cortex collectively known as the " semantic system". However, little of the semantic system has been mapped comprehensively, and the semantic selectivity of most regions is unknown. Here we systematically map semantic selectivity across the cortex using voxel-wise modelling of functional MRI (fMRI) data collected while subjects listened to hours of narrative stories. We show that the semantic system is organized into intricate patterns that seem to be consistent across individuals. We then use a novel generative model to create a detailed semantic atlas. Our results suggest that most areas within the semantic system represent information about specific semantic domains, or groups of related concepts, and our atlas shows which domains are represented in each area. This study demonstrates that data-driven methods - commonplace in studies of human neuroanatomy and functional connectivity - provide a powerful and efficient means for mapping functional representations in the brain.
Chapter
Will Sarah eventually learn one of life’s more important lessons? With further experience, will she no longer “feel sad and disappointed” when others fail to meet her expectations? Traditional students of emotional life might ask: Has William been socialized into suppressing his “true emotions,” thus making him a candidate for a life of tension-ridden inauthenticity?
Chapter
It is perhaps not uncommon to feel uncomfortable about discussing something when one is sorely aware of the incompleteness of one’s understanding. At the same time, there is more than a kernel of truth in the notion that one’s ignorance—or at least one’s awareness of it—may be an important element in furthering theoretical developments. New insights may lead to better understanding, and they also tend to reveal new challenges and whole panoramas of unexplored issues. In preparing this chapter, I have struggled with a variety of questions and dilemmas that relate to my own limited understanding. Should I remain conservatively close to the data and focus on assertions of which I am confident, or should I freely expand on some emerging and more speculative conjectures? For better or for worse, the editor of this volume influenced my decision by requesting “think pieces” and encouraging contributors to ramble freely in their thoughts and impressions of therapeutic process and procedure. At his insistence, I shall therefore offer some speculations about several issues. In accord with the request to emphasize conceptual over empirical issues, I have attempted to free my remarks as much as possible from the bondage of extant data. This has led me, at several places, to offer conjectures that I would usually reserve for the kinds of informal communication that are often associated with elevated blood alcohol. Likewise, as is already apparent, I have taken the liberty of employing personal pronouns somewhat liberally—perhaps to communicate that my remarks are personal conjectures rather than adamant pronouncements.
Article
The present paper outlines specific coping benefits derived from conversational interactions. Apart from the input of a supportive listener, these benefits occur as a function of the distressed individual's cognitive system and certain processes necessitated by the act of speaking. Distressed individuals often experience cognitive deficits in the form of intrusive thoughts, and a narrowed focus of attention. For example, an individual coping with the death of a spouse may find him/herself repeatedly distracted by memories of the day his/'her spouse died and unable to concentrate on other mental tasks or to experience thoughts and feelings not relevant to the event. The relationship between speaking about one's problems and subsequent adjustment will be outlined. The role of verbal expression in adjustment will be reviewed
Article
The purpose of this study was to examine the cathartic and therapeutic effects of written essays and therapy interviews about traumatic events over four successive days as compared with a control writing about trivial events. The subjects were 102 male and female college students. A content analysis showed that both treatment groups expressed more positive and negative emotion than the control as well as showed more cognitive, self-esteem, and behavior changes. Positive emotion, cognitive changes, and self-esteem changes increased over days while negative emotion decreased. Pain and upset about the topic decreased over days for both treatment groups. A post-experimental questionnaire showed that both treatment groups felt more positive about their topics and themselves. On the other hand, there were dramatic differences in pre- to post-session mood with written expression consistently increasing negative mood and decreasing positive mood.