Conference PaperPDF Available

Abstract and Figures

The Rock of Gibraltar rises on the West, on the European side, closing the Mediterranean basin, and corresponds to the Phoenician Calpe, one of the two Hercules’ columns that in antiquity bordered the limit of the world. Inhabited since prehistoric times, the small peninsula is characterized by a promontory with cliffs overlooking the sea and it has an history intimately linked to its strategic position and therefore characterized by military events and the development of fortifications to defend the important commercial port and outpost control of Mediterranean. First military structures date back to Arab conquest even if not much remains of the high-medieval fortresses, especially as result of numerous conquer wars that alternated from 1309, when King of Castile Ferdinando IV tried to reclaim the peninsula, until 1501 when the city was finally incorporated into the dominions of Queen Isabella of Castile. In 1552 Carlo I sent Giovanni Battista Antonelli, an Italian military engineer at the service of Spanish Crown, to erect bastions and a military wall to fortify the city. The remains of Antonelli’s fortresses are still visible today and it is possible to virtually reconstruct the development of the fortified system that characterized Gibraltar during the successive wars, until the treaty of Utrecht which sanctioned the dominion of Great Britain and beyond the Great Siege of Gibraltar that saw the Spanish trying in vain to subtract the peninsula from the British. Through inspections and photogrammetric surveys, the contribution presents a reflection for the study of Antonelli’s defensive system in the desire to document what remains of the military system designed by the Italian engineer. The elaboration of 3D models of analysis, from architectural scale to wall masonry detail, identifies methodological processes of digitization for the development of a possible project of enhancement of the wall circuit within the modern urban and infrastructural asset of the Rock.
Content may be subject to copyright.
DEFENSIVE ARCHITECTURE OF THE MEDITERRANEAN
Anna MAROTTA, Roberta SPALLONE (Eds.)
9
DEFENSIVE ARCHITECTURE OF THE MEDITERRANEAN
Vol. IX
PROCEEDINGS of the International Conference on Modern Age Fortification of the Mediterranean Coast
FORTMED 2018
DEFENSIVE ARCHITECTURE OF THE MEDITERRANEAN
Vol. IX
Editors
Anna Marotta, Roberta Spallone
Politecnico di Torino. Italy
POLITECNICO DI TORINO
Series Defensive Architectures of the Mediterranean
General editor
Pablo Rodríguez-Navarro
The papers published in this volume have been peer-reviewed by the Scientific Committee of
FORTMED2018_Torino
© editors
Anna Marotta, Roberta Spallone
© papers: the authors
© 2018 edition: Politecnico di Torino
ISBN: 978-88-85745-12-4
FORTMED - Modern Age Fortification of the Mediterranean Coast, Torino, 18th, 19th, 20th October 2018
V
Defensive Architecture of the Mediterranean. / Vol IX / Marotta, Spallone (eds.)
© 2018 Politecnico di Torino
Organization and Committees
Organizing Committee
Anna Marotta. (Chair). Politecnico di Torino. Italy
Roberta Spallone. (Chair). Politecnico di Torino. Italy
Marco Vitali. (Program Co-Chair and Secretary). Politecnico di Torino. Italy
Michele Calvano. (Member). Politecnico di Torino. Italy
Massimiliano Lo Turco. (Member). Politecnico di Torino. Italy
Rossana Netti. (Member). Politecnico di Torino. Italy
Martino Pavignano. (Member). Politecnico di Torino. Italy
Scientific Committee
Alessandro Camiz. Girne American University. Cyprus
Alicia Cámara Muñoz. UNED. Spain
Andrea Pirinu. Università di Cagliari. Italy
Andreas Georgopoulos. Nat. Tec. University of Athens. Greece
Andrés Martínez Medina. Universidad de Alicante. Spain
Angel Benigno González. Universidad de Alicante. Spain
Anna Guarducci. Università di Siena. Italy
Anna Marotta. Politecnico di Torino. Italy
Annalisa Dameri. Politecnico di Torino. Italy
Antonio Almagro Gorbea. CSIC. Spain
Arturo Zaragozá Catalán. Generalitat Valenciana. Castellón. Spain
Boutheina Bouzid. Ecole Nationale d’Architecture. Tunisia
Concepción López González. UPV. Spain
Faissal Cherradi. Ministerio de Cultura del Reino de Marruecos. Morocco
Fernando Cobos Guerra. Arquitecto. Spain
Francisco Juan Vidal. Universitat Politècnica de València, Spain
Gabriele Guidi. Politecnico di Milano. Italy
Giorgio Verdiani. Università degli Studi di Firenze. Italy
Gjergji Islami. Universiteti Politeknik i Tiranës. Albania
João Campos, Centro de Estudios de Arquitectura Militar de Almeida. Portugal
John Harris. Fortress Study Group. United Kingdom
Marco Bevilacqua. Università di Pisa. Italy
Marco Vitali. Politecnico di Torino. Italy
Nicolas Faucherre. Aix-Marseille Université CNRS. France
Ornella Zerlenga. Università degli Studi della Campania ‘Luigi Vanvitelli’. Italy
Pablo Rodríguez-Navarro. Universitat Politècnica de València. Spain
Per Cornell. University of Gothenburg. Sweden
Philippe Bragard. Université catholique de Louvain. Belgium
Rand Eppich. Universidad Politécnica de Madrid. Spain
Roberta Spallone. Politecnico di Torino. Italy
Sandro Parrinello. Università di Pavia. Italy
Stefano Bertocci. Università degli Studi di Firenze. Italy
Stefano Columbu, Università di Cagliari. Italy
Teresa Gil Piqueras. Universitat Politècnica de València. Spain
Víctor Echarri Iribarren. Universitat d’Alacant. Spain
VI
Note
The Conference was made in the frame of the R & D project entitled "SURVEILLANCE AND DEFENSE TOWERS OF THE
VALENCIAN COAST. Metadata generation and 3D models for interpretation and effective enhancement" reference
HAR2013-41859-P, whose principal investigator is Pablo Rodríguez-Navarro. The project is funded by National
Program for Fostering Excellence in Scientific and Technical Research, national Sub-Program for Knowledge
Generation, Ministry of Economy and Competitiveness (Government of Spain).
VII
Organized by
Partnerships
Patronages
IX
Defensive Architecture of the Mediterranean. / Vol IX / Marotta, Spallone (eds.)
© 2018 Politecnico di Torino
Table of contents
Preface…………………………………………………………………………………………………XV
Contributions
DIGITAL HERITAGE
Quivi surgeva nel lido estremo un sasso: la torre dell’Arma…………………………………………..925
M. Abbo, F. L. Buccafurri
Il Castello di Gorizia, analisi geometrica e rilievo con tecnologie avanzate…………………………..933
G. Amoruso, P. Cochelli, V. Riavis
“Turris ad nocturnum navigantibus lumen”…………………...………………………….…….…..….941
M. Arena, F. Fatta
Dalla dismissione alla valorizzazione: progetti e interventi per il Forte di Exilles (To) negli
anni 1978-2018…………………………..……………………………………………………..…...….949
C. Bartolozzi, F. Novelli
Rilievo digitale dell’area archeologica costiera della Rocca di San Silvestro..……………………..…957
S. Bertocci, A. Lumini
New tools for the valorization and dissemination of the results of TOVIVA project…………………965
S. Bertocci, P. Rodriguez-Navarro, M. Bercigli
Sperimentazioni cinquecentesche dei Sangallo verso le fortificazioni toscane. Il caso del Forte
Sangallo a Nettuno……………………………………………………………………………………..973
D. Calisi, M. G. Cianci
Dalla nuvola di punti al progetto di restauro. L’estrazione di dati per la valorizzazione
dell’antica fortificazione di Casertavecchia……………………………………………………………981
V. Cera, L. A. Garcia
Da castello a castello, il problema della difesa della costa ionica: i casi delle fortificazioni di
Catania e Aci Castello…………………………………………………………………….……………989
G. Di Gregorio
Las torres vigías artilladas de Felipe II en la Región del Murcia. Representación tridimensional
virtual de la Torre Navidad…………………………………………………………………………….997
J. García León, P. E. Collado Espejo, M. Ramos Martínez, L. Cipriani, F. Fantini
X
Rappresentando il Forte di Gavi: ieri, oggi, domani…………………….………………………...….1005
A. Marotta, V. Cirillo, O. Zerlenga
Rappresentazione sincronica e ricostruzioni diacroniche della Rocca di Senigallia. Un approccio
di conoscenza integrato………………………………….………………………………………....…1013
A. Meschini, E. Petrucci
I sotterranei dei castelli di Otranto e di Gallipoli: dal rilievo laser scanner 3D all’analisi
Strutturale....................……………………………………………………………….……………….1021
G. Muscatello, A. Quarta, C. Mitello
Rilievo tridimensionale del palazzo fortificato di Entella…………………………...………….…….1029
R. Netti
Torri costiere nella Sicilia sud-orientale: il rilievo per la conoscenza e la messa in valore delle
emergenze architettoniche……………………………………………….........................……………1037
G. Nicastro
Sistemi fortificati dell’Adriatico centrale: indagini storiche, rappresentazioni contemporanee
e ricostruzioni digitali………………………………………………………………………...……….1045
C. Palestini, A. Basso
Augmented Iconography. AR applications to the fortified Turin in the Theatrum Sabaudiae……….1053
V. Palma, M. Lo Turco, R. Spallone, M. Vitali
Il rilievo della torre degli Appiani a Marciana Marina……………….………………………………1061
G. Pancani
Nuvole di punti per l’accessibilità universale del patrimonio storico: il caso studio del castello
di Francolise…………...……………………………………………………………………………...1067
L. M. Papa, S. D’Auria
La Documentazione delle mura di Verona Rilievo, analisi e schedatura delle fortificazioni
veronesi…………………………………………...………………………………………………...…1075
S. Parrinello, P. Becherini
Sul limitare del Mediterraneo: Antonelli e la fortificazione di Gibilterra………..……………………1083
S. Parrinello, F. Picchio, R. De Marco, A. Dell’Amico
Rappresentare l'architettura militare. Il bastione di Santa Croce a Cagliari in epoca sabauda………..1091
A. Pirinu, N. Contini, M. Utzeri
Il castello di Populonia: dal rilievo alla documentazione visuale…………………………….……….1097
P. Puma, A. Guidi
Método para el levantamiento del patrimonio construido mediante técnicas digitales: Puerta
de la Colada de la muralla de Ciudad Rodrigo (Salamanca)………………………………………….1101
A. Sánchez Corrochano, A. Greco, D. Besana, E. Martínez Sierra
XI
Un navigatore per monumenti: proposta di applicazione software per valorizzare i monumenti
culturalmente e storicamente con soluzioni informatiche, GIS e GPS.……………….………………1109
L. Serra
Partimonio costruito e BIM: il palazzo di Francesco de' Medici nella Fortezza Vecchia di
Livorno fa un secondo passo nell'epoca digitale………………………………………………………1117
G. Verdiani, V. Donato, L. Pianigiani, F. Marsugli
Cannons, galleries, ruins and Digital Survey: a first report about the “Molo Cosimo” after
seventy years of abandon……………………………………………………………………………...1125
G. Verdiani, A. Frascari
CULTURE AND MANAGEMENT
Il castello normanno di Ginosa (TA). Progetto di salvaguardia e valorizzazione di una memoria…….1133
A. Albanese, F. Allegretti, C. Castellana, A. Colamonico, F. Fiorio, M. Marasciulo
The fortification system on the Elba Island: analysis of the strategic evolution and the
military technologies…………………………………..…………………………………………..….1141
G. Baldi, A. Mancuso, A. Pasquali, M. Pucci
Un percorso virtuale nel Forte di Fenestrelle tra memoria e attualità………...……………………….1149
O. Bucolo, D. Miron, R. Netti
La fruizione multimediale del Castello di Lecce…………...…………………………………………1157
G. Cacudi
Some aspect of relationships of old and new in moroccan fortification……………………………….1165
M. Cherradi
Tutela, recupero, valorizzazione delle torri costiere come parte integrante di sistemi territoriali
complessi. La “nuova vita” della Torre di Cerrano (Abruzzo, Italia)…………………………....1171
A. Colecchia
Estudio integral de la Torre Navidad, en Cartagena (España), para su correcta conservación,
puesta en valor y musealización……………………………………………………………………….1179
P. E. Collado Espejo, J. García León, J. F. García Vives
Fortified architecture in Spanish chain Paradores de Turismo. 90 years of heritage management
for touristic purposes…………………………………………………………………………………..1187
P. Cupeiro López
Difendere la Terra d’Otranto. Le torri di avvistamento della Serie di Nardò…………………………1195
G. Danesi, A. Gagliardi
Il castello Ursino a Catania: la costa scostata…………………………………………………………1203
G. Di Gregorio, F. Condorelli
XII
Conservation of Martinengo Bastion, Famagusta, Cyprus……………………………………………1209
R. Eppich, M. Pittas, M. Zubiaga de la Cal
Paesaggi sublimi: un parco ecomuseale p er valorizzare il patrimonio paesaggistico militare
delle colline del Golfo della Spezia……………………………………………………………………1217
E. Falqui, D. Reitano, L. Marinaro
Il parco multimediale delle mura di Padova: valorizzazione di paesaggi e percorsi culturali
in un'ottica creativa e innovativa………………………………………………………………………1223
A. Ferrighi
Paesaggi militari della Sardegna tra XVIII e XX secolo. Scenari di riconversione e di riuso
integrato……..…………………………………………………………………………………..…….1229
D. R. Fiorino, S. M. Grillo, E. Pilia, M. Porcu, M. Vargiu
Conoscenza e approccio architettonico per la conservazione d el Castello di Mirto Crosia in
Calabria (Italy)……………………………………………………………………………………...…1237
C. Gattuso
Le fortezze della famiglia Ruffo in Calabria (Italia)….………………………………………………1245
C. Gattuso, P. Gattuso
Accessibilità integrata per architetture inaccessibili. I castelli della Sardegna (XIV-XV sec.)……….1253
C. Giannattasio, A. Pinna, V. Pintus, M. S. Pirisino
Lungo le Mura del Cassaro di Palermo. Studi e rilievi architettonici e proposte per il turismo
culturale……………………………………………………………………………………………….1261
G. Girgenti
Atlante delle Opere Fortificate: un progetto ambizioso applicato alle opere fortificate alpine
della Val Pellice……………………………………………………………………………………….1269
L. Grande, S. Pons
"Rodi antica, medievale e cavalleresca": exemplary restoration of a Walled City during the
Italian Colonialism……………………………………………………….………………...………….1277
M. M. Grisoni
Esclusione Inclusione. Eptapyrgio, la fortezza di Salonicco....….………………………….………1285
S. Gron, E. Gkrimpa
Attraversare paesaggi, collegare il patrimonio: trasformazioni militari in Liguria secondo il
pensiero e i progetti di Napoleone………………………….…………………………………………1293
L. Marinaro, P. Granara, S. Di Grazia
Por un plan autonómico para la gestión de los castillos en la Comunidad Valenciana (España)………1301
J. A. Mira Rico
La musealización del patio y el almacén del Palau del Castell de Castalla (Alicante, España):
nuevas aportaciones para el contexto de la provincia de Alicante………..……………………………1309
J. A. Mira Rico, M. Bevià i Garcia, J. R. Ortega Pérez
XIII
Archeologia della distruzione: i seicenteschi “Castelli del Mare” presso Castelfranco, a Finale
Ligure (SV). Individuazione del tracciato e dei resti di una delle più imponenti fortezze del
Ponente, contributo per la salvaguardia e la valorizzazione di un sito fragile e dimenticato…………1317
G. Pertot
Impronte del passato, forme del futuro: la valorizzazione dei siti fortificati attraverso l’arte
Contemporanea………………………………………………………………………………………..1325
S. Pons
Programme to capitalize the fortified cultural heritage in Europe Research-Tourism-Marketing-
Networking…………………………………………………..………………………………………..1331
D. Röder
Memoria dell’antico in alcune fortificazioni microasiatiche..…………………………………….…..1335
E. Romeo
Una verifica nella gestione della conservazione programmata dei castelli recetto della Valtenesi
a dieci anni dalle prime azioni: valutazioni, esiti e nuovi indirizzi………...………………………….1341
B. Scala
Il patrimonio fortificato della Repubblica di Venezia: per un'ipotesi di riformulazione della
candidatura UNESCO……………………………………………………………...………………….1349
E. Zanardo
MISCELLANY
Fortificación del siglo XX en la orilla norte del estrecho de Gibraltar………………………………..1357
A. Atanasio-Guisado, A. Martínez-Medina
Fortificazioni nel Mediterraneo: disegni di ambito spagnolo nella seconda metà del XVI secolo…….1365
P. Davico
Geometria e rappresentazione nell’architettura militare e civile a Malta……………………………..1373
A. Mollicone
El 'aura' del 'residuo': aproximación estética y fenomenológica en torno a la ruina militar
Moderna……………………………………………………………………………………………….1379
R. Nicolau Tejedor, A. Martínez-Medina
L’opera di Punta Rossa, Caprera. Strategie di conoscenza e di progetto per un patrimonio
costruito militare e il suo paesaggio………………………………………………………………...1387
S. Pieri
Protection of a UNESCO transnational site: three different legislations for the "Venetian
Works of Defence between the 16th and 17th Centuries: Stato da Terra Western
Stato da Mar"……………………………………………………………………………………..…...1395
S. Rocco
1083
Defensive Architecture of the Mediterranean. / Vol IX / Marotta, Spallone (eds.)
© 2018 Politecnico di Torino
Sul limitare del Mediterraneo: Antonelli e la fortificazione di
Gibilterra
Sandro Parrinelloa, Francesca Picchiob, Raffaella De Marcoc, Anna Dell’Amicod
aUniversity of Pavia, Pavia, Italy, sandro.parrinello@unipv.it, bUniversity of Pavia, Pavia, Italy,
francesca.picchio@unipv.it, cUniversity of Pavia, Pavia, Ital y, raffaella.demarco@unipv.it, dDIDA-Department of
Archit ecture, University of Florence, Firenze, Italy, anna.dellamico@unifi.it
Abstract
The Rock of Gibraltar rises on the West, on the European side, closing the Mediterranean basin, and
corresponds to the Phoenician Calpe, one of the two Hercules’ columns that in antiquity bordered the limit
of the world. Inhabited since prehistoric times, the small peninsula is characterized by a promontory with
cliffs overlooking the sea and it has an history intimately linked to its strategic position and therefore
characterized by military events and the development of fortifications to defend the important commercial
port and outpost control of Mediterranean. First military structures date back to Arab conquest even if not
much remains of the high-medieval fortresses, especially as result of numerous conquer wars that
alternated from 1309, when King of Castile Ferdinando IV tried to reclaim the peninsula, until 1501 when
the city was finally incorporated into the dominions of Queen Isabella of Castile. In 1552 Carlo I sent
Giovanni Battista Antonelli, an Italian military engineer at the service of Spanish Crown, to erect bastions
and a military wall to fortify the city. The remains of Antonelli’s fortresses are still visible today and it is
possible to virtually reconstruct the development of the fortified system that characterized Gibraltar during
the successive wars, until the treaty of Utrecht which sanctioned the dominion of Great Britain and beyond
the Great Siege of Gibraltar that saw the Spanish trying in vain to subtract the peninsula from the British.
Through inspections and photogrammetric surveys, the contribution presents a reflection for the study of
Antonelli’s defensive system in the desire to document what remains of the military system designed by
the Italian engineer. The elaboration of 3D models of analysis, from architectural scale to wall masonry
detail, identifies methodological processes of digitization for the development of a possible project of
enhancement of the wall circuit within the modern urban and infrastructural asset of the Rock.
Keywords: Antonelli’s fortress, digital survey, SfM survey, Gibraltar.
1. La rocca di Gibilterra e l’evoluzione del suo
sistema difensivo (S.P.)
"Questo stretto è fra due monti, Abilia in Africa e
Calpe in Europa, ultimi termini delle fatiche
d’Ercole. Per la qual cosa gli uomini del paese le
chiamano le colonne di quel Dio, e tengono che
essendo rotto, egli vi facesse entrare il mare, che
prima non v’entrava, e così si mutasse aspetto e
natura delle cose". (Plinio Il Vecchio. Naturalis
historia. libro I).
Dove l’Oceano Atlantico incontra il Mar
Mediterraneo, tra Europa ed Africa, si erge il
promontorio di Gibilterra [1], la Calpe degli
antichi e una delle due colonne d’Ercole che
delimitavano la fine del mondo conosciuto. La
nascita del promontorio calcareo risale al periodo
Giurassico come risultato dello scontro tra la
placca africana e quella euroasiatica e fin dalla
preistoria la rocca ha accolto insediamenti poi
consolidati in virtù della posizione strategica
come avamposto a controllo del commercio nel
Mar Mediterraneo. La penisola fu meta di
numerosi popoli che volevano affermare la
propria supremazia nel Mediterraneo: dai fenici
alle popolazioni arabe e spagnole per arrivare al
1084
dominio inglese del XVIII secolo. Giungendo alla
Línea de la Concepción dalla Baia de Algeciras,
la visione della rocca è quella di una montagna
isolata, che si staglia verso il cielo, avvolta da una
suggestiva coltre di nubi che ne evocano subito la
sua immagine mitologica. Il promontorio
roccioso, con estensione di circa 6 km per una
larghezza di 1 km, culminando nel punto più alto
a 426 m s.l.m., era unito alla Penisola Iberica da
una striscia sabbiosa di circa 1200 m. Ad Oriente
e a sud le scogliere a picco sul mare, accessibili
in rari punti della costa, costituivano una difesa
naturale mentre nel versante occidentale,
maggiormente riparato perché rivolto verso il
golfo di Algeciras, l’andamento del promontorio
meno scosceso ha permesso lo sviluppo del
centro urbano e del porto. Negli anni, il
promontorio venne reso inespugnabile grazie alla
creazione di un complesso sistema di
fortificazioni che si fondeva con i tratti naturali
della Rocca. Abd al-Mu’min, emiro almohade del
Marocco, fu il primo a fortificare la Rocca nel
1115. Informazioni circa le opere edificate si
trovano in due manoscritti indirizzati ai suoi figli
Abu Said Utman, allora governatore di Granada,
e Abu Yaqub Yusuf, governatore di Siviglia, ai
quali ordinò l’immediata costruzione di una
piccola cittadella fortificata sulla montagna di
Tariq. Abu Yaqub Yusuf ordinò ai suoi migliori
architetti, falegnami e stuccatori di recarsi a
Gibilterra. Al-Hajj Yaish fu nominato come
urbanista generale, mentre, Ahmed ibn Basu,
famoso architetto moresco, fu incaricato di
supervisionare l'intero progetto. Decisero di
costruire la città nella parte nord ovest della
Rocca, dove ancora oggi è situata. Abd al-Mu'min
quando visitò la città a lavori terminati rimase
talmente impressionato che decretò, che Jabal
Tariq sarebbe stata conosciuta come Jabal al
Fath (la Montagna della Vittoria) e la sua nuova
città come Madinat al Fath. Il castello, costruito
seguendo il progetto di Abd al-Mu’min, a causa
dell’andamento impervio del terreno prese le
sembianze di una torre di avvistamento angolare
fortificata e le mura circondavano la città e la
fortezza, alla quale si accedeva tramite l’unico
ingresso attraverso la Porta della Vittoria (Bab al
Fath) posto nella parete sud inglobato tra due torri
difensive. La costruzione era a base di tapia, una
malta di sabbia rossa e calce, prodotta localmente,
conferendo al complesso una calda tonalità
rossastra [2]. Viene attribuito a questo periodo la
costruzione di una moschea, un palazzo per il
sovrano, mura difensive con un accesso unico al
continente, un mulino a vento sulla cima della
roccia, un sistema di canalizzazione dell'acqua,
cisterne, un grande serbatoio d'acqua ed un porto
(Fa, Finlayson, 2006). Verso la seconda metà del
XIII secolo, i monarchi castigliani avanzarono
verso sud con l'obiettivo di controllare lo Stretto
di Gibilterra e rimuovere la minaccia di nuove
invasioni dal Nord Africa. Gibilterra fu
conquistata nel 1309, il loro dominio durò 33 anni
durante i quali venne costruita una Atarazana
(Galley House) nell’area costiera ai piedi della
cittadella, accessibile attraverso la Porta
dell’Acqua. A seguito di due assedi consecutivi
nel 1333 Gibilterra cade per mano dei merinidi,
Fig. 1- Particolare di una stampa del XIX secolo
raffigurante l'area del castello, dalla quale si può
vedere la collocazione della porta di Bab al Fath
Fig. 2- Veduta di Gibilterra, con il perimetro delle mura
spagnole della città vecchia. Le mura segnano sul
versante occidentale la dimensione della terra ferma
prima dell’ampliamento urbano del secolo scorso
1085
che rientrandone in possesso prevedono un
ampliamento e intensificazione delle
fortificazioni tramite la costruzione di un muro
completo di torri e passaggi sui versanti
occidentale e meridionale. Muhammad V,
sovrano di Granada, nel 1379 la mise a capo
dei territori della sponda settentrionale dello
stretto, radendo al suolo il territorio di
Algeciras. Gibilterra rappresentava all’epoca
la porta per la conquista islamica
dell’occidente. In epoca Merinide e Nasride la
città occupava la parte settentrionale della città
attuale con il castello e la relativa Qasbah,
mentre sul fianco orientale, più vulnerabile agli
attacchi, venne costruita la Torre dell’Omaggio
(Tower of Homage); a nord ovest, un muro a
zig-zag andava a delimitare il margine fino al
centro storico, posto sul livello del mare nel
quale si trovava la Porta di Granada, punto di
accesso alla città vecchia. La città era divisa in
tre quartieri principali: il centro storico appena
sotto il castello, conosciuto in epoca spagnola
come “Villa Vieja”; l'area portuale sottostante
con mura, torri e tre porte d'accesso separate
(in seguito chiamata la Barcina dagli
spagnoli); e un quartiere residenziale a sud
conosciuto come Turba al Hamra
(letteralmente “sabbie rosse”, a causa della
natura del suolo). Una grande torre difensiva si
trovava all'angolo nord-ovest della Barcina,
attualmente sede del Bastione Nord. Le tre
porte della zona portuale erano la Porta di
Terra (più tardi conosciuta come Puerta de
España, ora Landport), la Porta del Mare (in
seguito Puerta de la Mar, modificata in epoca
britannica e ora conosciuta come Casemates
Gates) e il cancello che porta al Turba, in
seguito la Puerta de la Barcina (Fa, Finlayson,
2006). Le mura meridionali della cittadella
avevano diverse torri a pianta quadrata e una
porta (Gate House) attribuita ai Nasridi
(un'iscrizione ancora esistente nel XVIII
secolo registra la sua dedica a Yusuf I di
Granada) [3]. La porta forniva l'unico accesso
diretto alla Qasbah e la posizione della
cittadella e delle mura era così ben pianificata
che, in generale, le guarnigioni successive si
limitarono a modificare e sviluppare le difese
esistenti.
2. Le difese rinascimentali e lesperienza di
Battista Antonelli (F.P.)
Nel 1462, dopo la conquista spagnola, Gibilterra
entrò in un periodo di lento declino, inoltre la
scoperta del Nuovo Mondo e il nuovo tragitto
verso le Indie di Vasco da Gama fecero che
l’attività navale si spostasse sui lidi di Lisbona,
Barcellona e Siviglia. Il progressivo decadimento
strategico di Gibilterra corrispose ad una
cessazione di adeguamenti al sistema difensivo e
solo nel 1552 Carlo V, a seguito di un attacco
pirata guidato dal turco Hali Hamat, durante il
quale venne saccheggiato il Santuario di nostra
Signora, fu costretto ad inviare l'ingegnere
italiano Giovanni Battista Calvi per rafforzare le
difese della Rocca. A Calvi è attribuita la
costruzione del muro di Carlo V posto a sud. Nel
1560 Filippo II inviò Giacomo Fratino per
sviluppare ulteriormente le fortificazioni, il quale
fu probabilmente responsabile di una serie di
piccoli bastioni e piattaforme, tra cui il Reduto de
San Joachim (vicino alla batteria di Willis), il
Baluarte de San Pablo (Bastione Nord), la
Plataforma de San Andres (sul sito dell'attuale
Bastione Montagu) e un bastione più piccolo
successivamente incorporato nel Baluarte de
Nuestra Señora del Rosario (Bastione del Sud).
Durante questo periodo venne costruita la torre
del Diavolo, una torre di avvistamento demolita
Fig. 3- Mappa dell'assedio di Gibilterra durante
la Guerra di successione spagnola (1704-1705)
con informazioni su villaggi, fortificazioni,
luoghi portuali e l’orografia del territorio
1086
durante la Seconda Guerra Mondiale. Alla fine
del ‘500 il Regno di Spagna di Filippo II
necessitava di fortificazioni costiere che
garantissero il dominio delle vie di
comunicazione sia terrestri che marittime e la
corona spagnola si affidò alla famiglia degli
Antonelli, nativi di Gatteo, ingegneri, ed esperti
maestri nella costruzione di sistemi difensivi e
fortificazioni. La loro attività come architetti
militari al servizio dei re spagnoli si colloca tra la
seconda metà del XVI secolo e la prima metà del
XVII. Nel 1559 Giovanni Battista Antonelli
venne ingaggiato per lavorare alla costruzione
delle fortificazioni del Levante spagnolo: servì
Filippo II in due periodi, il primo, dal 1560 al
1580, durante il quale progettò le fortificazioni
nel tratto di costa da Alicante a Cadice e realizzò
il porto di Tangeri (Africa del Nord). Il secondo,
dal 1580 al 1588, a seguito dell’annessione del
Portogallo al Regno di Spagna, lo impegnò nella
realizzazione di una grande opera idraulica al fine
di rendere navigabili i grandi fiumi della penisola,
in particolare il collegamento tra Toledo e
Lisbona attraverso il fiume Tago. A seguito della
guerra in Portogallo molte delle fortificazioni
andarono distrutte e Filippo II gli ordinò di
occuparsi sia del ripristino che della costruzione
di nuove fortificazioni. Il fratello minore, Battista
Antonelli, venne chiamato a Madrid dal fratello
data la grande mole di lavoro. Nel 1581 Giovanni
Battista abbandonò i progetti delle opere militari
per dedicarsi alla bonifica dei grandi fiumi e il
fratello divenne uno degli ingegneri militari p
importanti di tutta la Spagna. Battista, fu presto
inviato dal re Filippo II in Centro America per la
costruzione delle fortificazioni dei Caraibi,
iniziando così un periodo (1581-1638) d’intensa
attività che lo vide protagonista della
pianificazione del sistema insediativo spagnolo
nel nuovo mondo [4] (Morato-Moreno, 2008).
Nel 1660 Battista rientrato definitivamente in
Spagna cominciò la sua attività sul Mediterraneo
con gli incarichi per la realizzazione del molo del
porto di Gibilterra, e le fortificazioni a della costa
a sud di Tangeri in Marocco. In occasione della
sistemazione del Porto, consolida e aggiorna il
sistema difensivo delle mura, apportando
modifiche ai bastioni fronte mare sul lato
occidentale. Le condizioni in cui Antonelli trova
la muraglia di Gibilterra si possono riscontrare
nel primo trattato completo sulle fortificazioni di
Gibilterra illustrativo della struttura e
dell'evoluzione della città, datato 1627, prodotto
da un ingegnere che si occupava, su richiesta del
re Filippo IV, della riparazione e del
rafforzamento delle strutture difensive, Don Luis
Bravo de Acuña. Nella relazione, Bravo fornisce
le descrizioni dettagliate dei tre fronti principali
elencando i lavori terminati e le proposte
d’intervento future. Il Fronte nord rivolto verso la
Spagna risulta ben fortificato con la Muralla de
San Bernardo (in seguito Grand Battery)
completamente adattata all’inserimento delle
cannoniere con piccoli casematte supplementari e
le porte, Villavieja (precedentemente Granada) ed
España, oltre ad un camminamento coperto. Nel
trattato viene mostrato il Vecchio Molo che non
compare negli schizzi del 1567 di Wyngaerde [5],
e che probabilmente riportava problemi di
insabbiamento che ne hanno motivato la richiesta
di interventi di modifica. La descrizione del
fronte occidentale, tra il vecchio e il nuovo molo,
Fig. 4- Schizzo grafico delle mura medievali della Rocca. La cittadella originaria formata dalle difese del
castello è chiaramente visibile, così come Charles V Wall più a sud. La torre di Tuerto e il suo forte alla
New Mole sono visibili all'estrema destra. (Anton Van den Wyngaerde, 1567)
1087
mostra come il Muro di linea fosse stato
rinforzato con un numero di piattaforme di
artiglieria e un grande bastione all'estremità
meridionale (Nuestra Señora del Rosario).
Quest'ultimo, insieme al Baluarte de Santiago,
proteggeva la nuova Porta dell'Africa. Il Baluarte
de Santiago viene descritto come un bastione
piatto, con i suoi volti quasi paralleli alla facciata
continua su entrambi i lati. Un secondo muro
(Muralla de San Reymondo) è datato verso la fine
del XVI secolo ed è chiamato il muro Filippo II.
Una delle preoccupazioni di Bravo era la grande
separazione tra le due aree principali del sistema
difensivo (nord-sud) che necessitavano di un
sistema di difesa, il New Mole Fort. Bravo, che
sottolinea l’importanza e la necessità di
mantenere le strutture portuali, motiva il
completamento dei lavori su entrambi, vecchio e
nuovo molo, evidenziando la necessità di
ridisegnare e rinforzare il sistema difensivo
suggerendo la creazione di un corno per difendere
meglio il Porto. Se gli indirizzi di progetto non
furono immediatamente seguiti per dare priorità
alle difese di Cadice, il nuovo punto cardine delle
strategie politiche, militari e navali della regione,
il lavoro di Antonelli per l’adeguamento del porto
si inserisce in questa particolare condizione in cui
si trovava l’intero complesso di Gibilterra. La
riorganizzazione del porto e dei bastioni fronte
mare, di cui restano porzioni solo nei pressi del
versante sud, vicino ai Bastioni di Calvi, trova
delle similitudini, in termini di proporzioni e
qualità decorativa con i resti di Panama Vieja, per
quel poco che è possibile apprezzare dalle rovine
dei bastioni fronte mare all’estremità del
perimetro urbano dell’antica capitale e con San
Juan de Ulua in Messico, nella porzione disegnata
dall’ingegnere italiano. Purtroppo dell’opera di
Antonelli resta ben poco in quanto oggi la linea
costiera si è notevolmente spostata e dove il
bastione incontrava l’acqua si trova invece la
nuova strada che attraversa la città fuori dal
perimetro murario. Riguardo alle successive
vicende di Gibilterra, nel 1704 la flotta anglo-
olandese prese possesso della Rocca. Nel 1713
venne firmato il trattato di Utrecht, sancendo per
la Spagna l’impegno di cedere alla Gran Bretagna
la piena e completa proprietà della città, del
castello, del porto e delle sue fortificazioni per
sempre senza alcuna eccezione. Durante i primi
anni vennero aggiornate e mantenute le strutture
esistenti, ma a seguito dei ripetuti attacchi
spagnoli mirati alla riconquista del dominio le
difese della Rocca vennero rafforzate. Fu
nuovamente allestita la Line Wall e vennero
costruiti il Prince Albert’s Front e la Zoca Flank
Battery. Nel Bastione del re furono costruite
caserme difendibili che attraversavano la gola e
venne aggiunto il Wellington Front, un avancorpo
che si estendeva tra il bastione del re (King’s
Bastion) e del sud (Southern Bastion).
3. Il rilievo fotogrammetrico dei bastioni
spagnoli (R.D.M.)
L’andamento del circuito murario di Gibilterra
risulta ancora evidente nella morfologia degli
apparati urbani, nonostante lo sviluppo del centro
abitato abbia inglobato i resti delle antiche
fortezze. La conformazione del sistema
fortificato, fortemente relazionata allo studio del
contesto evolutivo storico e militare della città, è
parte di un più ampio progetto di ricerca, attivo
dal 2005, per la documentazione e l’analisi delle
fortezze antonelliane tra Europa e America. Le
attività pregresse hanno riguardato il rilievo
metrico e la documentazione delle strutture
fortificate degli Antonelli nei siti di Peniscola,
Bernia e di alcune torri lungo la costa orientale
della Spagna, oltre alle fortezze monumentali di
Cuba, Panama, Porto Rico, e del Messico
(Parrinello & Picchio, 2017). Nell’ambito del
sistema fortificato di Gibilterra, il Laboratorio
Sperimentale DAda dell’Università degli Studi di
Pavia ha condotto una missione di
documentazione concentrata sulla porzione di
bastione sud compresa tra Regged Staff Gates,
l’odierna Southport Gate [6] e Prince Edward’s
Gate [7]. L’indagine è stata sviluppata
prevalentemente alla scala urbana, per lo studio
Fig. 5- Disegno storico del Landport (Anton
Van den Wyngaerd, 1567)
1088
dei rapporti formali ancora esistenti tra fortezza e
città, con un grado di dettaglio approfondito fino
all’analisi architettonica di segni e dettagli
presenti nell’apparato murario, caratterizzanti il
progetto di Gibilterra e complessivamente l’intera
opera degli Antonelli. Il primo sopralluogo
(2017), volto all’analisi e alla documentazione
delle porzioni murarie, ha evidenziato
complessità di stratificazione urbana e
morfologia territoriale per il riconoscimento delle
porzioni di cinta rimaste, spesso destrutturate con
l’inserimento del sistema viario o inglobate
all’interno di unità urbane e complessi edilizi. Il
bastione sud, in particolare, ha riscontrato uno
sviluppo perimetrale interessato da ripidi
dislivelli altimetrici, a partire dalla quota di
riferimento di Regged Staff Gates con un primo
livello a circa 5 metri da Southport Gate e un
secondo a circa 8 metri dal Prince Edward’s
Gate. L’accessibilità alle porzioni murarie, data la
discontinuità morfologica del terreno e l’estesa
presenza di vegetazione, ha vincolato la
metodologia di indagine per l’acquisizione
metrica, favorendo l’applicazione di procedure
fotogrammetriche Structure from Motion da
camera manuale, permettendo agli operatori una
maggiore adattabilità di ripresa per la restituzione
complessiva della forma fortificata. L’area del
bastione è stata suddivisa in 4 chunk di
acquisizione (Prince Edward Gate, il tratto del
Trafalgar cemetery, South Port Gate e la
porzione di bastione di Ragged Staff Road),
elaborati singolarmente in modalità high-poly
(circa 350,000 polyfaces/mq) e successivamente
allineati. L’elaborazione unificata dei livelli di
cinta ha permesso la rappresentazione
complessiva della struttura del bastione sud,
fornendone una rappresentazione continua
dell’impianto architettonico come base di studio.
4. La creazione di un modello 3D per lo studio
difensivo (A.D.A.)
Il sistema difensivo oggi è stato fagocitato dallo
sviluppo urbano massivo degli ultimi anni, nuove
costruzioni si innestano su un tessuto urbano che
si stratifica senza una logica pianificazione che
rispetti il valore dell’immagine storica. Gli edifici
si addossano alle mura, alcuni ne inglobano
porzioni, altri si ergono sopra di esse o vi si
sostituiscono del tutto, con il risultato di una
perdita di leggibilità dell’impianto difensivo,
alterato nelle proporzioni e nell’immagine
complessiva. Lo schema difensivo di Gibilterra è
oggi compromesso al punto da essere un tutt’uno
con la maglia e con i volumi dell’impianto
urbano. L’elaborazione di un modello
tridimensionale funzionale a rappresentare lo
stato dell’arte e in grado di esaltare il rapporto tra
il sistema difensivo e gli edifici della città è stato
considerato all’interno della ricerca una priorità
per definire le qualità dell’impianto fortificato e
per riuscire a studiare compiutamente le fortezze
nelle loro specifiche qualità morfometriche. Lo
sviluppo di modello 3D come sistema
informativo per l’archiviazione di metadati sulla
storia delle fortezze di Gibilterra, che possa essere
strumento di tutela del patrimonio e tramite il
quale poter accedere alle informazioni storiche
sui singoli bastioni per potere ricostruire e fruire
virtualmente un ipotetico percorso che illustri
l’evoluzione dell’impianto difensivo, si è
configurato come obiettivo della ricerca. In
questo senso il modello tridimensionale è stato
disegnato per prevedere uno strumento di
gestione delle mura, pensando alle possibilità di
valutare compiutamente il valore monumentale
delle rovine al fine di prevedere processi virtuosi
di manutenzione programmata funzionale alla
riqualificazione del sistema murario. Tramite il
rilievo diviene così possibile tematizzare e
definire i descrittori funzionali ad un’analisi
sull’aspetto conservativo del paramento murario,
Fig. 6- Modello SfM del bastione sud, porzioni di
Southern Gate e Prince Edwards Gate.
1089
oltre che sugli specifici aspetti costruttivi e
competitivi che qualificano le diverse fasi
dell’impianto. Il modello, che rappresenta
un’elaborazione critica dello spazio reale, riesce
a mettere in luce quelle porzioni di mura che oggi
risultano occultate o nascoste tra vegetazioni
infestanti, discariche o spazi di risulta tra i vari
edifici che ne rendono inaccessibili numerose
parti. Il modello, che contiene al suo interno
informazioni sull’orografia delle diverse zone,
permette di valutare l’accessibilità sulla base di
criteri descrittivi associati allo studio degli spazi
aperti, suggerendo possibili percorsi di
approfondimento nello spazio urbano che
possono anche essere sviluppati, se non nella
pianificazione reale, a livello virtuale tramite
sistemi di interazione VR con la città disegnata e
con i suoi monumenti. Il disegno di Gibilterra
diviene così una piattaforma dalla quale elaborare
un progetto di pianificazione per la
riqualificazione della Rocca e delle fortificazioni.
Nella città antica mancano percorsi, pannelli
informativi o una segnaletica adeguata per
sottolineare l’importanza dei monumenti storici,
tutto è orientato a veicolare il turismo verso il
centro commerciale urbano nel quale la cittadina
è stata malamente trasformata. I modelli
tridimensionali elaborati dall’acquisizione
fotogrammetrica sono stati opportunamente
referenziati su capisaldi e punti noti appartenenti
alla cartografia. La definizione di uno schema
geometrico per il calcolo delle diverse variabili di
tiro, condotto sul modello permette di considerare
la strategia progettuale che ha caratterizzato
l’impianto fortificato. Il dato acquisito è stato
tradotto in un modello tridimensionale NURBS di
più semplice gestione rispetto alla maglia
poligonale output del rilievo fotogrammetrico per
permette maggiore libertà nel controllo delle
singole informazioni nelle fasi di post-produzione
per la realizzazione di video e piattaforme virtuali
dalle quali valutare compiutamente la geometria
dei singoli elementi costruttivi. Le informazioni
derivanti dalla nuvola di punti fotogrammetrica
sono state la base per la produzione di elaborati
bidimensionali che, importati all’interno del
software Rhinoceros, hanno permesso la
modellazione dei singoli elementi che
compongono il bastione. Le corrispondenti unità
fortificate, o gli elementi costruttivi che le
compongono, possono essere così indicizzate ed
andare a confluire in un abaco tipologico.
5. Verso protocolli di documentazione per la
valorizzazione della cinta fortificata (R.D.M.)
La generazione di modelli reality-based ad alta
risoluzione di immagine, allineati e uniti per
l’estrazione di sistemi 3D di rappresentazione
parametrica, metrica e materica, indirizza la
ricerca sulla documentazione fortificata verso
apparati digitali di alta qualità descrittiva delle
porzioni murarie, comprensivi dello stato di
conservazione di superfici e portali fino alle
caratteristiche stilistiche e patologie di degrado
dei singoli blocchi murari. La ricostruzione dei
perimetri di cinta e la loro seguente
scomposizione semantica e costruttiva permette
di sviluppare una banca dati complessiva sulle
fortificazioni di Gibilterra ordinata ed
implementata su stato di conservazione e
Fig. 7- Modello tridimensionale di Gibilterra nel
quale si evidenzia il rapporto tra la struttura
difensiva e la maglia urbana
Fig. 8- Veduta del modello 3D del Bastione Sud
in corrispondenza della connessione tra il
perimetro murario e la circonvallazione
1090
geometrie caratteristiche dell’architettura
militare. Lo strumento gestionale del sistema
fortificato favorisce il monitoraggio delle mura,
permettendo la valorizzazione di rapporti spaziali
e sistemi costruttivi percettivamente dispersi ed
incontrollati nel tessuto urbano.
Notes
(1) Gibilterra deriva Gebel Ṭāriq “La montagna
di Tarik”, condottiero berbero che avviò la
conquista islamica della Spagna visigota nel 711
(2) La tecnica impiegata per la costruzione degli
edifici consisteva nella costruzione del muro per
sezioni, tale tecnica venne poi riapplicata anche
alle roccaforti almohade come quella di Siviglia e
all’Alcazaba di Rabat.
(3) Le pareti, originariamente di tapia dal
caratteristico colore rosato, erano decorate con un
motivo di cuciture di calce bianca per simulare la
muratura a battuta regolare. Le costruzioni
successive erano in pietra e laterizio poi rifinite
con tapia.
(4) Le opere di Battista Antonelli in sud America
sono state in larga parte dichiarate Patrimonio
dell’Umanità dall’UNESCO.
(5) Anton van den Wyngaerde (1525-1571) fu
disegnatore e cartografo fiammingo dal 1557 a
servizio di re Filippo II di Spagna, disegnando
vedute di 62 città spagnole tra cui Gibilterra.
(6) In questa posizione sorgeva la Porta d’Africa
sulla quale era scolpito lo stemma del regno di
Carlo V con due colonne avvolte da pergamene
che recitano plus ultra riferimento diretto alle
Colonne d’Ercole. Gli altri due stemmi raffigurati
sono uno quello di Gibilterra (a sinistra) e quello
dell’allora governatore spagnolo (a destra).
(7) La porta, intitolata al principe Edward, fu
costruita nel 1790 come ampliamento delle mura
cinquecentesche intitolate a Carlo V. Il Gate era
posizionato al fianco del bastione con orecchioni
per il tiro radente lungo le mura sulle quali erano
presenti due Garitte per le vedette di guardia. Sul
lato nord della porta è posta un’iscrizione che
recita God and the soldier all men adore in time
of trouble and no more, for when war is over and
all things righted God is neglected and the old
soldier slighted”.
References
Bertocci, S. & Parrinello S. (2015) Digital Survey and Documentation of the Archaeological and
Architectural Sities. Unesco World Heritage List. Firenze, Edifir-Edizioni Firenze.
Fa, D. & Finlayson, C. (2006) The Fortification of Gibraltar. Oxford, Osperey publishing.
Morato-Moreno, M. (2008) Los Antonelli, una saga de arquitectos e ingenieros militares al servicio de la
Corona española. [Online] Available from: https://personal.us.es/mmorato/Ingegraf%20Valencia.pdf
Parrinello, S. & Picchio, F. (2017) Sistemi di documentazione per l’analisi ed il progetto di recupero del
Forte San Lorenzo el Real del Chagre, Colón, Panama. In: Restauro Archeologico. Firenze, Firenze
university press, pp. 54-73.
Parrinello, S., Bertocci, S. & Pancani G. (eds.) (2012) Between East and West. Transposition of Cultural
Systems and Military Technology of Fortified Landscapes. Firenze, Edifir.
Parrinello, S. & Bertacchi, S. (2014) Geometric proportioning in the sixteenth century fortifications: the
design proposal of Italian military engineer Giovanni Battista Antonelli. NEXUS NETWORK
JOURNAL, 17, 400-423.
Parrinello, S. & Bertacchi, S. (2014) The Fort of Bernia by Giovanni Battista Antonelli. NEXUS
NETWORK JOURNAL, 16, 699-722.
Parrinello, S. & Pirinu, A. (2016) The documentazione of the fortress of Peniscola: integrated survey for
the formal analysis of the defensive system of the historic city. In: Verdiani, G. (ed.) (2016) Defensive
Architecture of the Mediterranean XV to XVIII Centuries. Vol. 4: Proceedings of FORTMED
Modern Age Fortification of the Mediterranean Coast, 10-12 November 2016, Firenze. Firenze,
Didapress, pp. 29-36.
ResearchGate has not been able to resolve any citations for this publication.
Conference Paper
Accessibility is a crucial topic for conservation and enhancement of cultural heritage in all its forms: physical, immaterial, social and cultural. As conservation approaches vary according to the heritage peculiarities, so actions to make accessible historic architectures have to be designed case by case. Starting from these considerations, this paper aims to reflect on the issue of accessibility in the specific case of fortified architecture, with the goal of making accessible a not easily accessible heritage. Sardinia (Italy) offers an emblematic example of fortified landscape, characterized by different architecture typologies seamlessly built over the centuries. In particular, the 15th century is a turning point for the Sardinian fortified settlements. In fact, the domination under the Kingdom of Aragon fixed the end of political-administrative local system and the transformation of the fortification process started from the 11th century. This process was characterized by the construction of strongholds located in inaccessible sites, in order to control the territory and protect the castles themselves. The unification of Sardinia under a single central power led to an almost immediate change, because, in contrast to the Medieval Period, starting from the 15th century castles were built in more reachable places. Thus, as said before, the work aims at studying the accessibility of Sardinian fortifications, which intrinsic characteristics determine a limited possibility of enjoyment. This offers the opportunity of reflecting on specific challenges and suggesting innovative and alternative solutions. Specifically, this study wants to contribute to the debate about compensatory measures for people with disabilities and new technologies applicable to this specific issue: on the basis of considerations developed case by case – but without losing sight of the organic system – the work investigates the possibility of identifying interventions of integrated accessibility for a wide range of users, in order to favour the conservation and enhancement of the fortified heritage.
Article
The geometry underlying the design of sixteenth-century fortifications is a subject of considerable interest among scholars of military architecture. Many treatises from the period emphasize the importance of using geometrical constructions for the design of defensive elements in proper proportion to the entire edifice. One treatise, the Epitomi delle fortificationi moderne, was written in 1560–1561 by Italian military engineer Giovanni Battista Antonelli (1527–1588), whose family had been in the service of the Spanish crown for nearly a century. In this paper, we investigate the methods set forth by Antonelli in his work, paying particular attention to the geometrical design of typical architectural elements in fortifications of the early modern period. We then provide a case study of the reconstruction of a bastion according to the engineer’s proposals.
Article
This paper deals with the relationship between geometrical rules and proportions as design techniques for military architecture proposed by the engineer Giovanni Battista Antonelli during the late sixteenth century. After a short introduction about the Antonelli family of engineers, the paper focuses on a case study, the Fort of Bernia near Alicante (Spain). The study of the original drawings and reports on the building preserved in the Spanish national archives has been a fundamental means of gathering details about the defensive structure. Additionally, a three-dimensional survey carried out on what remains of the outpost allowed a careful analysis reconstruction of its history and the geometrical proportion of its parts. In conclusion this project, a perfect example of geometrical design for a defensive purpose, represents Antonelli's total failure as a military engineer, because his too strict adoption of the theoretical model in a mountainous site contradicted all the considerations made in his treatise on modern fortification.
Le fortezze della famiglia Ruffo in Calabria (Italia)….………………………………………………1245
  • C Gattuso
C. Gattuso Le fortezze della famiglia Ruffo in Calabria (Italia)….………………………………………………1245
Rodi antica, medievale e cavalleresca": exemplary restoration of a Walled City during the Italian Colonialism………………………………………………………
  • L Grande
  • S Pons
L. Grande, S. Pons "Rodi antica, medievale e cavalleresca": exemplary restoration of a Walled City during the Italian Colonialism……………………………………………………….………………...………….1277
Gkrimpa Attraversare paesaggi, collegare il patrimonio: trasformazioni militari in Liguria secondo il pensiero e i progetti di Napoleone…………………………
  • S Gron
S. Gron, E. Gkrimpa Attraversare paesaggi, collegare il patrimonio: trasformazioni militari in Liguria secondo il pensiero e i progetti di Napoleone………………………….…………………………………………1293
Por un plan autonómico para la gestión de los castillos en la Comunidad Valenciana
  • L Marinaro
  • P Granara
  • S Di Grazia
L. Marinaro, P. Granara, S. Di Grazia Por un plan autonómico para la gestión de los castillos en la Comunidad Valenciana (España)………1301
Digital Survey and Documentation of the Archaeological and Architectural Sities
  • J A Rico
  • M Bevià I Garcia
J. A. Mira Rico, M. Bevià i Garcia, J. R. Ortega Pérez References Bertocci, S. & Parrinello S. (2015) Digital Survey and Documentation of the Archaeological and Architectural Sities. Unesco World Heritage List. Firenze, Edifir-Edizioni Firenze.
The Fortification of Gibraltar
  • D Fa
  • C Finlayson
Fa, D. & Finlayson, C. (2006) The Fortification of Gibraltar. Oxford, Osperey publishing.