ArticlePDF Available

“Orientamenti equinoziali nel Mediterraneo: il tempio preistorico di Mnajdra a Malta e il Mausoleo degli Equinozi a Roma”, Atti del 14° Seminario di Archeoastronomia dell’Associazione Ligure per lo Sviluppo degli Studi Archeoastronomici (ALSSA) Genova 24-25 marzo 2012, pp. 18-29

Authors:
  • Astronomical Observatory of Genoa, Italy

Abstract and Figures

This paper studies Archaeoastronomy in two ancient buildings ot the Mediterranean area. The first is Temple of Mnajdra at Malta, which was built in 3000 B.C.. The second is the so-called Mausoleum of the Equinoxes at Rome, which was a tomb built in the II century B.C. and is an important example of astronomically oriented building in the area of Rome.
Content may be subject to copyright.
Osservatorio Astronomico di Genova
24 - 25 marzo 2012
14° Seminario
di
Archeoastronomia
Associazione Ligure per lo Sviluppo degli Studi Archeoastronomici
2
Genova, 24 - 25 marzo 2012
Osservatorio Astronomico di Genova
14° Seminario
di
Archeoastronomia
Associazione Ligure per lo Sviluppo degli Studi Archeoastronomici
In copertina: Illustrazione di un’eclisse nelle Cronache di Norimberga di Hartmann Schedel (1440-1514)
3
Associazione Ligure per lo Sviluppo degli Studi Archeoastronomici
14° Seminario di
A R C H E O A S T R O N O M I A
Genova, 24 – 25 marzo 2012
Programma
sabato 24 marzo 2012
sessione mattutina
9,15 Apertura del Seminario
9,20 Prolusione - Resoconto delle attività A.L.S.S.A.
Giuseppe Veneziano Osservatorio Astronomico di Genova
9,25 Angkor (Cambogia) e la precessione degli equinozi: urbanistica di un’antica
città tra mito e astronomia pag. 5
Giorgio Casanova
10,00 Orientamenti equinoziali nel Mediterraneo: il tempio preistorico di Mnajdra a
Malta e il Mausoleo degli Equinozi a Roma pag. 18
Marina De Franceschini – Archeologa
10,40 Astronomia e simbolismo mistico nella pieve romanica di S. Maria in Cortemilia
(Cuneo) pag. 30
Giuseppe Veneziano Osservatorio Astronomico di Genova
11,20 La stele dei Bagienni: storia di una scoperta inconsueta relativa ad un antico
“sasso astronomico” pag. 74
Piero Barale – Società Astronomica Italiana
Giuseppe Brunod Centro Studi Museo Archeologico di Pinerolo (CeSMAP)
12,00 Quale epoca e sito di origine per le costellazioni? Considerazioni e discussioni
Pietro Planezio Osservatorio Astronomico di Genova pag. 83
12,30 Pausa per il pranzo
OSSERVATORIO ASTRONOMICO di GENOVA
www.oagenova.it info@oagenova.it
tel. (+39) 010 6042459
Università Popolare Sestrese
Piazzetta dell’Università Popolare 16154 GENOVA Italy
tel. (+39) 010 6043247
4
sabato 24 marzo 2012
sessione pomeridiana
15,30 La pietra verde nelle Alpi e il suo utilizzo in età preistorica pag. 84
Mauro Cinquetti – Centro Ricerche L’arc - Archeologia e arcieria sperimentale -
Villar S. Costanzo (CN)
16,00 Incisioni rupestri nel Conero: lettura archeoastronomica dei culti della fertilità
Giovanni Nocentini pag. 87
16,40 I ritmi del tempo nell’archeoastronomia d’orizzonte pag. 98
Luigi Torlai Ass. Tages (Pitigliano), Società Italiana di Archeoastronomia
17,15 Le due “Antola” e altri orientamenti naturali pag. 114
Luigi Felolo – Istituto Internazionale di Studi Liguri
17,45 Chiusura della sessione pomeridiana
domenica 25 marzo 2012
9,15 Apertura del Seminario

9,30 Il sorgere della Luna e determinazione di bisettrice in un triangolo di coppelle a
Poggio Bartolo (Pitigliano, Grosseto) pag. 125
Enrico Calzolari Associazione Ligure Sviluppo degli Studi Archeoastronomici
10,10 Definizione di anno precessionale e di alcuni concetti di astronomia sferica ad esso
correlati pag. 130
Paolo Pietrapiana
10,45 Iconografia preistorica ed epistemologia: riflessioni su alcune ricerche in corso
Gaudenzio Ragazzi p a g . 1 3 5
11,20 Misurazione preliminare degli orientamenti di 11 antiche chiese rurali dell’isola
di Pantelleria (TP) pag. 160
Henry De Santis Archeoastronomia Ligustica
11,50 Il calcolo FK4 B1900.0 della precessione delle stelle pag. 168
M a r i o C o d e b ò A r c h e o a s t r o n o m i a L i g u s t i c a
12,25 Presentazione del software di calcolo FK4 B1950.0 pag. 182
Agostino Frosini
12,40 Chiusura dei lavori
18
Orientamenti Equinoziali nel Mediterraneo
Il Tempio preistorico di Mnajdra a Malta
e il Mausoleo degli Equinozi a Roma
Marina De Franceschini
1. Il Tempio preistorico di Mnajdra a Malta
In tutte le culture del Mediterraneo fin dalla Preistoria si sono costruiti edifici orientati
astronomicamente verso i Solstizi o gli Equinozi, in modo da poter misurare e controllare in
modo semplice ed efficace lo scorrere del tempo e l’alternarsi delle stagioni. Tralasciando gli
esempi più celebri del nord Europa come Stonehenge o Newgrange, rivolgiamo la nostra
attenzione all’isola di Malta e alla vicina isola di Gozo, dove esistono diversi templi preistorici,
alcuni dei quali sono orientati astronomicamente.
Nellisola di Malta il complesso di Mnajdra (figura 1) sorge in una vasta spianata sopra
una scogliera a strapiombo sul mare, ed è formato da tre diversi templi, databili dal 3500 al 3000
a.C.
20
.
I primi scavi iniziarono nel 1840, ad opera di Sir Bouverie che li riteneva templi fenici,
databili nel VII sec. a.C., e sono scarsamente documentati. Nel 1885 il sito venne nuovamente
scavato dal maltese Antonio Caruana, il quale per primo pensò di restaurarli, perché si accorse
che la pietra calcarea di cui sono fatti veniva facilmente e rapidamente erosa dagli agenti
atmosferici.
Allinizio del Novecento il sito di Mnajdra fu studiato dall’archeologo tedesco Albert
Mayr, il primo a occuparsi approfonditamente delle antichità dell’isola in modo sistematico; egli
fu il primo a proporre una datazione molto più antica per i templi, fra il III e II millennio a.C.
20
Le informazioni su Mnajdra sono tratte prevalentemente dal: S
TROUD
K. Hagar Qim e Mnajdra prehistoric
Temples, Malta Insight Heritage Guides, 2010.
ALSSA
-
14° Seminario di
Archeoastronomia
Genova, 24-25 marzo 2012
19
Nel 1910 vi furono i primi scavi stratigrafici condotti dal maltese Zammitt sotto la guida
del celebre archeologo inglese Thomas Ashby (direttore della British School di Roma). Fu messo
in luce il Tempio est e venne nuovamente esplorato il Tempio centrale. Negli anni ‘30 del
Novecento gli studiosi italiani Luigi Ugolini e Carlo Ceschi si occuparono sull’architettura dei
Templi, ricostruendo le coperture che erano fatte con massi disposti a gradoni aggettanti verso
l’interno (figura 2).
Nel 1954 larcheologo John Evans fece altri scavi a Mnajdra, accertandone le varie fasi
cronologiche. Comprese che Tempio est – il più piccolo – era il più antico del complesso,
databile al 3500 a.C.; il Tempio sud risale invece al 3000 a.C. e così pure il Tempio centrale, che
venne costruito per ultimo. La datazione si basa sull’analisi dei materiali al carbonio 14, oltre al
confronto con altri edifici maltesi come i templi di Ggantjia e Tarxien.
In anni recenti, per proteggere i templi di Mnajdra dall’erosione è stata realizzata una
copertura con una tensostruttura.
Il Tempio sud di Mnajdra è formato da due ambienti ovali, allineati lungo un unico asse,
una forma che si riscontra con varianti in altri templi della zona, sia a Malta (Ta'Hagrat , Hagar
Qim e Tarxien) che a Gozo (Ggantjia)
21
. Nel cortile antistante il Tempio sud di Mnajdra la porta
principale accesso ad un lungo corridoio o dromos, che conduceva in un primo ambiente
ovale. Sul lato opposto vi era una seconda porta, che immette nel secondo ambiente, anch’esso di
21
C
OX
J.
-
L
OMSDALEN
T., “Prehistoric Cosmology: Observations of Moonrise and Sunrise from Ancient Temples in
Malta and Gozo” in Journal of Cosmology 2010, vol. 9, edizione on-line (vedi sotto bibliografia) pp. 18-19, con
bibliografia precedente sull’orientamento astronomico dei templi di Malta e Gozo a p. 20.
Fi
gura 1.
Isola di Malta, Mnajdra, veduta aerea dei tre Templi, databili nel 3500 e 3000 a.C. (da
S
TROUD
2010).
20
forma ovale, con una nicchia rettangolare in fondo, una sorta di sacello dove rimane una lastra
rettangolare che funge da tavolo o scaffale, sorretta da tre pilastri in pietra (figura 3).
Figura 2.
Mnajdra, Tempio sud ricostruzione della copertura a conci concentrici
aggettanti (da S
TROUD
2010).
Figura 3.
Mnajdra, ingresso del Tempio sud. 1: cortile; 2 - porta principale e dromos; 3 - seconda porta;
4 - nicchia sacello in fondo. (foto di Marina De Franceschini).
21
La porta che collega il primo ambiente con il secondo (figura 4) ha due stipiti verticali in
pietra che sostengono un architrave formato da un grosso monolite. Ai lati degli stipiti sono due
massi rettangolari molto grandi, rientranti e disposti verticalmente e davanti ad essi sono altri due
massi in orizzontale, tutti decorati da una fitta serie di fori. Procedendo ancora verso l’esterno, si
vedono altri due monoliti ancora più grandi posti davanti alle pareti della prima sala, anch’essi
decorati da una fittissima serie di fori.
1.1 Orientamento astronomico
Il Tempio Sud di Mnajdra è orientato verso il punto in cui il Sole sorge all’Equinozio
(figura 5): i raggi del Sole ancor oggi entrano dalla porta principale, attraversano il dromos, la
prima sala, la seconda porta e la seconda sala, e illuminano la parete di fondo del sacello sul lato
opposto, a circa 15 metri di distanza dall’ingresso. Gli studiosi Cox e Lomsdalen hanno calcolato
un azimut di 93° che, oltre a essere molto prossimo ai 90° del sorgere del Sole all’Equinozio, nel
3000 a.C. coincideva con il sorgere eliaco delle Pleiadi nei giorni vicini all’Equinozio di
primavera, una coincidenza che non può essere casuale
22
.
Il Tempio di Mnajdra è stato costruito in modo tale che anche all’alba dei due Solstizi
compaiano dei ‘segnali’ luminosi proprio in corrispondenza della porta fra il primo ed il secondo
ambiente, che funzionava quindi come un calendario astronomico. Durante i Solstizi, infatti, i
raggi del sole entrano obliquamente attraverso la porta principale ed il dromos, e vanno ad
22
C
OX
-L
OMSDALEN
2010, p. 9: “a remarkable coincidence of targets for an astronomical theory”.
Figura 4.
Mnajdra, la seconda porta del Tempio Sud e, in fondo al centro, la nicchia-sacello con un piano di
pietra sostenuto da tre pilastri (foto di Marina De Franceschini).
22
illuminare lo spigolo esterno dei due grandi massi che fiancheggiano la porta stessa, creando una
sottile striscia luminosa (figura 6). All’alba del Solstizio estivo, la striscia luminosa colpisce il
masso a sinistra della porta, mentre all’alba del Solstizio invernale colpisce quello destro. Inoltre
a metà aprile e metà agosto il Sole illumina completamente il masso verticale a sinistra della
porta stessa, mentre a metà febbraio e metà ottobre colpisce quello a destra (ancora Figura 6).
Figura 5 (sopra):
Mnajdra, orientamento astronomico del Tempio sud (da S
TROUD
2010). Figura 6 (sotto):
Mnajdra, Tempio Sud. Fotomontaggio dei fenomeni luminosi con le lame di luce sugli stipiti della porta interna,
all’alba dei Solstizi e degli Equinozi (da S
TROUD
2010).
23
La diversa illuminazione creata dai raggi del Sole sui vari massi della porta dava quindi
delle precise indicazioni cronologiche sulle stagioni e lo scorrere del tempo. Nel Tempio Sud, in
quelle occasioni, dovevano quindi svolgersi cerimonie religiose legate al ciclo delle stagioni,
della semina e del raccolto, culti locali della fertilità, cosa che possiamo soltanto presumere in
analogia con quanto avveniva in altri siti preistorici, dato che non vi sono testimonianze scritte.
Ad esempio nel sito maltese di Tarxien è stata rinvenuta una grande statua femminile (alta quasi
due metri), che probabilmente era una Dea Madre legata ai riti della fertilità
23
.
Il sito di Mnajdra è particolarmente interessante perché l’orientamento astronomico,
grazie agli assi incrociati, crea dei segnali luminosi in occasione di tutti e quattro i più importanti
eventi astronomici dell’anno, gli Equinozi ed i Solstizi.
2. Il Mausoleo degli Equinozi sull’Appia antica a Roma
A Roma, fra il III e IV miglio dell’Appia antica
24
esiste il cosiddetto Mausoleo o
Sepolcro degli Equinozi, nel quale durante gli Equinozi si verificano ancor oggi dei fenomeni
luminosi. Ringrazio i proprietari, Giulia ed Ernesto Passarelli, che mi hanno fatto visitare il
Mausoleo il giorno prima dell’Equinozio (il 20 marzo 2011), accendendo un braciere il cui fumo
ha evidenziato in modo spettacolare il fascio di luce che entra dalla finestra. A loro e alle loro
pubblicazioni devo le informazioni qui riportate su un edificio che è ancora tutto da studiare
25
.
La fonte più antica è Giovan Battista Piranesi
26
che nel 1748 lo chiamaSepolcro
ignoto”, ne disegna la pianta e l’alzato esterno (figura 7), e così lo descrive (le lettere sono quelle
che compaiono nell’incisione):
Tav. XXXVI: «A: Pianta del Sepolcro situato sull’antica via Appia vicino alla vigna
Buonamici. B: Ingresso oggi in parte rovinato. C: stanza quadrata con nicchioni nei lati. D:
finestre in parte interrate dalle rovine. E: Elevazione. F: Masso fabbricato a corsi di Scagli di
Selce con Calce e Pozzolana. G: piano presente della Campagna. H: Travertini, i quali
rivestivano tutto l’esterno del Sepolcro. Erano coperti dal terreno (...)».
Piranesi disegna anche una sezione dellinterno (figura 8) e scrive:
Tav. XXXVII: «Sezione del Sepolcro antecedente. A: Travertini, i quali vestono le pareti della
Stanza, i quali esistono ancora in oggi forse perché non fu facile levarli da lì per causa dei perni
B che legando l’un pezzo con l’altro li rendono più stabili (...) uniti a tutta l’opera. (...) da una
parte all’altra della volta tre corsi de’ travertini C, i quali oltre a essere fermati a cuneo e legati
da perni sono ancora incastrati l’uno con l’altro (...). Tutta la stanza era ornata di finissimi
stucchi vedendosi ancora qualche minuto residuo per le pareti».
23
A. Pace, The Tarxien Temples, Malta Insight Heritage Guides 2010, p. 19.
24
Oggi è al n. civico 187 della via Appia antica.
25
Questo articolo è in parte tratto daIl Mausoleo o Sepolcro degli Equinozi a Roma” Appendice da me pubblicata
assieme a Giuseppe Veneziano nel volume Villa Adriana. Architettura Celeste. I segreti dei Solstizi, Roma 2011.
Vedi bibliografia in fondo a questo articolo.
26
G.B. P
IRANESI
, Antichità romane de' tempi della Repubblica, de' primi imperatori. Disegnate e incise da
Giambattista Pianesi architetto veneziano, Roma 1748, vol. II, tav. XXXVI-XXXVII.
24
Figura 7. Il Mausoleo degli Equinozi nella pianta di Giovan Battista Piranesi del 1748.
25
Agli inizi del Novecento i proprietari Passarelli restaurarono il Mausoleo, liberandolo dai
detriti e chiudendo i fori aperti nella volta dai pastori. Negli anni 1930-31 l’allora Soprintendente
Munoz restaurò la copertura e con un saggio di scavo accertò che l’ingresso principale era
formato da un dromos di 13 metri di lunghezza
27
.
Costruito in opera quadrata con nucleo cementizio in scaglie di selce, calce e pozzolana,
il Mausoleo si data al II sec. a.C.. All’esterno è circolare, con un tamburo in muratura del
diametro di m. 13,50 circa, che originariamente era coperto da un tumulo; oggi è quasi
completamente interrato, la parte superiore del tumulo è molto consumata e in parte nascosta
dalla casa moderna del vicino.
Allinterno vi è un ambiente quadrato di m. 5,30 circa, con nicchie rettangolari su tre lati,
nelle quali si aprono altrettante finestre ‘a bocca di lupo’ (A-B-C in pianta di figura 9); sul quarto
lato è l’ampio ingresso a cui si scende con una scala moderna. L’ambiente è sorprendentemente
ben conservato (vedi figura 10): i blocchi di travertino delle pareti sono rimasti quasi tutti in situ,
e la volta a botte, alta 7 m., è perfettamente integra.
27
P
ASSARELLI
A., Storie dell'Appia Antica, Roma 2010, p. 23.
Figura 8. G.B. Piranesi (1748): sezione del Mausoleo degli Equinozi con le finestre a bocca di lupo indicate
dalle frecce rosse.
26
2.1 Orientamento astronomico
Ledificio è orientato astronomicamente verso lEquinozio: il professor Marcello Ranieri
ha fatto una prima misurazione dell’azimut della finestra B, che è 23 (vedi pianta figura 9).
Nei giorni dell’Equinozio il Sole entra dalla finestra ‘a bocca di lupo’ B, situata di fronte
all’ingresso, e illumina il centro esatto del pavimento a partire dalle 14:30 circa (figura 11).
Come si vede nella sezione ricostruttiva (figura 12), il Mausoleo aveva tre finestre ‘a
bocca di lupo’ A-B-C poste al centro dei tre lati (sul quarto è l’ingresso, vedi ancora pianta
figura 9). Sono analoghe ai tre condotti passanti A-B-C dell’edificio di Roccabruna nella Villa
Adriana di Tivoli. In entrambi gli edifici, l’apertura centrale B (finestra o condotto luminoso) era
orientata astronomicamente e serviva a creare dei fenomeni luminosi che nel Mausoleo
avvengono in occasione dell’Equinozio mentre a Roccabruna di Villa Adriana avvengono al
tramonto del Solstizio estivo.
Va notato che la sezione di queste finestre o condotti è diversa, in funzione dell’effetto
luminoso che si voleva ottenere. Nel Mausoleo la finestra ‘a bocca di lupo’ è piuttosto larga
anche all’interno, in modo da proiettare una largo fascio di luce al centro del pavimento. A
Roccabruna, invece, il condotto luminoso è molto ampio all’esterno ma si riduce ad una
semplice feritoia all’interno, in modo da ottenere una sottile lama di luce sulla cupola.
Figura 9 - Pianta dell’ambiente interno del Mausoleo degli Equinozi, con l’orientamento astronomico e gli
azimut delle tre finestre a bocca di lupo A-B-C. (Disegno di Marcello Ranieri).
27
Figura 10 (a sinistra):
Ambiente interno del Mausoleo degli Equinozi col rivestimento originale in blocchi di
travertino (foto di Marina De Franceschini). Figura 11 (a destra): La luce entra dalla finestra tutti i giorni, ma
solo durante gli Equinozi colpisce il centro esatto del pavimento (foto di Marina De Franceschini). Figura 12
(sotto) - Sezione del Mausoleo: la freccia rossa indica il percorso dei raggi del Sole che entrano dal condotto
luminoso ed illuminano il centro del pavimento. Disegno di Ernesto Passarelli da Archeomagia 1992.
28
Purtroppo nulla si sa del proprietario del Mausoleo della storia dell’edificio; dato che
siamo già in epoca storica, le fonti scritte forniscono elementi utili per interpretare il significato
del Mausoleo. Nel punto centrale del pavimento che viene illuminato dal Sole i proprietari hanno
sistemato una lastra di marmo (figura 13) che reca la partizione dello spazio terreno e celeste
secondo l’aruspicina etrusca. Il mondo era diviso in pars àntica verso sud e pars postica verso
nord, ed anche in pars hostilis sfavorevole e pars familiaris favorevole, con le relative divinità
celesti ed infernali, propizie o ostili. I fenomeni luminosi del Mausoleo indicavano quindi il
momento preciso dell’Equinozio, durante il quale si svolgevano rituali legati al culto dei morti e
alle stagioni.
Figura 13 - Mausoleo degli Equinozi. Lastra moderna con la partizione dello spazio terreno (templum) e di
quello celeste secondo l’aruspicina etrusca. L’asse nord-sud rappresentava l’axis mundi, con la Pars àntica
verso mezzogiorno e la Pars pòstica verso settentrione. Era diviso anche in Pars hostilis (sfavorevole) e
Pars familiaris (favorevole) con le relative divinità celesti, terrestri e infernali (foto di Marina De
Franceschini).
29
Bibliografia
Mnajdra (Malta)
S
TROUD
K., Hagar Qim and Mnajdra Prehistoric Temples, Malta Insight Heritage Guides, Malta 2010.
C
OX
J.
-
L
OMSDALEN
T., "Prehistoric Cosmology: Observations of Moonrise and Sunrise from Ancient
Temples in Malta and Gozo" in Journal of Cosmology 2010, vol. 9, pp. 2217-2231, con bibliografia
precedente. Anche on-line: http://journalofcosmology.com/AncientAstronomy114.html .
Mausoleo degli Equinozi sull’Appia antica (Roma)
P
IRANESI
G.B., Antichità romane de' tempi della Repubblica, de' primi imperatori. Disegnate e incise da
Giambattista Pianesi architetto veneziano, Roma 1748.
L
ABRUZZI
C., Via Appia illustrata ab urbe Roma ad Capuam: limite noto Appia... regina viarum, Roma
1790.
C
ANINA
L., La prima parte della via Appia dalla porta Capena a Boville, Roma 1853.
P
ASSARELLI
A. e G., Vestigia Reginae Viarum, Roma 1990.
P
ASSARELLI
A. , E. G. ed M., Archeomagia, Roma 1992.
P
ASSARELLI
A., Storie dell'Appia Antica, Roma 2010.
P
ASSARELLI
G., Dalla Frugalitas alla Luxuria. I cibi di Catone e le ricette di Apicio, Roma 2000.
D
E
F
RANCESCHINI
M.,Il Mausoleo o Sepolcro degli Equinozi a Roma”, in D
E
F
RANCESCHINI
M. -
V
ENEZIANO
G., Villa Adriana. Architettura Celeste. I segreti dei Solstizi, Roma 2011, appendice III, pp.
194-196.
Chapter
Full-text available
The Mausoleum of Santa Costanza is a perfect example of early Christian architecture during the late Roman Empire, when the Christian cult had just been liberalized. Located in Rome on the Via Nomentana, this circular building belongs to a monumental complex linked to the worship of the tomb of the martyr Saint Agnes, over which two basilicas were built. The oldest of the two, dated to the fourth century, was a horseshoe-shaped basilica that eventually fell into ruins. Being too large to be refurbished, in the seventh century it was replaced by the current much smaller Basilica of Sant’Agnese fuori le Mura.
Equinozio il Sole entra dalla finestra 'a bocca di lupo' B, situata di fronte all'ingresso, e illumina il centro esatto del pavimento a partire dalle 14:30 circa
  • Dell Nei Giorni
Nei giorni dell'Equinozio il Sole entra dalla finestra 'a bocca di lupo' B, situata di fronte all'ingresso, e illumina il centro esatto del pavimento a partire dalle 14:30 circa (figura 11).
Hagar Qim and Mnajdra Prehistoric Temples, Malta Insight Heritage Guides
  • Stroud K
STROUD K., Hagar Qim and Mnajdra Prehistoric Temples, Malta Insight Heritage Guides, Malta 2010.
Prehistoric Cosmology: Observations of Moonrise and Sunrise from Ancient Temples in Malta and Gozo
COX J. -LOMSDALEN T., "Prehistoric Cosmology: Observations of Moonrise and Sunrise from Ancient Temples in Malta and Gozo" in Journal of Cosmology 2010, vol. 9, pp. 2217-2231, con bibliografia precedente. Anche on-line: http://journalofcosmology.com/AncientAstronomy114.html. Mausoleo degli Equinozi sull'Appia antica (Roma)
Il Mausoleo o Sepolcro degli Equinozi a Roma
  • D E Franceschini
DE FRANCESCHINI M., "Il Mausoleo o Sepolcro degli Equinozi a Roma", in DE FRANCESCHINI M.VENEZIANO G., Villa Adriana. Architettura Celeste. I segreti dei Solstizi, Roma 2011, appendice III, pp. 194-196.
Antichità romane de' tempi della Repubblica, de' primi imperatori
  • G B Piranesi
PIRANESI G.B., Antichità romane de' tempi della Repubblica, de' primi imperatori. Disegnate e incise da Giambattista Pianesi architetto veneziano, Roma 1748.
Via Appia illustrata ab urbe Roma ad Capuam: limite noto Appia... regina viarum
  • C Labruzzi
LABRUZZI C., Via Appia illustrata ab urbe Roma ad Capuam: limite noto Appia... regina viarum, Roma 1790.
La prima parte della via Appia dalla porta Capena a Boville
  • Canina L
CANINA L., La prima parte della via Appia dalla porta Capena a Boville, Roma 1853.
Storie dell'Appia Antica
  • Passarelli A
PASSARELLI A., Storie dell'Appia Antica, Roma 2010.
Dalla Frugalitas alla Luxuria. I cibi di Catone e le ricette di Apicio
  • Passarelli G
PASSARELLI G., Dalla Frugalitas alla Luxuria. I cibi di Catone e le ricette di Apicio, Roma 2000.
Il Mausoleo o Sepolcro degli Equinozi a Roma
  • M De Franceschini
  • Veneziano G
  • Adriana Villa
DE FRANCESCHINI M., "Il Mausoleo o Sepolcro degli Equinozi a Roma", in DE FRANCESCHINI M. -VENEZIANO G., Villa Adriana. Architettura Celeste. I segreti dei Solstizi, Roma 2011, appendice III, pp. 194-196.