ChapterPDF Available

Cosa si intende con l’espressione “bambini dal sesso incerto”?

Authors:

Abstract

L’espressione ‘bambini dal sesso incerto’, routinariamente usata dalla stampa Italiana nei casi di notizie su neonatɜ o bambinɜ con atipicità genitale, denota tutta l’incapacità e l’imbarazzo delle società fondate su un forte binarismo di sesso/genere a comprendere, ancor prima che accogliere, quei neonati che abbiano caratteristiche sessuali che differiscono dalla media. (...)
Michela Balocchi, “Cosa si intende con l’espressione "bambini dal sesso in-
certo?”, in Paoli B., Ghisoni A., Cikada M. (a cura di), Guida Arcobaleno, Golem
Edizioni, Torino, Maggio 2018, pp. 226-228.
Cosa si intende con l’espressione "bambini dal sesso incerto"?
L’espressione ‘bambini dal sesso incerto’, routinariamente usata dalla stampa Italia-
na nei casi di notizie su neonatɜ o bambinɜ con atipicità genitale , denota tutta l’in
1-
capacità e l’imbarazzo delle società fondate su un forte binarismo di sesso/genere a
comprendere, ancor prima che accogliere, quei neonati che abbiano caratteristiche
sessuali che differiscono dalla media.
I bambini e le bambine con atipicità nelle caratteristiche sessuali primarie (anatomi-
che, gonadiche o cromosomiche) non hanno un ‘sesso incerto’, hanno il loro proprio
sesso biologico che per gli adulti può risultare non chiaramente ascrivibile alle cate-
gorie del femminile e del maschile, ovvero alla dicotomia di sesso/genere dominante.
E’ comprensibile che la mancanza di conoscenza relativa alle possibili differenze nel-
lo sviluppo sessuale (dsd) comporti inizialmente grande sconcerto, preoccupazione
2
e sofferenza nei genitori, ma con un’adeguata formazione, che dovrebbe essere ri-
volta a tutta la popolazione, si potrebbero evitare quelle pratiche mediche di chirurgia
cosmetica irreversibile volte a modificare l’aspetto estetico dei genitali atipici, prati-
che e trattamenti dettati da pressioni socio-culturali e non da reali motivi di salute.
Tali pratiche mediche invasive si sono affermate e diffuse nella seconda metà del
Novecento, a partire dagli Stati Uniti, sotto l'influenza delle sperimentazioni dello psi-
cosessuologo John Money e della sua équipe alla Johns Hopkins University. Money
teorizzava la neutralità psicosessuale dell'infante e riteneva che il suo "sano" svilup-
po dipendesse primariamente dall'aspetto dei genitali e da una chiara educazione al
genere assegnato entro il secondo anno di età. La nascita di unə bambinə con geni-
tali atipici veniva e viene tuttora considerata come una emergenza psico-sociale.
Così, anche a fronte di organi sani e di uno stato di salute che non richiederebbe al-
Balocchi M. - Braida N., Il “caso” di Gela: le variazioni intersex tra sensazionalismo mediatico e in
1-
terventismo medico, 6 Febbraio, 2014, in http://www.intersexioni.it/il-caso-di-gela-le-variazioni-inter-
sessuali-tra-sensazionalismo-dei-media-e-interventismo-medico/
Sul dibattito terminologico ved. E' meglio usare il termine intersessuale, intersessuato o intersex?, in
2
questa Guida.
cun tipo di trattamento medico urgente e non consensuale, la gestione dominante
nei casi di intersessualità prevede interventi di chirurgia estetica e trattamenti farma-
cologici volti a rendere le caratteristiche sessuali normativamente più femminili o più
maschili.
L’attuale apparente paradosso cui assistiamo è che maggiori sono le conoscenze
biomediche e scientifiche sulla diversità e complessità delle caratteristiche di sesso,
maggiori sono le pratiche attuate per l'eliminazione e la cancellazione di queste di-
versità (Fausto Sterling 1993, 2000). Come scriveva Connell più di dieci anni fa: ‘la
nostra rappresentazione del genere è spesso dicotomica, ma la realtà non lo
è’ (Connell 2006), o anche, con i latini: natura non facit saltus.
Dal 2013 in poi numerosi organismi internazionali , compresa la stessa Organizza
3-
zione Mondiale della Sanità (2016), si sono espressi in modo molto chiaro contro
queste pratiche mediche definite violazione dei diritti umani fondamentali e tortura.
Il problema però rimane, come scrive Leslie Jaye (2016), attivista intersex: ‘’non esi-
stono leggi che riconoscano la legittimità dell’intersessualità nella società: esistiamo
nell’ambito medico e simultaneamente veniamo negati nella società’’.
Soltanto Malta (GIGESC Act, 2015) ha legiferato per rendere illegali tali pratiche me-
diche. L’auspicio è che altri Stati seguano questo esempio e che i trattamenti medici
irreversibili, non necessari per stringenti motivi di salute, non consensuali e dannosi,
non siano più presentati ai genitori o tutori come l’unica possibilità da intraprendere,
e le persone vengano invece accolte per come sono e venga data loro la possibilità
di scegliere, quando potranno farlo, se modificare o meno le loro caratteristiche ses-
suali primarie e secondarie, rispettando così la loro integrità fisica e il loro diritto al-
l’autodeterminazione.
Breve bibliografia
- Connell R. (2006), Questioni di Genere, il Mulino, Bologna.
- Fausto Sterling A. (2000), Sexing the Body, Basic Books, New York.
- Fausto Sterling A. (1993), The Five Sexes: Why Male and Female Are Not
Enough? The Sciences, 20-24.
Quali il CRPD - Committee on the Rights of Persons with Disabilities nel 2016, le Nazioni Unite con
3
il Rapporto Speciale contro la Tortura del 2015, la FRA - Foreign Affairs Council dell’Unione Europea -
2013 , l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa 2013.
- Jaye L. (2016), Voglio un linguaggio che dica la verità, in www.intersexioni.it, v.o. in
http://intersexday.org/en/language-truth-jaye/
- Kessler S. J. (1996), La costruzione medica del genere: il caso dei bambini inter-
sessuali, in Piccone S. - Saraceno C. (a cura di), Genere. La costruzione sociale del
femminile e del maschile, il Mulino, Bologna.

Supplementary resources (2)

Data
June 2018
Michela Balocchi
Data
June 2018
Michela Balocchi
ResearchGate has not been able to resolve any citations for this publication.
Article
Full-text available
Author(s): Anne Fausto-Sterling | Ен Фаусто-Стерлинг Title (English): The Five Sexes: Why Male and Female Are Not Enough Title (Macedonian): Петте пола: Зошто машкиот и женскиот не се доволни Translated by (English to Macedonian): Žarko Trajanoski | Жарко Трајаноски Journal Reference: Identities: Journal for Politics, Gender and Culture, Vol. 3, No. 1 (Summer 2004) Publisher: Research Center in Gender Studies - Skopje and Euro-Balkan Institute Page Range: 191-205 Page Count: 14 Citation (English): Anne Fausto-Sterling, “The Five Sexes: Why Male and Female Are Not Enough,” Identities: Journal for Politics, Gender and Culture, Vol. 3, No. 1 (Summer 2004): 191-205. Citation (Macedonian): Ен Фаусто-Стерлинг, „Петте пола: Зошто машкиот и женскиот не се доволни“, превод од англиски Жарко Трајаноски, Идентитети: списание за политика, род и култура, т. 3, бр. 1 (лето 2004): 191-205.
La costruzione medica del genere: il caso dei bambini intersessuali
  • S J Kessler
Kessler S. J. (1996), La costruzione medica del genere: il caso dei bambini intersessuali, in Piccone S. -Saraceno C. (a cura di), Genere. La costruzione sociale del femminile e del maschile, il Mulino, Bologna.