ArticlePDF Available

Le strade nascoste del mesmerismo

Authors:

Abstract

[The hidden routes of mesmerism].The recent book Mesmer et mesmerismes. Le magnétisme animal en contexte (edited byB. Belhoste and N. Edelman, Montreuil, Omniscience, 2015) offers a new view on the history of animal magnetism. This article develops in particular its indications concerning mesmerism as a very psychological knowledge.
DOI: 10.12862/ispf15L403
[Saggi - 5]
Monica Riccio
Le strade nascoste del mesmerismo*
Laboratorio dellISPF, XII, 2015
Il libro Mesmer et mesmérismes. Le magnétisme animal en contexte
1
si propone, fin dal
titolo, una difficile impresa. Esaminare un fenomeno culturale al plurale non è
mai facile; diventa difficilissimo quando si tratta di un sapere come il mesmeri-
smo, che attraversa un secolo e mezzo trasformandosi ed occultandosi, insegui-
to dal sospetto di ciarlataneria, in buona parte ascrivibile, a ben vedere, a ciò
che c’è di occulto – nascosto, invisibile, inverificabile nelle sue pratiche.
Usare il termine saperea proposito del magnetismo animale non è, oggi,
scelta casuale riduttiva; il volume è inserito nella collana «Histoire des sa-
voirs», frutto di un progetto nato dalla constatazione di quanto l’approccio del-
la “storia delle scienze” lasci fuori tutto ciò che, oggi, non sembra “scientifi-
co”
2
. Pensare non alle scienze ma ai saperi permette invece di allargare e precisare
la prospettiva storica, rendendo visibili, letteralmente, saperi che si sono collo-
cati o si collocano ai margini delle scienze e che hanno uno statuto originaria-
mente interdisciplinare, come, appunto, il magnetismo animale.
Se esaminare il mesmerismo al plurale è impresa difficile, probabilmente non
poteva essere affrontata che da una molteplicità di voci, come accade in questo
volume; ma l’obiettivo comune esplicitato nell’introduzione storicizzare la sto-
riografia del mesmerismo
3
non rimane mera petitio principii, attraversa e sostiene
tutti i contributi, perseguito con finezza e senza alcun sacrificio della complessità.
Si tratta di un obiettivo forse ancora relativamente nuovo per ciò che riguarda il
magnetismo animale, nonostante il moltiplicarsi recente degli studi.
Il volume riesce a restituire il ritmo, tutto particolare, di quella che Ellenber-
ger ha chiamato l’evoluzione del mesmerismo, senza costringerlo tuttavia, co-
me aveva fatto Ellenberger, in uno schema rigidamente evolutivo. Come giu-
stamente osservano i curatori di Mesmer et mesmerismes, Bruno Belhoste e Nicole
Edelman, nell’introduzione al volume
4
, la prospettiva che proponeva Ellenber-
ger nel 1970 in The Discovery of the Unconscious. The History and Evolution of Dynamic
Psychiatry era infatti condizionata dal proposito di rintracciare i punti di emer-
sione di un pensiero sull’inconscio; ma era anche, insieme, fortemente com-
promessa dall’intento di leggere una storia, lunga ed articolata, come evoluzione
5
.
È una prospettiva che, per mantenere l’unità evolutiva attraverso le metamor-
fosi della «psichiatria dinamica», si incaglia in scomparse e riapparizioni quasi
magiche, e che, sovrapponendo spesso la psichiatria dinamica al magnetismo
animale, lascia da parte elementi cruciali della stessa storia della psichiatria.
* Il testo riproduce l’intervento dell’A. alla giornata di studio F. A. Mesmer e l’Armonia
universale. Il magnetismo animale nella cultura e nella società europea fra Sette e Ottocento, Napoli, ISPF, 12
maggio 2015.
1
Mesmer et mesmérismes. Le magnétisme animal en contexte, sous la direction de Bruno Belhoste et
Nicole Edelman, Montreuil, Omniscience, 2015.
2
Si veda la nota esplicatica della direttrice della collana, Karine Chemla, ivi, p. 5.
3
Cfr. B. Belhoste - N. Edelman, Introduction, ivi, p. 18.
4
Cfr. ivi, pp. 10-11.
5
H.F. Ellenberger, The Discovery of the Unconscious. The History and Evolution of Dynamic Psychia-
try, New York, Basic Books, 1970; tr. it.: La scoperta dell’inconscio. Storia della psichiatria dinamica, 2
voll., Boringhieri, Torino, 1976. Proprio la parola “evoluzione”, chissà perché, è espunta dalla
traduzione italiana del titolo.
Le strade nascoste del mesmerismo
3
I saggi di questo volume ci restituiscono invece una dinamica ritmica delle
metamorfosi del magnetismo animale, scandita da silenzi ed oblii, e non solo in
occasione di grandi fratture storiche come quella prodotta dalla Rivoluzione
francese, ma anche in prossimità delle condanne, dei rifiuti, degli accantona-
menti che il mesmerismo subì; si pensi alla notissima condanna delle commis-
sioni parigine nel 1784, trattata da Bruno Belhoste
6
, e a quella più tarda della
Santa Sede, di cui si occupa invece David Armando
7
. Lo sguardo autentica-
mente storico coglie, in entrambi i casi, la lunga preparazione di queste con-
danne, i percorsi tortuosi, l’avvicinamento apparentemente laterale, a volte elu-
sivo di questioni teoriche centrali. Scopriamo così quanto questo ritmo sia
condizionato anche dal processo di storicizzazione compiuto dagli avversari del
mesmerismo, che genera a sua volta nei sostenitori una reazione tesa ad unifi-
care la propria storia.
Il libro, quindi, porta allo scoperto le anomalie del processo di evoluzione
diacronica del mesmerismo, allargando la prospettiva oggi diremmo: di ne-
cessità dal campo della medicina a quello di altri saperi: religione, arti, filoso-
fia, e seguendo così le declinazioni di una terminologia dell’evoluzione
naissance, renaissance, heritage in modo diverso e nuovo.
Nel suo saggio dedicato ai soggiorni parigini di Mesmer, Belhoste fa notare
che Mesmer, senza volerlo, agì come un rivelatore delle tensioni interne al
mondo medico parigino, ma gli storici, obnubilati dalla sua condanna ufficiale,
hanno sottostimato la diffusione precoce delle sue idee tra i medici, sovrasti-
mando invece i suoi primi successi di pubblico
8
. Quest’affermazione può forse
offrire un diverso angolo visuale sull’intera storia del mesmerismo, guardata
troppo spesso come parallela, distante o in conflitto con il corso della storia
della medicina.
In virtù di questo come di altri cambiamenti di prospettiva, i contributi di
questo volume non solo ricollocano, per così dire, il mesmerismo nel panora-
ma delle scienze, ma mostrano anche come le scienze fanno la loro storia: par-
ticolarmente quelle scienze dell’uomo la medicina e la psichiatria che han-
no a che fare con il corpo umano ma anche con i suoi nessi con la psiche e con
la questione del rapporto corpo-mente, e che nell’affrontare questo rapporto
hanno sempre mostrato un disagio “epistemologico”, mai del tutto risolto.
Significative e introduttive, a proposito, le questioni portate alla luce nel
saggio di Koin Vermeir: Guerir ceux qui croient: le mesmerisme et l’imagination histori-
que. L’immaginazione diventa molto presto con le prime condanne lo stig-
ma del mesmerismo: i risultati delle pratiche magnetiche, si dichiara, sono solo
frutto dell’immaginazione. Ma in questa stigmatizzazione si utilizza un concetto
povero di immaginazione, più rozzo di quello filosofico, elaborato dai medici
6
B. Belhoste, Mesmer et la diffusion du magnétisme animal à Paris (1778-1803), in Mesmer et
mesmérismes, cit, pp. 21-61.
7
D. Armando, Le Saint-Office romain face au magnétism animal, ivi, pp. 211-224.
8
Cfr. B. Belhoste, Mesmer et la diffusion du magnétisme animal à Paris (1778-1803), cit., p. 23.
Monica Riccio
4
che lo legano all’illusione di guarigione e alla credulità. Gli effetti del mesmeri-
smo sono illusori, affermava Thouret nel 1784, perché non sono il riflesso del-
lo stato reale del corpo, sono effetti fuggevoli; si utilizza cioè lo sottolinea
Vermeir un concetto di immaginazione che non è più quello ricco e comples-
so della tradizione moderna, facoltà “alta” che lega l’esprit al corpo. È un con-
cetto che ascrive interamente l’immaginazione al moral, e così facendo rende
più difficile la spiegazione dei suoi effetti “reali” sul physique.
Sembra quindi più degna di attenzione di quanto appaia a prima vista la pre-
tesa di Mesmer riferita sempre da Vermeir di inserire il proprio lavoro nella
linea di Descartes e Newton, piuttosto che in quella del magnetismo simpateti-
co e di Maxwell, indicata da Thouret e da altri critici del mesmerismo. Si può
forse dubitare dell’effettiva e profonda conoscenza da parte di Mesmer di que-
sti percorsi teorici, e probabilmente Mesmer si riferiva più alle scienze fisiche di
Descartes e Newton che alla loro “psicologia”, ma la sua “rivendicazione” può
essere anche l’indicazione di un percorso più complesso rispetto a quello, an-
gusto, tracciato dalla comunità medica.
Sul mesmerismo e le sue rinascite continuerà sempre a gravare il peso di una
medicina che si vuole ufficiale ma che resta incerta sul proprio statuto episte-
mologico per tutto l’ Ottocento; ad essa si accoda, nei primi decenni del secolo,
la psichiatria, gregaria di una medicina pur così debole epistemologicamente.
Ed è proprio nel primo decennio dell’Ottocento che si manifesta una delle re-
naissances del mesmerismo: sono i risultati delle terapie magnetiche di pertinen-
za della psichiatria malattie dei nervi, convulsioni, epilessie; in qualche caso si
parla di “alienazioni passeggere” che fanno riaprire, all’inizio dell’Ottocento,
la questione del magnetismo animale.
Il magnetismo, la terapia magnetica, prende in carico proprio la parte miste-
riosa e segreta occulta dell’uomo, la psiche, che la psichiatria, inseguendo il
proprio ideale scientifico, finirà per disertare a lungo; va a riempire, in qualche
modo, il vuoto lasciato dalla psichiatria quanto a considerazione e terapia del
moral, e lo fa proprio rifiutando la separazione, che allora si affermava con for-
za, tra il physique e il moral si è visto l’impoverimento del concetto di immagi-
nazione che ne derivava.
Passaggi come questo sono cruciali se si vuole ricostruire una storia del me-
smerismo, e tuttavia difficili da indagare, se non ci si vuole arrestare alla pro-
clamazione di un cambiamento di strada nell’evoluzione del magnetismo, come
faceva Ellenberger a proposito del sonnambulismo magnetico sperimentato
per la prima volta da Puységur. Il saggio di Jean-Luc Chappey Le magnetisme
sous l’Empire, un héritage du mesmérisme? è uno di quelli che con questo passag-
gio delicato si cimentano, mostrando aspetti finora trascurati del lavoro di
Puységur e Deleuze, i due principali artefici della ripresa del magnetismo dopo
la rivoluzione. Chappey segue il percorso delle “nuove” terapie magnetiche
centrate sul sonnambulismo, indicandone innanzitutto le radici nella filantro-
pia: ambito lontano quindi dalle scienze terapeutiche, che permette però mag-
giori libertà, mantiene aperto lo spazio della sperimentazione ed accoglie pen-
sieri e pratiche ferocemente osteggiati dalle scienze ufficiali. L’osservazione
Le strade nascoste del mesmerismo
5
non irreggimentata, aperta, curiosa, l’affidamento alla credenza Deleuze diceva,
e lo cita Chappey, che il credere era necessario in queste pratiche e alle testi-
monianze offerte dalle sensazioni del “paziente”, costituiscono la trama di una
pratica teraupetica davvero alternativa. Pratica che accoglie e mantiene, a ben
vedere, molti suggerimenti delle scienze dell’uomo dell’età dei Lumi, respinti
invece dalle scienze mediche. Non è un caso che ci sia stato un contatto, con
riconoscimento e interesse reciproci, tra Puységur e Pinel, di cui ci riferisce an-
cora Chappey. Il traitement moral proposto da Pinel per gli alienati perdeva già
molta considerazione negli ambienti “scientifici” del primo decennio
dell’Ottocento; la “nuova” psichiatria che si costituì a partire da allora aveva
soprattutto preoccupazioni nosografiche e cer, durante tutto il secolo, un
fondamento sicuro nella fisiologia cerebrale.
Anche il saggio di Edelman Soigner l’esprit, guérir le corps par les therapies ma-
gnétiques sonda elementi tutto sommato trascurati della terapia magnetica di
inizio Ottocento, guardando più da vicino aspetti occulti e misteriosi del son-
nambulismo, ma allontanando ogni tentazione “psicologistica” retrospettiva.
Particolarmente il saggio discute The Pathogenic Secret, articolo pubblicato nel
1966 da Ellenberger, che invece in questa tentazione cadeva, attribuendo virtù
terapeutiche all’espressione di un segreto restato a lungo nascosto nella psiche
del paziente.
I “segreti” che emergevano nelle terapie effettuate con il sonnambulismo
magnetico di Puységur e Deleuze non erano propriamente dimenticati o rimos-
si nello stato di veglia fa notare Edelman e non era la loro espressione a
portare alla guarigione: appartenevano sicuramente ad un lato occulto della psi-
che che si manifestava nel sonno magnetico, ma trasportarli nello stato di ve-
glia non serviva a guarire. Era il paziente addormentato artificialmente ma
comunque più autonomo di quello che più tardi sarebbe stato ipnotizzato, co-
me si ricorda in un altro di questi saggi
9
che vedeva a volte con chiarezza la
propria malattia e il modo per guarirla; una veggenza, e chiaroveggenza, lucida,
che non aveva nulla a che fare con l’emersione e la liberazione del segreto. Ciò
poteva accadere diceva ad esempio Alexandre Bertrand, altro sostenitore del
mesmerismo, nel 1826 perché nel sonnambulo la sensibilità propria della vita
interiore, che nello stato di veglia è «latente» o «organica», diviene chiaramente
percepibile e si esalta al massimo grado.
Questa sorta di liberazione della vita psichica nel sonnambulismo magnetico
spaventava in egual misura la Chiesa e il mondo medico-scientifico, come ri-
corda Armando nel suo saggio. Al di fuori di questi ambiti si trova invece una
considerazione assai diversa. Nella sezione di filosofia dell’Académie des
sciences morales et politiques, ad esempio, veniva proposto nel 1851 un con-
corso sulle facoltà in gioco nello stato di sonno naturale e in quello sonnambu-
lico, naturale o magnetico. In un momento, quindi, in cui le questioni relative al
sonnambulismo magnetico sembravano chiuse o accantonate, venivano riaper-
9
L. Montiel, Magnétisme animal et nouvelle subjectivité dans l’Allemagne romantique, in Mesmer et
mesmérismes, cit., pp. 171-187. Montiel parla di una vera e propria rébellion magnetique.
Monica Riccio
6
te come problemi schiettamente psicologici, nel senso moderno, e non a caso
in un ambito filosofico. Se ne occupa Jacqueline Carroy nel suo saggio Un con-
cours sur le sommeil, les rêves et le sonnambulisme (1851-1854).
Le questioni poste nel concorso accreditavano l’idea che potesse esserci una
scienza dell’uomo che dorme e davano al sogno piena dignità di fenomeno psi-
cologico. I testi presentati, in molti casi, esprimevano a loro volta temi relativi
alle analogie e alle differenze tra sonno artificiale e naturale che sarebbero stati
in parte ripresi dall’ipnotismo di fine secolo, ma in parte anche accantonati,
occultati è il caso di dire per la loro persistente portata enigmatica.
Si ipotizzavano, anche, degli spazi di lucidità “doni”, li chiama Carroy a
conclusione del suo saggio che non appartengono necessariamente al sonno
o alla veglia, e che potettero emergere, rendersi visibili ed essere analizzati, in
quel momento, forse solo con il contributo del magnetismo animale. Il quale
diventa riconoscibile come autentico sapere della psiche laddove sia guardato,
come in questo caso, al di fuori di uno schema riduttivo, o semplicemente evo-
lutivo, della storia delle scienze.
Laboratorio dellISPF
ISSN 1824-9817
www.ispf-lab.cnr.it
Monica Riccio
ISPF-CNR, Napoli
r @ispf.cnr.it
Le strade nascoste del mesmerismo
Citation standard:
RICCIO, Monica. Le strade nascoste del mesmerismo. Laboratorio dellISPF. 2015,
vol. XII. DOI: 10.12862/ispf15L403.
Online: 30.12.2015
ABSTRACT
The hidden routes of mesmerism. The recent book Mesmer et mesmerismes. Le magnétisme animal
en contexte (edited by B. Belhoste and N. Edelman, Montreuil, Omniscience, 2015) of-
fers a new view on the history of animal magnetism. This article develops in particular
its indications concerning mesmerism as a very psychological knowledge.
KEYWORDS
F. A. Mesmer; Animal magnetism; History of psychology
SOMMARIO
Il recente volume Mesmer et mesmerismes. Le magnétisme animal en contexte (a cura di B.
Belhoste e N. Edelman, Montreuil, Omniscience, 2015) offre uno sguardo nuovo sulla
storia del magnetismo animale. In particolare questo articolo ne raccoglie le indicazio-
ni relative al mesmerismo come autentico sapere della psiche.
PAROLE CHIAVE
F. A. Mesmer; Magnetismo animale; Storia della psicologia
ResearchGate has not been able to resolve any citations for this publication.
ResearchGate has not been able to resolve any references for this publication.