ArticlePDF Available

Il I Libro del "Roman de Fauvel" nella scrittura (e iconografia) del manoscritto Paris B.N.fr.146

Authors:

Abstract

The tradition of the Roman de Fauvel, realization of the most conspicuous satirical late-medieval allegory, has twelve manuscripts, to which are added two fragments of unequal length. In the twelve manuscripts, the text of Fauvel preserved includes the two Livres traditionally attributed to Gervais du Bus: With three exceptions, where the manuscripts I transcribe only the Book, that situation may correspond to some accidental factor, or depend on the use of a copy I carried the book, but also reflect the situation of an exemplar that has gone only this, which occurred in the composition and distribution of both books now finished. In one case, however, in the Paris BNfr.146 manuscript, the status of the text is exactly the opposite: the transcription, or one that appears as such, there has decreased, but is rather increased with a high number of additions.
Revista de Filología Ronica ISSN: 0212-999X
2014, vol. 31, núm.1, 129-148 http://dx.doi.org/10.5209/rev_RFRM.2014.v31.n1.51069
129
Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura
(e iconografia) del manoscritto Paris B.N.fr.146
Margherita L
ECCO
Dipartimento Italianistica e Romanistica
Università di Genova
margherita.lecco@lettere.unige.it
R
ESUMEN
La tradición del Roman de Fauvel, realización de la alegoría medieval tardía satírica más visible,
tiene doce manuscritos, a los que se añaden dos fragmentos de longitud desigual. En los doce
manuscritos, el texto de Fauvel preservado incluye los dos Livres tradicionalmente atribuidos a
Gervais du Bus: con tres excepciones, cuando los manuscritos transcriben sólo el libro, esa situa-
ción puede corresponder a algún factor accidental, o dependen del uso de una copia, pero también
reflejan la situación de un ejemplo que lo contiene, que se produjo en la composición y distribu-
ción de ambos libros ya terminados. En un caso, sin embargo, en el manuscrito de París BNfr.146,
el estado del texto es exactamente lo contrario: la transcripción, o la que aparece como tal, no ha
disminuido, sino que más bien aumentó con un alto número de adiciones.
Palabras clave: literatura medieval, literatura francesa, manuscritos
[Recibido, junio 2013; aprobado, septiembre 2013]
The first book of the Roman de Fauvel in the writing
(and in the iconography) of Paris B.N.fr.146 manuscript
A
BSTRACT
The tradition of the Roman de Fauvel, realization of the most conspicuous satirical late-medieval
allegory, has twelve manuscripts, to which are added two fragments of unequal length. In the
twelve manuscripts, the text of Fauvel preserved includes the two Livres traditionally attributed to
Gervais du Bus: With three exceptions, where the manuscripts I transcribe only the Book, that
situation may correspond to some accidental factor, or depend on the use of a copy I carried the
book, but also reflect the situation of an exemplar that has gone only this, which occurred in the
composition and distribution of both books now finished. In one case, however, in the Paris
BNfr.146 manuscript, the status of the text is exactly the opposite: the transcription, or one that
appears as such, there has decreased, but is rather increased with a high number of additions.
Keywords: medieval literature, French literature, manuscripts
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
130
Introduzione
La tradizione del Roman de Fauvel, realizzazione tra le più cospicue dell’allegoria
satirica tardo-medievale,
1
conta dodici manoscritti, ai quali vanno aggiunti due
frammenti di diseguale lunghezza.
2
Nei dodici manoscritti, il testo del Fauvel
conservato comprende i due Livres tradizionalmente attribuiti a Gervais du Bus: con tre
eccezioni, dove i manoscritti trascrivono unicamente il I Libro,
3
situazione che può
corrispondere ad un qualche fattore accidentale, o dipendere dal ricorso ad una copia
effettuata sul I Libro, ma anche rispecchiare la situazione di un antigrafo che abbia
recato solo questo, avvenuta a composizione e diffusione ormai compiuta di entrambi i
Libri. In un caso, tuttavia, nel manoscritto Paris B.N.fr.146, lo stato del testo risulta
esattamente all’opposto: la trascrizione, o quella che appare come tale, non vi è
diminuita, ma è anzi aumentata con un alto numero di aggiunte.
L’intera compagine del manoscritto 146 ruota intorno al Fauvel. Il roman del
cavallo Fauvel vi è accompagnato da un gruppo di opere accuratamente scelte allo
scopo di chiarirne il contesto e la vicenda (eventi storici, fattori cultural-letterari, rilievo
poetico): al Fauvel sono state unite le liriche di Geoffroy de Paris e di Jehannot de
Lescurel, la Chronique Métrique attribuita ancora a Geoffroy de Paris, qualche verso del
Congé di Adam de la Halle; testi, tutti insieme, finalizzati ad una messa in rilievo del
contenuto politico-satirico del contributo principale. Del Fauvel propriamente inteso
viene fornita una versione insieme fedele e rinnovata, opera da attribuirsi ancora alle
cure di Gervais, insieme con uno Chaillou de Pestain (cfr.oltre), che dal testo medesimo
risulta essere stato curatore degli inserti musicali (le chansons qui sont en chant), e
dell’intervento di alcuni copisti-editori: ai due Libri di Gervais du Bus sono stati uniti
alcuni complementi autonomi, di varia natura e peso, tra cui prevalgono la cosiddetta
Interpolation di Chaillou, di 1808 ottosillabi, innestata quasi al termine del II Libro,
prolungamento dello stesso, che ai due Libri d’origine appartiene tipologicamente,
poiché presenta eguale carattere narrativo-allegorico, e le 169 pièces liriche distribuite
all’interno del testo così ristrutturato. In altre parole, il testo del Fauvel del manoscritto
146 risulta dalla somma degli originari Libri I e II, più lInterpolation, p le pièces
liriche
4
.
Il nome di Interpolation chiarisce come l’Interpolation (d’ora in poi: INT), ed
anche le pièces liriche siano state a lungo considerate come eccedenti rispetto al testo di
__________
1
Per l’edizione del Fauvel, cfr. Långfors 1914-19 e Strubel 2012 (che riproduce la versione del 146). Per
l’edizione fac-simile del ms. B.N.fr.146, cfr. Regalado-Roesner-Avril 1990. Per l’edizione delle pièces liriche,
cfr. Dahnk 1935 e Rosenberg-Tischler 1991. Una traduzione italiana commentata dell’ed. Långfors è stata
condotta da Lecco 1998, una francese si trova aggiunta a Strubel 2012.
2
L’edizione Långfors conosce, con il MS 146 (= E), undici manoscritti: 1) MS 580, XV secolo (I Libro) = B,
2) MS 2139, XIVe s. = A (il ms di base di Långfors, i due Libri); 3) MS 2140, XVe s. (les deux L.) = G; 4)
MS 2195, XIVe s. (due L.) = J; 5) MS 12460, XVe s. (due L) = F; 6) MS 24375, XVs. (due L.); 7) MS 24436,
XVs. (due L.) = M; 8) MS 4579, XIV s. (fino al v.1044 = N), tutti appartenenti al f.fr. della BnN di Francia;
9) MS 525 della Bibliothèque Municipale di Dijon, XIV s. (I Libro) = K; 10) MS 947 della Bibliothèque
Municipale di Tours, XIVs. (due L.) = L; 11) MS fr. 5.2.101 dell’ex-Biblioteca Imperiale di Pietrograd
(attuale Saint Petersbourg, Natsional’naya Biblioteca Rossii, MS fr.5.2.101), XVs. (due L.) = C.Bisogna
aggiungere (cf. Mühlethaler 1994, p.18, n.7): 12) Cologny, Bibliotheca Bodmeriana, MS Bodmer 71 (i due
Libri); 13) Leyde, Biblioteca Universitaire, MS Ltk 575, ff.35r-35v (128 premiers vers: cf. Crespo 1975).
3
B e K, cui si aggiunge N.
4
Morin 1992 e 1998; Mühlethaler 1994; Bent-Wathey [Fauvel Studies] 1998, Dillon 2002, Strubel 2012.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
131
Gervais, integrate al corpo testuale con carattere quasi casuale, a seguito di
un’intenzione non programmata. Le inserzioni, invece, che il Fauvel di Gervais du Bus
ha subito nel BnN f.fr.146 derivano da un progetto definito, prodotto da un intento
deliberato. Il loro insieme, che procede di pari passo con l’apporto di un ampio apparato
musicale ed iconografico, è segnato dall’uso di temi, toni e registri variati, in
corrispondenza con un’azione esercitata su passi distinti del testo d’origine.
Lasciando da parte i problemi dovuti alla nuova strutturazione, all’alto numero di
composizioni e alle difficoltà interpretative, ci si può chiedere per quale ragione un
simile cambiamento sia stato effettuato, perché siano state inserite INT e quelle che il
testo medesimo chiama addicions.
5
Le risposte date in epoca moderna, diversificate nel
tempo, a partire dalle riflessioni di Gaston Paris e di Arthur Långfors in poi, hanno
puntato in direzione di un ampliamento del testo, e/o di un suo abbellimento, condotto
su plivelli. Da qualche anno,
6
si è giunti a riconoscere alle aggiunte l’importanza di
complementi testuali necessitanti, non meno di quanto realizzato dall’apporto musicale
e da quello iconografico. Ma a quale fine, tuttavia, questo è stato fatto? Le ipotesi
dipendono dalla prospettiva con cui ogni studioso guarda al Fauvel del 146,
dall’importanza concessa alle intenzioni degli Autori, dal rapporto inteso fra testo e
situazione storica, dalla qualid’intervento richiesto sul testo e sul manoscritto, e da
altre motivazioni ancora.
A definire l’impostazione del manoscritto, nelle sue nuove sezioni, potrebbe essere
stata invece la possibilità di una funzione correttiva: una deviazione dal testo primitivo
che si era resa necessaria in vista di una nuova determinazione di senso, giustificata
dall’insorgere di condizionamenti ed imperativi imprevisti, sopravvenuti dopo il 1310,
da operare specialmente sul I Libro. Questa impostazione viene suggerita dalla
valutazione derivante dalla figura di «Gervais du Bus». Se costui va identificato con il
cappellano e segretario del primo ministro di Philippe IV le Bel, Enguerrand de
Marigny, che è stato riconosciuto con buoni argomenti dai dotti editori dei Fauvel
Studies, Margaret Bent e Andrew Wathey,
7
si può pensare, con qualche attendibilità
(come, del resto, non rifiutano di pensare Bent e Wathey),
8
che il nuovo Fauvel sia da
addebitare ad un suo intervento nella scrittura del testo da lui medesimo iniziato.
1.
Una breve memoria al riguardo, che contribuisce ad inteneder quanto verrà detto
sul testo del I Libro nel 146. L’attribuzione delle responsabilità autoriali del Fauvel non
è del tutto semplice. Che Gervais sia l’autore del I Libro è cosa apparsa spesso incerta
agli studiosi moderni:
9
tanta è la distanza ideologica e, in parte, stilistica, che separa il I
dal II Libro, il solo (a parte INT: cfr. oltre) in cui compare, sia pure sotto forma di
enigma, il suo nome.
10
Nel quadro di complessiva decadenza delle condizioni del regno
__________
5
Come afferma la rubrica del f.XXIII, colonna B.
6
Fatta debita parte al precursore lavoro di Dahnk 1935.
7
Bent-Wathey 1998, pp.12-13.
8
Se bene si intende l’affermazione che: «As a number of writers have suggested, some part in the reworking
of Fauvel may well have been played by Gervés du Bus. Chaillou’s framing of this own relationship with the
‘original’ Fauvel text does not exclude this possibility», ibidem, p.13.
9
Ad iniziare da Långfors 1914-19, pp.LXXI-LXXVII (il paragrafo iniziale del capitolo, dedicato all’autore
del Fauvel, si chiede «les deux livres sont-ils du même auteur?»).
10
Cfr. vv.3277-3280: Ge rues doi .v. boi .v. esse/ Le nom et le surnom confesse/ De celui qui a fet cest livre./
Diex de cez pechiez le delivre.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
132
francese che il I Libro traccia, già di per sé poco consono sulla bocca di chi occupava, di
fatto, una posizione di governo, almeno due passaggi suonano inquietanti. Quello che si
legge ai vv.125-136, allusione scoperta al fascino che Fauvel esercita su re Philippe,
ritratto nell’atto di frotter Fauvel, così come avviene per gli appartenenti ai diversi Stati
del Mondo:
11
Un en i a qui est seignor 125
Entre les autres le greignour
Et en noblesce et en puissance
De conreer Fauvel s’avance,
De l’une main touse la crigne.
Et o l’autre main tient le pigne…
quello, poi (ed è opinione che sembra insolita, per non dire incauta, alla corte di
chi ha provocato lo spostamento della sede papale ad Avignon), dove si depreca la
sottomissione del potere spirituale della Chiesa al potere temporale del re (il passo è
molto lungo: cito solamente i vv.472-475):
L a seignorie temporel, 472
Qui deüst estre basse lune,
Est par la roe de Fortune
Souveraine de sainte Eglise.
critica che viene ulteriormente ribattuta pochi versi più oltre, vv.569-578ss,
quando si deplora che la Chiesa sia tributaria al re:
Le pape, pas nel celeroi, 569
Torche Fauvel devers le roy
Pour les joiaus qu’il li presente.
Et a lui plere met s’entente,
De ces diesiesmes li envoie
Et des prouvendes li otroie
Par tout pour ces clers largement.
Hé las, com mal entendement
Que par ce voion sainte Eglise
Tributaire et au dessous mise, ecc..
L’incertezza sulla paternità del I Libro è stata in genere risolta ritornando a
Gervais, per mancanza di prove contrarie, accogliendo come ancora più dubbia la
possibilità di riconoscere al I Libro un autore diverso, in grado, nonostante tutto, di farsi
accettare da colui che dice, ad inizio di II Libro, di essere appunto l’autore che si
accinge a scrivere un complemento doveroso a quanto ha scritto in precedenza:
Affin que sans lui puisson vivre, 1241
Ay de ly fait cest segont livre…
Non è meno vero, tuttavia, che il II Libro appaia come una sostanziale smentita di
quanto era stato affermato nel I: dove, nel I, Fauvel è descritto (e la descrizione, in
__________
11
Belletti 1993.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
133
forma di compendio trattatistico, è la dimensione compositiva del Libro) come fonte
d’ogni male sociale, attivo nel condurre il regno capetingio verso una rovina
irrimediabile, il II, attraverso la drastica condanna di Fortuna, confuta punto per punto il
precedente, riportando, con l’esposizione della volontà di Dio che interviene per mettere
alla prova gli uomini, l’equilibrio nella visione della società e del ruolo dell’uomo. Il II
Libro si pcioè interpretare come palinodia, come ritrattazione degli assunti primitivi,
da motivare come conseguente alla posizione di Gervais, nel 1309-1310 sostenitore di
un Enguerrand de Marigny, primo ministro di Philippe IV, ancora potente e in grado di
compiacersi, se non di favorire, una sorta di ‘Frondaal potere del re, nel 1314 ridotto
invece alla sconfitta.
E non va dimenticata, in ordine al Fauvel, la puntuale accuratezza con cui, alla fine
del II Libro, è dichiarata la data di chiusura del lavoro di composizione:
Ici fine cest second livre, 3272
Qui fu parfait en l’an mil et .iiij.
.ccc. et .x., sans riens rabatre,
Trestout droit, si com il me membre,
Le .vj. jour de decembre.
La precisazione non è casuale: il II Libro sarebbe stato terminato il 6 dicembre
1314, vale a dire una settimana esatta dopo la morte di re Philippe IV, avvenuta il 29
novembre 1314 in circostanze non del tutto chiarite. Data e sottolineatura abbastanza
tempestive per non sollecitare qualche dubbio, tenendo presente che, da quel momento,
inizia l’inversione delle fortune di Marigny, che conduce il ministro alla morte per
impiccagione il 30 aprile 1315. Come non pensare (sempre che la data sia effettiva, e
non apposta fittiziamente) che il II Libro non rappresenti una sorta di revirement di
Gervais, non si proponga come auto-correzione degli accesi assunti del I Libro?
Avvenuta forse per ragioni di sicurezza personale (a fronte della persecuzione che
ebbero a subire i fedeli di Enguerrand), ma forse, meno drammaticamente, anche in
ordine ad un rinnovato intento di sostegno agli eredi al trono e nuovi detentori della
sovranità. È un fatto accertabile, comunque, che il II Libro si dia come sostanziale
proposizione di valorizzazione della monarchia, a sostegno del successore di Philippe
IV, Louis X ‘le Hutin’.
La versione del manoscritto 146 può essere intesa come come incremento
compiuto nella medesima direzione. Testo che rafforza le posizioni ideologiche del II
Libro e manufatto di sontuosa bellezza e lusso, il 146 sembra pensato appositamente per
essere presentato a corte, in un tempo, tra il 1316 della stesura letteraria e il 1322 della
definitiva confezione materiale, in cui la monarchia capetingia si stava avviando alla
scomparsa. Circostanze storiche turbinose stanno quindi a probabile ragione della
versione del 146: produzione di un testo che potesse suffragare una legittimazione del
potere con i mezzi artistici di maggior rilievo intellettuale e artistico; e che promuovesse
il messaggio correlato inglobando con discrezione il testo d’origine, quel I Libro che,
nel progetto originario, avrebbe dovuto far sentire una voce moralizzatrice, per quanto
di tono satirico.
Se allora, a determinare la posizione del II Libro, il suo deciso intervento sulle
posizioni del I Libro, condotto attraverso le parole di Fortuna, la sua ribadita
esposizione dello statuto del mondo in opposizione alla presa di potere di Fauvel, è
davvero stata la volontà di ritornare sul sentiero riconoscibile dell’encomio monarchico,
si potrà individuare l’aggiunta degli apporti in funzione di rafforzamenti alla direzione
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
134
neo-legittimista espressa dal testo del 146; parti innestate sul testo, dislocate a margine
delle sue enunciazioni con volontà di commentarlo: quindi, in realtà, di rifarlo anche nei
più intimi aspetti. Lontani dall’essere semplici contributi a miglioramento od
amplificazione, i vari apporti testuali, a qualunque tipologia appartenenti (lirica,
musicale, iconografica), sono stati inseriti con volontà di precisare, di chiarire, di
ribadire aspetti meno decifrabili, o di oscurarne di troppo manifesti, in relazione ad una
correzione del messaggio di fondo.
2.
La variazione, o meglio la ricontestualizzazione degli assunti del Fauvel primitivo,
si legge globalmente nella versione del manoscritto 146, nel progetto complessivo del
testo, che coinvolge numerosi livelli orientati abilmente verso una nuova dimensione:
per osservare l’intero spettro delle variazioni si dovrebbe esaminarne l’assetto
nell’intero Fauvel. Dati i presupposti, però, il reale, o primo, obiettivo della revisione
risiede nell’intervento che viene condotto sul I Libro. Una lettura sinottica della
versione edita da Långfors e della versione del 146,
12
permette di constatare come la
lezione del I Libro originario vi sia stata mantenuta quasi intatta. Al di di minime
varianti di lezione, d’ordine sostanzialmente stilistico,
13
i cambiamenti relativamente
più profondi si osservano nell’aggiunta di poche decine di versi, all’altezza dei vv.950-
951, dei vv.767-768 e 982 (in questi due ultimi, si tratta, propriamente, di sostituzioni),
o nella variazione di altri preesistenti, vv.13-14, 125-127, 188-189, 203-204 (presenti in
tutti i manoscritti tranne che in A, scelto da Långfors), 283-286, 307-308, 319-320, 367-
368, 379-380, 395-396, 441-443, 463-464, 475-4777, 503-504, 501-506, 525-526, 577-
578, 597-598, 629-630,666-667, 701-702, 739-741, 776-779, 1225-1226.
Le varianti non sembrano aver operato molti cambiamenti rispetto al I Libro
originario. Come ad esempio, si legge per i vv.283-286, che nel 146 suonano:
Or te weil je dire et prouver,
Fauvel non resnable trouver
Se deust en l’estable gesant,
Mais nu feroit pour nul besant
mentre il manoscritto A leggeva:
Or te vuil je prouver sans fable
Que Fauvel est nient raisonnable,
Il deust gesir en l’estable
Mès c’est beste si mal estable
Qu’en son lieu ne se veult tenir
dove non sembra osservarsi se non una variazione di tipo stilistico. Oppure ai
vv.501-506, che leggono:
__________
12
Andrebbe condotta una revisione integrale della versione dei Libri I e II nel confronto con la versione del
146. Già Ernest Hoepffner aveva giudicato debole la lezione offerta dal manoscritto A scelto per l’edizione
Långfors: cfr. Hoepffner 1920, pp.427-28.
13
Per le quali si potrà provvisoriamente riandare all’edizione Långfors: anche questo è però lavoro che
richiede un’ulteriore verifica.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
135
Primes en ecclesiaus persones,
Qui deussent avoir taches bones,
sanz gloseure et sanz comment
Clerement te dirai comment
Teis personnes, c’est chose clere,
Ont pris bestournee maniere
dove gli altri manoscritti leggono:
Primes en ceulz de sainte Eglise
Ou plus d’amor doit estre assise,
sans gloseure et sans comment
Clerement te diroi comment
Les persones de sainte Eglise
Ont vie bestornee prise.
Un maggiore (ma sempre basso) salto di qualità argomentativa si legge se mai
nell’aggiunta inserita tra i vv.950 e 951, al momento della deprecazione della Chiesa sui
Cavalieri Templari, dove entra il tema ‘sarrazin’, che Fauvel rammenterà solamente nel
II Libro, al momento di caratterizzare in senso negativo gli arredi della corte di Fauvel
(vv.1266, 1287):
Nourri les ay et alleitiez [i Templari]
Et a mon poair afaitiez
Pour deffendre la sainte terre
Contre Sararzins renoiez.
Mais or les voi si desvoiez
Qu’a Jhesucristont empris guerre.
Anche in questo caso, però, la variazione rimane debole, no risolutiva. Sono
invece più interessanti i complementi che si ottengono dall’incremento delle rubriche o
di qualche frase di transizione: nel f. Xr,B otto versi (He, unccion esperital…) separano
i vv. 1203-1204 di Gervais dalla p.mus. 3, il rondeau Porchier miex estre ameroie e
dodici versi (Regnaut li lyons…) concludono C, dopo i vv.1205-1226 (verso finale) del I
Libro;
14
nel f.Xv, otto versi precedono il tenor della p.mus.32, il mottet Rex beatus,
quattro in A, quattro in B, due versi (Pour Phelippes) chiudono B in fondo alla
colonna; mentre una rubrica che annunzia la fine del I Libro e l’inizio del II è inserita
nel f.XIr,A.
Le deviazioni dalle asserzioni e dalla costruzione del messaggio precedente si
leggono invece nelle aggiunte davvero a latere, sul piano delle pièces liriche. In questo,
nelle sue molte composizioni, risiede l’autentica ridefinizione del I Libro (che era
ovviamente estraneo all’innovazione di INT): che si rileva nella costruzione di un
messaggio propositivo e nella selezione di un registro improntato alla gravitas.
Tra i ff.Ir, A e XIr, A, sono state inserite 33 pièces,
15
tra le quali si annoverano
mottetti (n.1, 2, 3, 4, 5, 7, 8, 9, 12, 17, 21, 22, 27, 29, 32, 33), proses (n.6, 10, 11, 13,
14, 15, 16, 18, 19, 20, 23, 24, 25, 26, 28), rondeaux (n.30) (più un alleluia non lirico,
__________
14
La lezione del v.1204, che in A (edizione Långfors) suona C’est chose trop mal resonnable, è riportata dal
146 come Par Dieu cest chose mal regnable.
15
Cfr. Dahnk 1935 e Rosenberg-Tischler 1991.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
136
n.31). Tutte le pièces aggiunte al I Libro sono in latino, con l’eccezione di due in
francese, n.29 (Fauvel nous a fait present), e n.30 (Porchier miex estre ameroie), e della
n.12 (Qui secuntur castra), che alterna latino e francese:
16
il primo adottato per le
composizioni in stylus gravis, il secondo per quelle amorose, di tema e registro d’amore.
La considerazione dell’uso linguistico del latino, e la prevalenza del suo impiego
per le pièces del I Libro, contribuisce a comprendere come queste vi siano adibite a
veicolare una materia di stretta attualità e siano improntate ad un registro severo: il
quale si rivela fortemente contrastivo, quanto a contenuti e a maniera espressiva, con il
testo narrativo che costituisce la linea di racconto principale del Fauvel ‘di Gervais’.
Si prenda, ad esempio, la prima delle pièces liriche, che si legge nel f.Ir,A,
Favellandi vicium, violenta deprecazione dell’adulazione e dell’avarizia (Favellandi
vicium/ Et fex avaricie/ Optinent nunc solium/ Summumque locum curie, ecc.).
17
Il
mottetto è posto nella colonna sinistra, inaugurale, del primo foglio del 146, a lato dei
34 versi iniziali del I Libro, accanto all’immagine di Fauvel spinto da Fortuna su per le
scale del palazzo reale, che Fauvel ha occupato: l’immagine è sottilmente ironica,
ironico, per qua-to nettamente deprecativo, il commento scritto che emana dalla pagina
di Gervais (Souvent le voient en painture/ Tiex qui ne seivent se figure/ Moquerie, sens
ou folie, vv.5-7); la pièce, di ferma condanna, confuta la satira, si scaglia contro la sua
souplesse, pretende lo svelamento della nefandezza di Fauvel e il ricorso ad una
modalità espressiva adeguata. Così fanno ancora le p.mus.2 e 3, Mundus a mundicia e
Quare fremuerunt, che occupano la col.C dello stesso foglio: invettive altrettanto aspre
sulla perversione di Fauvel e dei suoi Fauveaux che eccitano alla discordia.
Altre pièces, da una prospettiva centrata su Fauvel, ritornano alla condizione dei
personaggi corrotti dalla sua azione evocata dal testo narrativo. La prosa p.mus. n.23,
Omni pene curie, ad esempio, inserita nel f.VIIv,B, condanna la corruzione dei giudici
che presiedono le curie:
18
nelle col. A e C, essa è seguita dalla prosa, p.mus.n.24, Nulli
beneficium, e dalla prosa, p.mus.n.25, Rex et sacerdos;
19
intanto, il testo narrativo,
vv.753-804, ironizza sui canonici che non pagano a Dio la giusta rendita. Altrove,
ancora, il commento lirico si spinge ad anticipare l’invocazione celeste affinché Fauvel
sia distrutto, proposizione che diventerà nerbo dell’epilogo, sia nella versione del II
Libro (vv.3261-3271), sia, con maggiore veemenza, in INT (vv.1757-1805): come
avviene per il mottetto, p.mus.7, In mari miserie, invocazione alla Vergine Stella Maris,
inserita nel f.IIv,B, accanto ai vv.105-150, dove Fauvel è lisciato dal Papa e dal Re…
Ma per ognuna delle pièces liriche si può trovare un referente realistico ed attuale, che si
__________
16
Ibidem, pp.61-62 , 63 e 26-28. Sull’uso linguistico ed il suo impiego diversificato, è necessario aprire una
breve parentesi esplicativa. Nel Fauvel del 146, l’alternanza linguistica non passa tanto (come talvolta si
ritiene) tra un livello gravis, affidato al latino, ed un livello humilis, affidato al francese, quanto fra una lingua
asseverativa e storicizzata, delegata all’espressione di assunti politici, didattici, didascalici, gnomici, che è
appunto il latino, ed una lingua metaforica, la lingua della poesia cortese, del Grand Chant courtois, espressa
in francese. Le pièces in latino trattano temi legati alla contemporaneità ed al piano storico, che pdi rado si
trovano trattati in francese; mentre il francese è usato per i temi d’amore, che non trovano espressione in
latino. Per lo più, inoltre, coloro che enunciano i testi latini (anche, in minor numero, dei testi francesi, quando
abbiano natura politico-gnomica) sono personaggi che appartengono all’ambito monarchico e ne difendono le
sorti; enunciatori dei testi in francese sono Fauvel e Fortuna impegnata nel dialogo con lui per respingerne le
profferte.
17
Dahnk 1935, p.6, Rosenberg-Tischler 1991.
18
Ibidem, pp.47-50.
19
Ibidem, pp.50-51 e 53-54.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
137
scaglia in modo risentito contro gli obiettivi che il testo narrativo-allegorico allega con
potente verve satirica.
L’intero complesso delle pièces inserite all’altezza del I Libro ripete questa
modalità tonale e registrale, di aperta deprecazione accanto alla maniera satirica del
testo narrativo: il senso complessivo delle molte composizioni risiede nell’ammonizione
a ricordare che il mondo non appartiene a Fauvel. Il messaggio che le pièces liriche
apportano al testo del I Libro consiste in questo surplus di severità, con cui la curia
regia contesta il potere che il I Libro aveva concesso a Fauvel, al suo condurre il potere
per antifrasim (v.1184). Può essere che Gervais intendesse solo mostrare con enfasi il
pericolo rappresentato da Fauvel, ma non concedere alcun freno al suo potere, come
sembra insinuare il I Libro, avrebbe potuto significare l’impossibilità di una difesa. Il
complemento delle pièces mira appunto ad allontanare ogni cedimento: se il testo
narrativo-allegorico del I Libro procedeva ad una denuncia, per la quale poteva essere
sufficiente il registro satirico, il testo lirico correlato nel 146 intende indirizzare ad una
correzione.
Con la nuova contestualizzazione del I Libro, e con le addicions costruite
sull’originario edificio di Gervais, il manoscritto 146 assolve egregiamente a queste
intenzioni filo-monarchiche (parteggiando per i Capetingi o per i Valois? Questo è un
altro problema) ed encomiastiche. Quello cui i nuovi compilatori si accingono con
l’impresa intellettuale del 146, si risolve nella progettazione di un complesso sistema
semiotico, che si esplica su vari piani, ripresi dal vecchio testo (il piano narrativo-
allegorico ampliato con INT) o approntati ex novo (il piano lirico-musicale, quello
iconografico). Prima però di passare ad esaminare i necessari complementi forniti dal
piano iconografico del Fauvel, si deve ancora accennare ad un interrogativo, che
concerne l’identificazione dei suoi Autori.
La versione del Fauvel del 146, è perlopiù, come detto, attribuita a ‘Chaillou de
Pestain’, personaggio di cui il 146 fa menzione nel f.XXIIIv, B, quando la rubrica a
metà circa della colonna centrale annuncia:
ci s’ensivent les addicions que mesire Chaillou de Pestain a mis en chant.
Se si esamina però attentamente l’intero contesto, vale a dire la disposizione
strutturale prima della col.B, poi dell’intero f.XXIIIv (foglio senza miniature), si vedono
alcuni elementi che necessitano di un ripensamento. La colonna B inizia con 14 righe
del testo narrativo, vv.2865-2878; inserisce poi la p.mus.n.53, Nemo potest, cui fa
seguito la frase musicale p.mus.n.54, Beati pauperes.
20
A questo punto si legge:
[g] clerc le roi francois de rues
aus paroles quil a conceues
en ce liuret quil a trouue
et a bien et clerement prouue
son uif engin son mouement
car il parle trop proprement
ou liuret ne querez ia men-
conge Diex le gart amen
21
__________
20
Per entrambe, cfr. Dahnk 1935, p.113.
21
Riporto la scrittura come dal 146, cfr. fac-simile Regalado-Roesner-Avril 1990, e Dahnk 1935, pp.113-14.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
138
al quale si attacca la predetta rubrica:
ci sensieuent les addicions ecc.
cui seguono i vv.2887-2892 del testo narrativo (che ha perduto i vv.2879-2886 del
MS A di Långfors), dove la F del v.2887 (Fauvel, je t’ai assez leü) - con cui inizia una
nuova fase dell’invettiva di Fortuna contro Fauvel - copre sia il nome cui si riferisce, sia
la sillaba finale, -ses della parola choses. In A e C, sono invece trascritti,
rispettivamente, i vv.2813-2864 del testo narrativo (col. A), e, dopo quattro righe
appartenenti a rubriche introduttive,
22
le p.mus.55, Providence la senee(una ballade) e
56, En chantant me vuel complaindre (col.C).
23
Il testo narrativo ricomincia, con il
v.2893 dell’edizione Långfors, addirittura nel f.XXVIIIr, A, dopo dodici versi in cui
Fauvel ha portato a termine il suo discorso.
La dichiarazione autoriale, di Gervais e di Chaillou, s’insinua dunque in pieno
testo narrativo, nel discorso di risposta che Fortuna fa a Fauvel che ne ha chiesto la
mano, discorso che continua ancora per molti versi. Per quale ragione è stato inserito in
quel punto? E in che relazione è Chaillou con i testi che circondano il suo nome?
La questione è se esista uno ‘Chaillou’ al di fuori delle addicions qui sont en
chant. E se si tratta di un letterato, oppure di un musicista, e di quale sia la relazione che
ha con lui Gervais du Bus. Si ritorna all’ipotesi avanzata da Bent e Whatey sul ruolo di
Gervais nella progettazione del nuovo manoscritto, sull’eventuale, forse più che
fondata, possibilità di un suo sostanziale intervento.
24
Il nome di ‘Chaillou’, del resto, la
sua firma, si trovano solo nella rubrica che introduce le pièces del f.XXIII. Non ci sono
dubbi che l’inchiesta richieda numerosi approfondimenti. Due considerazioni soltanto,
per il momento: anche qualora dovesse essere riconosciuta a Chaillou la paternità
dell’intero corpus dei testi lirici, non esistono prove inoppugnabili che sia da attribuire a
lui anche la responsabilità di INT, del testo narrativo che avvolge le pièces; nemmeno,
quindi, che si debba escludere l’intervento di colui che ha composto i due Libri
precedenti, non ancora ( forse mai) destituito del ruolo autoriale sostenuto
dall’inizio.
25
Un’ultima cosa, ancora: INT utilizza a piene righe alcuni lunghi passaggi del
Roman du Comte d’Anjou di Jehan Maillart, cancelliere della stessa Curia Regia, e forse
amico e sodale di Gervais:
26
questa relazione appare, alle conoscenze attuali, affidata
solamente ad una testimonianza testuale, ma è probabile che sottintenda un rapporto di
complicità, anzi persino di collaborazione, come concessione di poter citare senza
ristrettezze il suo romanzo, da parte di Jehan Maillart nel 146.
__________
22
Una rubrica di due righe, dove parla Fauvel: «Or pues veoir se c’est grant dame/ Fortune que veus prendre a
fame»; e «Lors a Fauvel ceste balade/ Mise avant de cueur moult malade», cfr. Regalado-Roesner-Avril 1990,
e Dahnk 1935, p.114.
23
Regalado-Roesner-Avril 1990, e Dahnk 1935, pp.115-116.
24
Bent-Wathey 1998, p.15.
25
Cf. ancora Bent e Wathey 1998, pp.14-15.
26
Cfr. Roques 1929, e Fauvel 1998, pp.51-52.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
139
3.
Parte non minore del messaggio del nuovo Fauvel passa però anche attraverso
l’elaborazione di un articolato corredo iconografico. Non vi si tratta di un apporto
illustrativo, di un appoggio a sottolineatura di qualche passaggio del testo. Il corredo
delle miniature del Fauvel è, nel manoscritto 146, una formazione autonoma ed
autosufficiente, che vive in parallelo, ed in stretta integrazione, con il piano narrativo-
allegorico e con quello lirico-musicale.
27
Le 78 miniature sono distribuite in relazione a
ciascuna delle sezioni del testo, la cui somma ammonta ormai, nella riscrittura del 146,
all’unione di I e II Libro, più INT. La distribuzione avviene istituendo una serie di
duplici collegamenti tra illustrazione e testo: con legami di tipo paradigmatico introdotti
tra le miniature (così come avviene, per quanto attiene loro, alle pièces liriche, e, in altro
modo, trattandosi di un continuum, per il testo narrativo), e con legami di tipo
sintagmatico, che legano ogni miniatura, o un gruppo di miniature, con il testo,
narrativo e lirico. Per cui si ottengono sezioni che riuniscono testi e immagini, le quali
vanno lette prima singolarmente (in rapporto con le altre immagini), per poi essere
riportate e ricollegate con l’intera sequenza testuale. Si veda, come esempio probante, e
assai noto, la sezione dello charivari, dove sono riuniti: 1) il testo narrativo dei vv.682-
765, 2) le pièces liriche n.1-12 e 90 (le 12 sottes chansons più il Lai des Hellequines), e
3) le quattro miniature inframezzate, n.61, 62, 63, 64. Il Fauvel-testo riceve dal
complemento miniato un’apertura verso un aspetto che il testo, nei versi corrispondenti,
si era limitato a suggerire (le implicazioni demoniache di Fauvel). Altri casi rilevanti
concernono la sezione testo-immagine che commenta il terzo Lai, Pour recouvrer
alegiance;
28
oppure, nel f.LXIIr, all’altezza dei vv.1587-1625, nella relazione tra i vv.
1587-1606 (INT) e la Fontaine de Jouvent.
Come avviene di solito per i testi allegorici,
29
una distinzione fondamentale passa
tra elementi (personificazioni, emblemi) che rappresentano un principio positivo ed
elementi che sono, all’opposto, rappresentanti di un principio negativo. Per
comprendere il sistema iconografico del Fauvel, si dovranno quindi separare gli
elementi che sono posti a significare l’una e l’altra polarizzazione. Illustrano la parte del
Bene le figurazioni divine (la Trinità, min.n.14 e 78, Cristo che consegna le chiavi della
Chiesa a san Pietro, n.9, la Vergine, n.68, 77), le Virtù (n.59, 67, 69, 70, 71, 72, 74), la
Chiesa (n.8 e 12), il Dio d’Amore (n.40 e 50), l’Autore (e/o copista: n.15, 16, 65, 76, 77,
78), l’Autore dei Sei Principi (n.46),
30
e, naturalmente, Fortuna (n.1, 33, 34, 35, 36, 37,
__________
27
Ho dedicato ad alcune delle miniature del Fauvel e alla descrizione del loro rapporto con il manoscritto 146
diversi studi: mi scuso dunque per alcune ripetizioni. Cfr. Lecco 1999 e 2001, pp.83-113. Una riproduzione
delle miniature più importanti del 146 si può rintracciare attraverso Google-immagini, immettendo Roman de
Fauvel (min. dello charivari, n.61-62-63-64, di Fauvel-testa di cavallo che insegna ai chierici, n. 11, Fauvel-
testa di cavallo nel verziere d’amore, n.42). Cfr. Mühlethaler 1994, pp.413-14ss., e François Avril in: Regala-
do-Roesner-Avril 1990, pp.42-48. Il formato è soggetto a notevoli variazioni: dai 50/60 x 60/70mm. che sono
concessi alla maggior parte delle tavole si può giungere a miniature che coprono quasi la metà di un foglio,
come la min.n.61 del f.XXXIVr, B-C, o la n.64 del f.XXXVIv, A-B (le due miniature ‘grandiche illustrano
lo charivari dei vv.682-765). o come la n.75, f.LIIr, B-C, che riproduce la fontana di Giovinezza dei vv.1587-
1628, per arrivare persino ai due terzi, come le miniature che illustrano il torneo tra i Vizi e le Virtù, n.70,
f.XXXIXv, A-B, o n.74, che copre addirittura A-B-C nel f.XLv.
28
Lecco 2010a.
29
Strubel 1989, pp. 13-25.
30
Si tratta dell’anonimo Autore del Liber Hermetis Mercurii Triplicis de VI Rerum Principiis, che scriveva tra
1135 e 1147, cfr. Badel 1980, p.218, n.22 (per cui cfr. Fauvel 1998, p.377, nota al v.2993).
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
140
38, 39, 41, 43, 44, 45, 46, 47, 52, 53, 76). Dalla parte del Male stanno Fauvel (n.1, 36,
37, 39, 40, 41, 42, 43, 44, 45,46, 47, 48, 49, 50, 51, 52, 53, 54, 57, 58, 60, 69),
l’Anticristo (di cui Fauvel è precursore: n.47), i Templari (n.12), Vaine Gloire (n.53, 54,
61), Charnalité (n.18, 19), e gli altri Vizi (n.19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26, 27, 28, 29,
30, 31, 58, 60, 65, 70, 71, 72, 73, 74); la gente di corte, talvolta presente, resta dispersa
tra un settore e l’altro, ma si intende per lo più correlata con Fauvel, se non altro perché
abita le stanze del palazzo da lui usurpato. Ad eccezione di Fauvel e di Fortuna, i
rappresentanti dei due contesti di rado si incontrano (ad es. il Dio d’Amore e Fauvel
nella min.28bis,v,B che commenta il III Lai): nessuno, inoltre, esce dal proprio
comparto, resta anzi all’interno del proprio gruppo di riferimento, attraendo a coloro
che appartengono al suo comparto e alla sua sfera semiotica.
31
L’organizzazione del testo iconografico che distingue tra figurazioni della parte
positiva e figurazioni in cui si rappresenta la parte negativa, distingue di conseguenza
l’organizzazione delle miniature; ogni miniatura è correlata (cfr.sopra) con ciascuna
delle tre sezioni del testo, i due Libri e INT. Si pnotare che le figurazioni positive di
pertinenza religiosa sono situate nella prima e nella terza sezione, verso l’inizio del I
Libro e verso la fine di INT (vale a dire all’inizio e alla fine del Fauvel): nell’intento del
(o dei) miniatori, si tratta probabilmente di una richiesta di protezione, di una
sottomissione del discorso alla verità della parola divina. In queste sezioni si trova
inserita anche la figura dell’Autore, come elaboratore o relatore fedele della posizione
etica che combatte Fauvel. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, il principio positivo è
identificato con Fortuna, che concede di essere sostituita dalle Virtù in un numero
limitato di occasioni.
La sezione correlata alla polarizzazione negativa è occupata quasi per intero da
Fauvel, còlto, per lo più, nel dialogo-scontro con Fortuna. Più rare le occasioni in cui sia
ritratto con la gente di corte, o con altri interlocutori, anche più rare quelle in cui sia
ritratto da solo (n.17, n.42).
Il sistema semiotico delle miniature del 146 prevede che Fauvel compaia sotto tre
differenti aspetti:
32
come 1) cavallo (bestia che deriva in parte minore dal folclore,
maggiore dall’Apocalisse) interamente costituito in figura animale, come 2) essere
umano dalla cintola in su, mentre i quarti posteriori sono di cavallo, come 3) cavallo per
la sola testa, mentre il resto del corpo, tronco, mani e piedi, mostrano sembianza umana.
Sotto il rispetto semiotico, le miniature che rappresentano Fauvel sono quelle di
più intensa suggestione, perché ognuna implica una trasformazione da parte di Fauvel,
che passa non casualmente dall’uno all’altro aspetto, in relazione con le richieste del
testo, con la volontà di far emergere, di marcare, una determinata componente testuale,
e in contiguità con altri segni. Fauvel-cavallo occupa lo spazio iconografico del I Libro;
Fauvel-uomo dalla testa alla cintola occupa il II Libro e compare talvolta in INT; INT
ospita Fauvel testa di cavallo, che fa qualche apparizione nel I (min. n.11) e nel II Libro.
Delle tre, la figurazione psemplice, sotto il rispetto interpretativo, è la seconda,
Fauvel-uomo nella metà superiore. Il rapporto con le sezioni di testo cui è correlato, la
prassi iconica (capelli, abito, gesti), la costante posizione di fronte a Fortuna, lo
__________
31
Un certo numero di miniature riporta altri soggetti: la città di Parigi, con il corso della Senna, n.55 e 56; lo
charivari, n.61 (le due fasce mediana e inferiore), 62, 63, 64; la Scala Coeli percorsa dagli angeli, n.66; la
fontana di Giovinezza, n.75.
32
Lecco 1999; sull’intercambiabilità delle figure di Fauvel cfr. Mühlethaler 1994, pp.119-42; Avril in
Regalado-Roesner-Avril 1990, p.44; Camille 1998.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
141
qualificano nella parte di «amante cortese», e, nel contempo, come personificazione di
Ipocrisia: Fauvel è ritratto nelle vesti di falso amante, imitazione parodica dell’ami della
lirica cortese, che recita con voce mellifua la sua dichiarazione d’amore a Fortuna.
Fauvel-testa umana si mantiene per tutto il II Libro, interessando le min. n.26, 32, 34,
35, 36, 37, 39, 40, 43, 44, 45, 46, 47, 48, 49, 50, 52, 53, sino alla min. n.54, dove il II
Libro cede a INT, prolungando l’immagine sino alla min. n.57: e rimane in
corrispondenza con il testo narrativo compreso tra i vv.1481-3280 (ff.XIr,B – XXXv,B),
e con le pièces liriche in francese che qualificano questa sezione del Fauvel come sia
pur atipico chansonnier cortese, e con i prolungamenti al testo narrativo, anch’essi di
materia amorosa, agganciati a più riprese.
33
Di questa sezione fanno parte liriche e
miniature di notevole interesse, come la ballade Douce dame debonaire (p.mus.n.42), e
appunto il terzo dei quattro Lais, Pour recouvrer alegiance (p.mus. n.64).
34
La figurazione concettualmente p complessa concerne Fauvel testa di cavallo-
corpo umano, per la molteplicità dei significati della rappresentazione e dei testi
correlati. Fauvel vi mostra la sua natura autentica, di ibrido dove la bestiautei
intellettuale e morale governa il corpo dell’uomo, cede ai sensi, e persegue una forma
corrotta di governo del paese, che viene trascinato verso la rovina: cfr. min. n.11 (= I
Libro), 26, 32, 41, 42, 51 (= II Libro), 58, 60, 61, 69 (= INT). La testa cavallina è
arricchita da una fluente criniera, il corpo rivestito con abiti ecclesiastici, secondo la
lezione proposta, e rapidamente recepita nell’iconografia allegorica animale, della
tradizione remardiana,
35
gesti e gestire sono più liberi e mossi che nelle altre sezioni, e
variati i personaggi che Fauvel incontra, l’Anticristo, gli Hellequins (condotti da
Hellequin) e le Hellequines, i Vizi e le Virtù. Fauvel è visto nell’atto di docere
(min.n.11), in meditazione d’amore (n.42), come embirelicoqueur (turlupinatore) di
Fortuna (n.51), procureur di Anticristo (n.47) e commen-sale dei Vizi (n.58, 60), come
sposo di Vaine Gloire (v.61) e signore che presiede ai fasti del torneo (v.69).
Appartengono a questa sezione le miniature di maggior rilievo, e più ampio formato, del
146 (appunto charivari, torneo dei Vizi e delle Virtù, fontana di Giovinezza), ed alcuni
dei testi più dottamente in linea con le innovazioni poetiche contemporanee, il IV Lai,
En ce dous temps d’esté, le sottes chansons che gli fanno corona, alcune delle ballades
inaugurate dal II Libro;
36
miniature che appaiono di maggior rilievo per la qualità
artistica, ma anche per il livello d’invenzione, eccellente nell’elaborare variazioni alla
rappresentazione di Fauvel.
Fauvel chiude in questa sezione, come testa di cavallo e corpo d’uomo, la parabola
che, lo si può già dire, lo vede quale centro e motore di un’ardita reinterpretazione
parodica: sezione in cui è raffigurato a mimare i tormenti dell’amor cortese (min.n.42),
a presiedere con lamenti al proprio funerale (n.51), ad imitare la notte di nozze dei
cavalieri del romanzo cortese (n.61, comparto superiore). Mimesi parodica, anche, che
tocca qui il punto più alto, sfiorando un’inaspettata sfumatura di blasfemia, dato che
rappresenta Fauvel come contro-figura di Cristo: Fauvel è ritratto come maestro di
inganni davanti ad un pubblico di attenti discepoli (n.11, n.32), oppure seduto al centro
della tavola imbandita con i Vizi, che, chini verso di lui a destra e a sinistra, recitano
una contraffazione visiva dell’Ultima Cena (n.58, n.60).
__________
33
Dahnk 1935, pp.116, 120, 122, 125, 128, 129, 130, 131, 134, 135, 136, 143, 149, 155, 167, 170, 171, 182.
34
Ibidem, pp.89-90 e 155-60.
35
Varty 1967, Camille 1998.
36
Lecco 2000.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
142
4.
Fauvel-cavallo occupa le min. n.1, 2, 3, 4, 5, 6, del I Libro, e la 17 del II, dal f.Ir,B
al f.XIr,B. Lo spazio iconografico che corrisponde al I Libro conta quindici miniature,
di cui sei dedicate a soggetti che attengono alla polarizzazione positiva: soggetti sacri o
in relazione con la composizione/ confezione del testo (min.n.7: creazione di Adamo ed
Eva; n.8: il potere spirituale e il potere temporale; n.9: Cristo tende le chiavi della
Chiesa a san Pietro;
37
n.12: la Chiesa afflitta e i Templari; n.14: un chierico
inginocchiato, accanto ad un leggio ove è posato un libro, illuminato dalla luce dello
Spirito Santo; n.15: lo stesso chierico seduto, le mani giunte sopra un libro). A Fauvel
ne sono riservate sei, poste di seguito l’una all’altra, cui va aggiunta una settima
miniatura (n.17), che apre il II Libro.
La min.n.1, f.Ir,B è anche immagine inaugurale dell’intero Fauvel: vi è
contemplata una scena insolitamente dinamica: Fauvel sale le scale del palazzo del
potere, favorito da Fortuna, che lo guida dal basso. La rappresentazione, che
corrisponde ai vv.1-27, si mostra in accordo con la scena finale del testo da cui il I Libro
sembra aver preso le mosse: i versi conclusivi del Renart le Nouvel, quando Fortuna,
che ha permesso a Renard di fermare il corso della sua Ruota, sollecita Renard a
insediarvisi, intendendo segretamente, tra e sé, che vi resterà sino quando piacerà a
Dio abbatterlo. Nelle miniature successive, Fauvel è invece costantemente ritratto in
posizione statica: a figura animale integrale e intera, visto di profilo, attorniato dai
rappresentanti dei vari États du Monde, ecclesiastici e laici, situazione che corrisponde
ai vv.28-90 e 97-170 (e oltre) del I Libro.
Le immagini, però, per quanto fedeli, operano una revisione prospettica, o
reimpostano, alcuni riferimenti del testo. La tendenza si nota a volte per le immagini che
non sono in relazione con la figura di Fauvel: ad esempio, nel testo narrativo, ai
vv.1623-1642, Gervais stigmatizza uno dei cortigiani di Fauvel, Vilanie, la cui alterigia
non è figlia di nobiltà d’animo, dal momento che il nobile si può definire tale se la sua
qualità viene dal cuore, mentre, diversamente, si merita appellativo di ‘vilain’ [= uomo
di cattivi costumi]. Le min. n. 30 e 31, inserite nel f.XIVv, A e C, poste a commentare il
passo, lo illustrano con la raffigurazione di un comportamento scortese Vilanie che
rovescia con un calcio la coppa che un clerc le porge -, e con il rimprovero che giunge
da una Noblesce personificata, che alza la mano su un vilain (riconoscibile dal
copricapo a punta): operando così un’identificazione che è, forse, un travisamento, non
del tutto indolore, della disposizione prevista dal testo.
Questa determinazione si nota comunque per Fauvel. Nel testo narrativo, Fauvel è
oggetto di un’esposizione di tipo trattatistico, che descrive aspetto, proprietà
(fisionomia, colore, nome, ecc.), incisività sociale e conseguenze sociali della sua
azione: analisi che comporta un giudizio, dato, come sappiamo, in chiave satirica, che le
pièces liriche s’incaricano di incrementare secondo un sostenuto registro gravis. Ma
l’iconografia, che per modalità intrinseche è costretta ad una sintesi, deve selezionare
materiali e punto di vista; decide allora di mettere in luce un aspetto particolare
dell’azione di Fauvel: il suo carattere seduttivo e accentratore, che provoca disastri
sollecitando il comico disordine dei sedotti. Nelle immagini, dove viene rappresentato
come cavallo, Fauvel resta intimamente il sovvertitore che il I Libro descrive, ma la sua
__________
37
La min.n.10 raffigura tre cardinali, figurazione forse satirica (come da testo); la n.11 rappresenta Fauvel
maestro d’inganni, la n.13 un re seduto su trono, che sembra rimproverato dai suoi ministri.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
143
natura oscura e demoniaca (quella di Fauvel-testa di cavallo) è spinta in secondo piano:
di Fauvel viene ad essere privilegiata la figura di catalizzatore della società tripartita, i
cui esponenti sono freneticamente dispersi e confusi da Fauvel tra un livello e l’altro del
sistema ternario, per riunirsi infine e trovare un’unità nell’atto distorto e burlesco di
torchier e frotter la croupe di Fauvel.
Le miniature 2, 3, 4, 5, 6, a prima vista deboli varianti di una stessa icona, sono
invece sottili rimodulazioni del modello di società che si presume ideale:
nella n.2, f.Iv, B: Fauvel è circondato da otto personaggi, che lo strigliano e
accarezzano: due monaci, un nobile, un altro monaco, un re con la corona, un monaco e
un cardinale, il papa. Inginocchiati davanti a Fauvel, due personaggi di piccola taglia (i
vilains ?) gli tendono regali.
nella n.3, f.Iv,A: Fauvel è accarezzato da quattro monaci e da un re, mentre verso
destra ci sono il papa e un monaco, Inginocchiati davanti a Fauvel, due piccoli
personaggi gli tendono doni
nella n.4, f.II,r, A: Fauvel è frotté da tre monaci, che accolgono tra loro una
monaca in abito nero; altri due monaci ed un nobile dal copricapo ornato di insegne
araldiche sono anch’essi intenti a lisciare Fauvel.
nella n.5, f.IIr,C: Fauvel è circondato da un vescovo con la mitria, un re, un
monaco, un cardinale, da un secondo cardinale, dal papa e da un monaco.
nella n.6, f.IIv,A: dietro Fauvel una monaca, in abito nero, la mano sulla groppa di
Fauvel, poi quattro monaci, un nobile accanto a due altri monaci, tutti occupati a lisciare
Fauvel. Davanti a Fauvel, un clerico tonsurato gli striglia le gambe.
Nella sua evidenza, l’operazione del testo miniato è quasi più abile del testo
narrativo del I Libro. In questo, Fauvel confonde, in senso figurato, che è il senso
biblico del confondere, gli Stati del mondo; ma coloro che in essi rientrano, sono ancora
presentati distintamente, secondo un ordine categoriale: la lista prende avvio dai laici,
rois, dus et contes, v.35, prosegue con tous seignours temporels et princes, v.37, i
chevaliers grans et petis, v.39, con viscontes, prevos et baillis, v,43, con bourjois de
bours et de cités, v.45, e vilains de vile champestre, v.47, continua con i religiosi, il
papa, v.51, e le gerarchie ecclesiastiche che vengono dopo il papa, cardinali, v.53,
vicecancellieri e audienziari, v.55, prelati, v.59, abati e religiosi, v.61, Giacobini e
Cordiglieri, v.63, agostiniani, nonnains et moines, archediacres et chanoines, e clers
d’iglise pourveüs, vv.69-71, e povres clers qui sont sans rente, v.73. L’elenco si ripete
diverse volte, sempre più circostanziato, inframezzato con la denuncia dell’influsso
esercitato da Fauvel.
38
Il testo miniato impiega ben sei tavole a commento della tassonomia dei frotteurs,
ma non rispetta una distinzione che riservi una tavola ciascuno a rappresentare le
prerogative dei singoli stati, distingue in qualche modo tra l’uno e l’altro; al
contrario, ogni divisione è cancellata: ciascuna tavola mescola i singoli ordini in una
vicinanza senza riguardo di posizione, di livello, di censo o di sapere, omologati insieme
dal servizio a Fauvel. I religiosi stanno con i laici, la più alta aristocrazia con gli uomini
di basso rango, cittadini e castellani con villani. La confusione degli Stati regna nel mal
organizzato reame dominato da Fauvel. La rappresentazione iconografica, che dovrebbe
__________
38
L’elenco degli appartenenti agli Stati del Mondo è replicato (con varie tonalità) ancora ai vv.97-170, 499-
1106, 1125-1162.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
144
riprodurne le strutture ben regolate, diventa consapevole parodia dell’ordine, distrutto il
quale Fauvel può prendere il posto di chi dovrebbe avere legittimamente in mano il
potere.
La miniatura iniziale del II Libro, la n.17, f.XIr,B può a ragione vedere Fauvel
insediato sul trono: seduto sul faudestuel con le teste di leone,
39
avvolto nel manto
regale, con la corona in testa, Fauvel, usurpandone la funzione ideale, imita la posizione
fisica del re. La mimesi parodica è palese, innestata in direzione di un’immagine che lo
stesso manoscritto ha contribuito a formare, poiché l’ha inserita due fogli all’indietro,
min.n.13, f.IXr,C, dove un re siede nell’identica positura frontale, sul medesimo trono
ornato dalle teste di leone. L’immagine che rappresentava il re in questa posizione è
tuttavia ben più che corrente nei testi medievali: volendo rimanere in prossimità del 146,
nel (o nei) miniatori del manoscritto può essersi insinuata la memoria di un’altra figura
simile a quella di Fauvel e di un’altra immagine, inserita nel f.1 del MS oggi siglato
come Paris, B.N.f.fr.25566, il ‘miglior’ manoscritto di Renart le Nouvel: dove Renard,
f.109v, seduto sul trono, sotto un arco a più arcate, scettro in mano e corona in testa,
opera un’eguale contraffazione dell’immagine del re.
40
5.
Se si restituisce l’ordinamento sequenziale con cui le immagini di Fauvel sono
disposte nel codice, dal I al II Libro sino ad INT, si vede affiorare dal corredo
iconografico del 146 una fenomenologia contraffatta dei simboli della società
medievale, dal laico al religioso, che ne affiancano ed alimentano la definizione
culturale; rilevabile in ogni immagine, ma esaltata specialmente in alcune: la figura
regale della min.n. 17 (Fauvel sul trono), la figura cortese delle n.50 e 51 (Fauvel
ingannevole supplice presso Fortuna), la figura divina delle n.41, 58 e 60 (Fauvel al
centro della Coena Domini), cui vanno sommate le complementari figurazioni di Fauvel
clericus e Fauvel sponsus. Figure al limite della blasfemia, anche laica, molto espressive
nella loro capacità di evocazione. La specificità del commento iconografico del 146
risiede nella sua cifra parodica, con piena intelligenza della carica critica che la parodia
comporta.
Non è l’unico tipo di parodia che compaia nel Fauvel: anche il testo scritto,
narrativo e lirico, ne comporta un certo numero. In INT, ad esempio, va letto anche in
questo senso l’episodio dello charivari, che presuppone un ipotesto desunto dal
romanzo cortese,
41
comprensivo di cerimonia religiosa, banchetto a corte, carole e
giochi dei giullari, notte d’amore. Nel gruppo delle pièces liriche sono parodie la prosa
Floret fex favellea (che ha come testo di partenza Redit aetas aurea, composta nel 1189
per l’incoronazione di Riccardo Cuor di Leone),
42
la prosa, p.mus.52, Veritas, equitas,
contraffazione del lai Markiol,
43
e i numerosi contrafacta sottoposti a fauvelization (per
es. p.mus.2, Mundus a mundicia, p.mus.3 Quare fremuerunt), parodie nel senso di uno
stravolgimento operato su un testo di stile elevato e di alte tematiche, ove si sostituisce
__________
39
Faudestuel è nome con cui chiama il trono il II Libro, v.1253.
40
Mühlethaler 1994, p.119ss.; Camille 1998; Lecco 2010b.
41
Quanto alla tipologia della festa di nozze e il movimento degli esecutori dello charivari, costruito sulla
falsariga dei banchetti e dei giochi dei giullari di romanzi come Erec et Enide, o Flamenca, cfr. Regalado
1988, Fauvel 1998, pp.54-57. Sull’approccio parodico nel Fauvel cfr. anche Mühlethaler 2006.
42
Dahnk 1935, p.mus. n.13, pp. 29-30.
43
Cfr. Dahnk 1935, pp.107-112: la «prose Veritas est, de même que le lai Flours ne glais de Gautier de Coin-
cy, une contrafaçtion de lai provencal Markiol, Gent m’enais», ivi p.112.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
145
l’azione di Fauvel a quella dei soggetti originali.
44
Si tratta però di interventi episodici,
che s’impongono come accentuazioni in chiave grottesca dalla prevalente scrittura
satirica: la tonalità registrale del Fauvel è di tipo satirico, sarcastica e intransigente,
quindi affermativa, laddove la parodia sollecita quanto di derisorio il procedimento di
scrittura comporti.
La trasformazione parodica del Fauvel iconografico è stata certamente favorita da
un immaginario già formato: un numero molto alto di modelli iconografici poteva
presentarsi alla memoria professionale dei miniatori, i quali disponevano di repertori
iconici standardizzati. Per quanto vi si possa ammettere l’interferenza con il modello
letterario dell’asino Burnellus ed il suo travestimento in panni vescovili, dietro il
risultato delle miniature del 146 sta una tradizione di animali in panni umani, con
gestualità antropomorfa, riferita in particolare a Renard: Renard crociato, Renard
predicatore, Renard vescovo, o le piccole scene che mimano qualche episodio
particolare, che finisce per staccarsi dal contesto del Roman de Renart e dei romanzi
epigoni, e vivere di vita autonoma.
45
Ma Fauvel non è realmente un animale
antropomorfizzato, è un ibrido visto in un processo di mutazione continua da uno stato
corporale e culturale ad un altro, con il referente ipotestuale il modello da parodiare –
sempre presente. Tra figura animale e figura umana i miniatori conservano uno spazio
‘drammatico’, che corrisponde all’attivismo distruttore di Fauvel.
Si torni ancora al I Libro. L’apparato iconografico, dunque, vi si combina in
relazione con il testo narrativo, ma si deve tener conto di come esso si articoli anche con
il commento-disputa delle pièces liriche. Dall’interferenza dell’immagine con i due
piani testuali scaturiscono altre conferme di lettura in direzione multidialogica e
parodica. Limito l’esame alla relazione tra le due tipologie testuali e le tavole che
rappresentano Fauvel alle prese con gli Stati del Mondo. Si tratta della tavole 2, 3, 4, 5,
6, nei ff.Ir-IIv, racchiuse nello spazio compreso tra la min.n.1 (f.Ir: Fauvel condotto
sulle scale del palazzo reale da Fortuna) e la n.7 (f.IIIv), dove si rappresentano la
creazione di Adamo ed Eva e le due figure ibride, che attestano come gli uomini, con
l’avvento di Fauvel, siano divenuti bestes (vv.335-341). Ci sono dunque 7 miniature, di
cui 5 raffigurano Fauvel. Il testo narrativo (comprendendo tutto il f.IIIv, compreso C) vi
è trascritto per i primi 356 versi (termina al v.356 con Et que fausseté raison brise,
mentre la lezione di Långfors recita Et resons est au dessous mise); le pièces liriche
sono in numero di undici (termina con la p.mus.11, Virtus moritur).
46
- Il f.Ir, reca, nella col. B, il testo narrativo per 34 versi, chiuso in cima dalla
min.n.1 (Fauvel condotto sulle scale del palazzo reale da Fortuna) e in basso dalla min.
n.2, prima del gruppo che descrive il rapporto tra Fauvel e gli Stati del Mondo; a
sinistra, in A, è trascritta il mottetto Fauellandi vicium
47
(i danni apportati da Fauvel alla
società), nella colonna di destra, C, si trovano (cfr. sopra) i mottetti Mundus a mundicia
e Quare fremuerunt:
48
mentre il testo narrativo prende a descrivere l’ilare ‘lisciaturadi
__________
44
Lecco 2008.
45
Come le allegre funerailles di Renard, che Fauvel echeggia nella min.n.58, completa di catafalco e ceri Cfr.
Varty 1967.
46
Dahnk 1935 , pp.25-26.
47
Dahnk 1935, p.mus.1, pp.6-7.
48
Ibidem, p.mus.2 e 3, pp.7-10.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
146
Fauvel, confermata ed esaltata dalle miniature, i tre mottetti deprecano in modo
estremamente aspro l’azione di Fauvel.
Nel verso del foglio, f.Iv, il testo di Gervais, sempre intento a descrivere la
corruzione sparsa da Fauvel, occupa A con 28 versi (vv.35-48), interrotti a metà dalla
min.n.3, sotto la quale continua Quare fremuerunt, che occupa anche tutta B, mentre C
ospita il mottetto p.mus.4, Presidentes,
49
che tratta della rovina portata al mondo
dall’avidità dei grandi e della perdita di disciplina della Chiesa.
- Il f.2r, reca in A la min. n.4, poi otto righe del testo narrativo, vv.69-76 (invito a
prelati e monaci a lisciare bene Fauvel), e la conclusione di Presidentes; in B, dopo i
vv.77-96 (i povres clers adirati per la mancanza di un protettore), inizio alla p.mus.5,
Jure quod in opere (ove si accusano i Domenicani di aver favorito la morte
dell’imperatore Enrico VII),
50
che continua in C, sotto la min.n.5, alla quale seguono
otto righe di testo narrativo (vv.97-104: una presa in giro del Papa), e la prosa, p.mus.6,
Heu quo progreditur, che rimprovera i danni che l’esercizio del potere temporale causa
alla Chiesa.
51
Il f.2v, inizia in A con 44 righe di testo (vv.105-150: il Papa e gli alti prelati
lisciano Fauvel), che conclude con la min.n.6, inserisce in B gli indignati mottetti
p.mus.7, In mari miserie e p.mus.8, Ad solitum vomitum, e in C 56 righe di testo
(vv.151-206: il colore di Fauvel).
52
- Il f.IIIr non comporta miniature: in A continua Ad solitum (tenor Nulla pestis), in
B i 56 versi (vv.207-260) dove si descrive il residuo colore di Fauvel (la sua cote color
fauve), mentre C trascrive la p.mus.9, Plange nostra regio.
53
Nel verso del f.III, A reca 56 versi del testo di Gervais, dove si spiega che Fauvel è
bestia priva di ragione (vv.261-316), B copia la prosa, p.mus.10, O varium Fortune
lubricum,
54
poi la prosa p.mus.11, Virtus moritur,
55
mentre C continua con i vv.317-336
+ 337-356, divisi dalla min n.7, recante (cfr.sopra) la creazione dei primi uomini e gli
uomini attuali devenus bestes.
Si contano dunque tre piani, uno satirico (testo narrativo-allegorico), uno
didascalico-gnomico (pièces liriche), uno parodico (iconografia): la combinazione che
se ne ottiene, mista di stile mediocris, gravis e humilis, amplificata dalla mise-en-page,
che continuamente infrange ed alterna i piani, corrisponde in modo altamente funzionale
all’impostazione del messaggio storico-politico del Fauvel, formalmente ottenuto
dall’estrema sollecitazione dei romanzi interpolati con liriche.
Il procedimento è valido per tutto il Fauvel del 146. Limitatamente al I Libro, lo si
osserva sino alla conclusione, e nel transito verso il II Libro. Di questa parte (cfr. sopra),
rammento solo il momento di trapasso tra i due Libri. Il I Libro termina al f.XIr,A,
conclusione preparata dai testi del foglio precedente; il f.Xv non comporta miniature,
custodisce invece alcuni mottetti tra i più importanti del Fauvel del 146: reca in A il
mottetto p.mus.32, Rex beatus,
56
chiuso, nelle due ultime righe dalla rubrica: Pour
__________
49
Ib., pp.10-11.
50
pp.13-14.
51
pp.15-17.
52
pp.17-19.
53
pp.19-22.
54
pp.22-25.
55
pp.25-26.
56
pp.65-67.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
147
Phelippes qui regne ores, in C dalla p. mus.33, O Philippe prelustris francorum.
57
Questo mottetto si prolunga in A, nel f.XIr, sino a quando, nella stessa colonna, la
min.n.16, che ritrae l’Autore davanti al leggio, non chiude il I Libro, per inserire però,
nelle due righe che gli restano, i due primi versi del II Libro (vv.1227-1228), e, in B, i
vv.1229-1244 e 1245-1266, tra i quali rimane compresa la trionfale, e deformante, min.
n.17. Libro I e Libro II s’incontrano nel momento della salita al trono del giovane
Philippe «le Long» (anno 1316), investito della dignità regale alla morte
dell’egualmente giovane fratello Louis e del di lui erede nouveau-né Louis. La revisione
del I Libro, complesso organismo che nell’intreccio dei piani di scrittura e di mise-en-
page fornisce una versione del testo di estrema fermezza socio-politica, non avrebbe
saputo mostrarsi più ammonitrice.
6. Bibliografia
Edizioni
Le Roman de Fauvel par Gervais du Bus, public d’après tous les manuscrits connus par
Arthur Långfors, Paris, Didot (S.A.T.F.) 1914-19.
Dahnk, Emilie, 1935, L’hérésie de Fauvel, Leipzig, Romanisches Seminar.
The monophonic Song in the Roman de Fauvel, ed. by Samuel N. Rosenberg-Hans
Tischler, Lincoln, University of Nebraska Press, 1991.
Le roman de Fauvel in the edition of Mesire Chaillou de Pestain. A Reproduction in
facsimile of the complete manuscript Paris, Bibliothèque Nationaler, fonds fran-
çais 146, éd. Edward H.Roesner, François Avril, Nancy Fr. Regalado, New York,
Broude Bros, 1990.
Le Roman de Fauvel, éd. Armand Strubel, Paris, Lettres Gothiques, 2012 (texte avec
une traduction en français moderne).
Studi Critici
B
ADEL
, Pierre-Yves, 1980, Le Roman de la Rose au XIVe siècle, Genève, Droz.
B
ELLETTI
, Gian Carlo, 1993, Osservazioni in margine alla letteratura sugli Stati del
Mondo, in Id., Testi di Sociologia del testo medievale, Alessandria, Edizioni
dell’Orso, pp.1-49.
B
ENT
, Margaret-Wathey Andrew, 1998, Introduction, Fauvel Studies, 1-24.
C
AMILLE
, Michael, 1998, Hybridity, Monstosity and Bestiality in the Roman de Fauvel,
in Fauvel Studies, pp.161-74.
C
RESPO
, Roberto, 1975, Un manuscrit peu connu de N.J.Foucault conservé à Leyde
(LTK 575), Quaerendo, 5 (1975), 127-42.
D
ILLON
, Emma, 2002, Medieval Music-Making and the Roman de Fauvel, Cambridge,
Cambridge University Press.
Fauvel Studies: Allegory, Chronicle, Music, and Image in Paris, Bibliothèque nationale
de France, MS français 146, 1998, éd. Margaret Bent-Andrew Wathey, Oxford, Cla-
rendon Press.
H
OEPFFNER
, Ernest, 1920, compte rendu de l’édition ngfors du ‘Roman de Fauvel’,
Romania, LVI, pp.426-33.
__________
57
pp.67-69.
Margherita Lecco Il I Libro del Roman de Fauvel nella scrittura (e iconografia)...
Revista de Filología Ronica
2014, vol. 31, núm.1, 129-148
148
L
ECCO
, Margherita, 1999, Le metamorfosi di Fauvel, Reinardus. Yearbook of the Inter-
national Reynard Society, XII, pp.67-79.
2000 Lo charivari del Roman de Fauvel e la tradizione della Mesnie Hellequin,
Mediaevistik. Internationale Zeitschrift fur interdiziplinare Mittelalterforschung,
XIII, pp.55-86.
2008‘Fauvel exaltatur’. Imitazioni, masquillements e contrafaictures nelle liriche
del Roman de Fauvel, in Contrafactum, Atti del XXXII Convegno di Bressanone
[Università di Padova], a cura di G.Peron, Padova, Esedra, pp.115-28.
2010° Per un’interpretazione del III Lai del Fauvel nel MS Paris BNF fr.146, Pour
recouvrer alegiance, Romania, 128, pp.193-212.
2010b Il Lai des Hellequines e la poetica del Lai-Descort, in Il discorso polemico.
Controversia, invettiva, pamphlet, Atti del XXXIII Convegno di Bressanone
[Università di Padova], a cura di G.Peron, Padova, Esedra, pp.91-102.
M
ORIN
, Joseph, 1992, The Genesis of Manuscript Paris, Bibliothèque Nationale, Fonds
Français 146, with particolar emphasis on the Roman de Fauvel, Ann Arbor.
1998, Jehannot de Lescurel’s Chansons, Geoffroy de Paris’s Dits, and the process
of Design in BN.fr. 146, in Fauvel Studies 1998, pp.321-36.
M
ÜHLETHALER
, Jean-Claude, 1994, Fauvel au pouvoir. Lire la satire médiévale, Paris,
Champion,.
2006 Le dévoilement satirique. Texte et image dans le Roman de Fauvel, Poétique,
146, pp.165-79.
R
OQUES
, Mario, 1929, L’interpolation de Fauvel et le Comte d’Anjou, Romania, 55,
pp.548-51.
S
TRUBEL
, Armand, 1989, La Rose, Renart et le Graal, Paris, Champion.
V
ARTY
, Kenneth, 1967, Reynard the Fox, a Study of the fox in medieval English Art,
Leicester, Leicester University Press.
ResearchGate has not been able to resolve any citations for this publication.
Article
RésuméDans les miniatures du manuscrit B.N. f. fr. 146, qui nous a conservé la version du Roman de Fauvel écrite par Chaillou de Pestain, le cheval Fauvel se métamorphose en homme à l'arrière-train de cheval (centaure) et en homme à la tête de cheval ("hippocéphale"). La contribution vise à démontrer que les miniatures qui mettent en scène Fauvel à la tête de cheval relèvent d'un fondement parodique, tel que dans certaines branches du Roman de Renart, contrefaisant les motifs des rites religieux pour souligner la conduite infâme de Fauvel.
public d'après tous les manuscrits connus par Arthur Långfors
  • Le Roman
  • De Fauvel
  • Gervais
  • Bus
Le Roman de Fauvel par Gervais du Bus, public d'après tous les manuscrits connus par Arthur Långfors, Paris, Didot (S.A.T.F.) 1914-19.
A Reproduction in facsimile of the complete manuscript Paris, Bibliothèque Nationaler, fonds français 146
  • Le Roman
Le roman de Fauvel in the edition of Mesire Chaillou de Pestain. A Reproduction in facsimile of the complete manuscript Paris, Bibliothèque Nationaler, fonds français 146, éd. Edward H.Roesner, François Avril, Nancy Fr. Regalado, New York, Broude Bros, 1990.
  • Margaret-Wathey Andrew
BENT, Margaret-Wathey Andrew, 1998, Introduction, Fauvel Studies, 1-24.
  • Roberto Manuscrit Peu Connu De
  • N J Foucault Conservé À Leyde
CRESPO, Roberto, 1975, Un manuscrit peu connu de N.J.Foucault conservé à Leyde (LTK 575), Quaerendo, 5 (1975), 127-42.
compte rendu de l'édition Långfors du
  • Ernest Hoepffner
HOEPFFNER, Ernest, 1920, compte rendu de l'édition Långfors du 'Roman de Fauvel', Romania, LVI, pp.426-33.
The Genesis of Manuscript Paris, Bibliothèque Nationale, Fonds Français 146, with particolar emphasis on the Roman de Fauvel
  • Joseph Morin
MORIN, Joseph, 1992, The Genesis of Manuscript Paris, Bibliothèque Nationale, Fonds Français 146, with particolar emphasis on the Roman de Fauvel, Ann Arbor.
Texte et image dans le Roman de Fauvel, Poétique, 146
  • Le Dévoilement Satirique
Le dévoilement satirique. Texte et image dans le Roman de Fauvel, Poétique, 146, pp.165-79.