Abstract and Figures

At war with the eagles represents the first national event organized by the History of Geosciences Section, established in 2012 by the Italian Geological Society in order to recover and endorse the national geological culture. A century after the Italian intervention in the First World War, the meeting focuses on the role of geologists and cartographers on the alpine fronts, before, during and after hostilities. This short note briefly describes the history and purposes of the Geoitaliani project that aims to revitalize the importance of geology in the past as a basis for the future development of our Nation and the human journey on Planet Earth.
Content may be subject to copyright.
Rend. Online Soc. Geol. It., Vol. 36 (2015), pp. 18-23, 4 figs. (doi: 10.3301/ROL.2015.135)
© Società Geologica Italiana, Roma 2015
ABSTRACT
“At war with the eagles” represents the first national event organized
by the History of Geosciences Section, established in 2012 by the Italian
Geological Society in order to recover and endorse the national geological
culture. A century after the Italian intervention in the First World War, the
meeting focuses on the role of geologists and cartographers on the alpine
fronts, before, during and after hostilities. This short note briefly describes
the history and purposes of the Geoitaliani project that aims to revitalize
the importance of geology in the past as a basis for the future development
of our Nation and the human journey on Planet Earth.
PAROLE CHIAVE: history of geology, Geoitaliani, Italian Geological
Society.
INTRODUZIONE
Il convegno “In guerra con le aquile” costituisce il primo
evento nazionale, o meglio transnazionale, organizzato dalla
Sezione di Storia delle Geoscienze della Società Geologica
Italiana, istituita nel 2012 per il recupero e la valorizzazione
della cultura geologica nazionale.
L’evento è dedicato, nel centenario dell’ingresso italiano
nella prima guerra mondiale, alle storie di geologi e cartografi
sui fronti alpini della Grande Guerra, prima, durante e dopo le
ostilità. In questa breve nota si descrivono storia e finalità del
progetto Geoitaliani.
ALLA RICERCA DELLE RADICI DELLA CULTURA
GEOLOGICA
Per il quattrocentesimo anniversario del termine “geologia”,
coniato nel 1603 da Ulisse Aldrovandi, è stato pubblicato un
volume (fig. 1) dedicato allo sviluppo delle moderne discipline
geologiche nell’ambiente culturale bolognese tra il XVI e il
XVII secolo; nella prefazione i curatori (Vai & Cavazza, 2003)
pongono due fondamentali interrogativi:
Perché il primato italiano nello sviluppo della geologia
dal Cinquecento al Settecento -ammirato da Lyell sin dalla
prima edizione dei Principles of Geology (1830-1833)- è stato
dimenticato dai geologi italiani dell’Ottocento e del
Novecento, e mai preso in considerazione dagli storici della
Il passato è la chiave del presente e del futuro:
il progetto GEOITALIANI della Società Geologica Italiana
Alessio Argentieri (1), Fabiana Console (2), Simone Fabbi (3), Marco Pantaloni (5),
Fabio Massimo Petti (4), Marco Romano (3, 6), Giovanni Rotella (1), Alessandro Zuccari (4)
____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
(1) Città metropolitana di Roma Capitale- Servizio Difesa del Suolo. a.argentieri@cittametropolitanaroma.gov.it; storiageoscienze@socgeol.it
(2) Biblioteca - ISPRA.
(3) Sapienza- Università di Roma- Dipartimento di Scienze della Terra.
(4) Società Geologica Italiana.
(5) Servizio Geologico d’Italia –-ISPRA.
(6) Sam Noble Museum, 2401 Chautauqua Ave., Norman, OK 73072, USA.
Document type: Article.
Manuscript history: received 18 June 2015; accepted 22 July 2015; editorial responsibility and handling by G.B. Vai & C. Doglioni.
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________
Fig. 1 - Copertina del volume dedicato ad Ulisse Aldrovandi nel
quattrocentenario del suo “neologismo”
IL PROGETTO GEOITALIANI DELLA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA
19
scienza?
Perché la epistemologia sta diventando riserva di caccia
degli umanisti, mentre gli scienziati sono sempre meno consci
del loro importante ruolo filosofico e culturale, contribuendo
ad allargare il solco fra le due culture?
La riflessione, confortata da documentazione ancora più
estesa (Vai & Caldwell, 2006; Vai, 2009), mette perciò in luce
la questione dello scarso peso, nella storia italiana recente,
della cultura geologica, trascurata in primo luogo proprio dagli
addetti ai lavori. Altro fattore critico è rappresentato dai
numerosi eventi calamitosi che, negli ultimi decenni, hanno
afflitto il territorio nazionale, e i cui effetti e conseguenze
spesso di controversa interpretazione hanno messo
drammaticamente in crisi i rapporti tra comunità tecnico-
scientifica, organi decisionali e opinione pubblica (Guidoboni
& Valensise, 2013).
Occorre perciò riaffermare, nell’interesse della collettività,
il ruolo delle geoscienze in Italia, consentendo ai geologi di
recuperare il ruolo propulsivo avuto in passato e di contribuire
ad affrontare le sfide presenti e future.
A nostro avviso tale processo deve partire dal recupero
delle radici della cultura geologica, con benefici in termini di
tutela del territorio, prevenzione delle calamità naturali e
protezione civile. Se siamo in grado di vedere oltre, è perchè
siamo ‘nani che poggiano sulle spalle di giganti’: rivisitando
l’inossidabile Principio dell’Attualismo (sensu Romano,
2015a), il presente è la chiave del passato e il passato è la
chiave del futuro.
LA GEOLOGIA, UNA SCIENZA ITALIANA
Seguendo un percorso a ritroso nel tempo, verso le epoche
in cui i confini tra le discipline scientifiche erano labilmente
definiti, si ritrovano le radici del primato italiano nella
geologia: l’età aurea si colloca tra il XVI e il XVIII secolo,
quando gli studiosi erano al tempo stesso medici, botanici,
astronomi, geologi, naturalisti, chimici e forse anche un po’
stregoni…
Per dimostrare il dominio culturale italiano nell’ambito
delle scienze geologiche a quell’epoca, Vai (2009) analizza in
maniera dettagliata la produzione scientifica italiana nel
periodo 1759-1859, verificando la presenza di almeno 40 lavori
fondamentali in ambito geologico realizzati, tra gli altri, da
personalità di alto profilo quali Arduino, Targioni-Tozzetti,
Soldani, Spallanzani, Marzari-Pencati, Catullo, Pilla,
Sismonda, Scarabelli, Gemmellaro.
Lo stesso Vai riporta poi un eclatante case history:
l’influenza che la “Conchiologia fossile subappennina” (fig. 2)
di Giovanni Battista Brocchi (1814) ebbe sui “Principles of
Geology” di Charles Lyell. La Conchiologia di Brocchi non è
soltanto una monografia paleontologica, ma un vero e proprio
trattato di geologia regionale che, con linguaggio conciso e
stile moderno, conduce alla geologia del XIX secolo.
L’obiettivo del libro è ben chiaro: Lo scopo di quest'opera è
di porgere una serie di documenti che tendono a dilucidare
l'antica storia del globo” (Conchiologia, Introduzione, pag. 7).
Vai evidenzia inoltre la presenza, nei “Principles”, di almeno
70 pagine frutto di una traduzione diretta o riassunte dalla
Conchiologia; più genericamente gran parte delle
considerazioni che Lyell sviluppa nel suo trattato derivano da
osservazioni da lui compiute in Italia, spesso accompagnato da
guide rappresentate da geologi e naturalisti italiani. In generale,
il fascino che la cultura italiana esercitava su Lyell era
comunque enorme; a riprova di ciò sta la citazione che Lyell fa
della Divina Commedia (“Dinanzi a me non fur cose create se
non eterne”; vedi Romano, 2015b) e l’affermazione,
nell’introduzione della prima edizione dei Principles:
Geology has been an italian science”.
Fig. 2 - Tavola dalla “Conchiologia fossile subappennina” di G.B. Brocchi.
Altro momento esaltante per le giovani scienze geologiche
italiane fu la pubblicazione della Carta geologica delle Alpi
occidentali in scala 1:400.000 (R. Ufficio Geologico, 1908), di
cui furono coautori Secondo Franchi, Ettore Mattirolo, Vittorio
Novarese, Augusto Stella e Domenico Zaccagna (fig. 3): il
celebre geologo svizzero Emile Argand la definì “opera
magistrale del R. Ufficio Geologico”, sancendo con tale
apprezzamento il riconoscimento della maturità scientifica
raggiunta a livello europeo dalla comunità geologica italiana.
L’Italia può perciò a pieno titolo essere considerata uno dei
paesi fondatori della moderna geologia, grazie all’opera di
eccellenti scienziati che contribuirono, ciascuno nella propria
disciplina, allo sviluppo del pensiero scientifico moderno e
laico. Dopo l’Unità del Regno, molti di questi furono chiamati
a ricoprire incarichi pubblici in ragione sia delle virtù
patriottiche, sia delle competenze tecniche. I Geoitaliani
(includendo ovviamente anche le Geoitaliane) svolsero quindi
A. ARGENTIERI ET AL.
20
un ruolo determinante nella storia nazionale, dalle fasi di
strutturazione dello Stato unitario sino alla seconda metà del
XX secolo, quando i nostri predecessori, sebbene sempre meno
sostenuti delle scelte politiche nazionali, contribuirono in
maniera significativa al progresso delle geoscienze a livello
globale.
Fig. 3 - La Carta geologica delle Alpi occidentali prodotta dal Regio Ufficio
Geologico d’Italia (1908).
Eventi critici e storie di divisione, dai contrasti iniziali tra
ingegneri del Corpo Reale delle Miniere e del Regio Ufficio
geologico con gli accademici di impostazione naturalistica
(Corsi, 2003), dalla vicenda Vajont al sisma aquilano del 2009,
dall’incompiuto progetto CARG all’emblematico abbandono di
Palazzo Canevari (sede storica dell’Ufficio Geologico a Roma;
fig. 4), hanno più volte minato alle basi il rapporto tra cultura
geologica e società italiana (Guidoboni & Valensise, 2013). Il
tema, delicato e controverso, merita adeguati approfondimenti
nelle sedi appropriate, mentre questa breve nota ha lo scopo di
illustrare la proposta di recupero del processo culturale.
LA SEZIONE “STORIA DELLE GEOSCIENZE” DELLA
SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA
Sulla scia delle iniziative che la Società Geologica Italiana
ha intrapreso per la ricorrenza del 150° anniversario dell’Unità
Nazionale, nell’ottobre del 2012 è stato proposto al Presidente
e al Consiglio direttivo della SGI, sul modello dell’History of
Geology Group della Geological Society of London, la
creazione di una apposita Sezione di “Storia delle Geoscienze”.
Tale termine è stato inteso come onnicomprensivo di tutte le
discipline afferenti alle geoscienze, differenziatesi nel tempo a
partire da una matrice comune di stampo naturalistico, per
evolvere verso branche specialistiche moderne che analizzano
il Pianeta e i suoi meccanismi evolutivi.
Lo scopo primario è impostare e sviluppare un adeguato
“luogo della memoria” delle Scienze della Terra in Italia,
seguendo un percorso che, lungo diversi fili conduttori,
ricostruisca le figure umane e scientifiche di coloro che hanno
operato in tali campi: dai pionieri delle scienze naturali e dai
padri fondatori delle moderne discipline geologiche, sino a
coloro che hanno condotto le geoscienze italiane verso il XXI
secolo. Il Consiglio direttivo della Società ha accolto e
ratificato la proposta, ai sensi del art. 4 del Regolamento
sociale, nell’Assemblea generale del 7 dicembre 2012. La
nuova Sezione così istituita conta ad oggi 124 membri, circa il
70% dei quali affiliati alla SGI.
Sin da prima della sua istituzione formale, il nucleo
fondatore della Sezione ha partecipato a convegni a livello
nazionale e locale, incentrati su temi specifici o figure di
rilievo e realizzato pubblicazioni nei diversi campi delle
scienze geologiche. L’elenco completo delle pubblicazioni
realizzate e dei convegni ed eventi cui la Sezione ha
partecipato sono disponibili sul sito www.geoitaliani.it
Si tratta di un’iniziativa a carattere volontario, che non
dispone di fondi specifici di personale appositamente
dedicato, basata sulla collaborazione spontanea di coloro che
condividono la passione per la storia della geologia e l’amore
per il Bel Paese. Possiamo però affermare che un piccolo, ma
significativo risultato è stato conseguito: nel documento
divulgativo che la Società Geologica Italiana ha voluto
recentemente produrre per rilanciare la cultura geologica
nazionale (Argentieri et al., 2014), anche la storia delle
geoscienze ha il suo spazio, con pari dignità rispetto alle altre
discipline specialistiche.
La Sezione vuole anche fungere di fatto da stimolo e
incubatore per l’acquisizione di una maggiore consapevolezza
da parte della comunità sociale e dei geologi stessi sul ruolo
fondamentale delle geoscienze per lo sviluppo collettivo,
nell’interesse nazionale.
LE FONTI
Tra le fonti su cui si basa il progetto di recupero e
valorizzazione della cultura geologica italiana, in primo luogo
occorre citare il prezioso patrimonio documentale della
Biblioteca dell’ISPRA, che custodisce le pubblicazioni e
soprattutto le collezioni cartografiche appartenute al Regio
Ufficio, poi Servizio Geologico d’Italia.
Il patrimonio bibliografico e cartografico della Biblioteca
del Servizio Geologico d’Italia ha origine negli anni
immediatamente successivi all’Unità d’Italia. Il Regio Decreto
n. 4113 del 15 dicembre 1867 prevedeva, infatti, l'istituzione di
una biblioteca della cui necessità il R. Comitato Geologico era
IL PROGETTO GEOITALIANI DELLA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA
21
perfettamente consapevole, avendo iniziato sin dai primi mesi
“a formare una libreria speciale valutabilissima” arricchita da
“una raccolta di carte che continuamente si accresce”. Ciò che
rende quindi peculiare, prezioso e unico nel suo genere il
patrimonio della Biblioteca ISPRA sono le oltre 50.000 carte
geologiche, topografiche e geotematiche conservate e custodite
nei suoi archivi cartografici. Quasi 15.000 carte riguardano il
territorio italiano, circa un migliaio delle quali già digitalizzate
e scaricabili dal catalogo on line della biblioteca
(http://opac.isprambiente.it). Queste ultime hanno un
particolare valore storico e culturale, poiché si tratta di originali
cartografici e bozze d’autore, spesso acquerellati a mano.
L’analisi e lo studio di questi documenti originali mette in luce
che il valore di una carta geologica storica è intrinsecamente
legato alle figure sia del geologo rilevatore che del cartografo.
L’attività di catalogazione, digitalizzazione, analisi e studio
della cartografia geologica storica, unitamente al recupero e
regestazione dell’Archivio documentale (1869 1940) del R.
Comitato geologico e del Servizio geologico d’Italia, stanno
infatti permettendo di ricostruire l’evoluzione del R. Ufficio
Geologico dalla sua istituzione nel 1873, i rapporti con la
Società Geologica Italiana e i primi passi che portarono alla
lunga e complessa realizzazione dei 277 fogli della Carta
Geologica d’Italia alla scala 1:100.000. Inoltre, la grande
varietà di carte e bozze d’autore con le note allegate, le lettere e
le relazioni hanno offerto lo spunto per scoprire le diverse e
interessanti personalità dei geologi di allora, oltre alle loro
complesse relazioni con le istituzioni governative attraverso le
vicende politiche del XIX secolo. Con il progetto HistMap
(Historical Geothematic Cartography; Corsi et al., 2004) è
stata ripercorsa l’epopea della costituzione in Europa, nel XIX
secolo, di strutture pubbliche nazionali dedite alla cartografia
geologica, considerata come uno dei primi casi di realizzazione
di un sistema di big science nel mondo occidentale.
Unaltra fonte di riferimento è il patrimonio di
pubblicazioni della Società Geologica Italiana e del Servizio
Geologico d’Italia. In quelle pagine la storia della geologia si
racconta da sé, nei resoconti delle attività societarie o negli
spazi tradizionalmente riservati a commemorazioni e necrologi
di soci scomparsi. Tale usanza, che negli ultimi tempi si è
purtroppo andata affievolendo, prevedeva di norma che il
ricordo fosse affidato a un illustre collega o al più eminente
degli allievi del personaggio; ciascuno degli autori adottava
forme, registro e stili di scrittura diversi a seconda del periodo
storico e della propria discrezionalità.
Citiamo poi le poche, ma fondamentali monografie o
volumi speciali che costituiscono pietre miliari della storia
delle discipline geologiche: il volume celebrativo del
centenario della SGI (AA.VV., 1981); l’opera di Bruno
Accordi, che spazia dalle origini agli albori della tettonica delle
placche (1984); il già citato volume su Aldrovandi (Vai &
Cavazza, 2003) e quello più generale sulle origini della
geologia in Italia (Vai & Caldwell, 2006); la ricostruzione della
storia della geofisica italiana, tramite il percorso di nascita
dell’Istituto Nazionale di Geofisica e la figura del suo
fondatore Antonino Lo Surdo (Foresta Martin & Calcara,
2010); il volume per il centocinquantenario dell’Unità d’Italia
(D’Andrea, 2011).
Un’altra fonte primaria di riferimento è il Dizionario
Biografico degli Italiani, opera collettiva dell’Istituto
dell’Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani,
concepita nel 1925 sotto la direzione di Giovanni Gentile per
affiancare la grande Enciclopedia. Modello di riferimento
furono le analoghe pubblicazioni europee come la Allgemeine
Deutsche Biographie e il Dictionary of National Biography.
Dopo un lunghissimo periodo di “gestazione”, nel 1960 fu
pubblicato il primo volume; ad oggi ne sono stati realizzati 83
dei 100 previsti (la conclusione dell’opera è attesa per il 2020),
ed è in fase di allestimento il successivo. L’intero lemmario e
le oltre 30000 biografie dell’opera finora apparse (coprendo
sinora parte della lettera “P”), sono tutte consultabili online,
con un continuo aggiornamento dell’opera.
Il Dizionario fu concepito per raccogliere le biografie di
uomini e donne -noti e meno noti, vissuti in un intervallo
temporale dalla caduta dell'Impero Romano d'Occidente ai
giorni nostri- degni di essere ricordati nella memoria comune
nazionale. Nell’opera si trovano voci biografiche di
geoscienziati redatte non solo da autorevoli storici della scienza
attenti alle nostre discipline, ma anche da studiosi e specialisti
del settore chiamati a stilare i profili di illustri maestri e
colleghi: ecco così, di volume in volume, la storia della
geologia che racconta stessa, attraverso generazioni
successive di protagonisti.
Da diversi anni i componenti del nucleo fondatore della
Sezione collaborano con la redazione del Dizionario Biografico
degli Italiani, sia per l’aggiornamento del lemmario, sia
redigendo voci relative a geologi, naturalisti, paleontologi,
mineralisti e geofisici. L’elenco delle voci è disponibile sul sito
www.geoitaliani.it.
Diversamente dai paesi anglosassoni, dove ai protagonisti
delle ricerche geologiche sono dedicati molti volumi
divulgativi (in alcuni casi anche romanzi storici) che riempiono
le sezioni di popular science delle librerie, in Italia tale
tradizione è invece poco sperimentata, tranne poche eccezioni.
Tra queste, si menzionano in particolare l’originale opera sulle
peculiarità geologiche del territorio della Città Eterna
(Funiciello et al., 2006) e l’affettuoso omaggio di un geologo
statunitense (Alvarez, 2010) ai colleghi italiani e al contributo
da loro fornito, nell’ultimo trentennio del secolo scorso, al
progresso delle scienze geologiche.
IL SITO GEOITALIANI
Tra le prime iniziative della Sezione vi è stata l’attivazione
nel marzo 2013 del sito GEOITALIANI
(http://www.geoitaliani.it), che ospita testi, curati dai
responsabili della sezione e da altri Autori, arricchiti da
immagini storiche e/o contenuti multimediali. Il sito, con
struttura di blog, contribuisce a ricostruire la storia della
geologia in Italia attraverso il ricordo delle figure scientifiche
degli uomini e delle donne che in tali campi hanno operato.
Oltre alle commemorazioni di personaggi del passato, sia
protagonisti che comprimari, gli argomenti affrontati spaziano
dalla descrizione di eventi storici, di località caratterizzate da
A. ARGENTIERI ET AL.
22
peculiarità geologiche o geomorfologiche, a commenti e
riflessioni sul ruolo della geologia e della divulgazione della
disciplina. La pubblicazione si rivolge perciò a un pubblico
ampio a cui far comprendere, anche oltre i confini specialistici
delle geoscienze, il ruolo dei geologi italiani nel contesto
sociale, economico, politico e culturale del Paese.
L’analisi dei contenuti e delle visite al sito, mostra come
nel tempo sia aumentato l'interesse per la cartografia storica,
che si sta allargando e diffondendo, al di là di una ristretta
cerchia di studiosi e collezionisti, verso un pubblico più ampio,
interessati all’evoluzione del territorio, sia essa a carattere
geologico, urbanistico, ambientale, archeologico. Leggere una
vecchia carta geologica può significare, anche per i non addetti
ai lavori, compiere un viaggio nel tempo e nello spazio, subire
il fascino dell’esplorazione del passato attraverso tecniche di
rappresentazione non più in uso con segni convenzionali legati
ad uno stile di vita non tecnologico. La cartografia antica ci
indica, inoltre, lo stato delle conoscenze tecniche e scientifiche
dei geologi, e la loro sensibilità nei confronti del territorio,
della sua storia, del suo utilizzo.
Gli account sui social network Twitter (@geoitaliani) e
Facebook (https://www.facebook.com/geoitaliani), fungono da
strumenti di diffusione della pubblicazione. Oltre che sulla
pagina web della Società geologica italiana, sono stati attivati
dei link al blog GEOITALIANI anche sul notiziario Geonews e
sul geoportale del Servizio Geologico d’Italia dell’ISPRA e
sono stati pubblicati articoli e comunicati anche sulle riviste del
Consiglio Nazionale e degli Ordini regionali dei Geologi, per
raggiungere anche l’importante realtà del mondo professionale
(si vedano ad esempio Pantaloni, 2011; Argentieri & Pantaloni,
2014).
Le pagine di GEOITALIANI, strumento dinamico e
versatile, costituiscono perciò l’embrione di un futuro portale
di storia delle Geoscienze in Italia, che rappresenta l’obiettivo
principale della nostra Sezione: un “luogo della memoria
collettiva” in cui far confluire in maniera organizzata e
sistematica il ricco patrimonio bibliografico ed iconografico
esistente sui geoscienziati italiani e sulle ricerche da loro
realizzate. Attraverso le loro storie, le loro idee e teorie spesso
del tutto pionieristiche, è possibile ricostruire la nascita e
l’evoluzione della nostra disciplina e trarre ispirazione per
costruire il futuro delle geoscienze in Italia al fine anche di
IL PROGETTO GEOITALIANI DELLA SOCIETÀ GEOLOGICA ITALIANA
23
migliorare il rapporto Terra-Uomo.
L’augurio è che partecipando a questa operazione culturale
ciascuno possa così riscoprire il piacere di rileggere i testi dei
vecchi Autori e, rivedendone i concetti alla luce delle moderne
conoscenze, si sorprenda di quanto attuali possano essere
ancora le loro parole.
RINGRAZIAMENTI
L’iniziativa, finalmente decollata dopo averne più volte parlato in
sedi informali, non avrebbe potuto concretizzarsi senza il convinto
sostegno del “past President” della Società Geologica Italiana Carlo
Doglioni e dell’allora Vicepresidente Elisabetta Erba, oggi al vertice
dell’istituzione, nonché dei professori Giorgio Vittorio Dal Piaz,
Maurizio Parotto, Antonio Praturlon e Gian Battista Vai. Al professor
Mario Caravale, storico del diritto e già Direttore del Dizionario
Biografico degli Italiani, e alla dottoressa Federica Favino, storica
della scienza e redattrice del DBI, va il nostro ringraziamento per
averci dato l’opportunità di provare a riempire, con qualche granello,
il solco tra le culture scientifiche e umanistiche.
Nel cercare dove abbia iniziato a svilupparsi la passione per la
storia della geologia, il sentiero ci conduce alla cara memoria di
Renato Funiciello, appassionato cultore della tradizione degli antichi
Autori.
E infine grazie alle nostre famiglie, che con grande comprensione
tollerano, a conclusione di impegnative giornate di lavoro, le nostre
serate davanti al computer a entusiasmarci per un manoscritto
ingiallito o una fotografia sbiadita di anziani signori con favoriti e
mustacchi…
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
AA.VV. (1984) - Cento anni di geologia italiana. Volume
giubilare del I Centenario della Società Geologica Italiana,
Bologna.
Accordi B. (1984) - Storia della geologia, Zanichelli, Bologna,
114 pp.
Alvarez W. (2010) - Le montagne di san Francesco, Fazi
Editore, Roma, 413 pp.
Argentieri A., Bernardi M., Calcaterra D., Capponi G., Carosi
R., Censi P., Chiocci F. L., Cirilli S., Conticelli S.,
Cosentino D., Crosta G., Dalla S., D’Ambrogi C., Doglioni
C., Erba E., Galluzzo F., Govoni D., Lattanzi P., Lazzarini
L., Monaco C., Mazza R., Mercurio M., Morra V.,
Pantaloni M., Peppoloni S., Petitta M., Petti F. M.,
Pietrosante A., Scrocca D. e Zuccari A. (2014) - Geologia
per l’Italia, a cura della Società Geologica Italiana (ISBN
978-88-940227-1-1), 54 pp.
Argentieri A., Pantaloni M. (2014) - La Sezione di Storia delle
Geoscienze della Società Geologica Italiana e il blog
Geoitaliani. Veneto Geologi, 84, anno XXII, 20.
Brocchi G. (1814) - Conchiologia fossile subapennina con
osservazioni geologiche sugli appennini e sul suolo
adiacente. Milano, dalla Stamperia Reale, 240 pp.
Corsi P. (2003) - The Italian Geological Survey: the Early
History of a Divided Community, in Four centuries of the
word Geology. Ulisse Aldrovandi 1603 in Bologna (editors
G.B. Vai & W. Cavazza), Minerva Edizioni, Bologna, 271-
299.
Corsi P., Morroni E., Carmignani L. (2004) - HistMap.
Historical geotematic cartography. Storia della cartografia
geotematica. APAT, 40 pp.
D’Andrea M., a cura di (2012) - Uomini e ragioni: i 150 anni
della geologia unitaria, Atti Sessione F4 Geoitalia 2011-
VIII Forum italiano di Scienze della Terra, Torino 19-23
settembre 2011, 243 pp.
Foresta Martin F., Calcara G. (2010) - Per una storia della
geofisica italiana. La nascita dell’Istituto Nazionale di
Geofisica (1936) e la figura di Antonino Lo Surdo,
Springer, Milano, 278 pp.
Funiciello R., Heiken G., De Rita D., Parotto M. (2006) - I
Sette Colli. Guida geologica a una Roma mai vista,
Raffaello Cortina editore, Milano, 328 pp.
Guidoboni E., Valensise G., a cura di (2013) - L’Italia dei
disastri. Dati e riflessioni sull’impatto degli eventi naturali
1861-2013, Bononia University Press, Bologna, 430 pp.
Pantaloni M. (2011) - La carta geologica d’Italia alla scala di
1:1.000.000: una pietra miliare nel percorso della
conoscenza geologica. Geologia tecnica e ambientale, 2-3,
88-99.
Regio Ufficio Geologico (1908) - Carta geologica delle Alpi
occidentali (rilevatori: Zaccagna D., Mattirolo E., Novarese
V., Franchi S., Stella A.), scala 1:400.000, Istituto
Geografico Dott. G. De Agostini, Roma.
Romano M. (2015a) - Reviewing the term uniformitarianism in
modern earth sciences. Earth-Science Reviews. Earth-
Science Reviews, 148, 65-76.
Romano M. (2015b) - “Per tremoto o per sostegno manco”:
The Geology of Dante Alighieri’s Inferno. Italian Journal of
Geosciences. doi: 10.3301/IJG.2015.21.
Vai G.B. & Cavazza W., eds (2003) - Four centuries of the
word Geology. Ulisse Aldrovandi 1603 in Bologna,
Minerva Edizioni, Bologna, 328 pp.
Vai G.B., Glen W., Caldwell E., eds (2006) - The Origins of
Geology in Italy, ISBN: 10 0-8137-2411-2. Boulder Co
USA, Geological Society of America Special Paper 411,
223 pp.
Vai G.B. (2009) - Light and shadow: the status of Italian
geology around 1807. Geological Society, London, Special
Publications 2009, 317, 179-202
SITOGRAFIA
http://histmap.huma-num.fr/
http://historyofgeologygroup.co.uk/
http://www.geoitaliani.it
http://www.socgeol.it
http://www.socgeol.it/751/geoitaliani_portale_di_storia_delle_
geoscienze_in_italia.html
http://www.treccani.it/catalogo/catalogo_prodotti/la_biografia_
italiana/dizionario_biografico_degli_italiani.html
http://opac.isprambiente.it/SebinaOpac/Opac
ResearchGate has not been able to resolve any citations for this publication.
Article
Full-text available
Parution : G. B. Vai et W. Cavazza, ed, Four centuries of the word 'Geology', Ulisse Aldrovandi 1603 in Bologna, Minerva Edizioni, Bologna, 2003, pp. 255-279
Article
The purpose of the present paper is to analyse the geological elements and references found in Dante Alighieri’s Inferno, which have never been treated in complete and comprehensive manner. Dante used wisely and in a unique manner the elements of nature, especially of landscape, to build the material foundation on which the fiction of the underworld journey is based. Specific kinds of rocks, steep cliffs, landslide bodies, lakes of hydrothermal water, waterfalls, become basic material in the hands of the Florentine poet, on which to base metaphors and similes. In Dante’s Inferno there are references to hydrogeology, earthquakes, mountain structures, deposition of travertine, landscape modelling, meteorological phenomena, structure of the Earth and of the entire cosmos. The grandeur and mastery of Dante lies in being able to communicate, in short lines, the strong separation between scientific facts of natural phenomena and their use for aesthetic, poetic, political, and even ethical purposes. In dealing with complex issues such as the “geophysical equilibrium” and the reason for the current distribution of land and ocean, Dante does not simply accept the theories of Aristotle (as stated by several exegetes) but shows a critical and deep analysis in the field of geology sensu lato, considering and preferring the phenomenal datum to the abstract theories. The work of Dante and his contemporaries did not impersonate the “dark period” for science, as found in many interpretations of the Middle Ages, but the cultural context where those questions were posed which served as foundation and propellant for the subsequent “scientific revolution”.
Article
The digital storage and communication of significant geological data became increasingly more objective and accessible through the development of new technologies or the implementation of already well-known techniques as photogrammetry. Digital acquisition of geometries (both structural and depositional) of significant geological outcrops is deemed necessary, especially if the site concerned is liable to be damaged or hopelessly involved in natural processes of geological and geomorphological evolution. In this paper, we tested the performances of two different open-source software (i.e. VisualSFM and ARC3D) on a small-scale but paradigmatic outcrop in the Umbria-Marche Apennines (Italy). The test showed that ARC3D provides an high-resolution model, employing a relatively short time and requiring a not expensive hardware support for processing hundreds of photos. In the text, 3D models of the selected outcrop are reported and discussed emphasizing the potential of the method to highlight structural, sedimentological and paleontological details. As a result, 3D photogrammetry proved to be a powerful and effective tool to digitally conserve and objectively communicate important geological observations and to facilitate accessibility and dissemination of the collected data within the scientific community.
Article
The stratigraphical approach and geological mapping of William Smith in England and Georges Cuvier in France gave birth to modern geology. However, before 1815 neither used the word 'geology', a term first coined by Ulisse Aldrovandi in 1603. At the turn of the nineteenth century most leading geoscientists were based in France and Germany, but those in Britain were poised to take over the lead. After three centuries of dominance in science and geology, was Italian geology in decline? A review of the works of Italian geologists and the role these played in disseminating Italian geological research has been undertaken to examine this question. The French Revolution and the Napoleonic wars shocked the Italian states, disrupted the economic order and discontinued the progress of science. Nevertheless, from 1759 to 1859 over 40 classic papers in geology were published in Italy. Among them, Gian Battista Brocchi's Conchiologia Fossile is the most renowned for having inspired Charles Lyell's work. In the middle decades of the nineteenth century Italian geoscientists made up the majority of foreign members of both the French and English geological societies. The Italian Geological Society was not formed until 1881. This was largely due to the earlier political fragmentation of Italy into many small states.
  • A Argentieri
  • M Pantaloni
Argentieri A., Pantaloni M. (2014) -La Sezione di Storia delle Geoscienze della Società Geologica Italiana e il blog Geoitaliani. Veneto Geologi, 84, anno XXII, 20.
1814) -Conchiologia fossile subapennina con osservazioni geologiche sugli appennini e sul suolo adiacente
  • G Brocchi
Brocchi G. (1814) -Conchiologia fossile subapennina con osservazioni geologiche sugli appennini e sul suolo adiacente. Milano, dalla Stamperia Reale, 240 pp.