ChapterPDF Available

Io fenomenico, autocoscienza e autoconoscenza

Authors:
L’analisi qualitativa
dell’esperienza diretta
Festschrift in onore di Giuseppe Galli
acura di
Andrzej Zuczkowski
Ivana Bianchi
Copyright © MMIX
ARACNE editrice S.r.l.
www.aracneeditrice.it
info@aracneeditrice.it
via Raffaele Garofalo, 133 A/B
00173 Roma
(06) 93781065
ISBN 978–88–548–2916–9
Idiritti di traduzione, di memorizzazione elettronica,
di riproduzione e di adattamento anche parziale,
con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi.
Non sono assolutamente consentite le fotocopie
senza il permesso scritto dell’Editore.
Iedizione: novembre 2009
5
Indice
Presentazione del volume, di A. Zuczkowski, I. Bianchi 9
L’allievo nei ricordi del Maestro di R. Canestrari 11
Autobiografia scientifica di G. Galli 13
DAL CONVEGNO IN ONORE DI GIUSEPPE GALLI “L‟ANALISI QUALITATIVA
DELLESPERIENZA DIRETTA IN PSICOLOGIA GENERALE (MACERATA, 11-12 DICEMBRE
2009)
Il “criterio dell’umano” nella ricerca fenomenologica di M. Armezzani 23
Le qualità di una ricerca discorsiva di G. Mininni 45
Tra psicologia e neuroscienze: il problema del soggetto di L.Mecacci 67
Tra ricerca qualitativa e ricerca quantitativa: gli approcci di ricerca Mixed-
Methods di F. Lucidi, F. Alivernini 77
SEZIONE PSICOLOGICA 95
Sorprese nella percezione amodale di M. Zanforlin 97
Illusioni ottico-geometriche, IX: l’effetto verniero di G.B. Vicario 103
Il campo visivo fenomenico come campo vettoriale di R. Luccio, G. Caporusso 113
La teoria dell’espressione tra arte e scienza: dalle sperimentazioni futuriste alle
ricerca psicologica del primo Novecento di G. Bartoli 121
Simmetria, riflessione apparente e altre illusioni visive di P. Bonaiuto, V. Biasi,
S. Longo 135
Qualità espressive e spazio di vita nella criminogenesi della schizofrenia di A.
Balloni 143
6
Le forme dell’esperienza diretta di I. Bianchi 151
Indicatori Linguistici Percettivi e Cognitivi (ILPeC) e Teoria del Noto, Ignoto,
Creduto (NIC) di A. Zuczkowski 163
Il dialogo come Gestalt: un modello di analisi di I. Riccioni, C. Canestrari, R.
Bongelli 173
La psicologia della Gestalt come teoria della complessità di S. Polenta 185
Un approccio olistico alla psicologia dello sport di T. Agostini, G. Righi, A.
Galmonte 195
Emozioni e perdono di P. E. Ricci Bitti, L. Bonfiglioli 205
Rapprentazioni del terrorismo, identità culturali e atteggiamenti sociopolitici di
P. Battistelli, L. Palareti, S. Passini 215
Rappresentazioni sociali e senso comune di A. Palmonari 225
Il tema della fiducia nelle formulazioni teoriche recenti della psicologia sociale e
della psicologia dello sviluppo di A. Fermani, M. Muzi 233
Metodo fenomenologico e metodo sperimentale nelle ricerche in età prescolare.
Due studi a confronto di A. Arfelli Galli 243
Fare formazione oggi di B. Pojaghi, P. Nicolini 251
La molteplicità dell’Io e del suo ambiente. Il principio della molteplicità dei
campi e le sue potenzialità nei processi diagnostici e terapeutici di G. Stem-
berger 261
Connessione e segregazione nella dinamica relazionale psicoterapeutica di E.
Trombini, G. Trombini 275
Hamlet e la procrastinazione di P. Lavanchy 283
La conversazione asimmetrica non-cooperativa di G. Lai 291
L’uomo come soggetto in medicina. Fondamenti teorici per un orientamento
etico della Medicina di W. Pieringer 299
SEZIONE FILOSOFICA 313
1. La funzione della psicologia nel quadro interdisciplinare della ricerca
semiotico-testologica di di J. S. Petöfi 315
Una pubblicità negativa: Wittgenstein lettore di Köhler. di F. Toccafondi 323
Io fenomenico, autocoscienza e autoconoscenza di F. Orilia 333
Indice
7
Individui senza virtù? Un’alternativa al narcisismo, in dialogo fra filosofia e
scienze umane di L. Alici 341
La parola umana. Evento e rivelazione di G. Ferretti 351
Psicologia del rispetto e nuova antropologia di R. Mancini 367
Autenticità e distruzione. A proposito della Psicologia delle virsociali di G.
Galli di S. Labate 379
Platone e i limiti della conoscenza umana di M. Migliori 391
Aristotele e il problema della "qualità". Esame dei nessi fra qualità, passioni e
virtù, tra Categorie, Metafisica ed Etiche di A. Fermani 407
Causalità e temporalità di M. Buzzoni 417
La professione come pratica interpretativa: note sull’esercitare l’architettura di
C. Danani 425
Atti giuridici tetravalenti? Saggio sul concetto di valenza nella semiotica
dell’atto giuridico di P. Di Lucia 435
Divagazioni linguistiche e territoriali attorno a un filosofo: Montaigne a Loreto
di G. Almanza 445
SEZIONE PEDAGOGICA 453
L’educazione estetica: le ragioni di un incontro tra psicologia, estetica e
pedagogia di R. Tumino 455
L’impiego del software nell’analisi qualitativa di L. Cadei, D. Simeone 465
Il sistema formativo integrato e la scelta della sinergia di M. Corsi 473
Globalizzazione ed educazione. Aspetti e motivi del recente dibattito sul
multiculturalismo di A. Ascenzi 481
L’editoria scolastica cattolica dall’età giolittiana al fascismo. Il caso della SEI di
Torino e dell’Editrice La Scuola di Brescia di R. Sani 493
Indice
9
Presentazione del volume
di A. Zuczkowski, I. Bianchi
Il volume, dedicato a Giuseppe Galli, si apre con alcune note bio-
grafiche sullo studioso, presentate prima attraverso lo sguardo del suo
Maestro, Renzo Canestrari, poi attraverso una biografia scientifica a
firma dello stesso Giuseppe Galli che organizza e sintetizza, per nuclei
tematici, i propri scritti.
Nelle sue ricerche inizialmente Galli applica il metodo fenomenolo-
gico-sperimentale dei gestaltisti prima alla percezione delle qualità e-
spressive, poi alla percezione di sé, passando così dalla oggettività alla
soggettività fenomeniche. Studiando quest‟ultimo tema, si accorge della
insufficienza di un approccio monologico al soggetto e della necessità
di integrare l‟aspetto puramente descrittivo con quello interpretativo,
cioè di instaurare una cooperazione dialogica con la persona che parla
di sé. Esplora nuovi territori come quelli della interpretazione clinica
(G. Lai e P. Lavanchy), della linguistica testuale (J. S. Petöfi, in cui ri-
trova l‟approccio globalistico della Gestaltpsychologie) e delle varie
ermeneutiche (filosofica, giuridica, religiosa ecc.). Galli intuisce che
l‟approccio ermeneutico può risultare maggiormente produttivo se met-
te a confronto prospettive diverse sullo stesso testo. Nascono così i Col-
loqui sulla Interpretazione, caratterizzati appunto da questa apertura alla
multidisciplinarità. Negli ultimi Colloqui sulle “virtù sociali”, il tema
dell‟io fenomenico ritorna come “riconoscersi in un testo”. Negli stessi
anni Galli riprende anche il tema dei rapporti tra vedere e interpretare,
in particolare nell‟ambito del problema della trasposizione da un siste-
ma di segni verbali a uno iconico, ed elabora il metodo dell‟analisi sce-
nica, applicando anche qui l‟approccio strutturale dei gestaltisti.
L‟apertura a diversi ambiti disciplinari che ha caratterizzato gli svi-
luppi di pensiero e gli incontri professionali e personali di Giuseppe
Galli si riflette nelle tre sezioni in cui si divide il volume. I contributi
raccolti provengono infatti da vari ambiti della psicologia (sperimenta-
le, clinica, sociale ed evolutiva), della filosofia e della pedagogia.
A. Zuczkowski, I. Bianchi
10
I primi quattro interventi, di Maria Armezzani, Giuseppe Mininni,
Luciano Mecacci, Fabio Lucidi e Fabio Alivernini, che aprono di fatto
la serie dei contributi psicologici, sono ospitati in uno spazio a sé per-
ché hanno costituito le quattro relazioni presentate al convegno in ono-
re di Giuseppe Galli svoltosi a Macerata l‟11 e il 12 dicembre 2009 e
centrato su “L‟analisi qualitativa dell‟esperienza diretta in psicologia
generale”. La scelta del tema (che il titolo del presente volume riprende
in modo più generale) ha voluto chiaramente essere un omaggio al tipo
di ricerche svolte da Giuseppe Galli e contrassegnate dall‟analisi quali-
tativa del vissuto. Anche molti dei contributi presentati nelle tre sezioni
riprendono implicitamente e sottolineano questo tema delle qualità.
Per noi curatori del volume e del convegno, il senso di una riflessio-
ne, oggi, sugli aspetti qualitativi della ricerca non è certo quello di con-
trapporre metodi qualitativi e quantitativi. Siamo convinti che il vissuto,
oltre ad essere conosciuto qualitativamente, possa anche essere misura-
to e che la ricerca in psicologia generale guadagni in profondità e vali-
dità recuperando e integrando entrambi gli aspetti. In questa direzione,
le quattro relazioni, proposte da studiosi di psicologia che provengono
da itinerari scientifici diversi, ci sembra offrano una serie di provocanti
riflessioni sul tema. I contributi della Armezzani e di Mecacci centrano,
con sguardi diversi, la questione del soggetto, dal punto di vista feno-
menologico, la prima, e da quello delle neuroscienze, il secondo. Mi-
ninni sposta il focus dell‟analisi sulla intersoggettività e la comunica-
zione dei vissuti. Lucidi e Alivernini mostrano una integrazione produt-
tiva dei metodi quantitativi e qualitativi.
Abbiamo chiacchierato un po‟ con Giuseppe Galli, in fase di proget-
tazione del volume e del convegno, su che cosa voglia dire proporre il
tema dell‟analisi qualitativa e ci siamo resi conto che non è così facile
convergere su una definizione operazionale a maglie strette di qualità e
qualitativo in psicologia generale, pur riconoscendo che, a viario titolo
e in vario modo, in questi anni ci siamo tutti dedicati allo studio delle
qualità dell‟esperienza diretta… Il nostro intento, qui, però non è quello
di cercare una definizione, ma di riferirci ad un‟idea ― se si vuole “ge-
staltica di qualità, per un omaggio. E in questo senso ci pare che il
volume, proprio nella sua eterogeneità, suggerisca vari modi in cui, nel
pensiero e nella ricerca sull‟uomo, possano essere declinati gli aspetti
qualitativi dell‟esperienza.
11
L‟allievo nel ricordo del Maestro
di Renzo Canestrari
Ritornando al tempo della memoria ricordo di avere incontrato
Giuseppe Galli all‟inizio degli anni cinquanta come studente frequen-
tante le mie lezioni su temi legati alla psicologia della Gestalt. Dopo la
laurea in medicina e la specializzazione in endocrinologia, una disci-
plina che lo aveva attratto per i suoi aspetti di globalità, gli proposi
di collaborare con me nell'ambito delle ricerche sulla percezione. Era-
no gli anni in cui Wolfgang Metzger teneva seminari a Padova, Trieste
e Bologna, seminari che hanno rinsaldato e diffuso la corrente gestal-
tista già presente in Italia. Galli, nel suo ruolo di traduttore di Metzger,
ne divenne anche amico e profondo conoscitore delle sue teorie. Nel
1961, dopo essere stato ternato in un concorso bandito dall‟Università
di Trieste, prese servizio come assistente di Psicologia generale presso
la Facoltà medica di Bologna. Nel 1964 conseguì la Libera Docenza in
Psicologia generale.
Giuseppe Galli si apre alla ricerca analizzando gli aspetti fenome-
nologici di alcune semplici figure come il cerchio e l‟ellisse, per poi
passare, in collaborazione con me, all‟analisi delle qualità espressive e
strutturali nella percezione del volto. Da qui il suo importante contri-
buto personale riguardante l‟articolazione e il centramento della co-
siddetta “area fisionomica”. L‟affinamento teorico e metodologico
consentì a Galli di affrontare un tema più impegnativo: lo studio
dellio fenomenico, un tema questo che perseguirà per lunghi anni do-
po il suo trasferimento a Macerata come professore nel corso di Lau-
rea in Filosofia.
Presso questa Università, a partire dal 1979, Galli ha organizzato la
serie dei Colloqui multidisciplinari sulla Interpretazione. Ho parteci-
pato io stesso ad alcuni Colloqui e ricordo di avere vissuto
un‟esperienza comunicativa che ha profondamente stimolato il mio
pensiero. Mettere insieme studiosi che hanno dato prova di considera-
re, con l‟umiltà che contraddistingue l‟abito del ricercatore, il proprio
R. Canestrari
12
sapere limitato e rispettoso degli altri saperi, è un‟occasione di incon-
tro di cui possiamo proficuamente godere. L‟approccio ermeneutico
proprio di questi Colloqui traspare nelle sue opere come “Psicologia
delle virtù sociali” e “Psicologia del corpo”, opere tradotte anche in
tedesco per cui il nostro Autore ben rappresenta la psicologia italiana
in Europa.
A partire da 2000 Galli ha fondato in collaborazione con alcuni col-
leghi del Dipartimento di Psicologia di Bologna il “Centro Interuni-
versitario di Studi Medicina e Scienze Umane” intitolato al grande
clinico bolognese Augusto Murri. Il centro ha organizzato una serie di
seminari interdisciplinari su temi rilevanti per la medicina come: dia-
gnosi, cura, individualità, nascita pubblicando anche gli Atti relativi.
Ho partecipato al seminario su “Interpretazione e cura” testimoniando
il mio plauso e quello della Facoltà medica di Bologna per le attività
del Centro Murri, che coniuga, come era nell‟insegnamento di questo
grande maestro, scienze umane e medicina.
13
Autobiografia scientifica
Giuseppe Galli è nato a Ravenna nel 1933. Nel 1957 si è laureato in
Medicina a Bologna. Ha attuato la sua formazione psicologica con la
guida del Prof. Renzo Canestrari e in stretto contatto con gli psicologi
della scuola della Gestalt, in particolare con Wolfgang Metzger
(Münster) e Edwin Rausch (Frankfurt am Main). Nel 1964 ha consegui-
to la libera docenza in Psicologia Generale. Dal 1966 ha insegnato la
stessa disciplina presso lUniversità di Macerata (corso di laurea in Fi-
losofia) dove dal 1982 è professore ordinario. Da quello stesso anno fi-
no al 1990 ha svolto le funzioni di Pro-Rettore. Nel 1987 ha collaborato
alla istituzione del Dipartimento di Filosofia e Scienze Umane come fu-
sione dei due preesistenti Istituti di Filosofia e di Pedagogia e Psicolo-
gia. Nel 2000 ha fondato il Centro Interuniversitario di Studi Medicina
e Scienze Umane “Augusto Murri”. Dal 2003 al 2006 è stato Direttore
del Dipartimento di Scienze dellEducazione e della Formazione e
coordinatore del Dottorato di Ricerca in Scienze dellEducazione. Dal
17/09/2009 è Professore Emerito.
RICERCHE SULLA PERCEZIONE DELLESPRESSIVITÀ E DEL CENTRAMENTO
Le ricerche eseguite da Galli nellIstituto di Psicologia
dellUniversità di Bologna allinizio degli anni 60, sono state impos-
tate in base alle concezioni di Metzger sulle qualità gestaltiche: la dif-
ferenziazione tra qualità strutturali ed espressive e il primato metodo-
logico delle qualità strutturali. Lo studio delle qualità strutturali delle
configurazioni percettive è stato condotto adottando i parametri del
centramento, proposti da Wertheimer e da Metzger e quelli della di-
namica figurale interna (come intesa da Rausch).
Galli G. (1961). Analisi fenomenologica di alcune caratteristiche forma-
G. Galli
14
li del cerchio e dellellisse, Rivista di Psicologia, LV, 129-141.
Galli, G. (1964). Contiguità e continuità fenomenica, Rivista di Psico-
logia, LVIII, 325-339.
Galli, G. & Canestrari, R. (1961). Qualità espressive e strutturali nella
percezione del volto, Rivista di Psicologia, LV, 117-127.
Galli, G. (1966). Sulle qualità formali dellarea fisionomica, in G. Mac-
cagnani, Psicopatologia dellespressione (pp. 716-726). Imola:
Galeati.
Galli, G., & Bonaiuto, P. (1964). Proporzionalità fenomenica e pro-
porzionalità geometrica nellingrandimento di figure rettan-
golari, Rivista di Psicologia, LVIII, 341-355.
Galli, G., & Selleri, G. (1972). Contributo alla fenomenologia delle rela-
zioni bipersonali. Osservazioni sui fattori distanza e reciprocità,
Archivio di Psicologia, Neurologia e Psichiatria, 183-196.
RICERCHE SULLA PSICOLOGIA DELLIO FENOMENICO
Lapproccio metodologico di base è stato fin dallinizio quello feno-
menologico-gestaltista. I maestri gestaltisti partendo dai vissuti, intesi
come dati immediati di coscienza, si sono interrogati sulle condizioni
che permettono il nascere, il permanere e lo scomparire dei vissuti
stessi. Le loro ricerche si sono concentrate nello studio della “oggetti-
vità fenomenica” (ciò che sta di fronte con le sue qualità) lasciando da
parte il settore della “soggettività fenomenica” (lIo fenomenico; il
con le sue qualità).
A partire dalla fine degli anni 60, Giuseppe Galli si è dedicato allo
studio dellIo fenomenico, inizialmente con ricerche di laboratorio
dove i soggetti erano invitati ad osservare lombra del loro profilo va-
riamente deformata. I risultati sono riportati in:
Galli, G. (1979/71). Prospettive di ricerca empirica dellio fenomeni-
co. Annali della Facoltà di Lettere e Filosofia dellUniversità
di Macerata, 3/4, 387-400.
Galli, G., (1973). Methodologische Grundsätze zur Erforschung des
phänomenalen Ich. Psychologische Beiträge, 15, 550-574.
Autobiografia scientifica
15
Da queste prime esperienze sono emersi una serie di problemi meto-
dologici che hanno portato alla transizione dallapproccio fenomeno-
logico-gestaltista allapproccio linguistico-ermeneutico. Ci si è resi
conto della necessità di approfondire larte del dialogo, con laiuto
della psicologia clinica, ed i problemi dellinterpretazione dei testi,
con lausilio della linguistica e dellermeneutica. Laddestramento al
colloquio clinico è stato possibile grazie alla supervisione degli psi-
coanalisti Giampaolo Lai e Pierrette Lavanchy. Per quanto riguarda la
linguistica, è stata essenziale la collaborazione con J. S. Petöfi, do-
cente di Semantica nellUniversità di Bielefeld e poi docente di Filo-
sofia del linguaggio nellUniversità di Macerata. Lapprofondimento
dellapproccio ermeneutico è avvenuto grazie alla collaborazione di
alcuni colleghi filosofi, in particolare di Giovanni Ferretti.
Su questa svolta metodologica si veda:
Galli, G. (1985). Funzioni del linguaggio e metodo delle ricerche fe-
nomenologiche, in: W. Gerbino (a cura di) Conoscenza e
struttura. Festschrift per Gaetano Kanizsa (pp. 197-203). Bo-
logna: Il Mulino.
Galli, G. (1990). Da fenomenologo a interprete. Contributo allo studio
della soggettività fenomenica, Rivista di Psicologia (nuova
serie), 1, 45-52.
Galli, G. (1994). Über die Dialogizität in der Psychologie, Gestalt
Theory, 4, 271-275.
Impostando lo studio dellio fenomenico in termini di dialogo e di
interpretazione ci si rende conto dei limiti delle situazioni di laborato-
rio dove la relazione ricercatore-soggetto è governata dagli interessi
del ricercatore e la cooperazione del soggetto è perciò limitata. Diver-
so il caso della situazione clinica dove la relazione psicologo-soggetto
è connessa alle comuni finalità terapeutiche e la cooperazione dialogi-
ca può interessare tutte la funzioni del linguaggio, compresa quella di
“appello”. Una terza via è costituita dall‟approccio ermeneutico, dal
“riconoscersi in un testo” nel senso di P. Ricoeur.
Nei contributi sotto elencati viene proposto un modello di io feno-
menico che tiene conto sia degli apporti della psicologia clinica sia dei
contributi della linguistica.
G. Galli
16
Galli, G. (1974). Lio e laltro come realtà fenomenica. Bologna:
CLUEB.
Galli, G. (1975). Struktur und Dynamik des phänomenalen Ich. In: S.
Ertel, L. Kemmler, & M. Stadler (Eds.), Gestalttheorie in der
modernen Psychologie, Festschrift für W. Metzger (pp. 124-
133). Darmstadt: Steinkopff.
Galli, G. (1980). Die Analyse des phänomenalen Ich und die Tragwe-
ite der Gestalttheorie, Gestalt Theory, 1-2, 71-77.
Galli, G. (1986). Die Appell-Funktion der Selbstdarstellung in der kli-
nischen Situation. Über konkave und konvexe Menschenbild-
er. In: W. Heydrich & J. S. Petöfi (eds.), Aspekte der Kon-
nexität und Kohärenz von Texten (pp. 174-181). Hamburg:
Buske.
Galli, G. (1991). Conoscere e conoscersi. Bologna: CLUEB.
Galli, G. (1991). Psicologia del corpo. Fenomenologia ed ermeneuti-
ca. Bologna: CLUEB (trad. ted. Psychologie des Körpers.
Phänomenologie und Hermeneutik. Wien: Böhlau, 1998).
I COLLOQUI SULLA INTERPRETAZIONE
Nel 1979, partendo dallinteresse per linterpretazione di dialoghi
terapeutici, Galli ha proposto ad alcuni studiosi di altre discipline (bib-
listi, giuristi, filosofi, linguisti, storici, letterati, psicologi e psicotera-
peuti) di mettere a confronto gli aspetti metodologici dei processi in-
terpretativi che ciascuno mette in atto nel proprio campo di indagine.
È nato così il primo Colloquio sullInterpretazione al quale sono se-
guiti, con cadenza annuale, altri diciannove incontri. Considerando
panoramicamente i temi trattati, questi si possono suddividere in una
prima e in una seconda serie. La prima è costituita da temi di carattere
metodologico attorno al seguente quesito: come comprendere un tes-
to?. Alcune delle variabili analizzate sono state le seguenti: il contesto,
le strutture, i valori dellinterprete, i simboli, il dialogo, ecc. Nella se-
conda serie, i temi hanno assunto un carattere diverso. Linteresse si è
spostato dallarchitettura del testo e dagli aspetti metodologici del
processo interpretativo ad una delle sue funzioni, quella di consentire
Autobiografia scientifica
17
al lettore del testo di riconoscersi nel testo medesimo.
Gli Atti dei Colloqui sono stati pubblicati, a cura dello scrivente,
nelle Monografie della Facoltà di Lettere e Filosofia dellUniversità di
Macerata. Interpretazione e contesto (1980), Interpretazione e strut-
ture (1981), Interpretazione e valori (1982), Interpretazione e dialogo
(1983), Interpretazione e simbolo (1984), Interpretazione e cambia-
mento (1985), Interpretazione e epistemologia (1986), Interpretazione
e invenzione (1987), Interpretazione e personificazione (1988), Inter-
pretazione e riconoscimento (1989), Interpretazione e autobiografia
(1990), Interpretazione e perdono (1992), Interpretazione e gratitu-
dine (1994), Interpretazione e meraviglia (1994), Interpretazione e
promessa (1995), Interpretazione e sincerità (1996), Interpretazione e
vocazione (1997), Interpretazione e dedizione (1998), Interpretazione
e fiducia (1999).
Sugli aspetti linguistici emersi nei Colloqui si veda: B. Mortara Ga-
ravelli (1991), Contributi linguistici e retorici negli Atti dei Colloqui
maceratesi sulla Interpretazione (1979-1989), Studi italiani di lin-
guistica teorica ed applicata, XX, 225-232.
Sugli aspetti filosofici si veda: C. Ciancio (1992). Ermeneutiche in-
terdisciplinari ed ermeneutica filosofica. A proposito degli Atti dei
Colloqui maceratesi sulla interpretazione, Filosofia e Teologia, 124-
130.
Sui processi dinamici del lavoro di ricerca multidisciplinare, si ve-
dano: G. Galli (1996). Gestalttheorie und Hermeneutik, Gestalt
Theory, 4, 276-281; G. Galli (2000). On the Dynamics of Multi-
disciplinary Working Group. In: F. G. Wallner, & G. Fleck (eds).
Science, Humanities, and Misticism: Complementary Perspectives
(pp.67-71). Wien: Braumiller.
PSICOLOGIA DELLE VIRTÙ SOCIALI
Negli ultimi Colloqui sulla interpretazione Galli ha proposto di
mettere a fuoco alcune relazioni interpersonali basilari, quali: il per-
dono, la gratitudine, la meraviglia, la promessa, la sincerità, la dedi-
zione, la fiducia. In quella sede ogni tema è stato affrontato in maniera
multidisciplinare secondo le prospettive tipiche dei vari studiosi.
G. Galli
18
Al termine di questa serie di Colloqui gli stessi temi sono stati ana-
lizzati secondo lapproccio fenomenologico-ermeneutico, proponendo
un tipo di analisi condotta non solo sui contributi degli psicologi, ma
anche su testi di altra origine: testi letterari, filosofici, religiosi, ecc. È
parso che la definizione più appropriata per questi comportamenti fosse
quella di “”virtù sociali. Per ognuna delle virtù sociali sono stati ana-
lizzati i fattori favorenti e quelli ostacolanti o contrari psicologici.
Galli, G. (1999/2003). Psicologia delle virtù sociali. Bologna:
CLUEB. (trad. ted. Psychologie der sozialen Tugenden.
Wien, Böhlau, 2005).
Galli, G. (2000). Die Feldstruktur der Hingabe und das Psychische
Gleichgewicht, Gestalt Theory, 1, 63-70.
Galli, G. (2003). Field Structures of Social Virtues, Gestalt Theory,
25, 158-164.
Galli, G. (2005). Hope and Dedication to research in Freuds letters to
Fliess, Gestalt Theory, 27, 50-56.
PROBLEMI DELLA TRASPOSIZIONE INTERSEMIOTICA. IL MEDOTO
DELLANALISI SCENICA
Lanalisi scenica è una modalità di indagine strutturale che accorda
uguale importanza sia agli aspetti del tutto sia a quelli delle parti
costituenti. A tale scopo vengono utilizzati concetti di carattere dram-
maturgico come quelli di scena, ruolo, ambiente scenografico,
nonché di cambio di scena,“cambio di ruolo, ecc.. Un simile tipo di
analisi segue lapproccio gestaltico, in particolare linsegnamento di
Max Wertheimer il quale ha dimostrato lintima connessione tra qua-
lità globali (Gestaltqualitäten di von Ehrenfels) e qualità o ruoli
delle parti nellindagine delle strutture.
Galli, G. (2004). The role of parts in inter-semiotic transposition. Arn-
heims analysis of Michelangelos creation of Adam, Gestalt
Theory, 2, 122-127.
Galli, G. (2005). Scheletro strutturale e pregnanza nelle analisi di
Arnheim, in: L. Pizzo Russo (a cura di), Rudolf Arnheim.
Autobiografia scientifica
19
Arte e percezione visiva (pp. 119-123). Palermo: Aeshetica.
Galli, G. (2006). La trasposizione intersemiotica tra fedeltà e innova-
zione. In: G. Bartoli e S. Mastrandrea (a cura di), Rudolf Arn-
heim: una visione dellarte (pp. 69-79). Roma: Ed ANICIA.
Galli, G. (2006). Analisi di alcune varianti pittoriche dellAnnunciazione.
In: P. Nicolini e B. Pojaghi (a cura di). Il rispetto dellaltro
nella formazione e nellinsegnamento (pp. 187-200). Macera-
ta: EUM.
ATTIVITÀ DEL CENTRO STUDI MEDICINA E SCIENZE UMANE AUGUSTO
MURRI
Nel 2000 è stato istituito il Centro studi Medicina e Scienze Umane
“Augusto Murri” tramite una convenzione tra le Università di Macera-
ta e di Bologna e lEnte Universitario fermano. Il Centro ha lo scopo
di promuovere ricerche in prospettiva interdisciplinare sui rapporti tra
medicina e scienze umane, con particolare attenzione agli aspetti sto-
rici, logico-epistemologici, antropologici ed etici, psicologici e forma-
tivi.
Il Centro ha organizzato quattro incontri di ricerca multidisciplinare
ai quali hanno partecipato sia studiosi di Medicina sia studiosi di
Scienze umane sui seguenti temi: Interpretazione e diagnosi; Interpreta-
zione e individualità; Interpretazione e cura; Interpretazione e nascita.
Gli Atti, a cura di Giuseppe Galli, sono stati pubblicati nella colla-
na della Facoltà di Lettere e Filosofia dellUniversità di Macerata e
distribuiti dagli Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali di Pisa-
Roma.
Sullattività del Centro sono comparsi i seguenti articoli:
Galli, G. (2002). Il rapporto Medicina e Scienze Umane in un ottica
multidisciplinare. La cornice teorica del Centro Studi A.
Murri, MEDIC, 10 (1), 45-49.
Galli, G. (2004). La malattia e la salute tra oggettività e interpreta-
zione, MEDIC, 12, 37-40.
Galli, G. (2005). Le scienze umane in medicina. Dallinsegnare
allapprendere, in G. Danieli (a cura di), Linsegnamento
G. Galli
20
delle Scienze Umane nelle Facoltà di Medicina e Chirurgia
(pp. 7-11). Ancona: Il Lavoro Editoriale.
Galli, G. (2005). Heilung aus der Begegnung. Phänomenologie der
ärtzlichen Begegnung. Psychologische Medizin, 4, 36-38.
Galli, G. (2007). Todeswahrnehmung und Umstrukturierung der Le-
benswerte bei Krebspatienten. Psychologische Medizin, 4,
49-52.
Galli, G., & Latini, L. (2007). La qualità della vita del paziente onco-
logico guarito. Il modello bio-psico-sociale in oncologia,
TUTOR, 1, 28-32.
DAL CONVEGNO IN ONORE DI GIUSEPPE GALLI
“L‟ANALISI QUALITATIVA DELLESPERIENZA DIRETTA
IN PSICOLOGIA GENERALE
(MACERATA, 11-12 DICEMBRE 2009)
23
Il “criterio dell‟umano” nella ricerca fenomenologica
di Maria Armezzani* L‟uomo è fatto per ricercare l‟umano
(Minkowski)
1. La resistenza del naturalismo in psicologia
L‟opera di Galli ha il grande valore di indicare concretamente come
si può fare un‟altra psicologia. Una psicologia diversa da quella delle
funzioni, dei fattori, delle correlazioni, delle regole da seguire e delle
tecniche da applicare. Quello che Galli ci indica è un modo di indaga-
re i fenomeni psicologici ispirato a un altro criterio di rigore: un crite-
rio forte che viene continuamente richiamato e messo alla prova men-
tre indica la strada. Minkowski questo criterio lo chiamava il criterio
dell’umano.
L‟espressione allude a molto di più di quanto si possa dire qui, ma
richiamarla può servire a comprendere che cosa sia una ricerca scienti-
fica orientata in senso fenomenologico.
Quando Husserl nel 1907 presentava la sua “Idea della fenomeno-
logia” la proponeva come scienza dei fenomeni che si presentano alla
soggettività umana. Tutta la sua opera successiva è una continua mes-
sa a punto di questo progetto, con l‟intento di fondare una epistéme ri-
gorosa, lontana dalle metafisica e nello stesso tempo da ogni forma di
relativismo e di tecnicismo. E non è un caso che si rivolgesse soprat-
tutto alla psicologia. Che altro può essere la psicologia se non studio
umano sull‟umano? Questa ovvietà, come sempre in fenomenologia,
nasconde molti enigmi, enigmi non ancora risolti e che meritano di es-
sere riportati alla luce.
Per questo è necessaria l‟epoché, la sospensione delle preconoscen-
ze: per disimparare ciò che ci sembra di sapere e riscoprire uno sguar-
do più fedele alle cose. L‟errore capitale che Husserl imputava alle
scienze europee è la tendenza ad applicare ovunque un‟idea preconcet-
ta di scientificità, ad usare i metodi delle scienze naturali in ogni caso,
* Professore associato di Tecniche di Indagine della Personalità, Università di Padova.
M. Armezzani
24
cadendo in quel naturalismo che finisce per coprire ed oscurare
l‟evidenza, che ci fa guardare tutto con gli occhiali deformanti dei pre-
cetti senza vedere più ciò che è di fronte a noi. Questo è il controsenso
fondamentale di cui parla Husserl: il controsenso di un metodo che per
essere scientifico dimentica la soggettività che lo fonda e di una psico-
logia che va contro il senso riducendo i fenomeni psichici a pezzi di na-
tura osservabili sperimentalmente e valutabili quantitativamente.
Vecchie storie? Sembrerebbe così: ormai quasi più nessuno parla in
termini di misurazioni psicofisiche o di segmenti comportamentali.
Quasi tutti, ormai, persino quel genere di scienziati scelti a bersaglio
dalla critica husserliana, sono ben lontani dall‟ingenuità naturalistica e
manifestano sempre più interesse per i problemi della coscienza, della
soggettività, del significato.
Ma come affronta la psicologia questo rinnovato interesse per
l‟umano?
L‟impressione è che in genere gli psicologi non siano disposti, no-
nostante le numerose dichiarazioni contrarie, a rinunciare alla sicurez-
za del naturalismo e delle tecniche di misurazione. Anche quando ciò
che si misura non sono più i tempi di reazione o il percorso dei topi
nella gabbia.
Per motivare questa impressione vorrei fare alcuni esempi che toc-
cano il limite del paradosso.
Il primo esempio è la “definizione scientifica di felicità” data da
Veenhoven (2000), un ricercatore molto attivo nel campo del benesse-
re soggettivo e della qualità della vita. La felicità, questo tema che ha
impegnato filosofi e poeti di ogni tempo, viene misurata con questio-
nari e osservazioni oggettive e diventa alla fine uno “stato psichico a
lungo termine rappresentante il valore medio dei precedenti”. Su que-
sta scia si è sviluppata una vera e propria “scienza della felicità” (Eid
& Larsen, 2008) che vuole scoprire i fattori e le variabili oggettive che
determinano tale esperienza soggettiva.
Un altro esempio piuttosto eloquente è la definizione e costruzio-
ne di indicatori soggettivi” (Maggino, 2007). Questo studio si propone
di definire che cosa è un dato soggettivo con lo scopo di sottoporlo a
misurazione scientifica, una misurazione che abbia cioè i caratteri
dell‟oggettività, della precisione e dell‟accuratezza e, naturalmente,
consenta la standardizzazione. Lo studio si snoda tra grafici e analisi
Il “criterio dell’umano” nella ricerca fenomenologica
25
statistiche molto complesse in cui alle solite variabili si aggiunge la
variabile “dato soggettivo”. In modo analogo c‟è chi vuole misurare i
“significati esistenziali” attraverso strumenti che rispondano ai requi-
siti dell‟attendibilità, validità e riproducibilità (Reker, 2000).
In tempi attualissimi, infine, c‟è la solerte risposta di molti ricercatori
nell‟ambito della psicologia giuridica alla richiesta dei giudici di quanti-
ficare il danno non patrimoniale alla persona, nominato come danno
“morale”, “psicologico”, “esistenziale”: in sostanza il danno che risulta
dal reato in termini di sofferenza umana per la perdita di un congiunto o
per le offese alla propria dignità e alla propria reputazione. L‟esigenza
dei giudici di avere tabelle cui riferirsi per il risarcimento ha spinto gli
psicologi a creare modellini matematici relativi alla sofferenza, tutti di-
versi ma tutti altrettanto esatti, senza che venisse messa in questione la
possibilità di rispondere sensatamente a una simile domanda.
Gli esempi potrebbero moltiplicarsi, ma quello che qui interessa os-
servare è che la difesa del naturalismo, in psicologia, appare come una
difesa a oltranza che agisce oltre le affermazioni di principio e a di-
spetto del cambiamento dei temi di indagine. Forse quando Husserl
parlava di “controsenso” non poteva immaginare simili esiti. La psi-
copatologia fenomenologica riconoscerebbe, invece, in questa osses-
sione della misurazione i segni del razionalismo o del geometrismo
morboso, quell‟atteggiamento che spezzando l‟adesione alla vita è go-
vernato solo dalle dottrine e dalla logica pura. Non è in questione la
rinuncia alla razionalità, ma la necessità di non tradire la ricchezza e la
mobilità della vita. “Perché qui (nel geometrismo morboso) dice
Minkowski (1933, trad. it., pp. 285-286) un precetto, pur potendo
essere considerato giusto di per se stesso, muore per il rigore con il
quale viene applicato alla vita. Il sentimento della misura e delle sfu-
mature che circonda come frangia viva tutti i nostri precetti rendendoli
infinitamente duttili e nello stesso tempo essenzialmente “umani”,
viene a mancare”. Prevalgono i fattori del pensiero discorsivo e dello
spazio misurabile e “per quanto siano rigorosi e inattaccabili finc
non oltrepassano il campo che spetta loro, vi prendono una forma mo-
struosa e mettono l‟essere umano in completo disaccordo con la vita,
con la vita quale dev‟essere, non pensata ma vissuta” (1947, trad. it.,
61).
M. Armezzani
26
2. La ricerca sui significati
La ricerca fenomenologica, di cui l‟opera di Galli è un efficace e-
sempio, si propone il compito scientifico di tornare al “mondo della
vita"1 (Lebenswelt), che è terreno di validità per ogni esperienza. Per
muoversi in questo nuovo territorio non basta la ragione calcolante,
non vale più l‟equazione che identifica la conoscenza con il razionali-
smo scientifico, ma occorre ampliare le dimensioni conoscitive e at-
tingere all‟intuizione, a quel “sentire razionale” con cui solo si posso-
no cogliere i significati. Se si vuole conoscere scientificamente
l‟esperienza non si può scavalcare l‟intuizione, questo potente e natu-
rale strumento di conoscenza che la scienza naturalistica ha da sempre
sepolto sotto strati resistenti di razionalismo2.
Quando, per esempio, Galli (1999) affronta lo studio di fenomeni
umani come il perdono, la dedizione, il rimorso, la meraviglia, non usa
il bisturi dell‟analisi matematica, non seziona i fenomeni che affronta,
ma li circonda come in un assedio, guardandoli da più lati, interrogan-
doli e lasciandoli parlare finché non cedono la loro struttura fondamen-
tale. Per questo modo di procedere il metodo fenomenologico riprende
la più antica tradizione della nostra cultura: in quasi tutte le grandi opere
greche, ci ricorda in un notevole saggio Mulato (2005, p. 28), l‟oggetto
di indagine è sempre preceduto dalla preposizione perìa indicare “la
circospezione con cui l‟indagine procede: per gradi e approssimazioni
1 Così Husserl definisce il mondo della vita in alcuni passi della Crisi (1936): “Il mondo-della-
vita è il mondo costantemente già dato, che vale costantemente come preliminarmente essente”
(trad. it., p. 486); è “il mondo in cui viviamo intuitivamente, con le sue realtà come si danno” (trad.
it., p. 183); “ciò che nella sua tipicità ci è già sempre familiare attraverso l‟esperienza”; è “vita pre-
scientifica” (trad. it., p. 153), “regno di evidenze originarie” (trad. it., p. 156).
2 Il seguente passo di Husserl può chiarire come sia stata proprio l‟opposizione tra intui-
zione e logica a impedire una scienza del mondo della vita: “Abbiamo da un lato, il pensiero
logico in quanto pensiero attorno a problemi logici; per es. il pensiero fisico attorno alle teorie
fisiche, oppure il pensiero matematico attorno alla sede della matematica in quanto sistema
dottrinale, in quanto teoria. Dall‟altro abbiamo un intuire e un intuito che rientrano nel mon-
do-della-vita prima di qualsiasi teoria (...). Siamo nell‟estraneità reciproca e assoluta: intui-
zione e pensiero”. Per questa separazione assoluta, “non si è mai pensato di risalire alle con-
nessioni predicative e alle verità che precedono la scienza (...); non si è mai pensato alla pos-
sibilità di indagare anche i principi normativi a-priori di questa logica che si adegua descritti-
vamente al mondo-della-vita” (1936, tr.it.,p. 163). Una psicologia del significato non può
dunque rinunciare a tentare questa possibilità di “ripensare il rapporto tra pensiero scientifico-
obiettivo e intuizione” (Ibid.).
Il “criterio dell’umano” nella ricerca fenomenologica
27
rigorose”. Anche Minkowski (1954, trad. it, p.182) parla di “lavori di
avvicinamento” che ci fanno comprendere meglio i fenomeni esploran-
done i diversi aspetti senza mai esaurirli totalmente.
La necessità inderogabile della prudenza e dell‟umiltà nasce in fe-
nomenologia dalla consapevolezza del campo di presenza in cui av-
viene la ricerca. Chi indaga sa di essere compreso nell‟orizzonte
dell‟indagine, riconosce i limiti della sua prospettiva e tiene presente il
legame intenzionale che collega inevitabilmente conoscente e cono-
sciuto, presenza e mondo, visibile e invisibile, affidando la sua veduta
al confronto e al dialogo. Il rigore della fenomenologia non coincide
dunque con l‟esattezza, ma con la fedeltà all‟umano.
C‟è un passo nel libro di Bruner dedicato alla ricerca sul significato
(1990) che è molto espressivo nel mettere in risalto la differenza con
l‟atteggiamento naturalistico. Descrivendo un‟indagine sulla forma-
zione del sé scrive:
«La procedura che seguivamo nei colloqui era informale, e pensata per inco-
raggiare il processo di creazione di significato durante il resoconto narrativo,
piuttosto che le risposte più categoriche che si ottengono con le interviste
standardizzate. All‟inizio di ogni colloquio spiegavamo che eravamo interes-
sati all‟autobiografia spontanea, e a come le persone procedono nel racconta-
re la loro vita, a loro modo. Noi (la mia collega Susan Weisser, docente di
letteratura inglese e io) chiarivamo di essere da lungo tempo interessati a
questo argomento, ma non a esprimere giudizi o a fare terapia: eravamo inte-
ressati alle loro “vite”. Dopo di che la dottoressa Weisser conduceva i collo-
qui nel suo studio, da sola, per un periodo di parecchi mesi (….).
Non ci illudevamo che l‟intervistatore potesse essere neutrale durante i collo-
qui: la dottoressa Weisser rideva quando le si raccontava qualcosa di buffo,
reagiva al racconto degli eventi in modo del tutto normale, con i soliti “hmm”
e “oh Signore!” e chiedeva anche spiegazioni se non capiva bene qualcosa.
Un comportamento diverso sarebbe stato per lei una violazione delle regole
del normale dialogo. La dottoressa Weisser è una donna sulla quarantina,
cordiale e spontaneamente socievole, molto chiaramente affascinata
dall‟argomento delle “vite” da un punto di vista personale e professionale, e
quindi agiva come le veniva naturale» (Bruner, 1990, tr.it., p.119).
Per uno psicologo formato alla scuola del naturalismo, il comporta-
mento della dottoressa Weisser è assolutamente scorretto, almeno
all‟interno della ricerca scientifica. L‟ideale dell‟esattezza richiede che
il ricercatore si defili totalmente dal suo essere personale, per non in-
M. Armezzani
28
quinare con “elementi di soggettività” la rilevazione dei dati. Agli psi-
cologi si insegna, generalmente, che, se vogliono distinguersi dai co-
muni osservatori e diventare scienziati, devono controllare qualunque
aspetto della loro presenza per somigliare il più possibile a quel chi-
unque presupposto nella visione oggettiva dei fenomeni. Di solito gli
psicologi prendono sul serio queste prescrizioni e finiscono per somi-
gliare davvero a questo ideale: il loro linguaggio è quasi sempre im-
personale, la comunicazione si limita a fornire consegne e istruzioni,
la stessa intonazione di voce può essere impostata in modo da non di-
stinguersi da quella di un altro. E ciò perché sanno che il colore del lo-
ro umore, l‟accondiscendenza o la durezza del loro modo di essere, la
loro stessa identità di genere possono influenzare le risposte. Lo san-
no, e sanno anche (dato che accuratissime ricerche lo dimostrano) che
tale influenza è inevitabile, ma fanno il possibile per ridurne gli effetti.
Eppure, basta tornare alla vita, a quanto sperimentiamo nel nostro
mondo di relazione quotidiano, per renderci conto che i nostri pensieri,
le nostre parole, il nostro atteggiamento, le nostre domande e le nostre
risposte vivono di un‟atmosfera complessiva e cambiano al ritmo degli
altrui atteggiamenti, delle parole che ascoltiamo e dei pensieri che in-
tuiamo quando gli altri ci interrogano o ci rispondono. In questo mondo
della vita, che è l‟unico mondo che abbiamo, non ci sono toni neutri o
spettatori privilegiati e nessun accorgimento tecnico può impedire di
avere qualche idea o qualche emozione al riguardo di quanto ci sta capi-
tando di vivere. Non si tratta di “aspetti situazionali” da tenere sotto
controllo, ma della normale condizione relazionale di ogni esperienza.
La ricerca scientifica non può fingere un mondo a parte dove le in-
formazioni si trasmettono nel vuoto e dove le persone siano forzate a
cedere qualcosa della loro “realtà”, senza deformazioni e senza inter-
ferenze; quelle che lo scienziato chiama così sono, al contrario, la real-
del nostro essere situati in un campo mobile di relazioni, mentre è
l‟atmosfera innaturale della ricerca ad apparire come deformazione ed
interferenza al normale scorrere della vita. Per questo la dottoressa
Weisser può permettersi di essere “spontaneamente socievole e inte-
ressata”, perché evidentemente non crede possibile annullare la pro-
pria e l‟altrui soggettività, e non vuole seguire le regole della metodo-
logia naturalistica, che l‟avrebbero sicuramente resa “artificiosamente
socievole e disinteressata”. Un simile comportamento, come scrive
Il “criterio dell’umano” nella ricerca fenomenologica
29
Bruner (Ibid.), “sarebbe stato per lei una violazione delle regole del
normale dialogo”. Sono, dunque, altre le “regole” che segue e altro è il
criterio di rigore cui si ispira: quello dell‟aderenza al mondo reale
dell‟esperienza entro cui, necessariamente, si colloca anche la ricerca
scientifica.
Utilizzare un questionario standardizzato non avrebbe potuto impe-
dire, secondo quest‟altro criterio, che le persone di quella famiglia in-
terpretassero, in qualche modo “soggettivo”, il suo fare domande, che
la sua presenza in quello studio significasse qualcosa per loro, mentre
avrebbe facilmente impedito a lei di cogliere i significati emersi
nell‟autentico incontro reciproco. Probabilmente i risultati della ricer-
ca non sarebbero stati “gli stessi”, ma questo, nella prospettiva della
dottoressa Weisser, non vuol dire che i dati ottenuti tramite il questio-
nario avrebbero registrato la “vera realtà” della famiglia. Vuol dire
soltanto che quel modo di interrogare avrebbe provocato altre risposte,
un‟altra narrazione, inevitabilmente più povera di quella che si svolge
nel dialogo e nella reciprocità. Da questa condizione di dialogo la psi-
cologia non può uscire e, piuttosto che negarla, il ricercatore dovrebbe
percorrerla rigorosamente. Non c‟è modo di estrarre “dati oggettivi” dai
significati con cui costruiamo il nostro mondo e dunque: “È soltanto
con l‟applicazione dell‟interpretazione che noi psicologi possiamo ren-
dere giustizia al mondo della cultura” (Bruner 1990, trad. it. p.130).
La necessità dell‟interpretazione si rivela ogni volta che abbiamo a
che fare con l‟umano. L‟ostinazione con cui molti psicologi continuano
a studiare le persone attraverso la ricerca di variabili da misurare somi-
glia al caso spesso richiamato da De Monticelli (1998, 2000): se vedo
una sedia e voglio approfondire la conoscenza immediata che ne ho,
posso passare a una serie di operazioni: toccarla, verificare se è abba-
stanza solida, sedermici sopra e così via. Se però procedo allo stesso
modo per approfondire la conoscenza di una persona non solo faccio
una cosa inopportuna dal punto di vista etico, ma anche una cosa sbaglia-
ta dal punto di vista ontologico. L‟adeguatezza del metodo all‟oggetto di
indagine non è un aspetto trascurabile della ricerca. Quando si è disposti
a dare più credito alle tecniche usate che ai vissuti soggettivi e intersog-
gettivi, quando si dicono “basate sull‟evidenza” le verifiche ottenute
con i test e non le espressioni immediate di quei vissuti, si produce un
taglio inesorabile nel mondo della vita che è poi impossibile recuperare.
M. Armezzani
30
Non solo si sacrifica l‟espressione delle persone, ma lo stesso psicologo
si costringe ad utilizzare solo le sue facoltà cognitive, negando valore
alle altre forme di conoscenza interumana, come l‟intuizione e
l‟affettività che pure, inevitabilmente, continuano ad agire.
3. Ma la ricerca fenomenologica è scientifica?
L‟attenzione all‟umano che connota la ricerca fenomenologica è il
tratto più generalmente riconosciuto ed apprezzato. Ciò che tuttavia
non sempre viene inteso da chi alla fenomenologia si accosta in modo
superficiale è la disciplina e il duro esercizio richiesti dal metodo. Non
sempre si è disposti a vedere l‟impegno e la fatica che occorrono per
entrare in questo ambito di ricerca e per acquistare in esso quella natu-
ralezza che, anche nella vita, è una conquista difficile e mai definitiva.
Spesso si dimentica che l‟intenzione di Husserl è stata fin dall‟inizio
fondare “un nuovo territorio scientifico” (Husserl,1912-29, trad. it.,
p.65): “Il compito della fenomenologia si delinea come “penetrazione
scientifica del mondo-della-vita” (…) e, “se questo è un compito legit-
timo e necessario, realizzarlo significa creare una scienza nuova e au-
tonoma” (Husserl, 1936, tr.it., p.174).
Nonostante queste e simili dichiarazioni, l‟accusa ricorrente alla
fenomenologia è sempre quella di non rispettare i caratteri di oggetti-
vità e ripetibilità richiesti dalla scienza, senza considerare che il nuovo
criterio di scientificità si fonda precisamente sul rifiuto di tali presup-
posti. La rinuncia al naturalismo, in fenomenologia, non coincide con
la tradizionale opposizione delle Scienze dello Spirito alle Scienze
della Natura. Alle scienze naturali non si contrappone lo studio uma-
nistico e la sensibilità storicistica, ma una scienza d‟esperienza, una
scienza, cioè, che muova dalle cose stesse, dai fenomeni spontanea-
mente significativi, per “trasformare le intuizioni profonde in forme
razionali inequivocabili” (Husserl, 1911, trad. it., p. 82).
Si tratta di recuperare i fenomeni come si presentano nel mondo
della vita, mondo fatto di presenze con cui “abbiamo a che fare”, che
ci implicano, che sono gradevoli o sgradevoli, a portata di mano o as-
senti, centrali o periferiche, collocate comunque in un campo fenome-
nico, che non coincide con l‟estensione dello spazio geometrico e ne-
ResearchGate has not been able to resolve any citations for this publication.
La trasposizione intersemiotica tra fedeltà e innovazione
  • G Galli
Galli, G. (2006). La trasposizione intersemiotica tra fedeltà e innovazione. In: G. Bartoli e S. Mastrandrea (a cura di), Rudolf Arnheim: una visione dell'arte (pp. 69-79). Roma: Ed ANICIA.
Il rispetto dell'altro nella formazione e nell'insegnamento
  • G Galli
Galli, G. (2006). Analisi di alcune varianti pittoriche dell"Annunciazione. In: P. Nicolini e B. Pojaghi (a cura di). Il rispetto dell'altro nella formazione e nell'insegnamento (pp. 187-200). Macerata: EUM.
Il rapporto Medicina e Scienze Umane in un" ottica multidisciplinare. La cornice teorica del
  • G Galli
Galli, G. (2002). Il rapporto Medicina e Scienze Umane in un" ottica multidisciplinare. La cornice teorica del Centro Studi A. Murri, MEDIC, 10 (1), 45-49.
La malattia e la salute tra oggettività e interpretazione
  • G Galli
Galli, G. (2004). La malattia e la salute tra oggettività e interpretazione, MEDIC, 12, 37-40.
Danieli (a cura di), L'insegnamento (trad. it., p. 486); è "il mondo in cui viviamo intuitivamente, con le sue realtà come si danno" (trad. it., p. 183); "ciò che nella sua tipicità ci è già sempre familiare attraverso l"esperienza"; è "vita prescientifica
  • G Galli
Galli, G. (2005). Le scienze umane in medicina. Dall"insegnare all"apprendere, in G. Danieli (a cura di), L'insegnamento (trad. it., p. 486); è "il mondo in cui viviamo intuitivamente, con le sue realtà come si danno" (trad. it., p. 183); "ciò che nella sua tipicità ci è già sempre familiare attraverso l"esperienza"; è "vita prescientifica" (trad. it., p. 153), "regno di evidenze originarie" (trad. it., p. 156).