Download full-text PDF

Virtù e valori etici della Diatriba. Un tributo a Bernardino Ramazzini in occasione del trecentesimo anniversario della morte (1714) [Ethical values and virtues of the Diatriba. A tribute to Bernardino Ramazzini on the tercentenary of his death (1714)]

Article (PDF Available) inLa Medicina del lavoro 105(1):3-14 · February 2014with742 Reads
Source: PubMed
Giuliano Franco at Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  • 37.09
  • Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Abstract
Based on Hyppocratic values of ancient medicine, Ramazzini's way of thinking prefigures the social medicine that was to be an achievement of the Enlightenment. This contribution aims at analyzing the ethical aspects of the Diatriba. The preface already contains elements that constitute the ethical manifesto of Ramazzini. He shows compassion ("...we must admit that the workers in certain arts and crafts sometimes derive from them grave injuries"), expresses gratitude ("we owe this to the wretched condition of the workers from whose manual toil...so many benefits accrue"), demonstrates a sense of justice ("...in our own time also laws have been passed in well-ordered cities to secure good conditions for the workers; so it is only right that the art of medicine should contribute its portion for the benefit and relief of those for whom the law has shown such foresight") and demonstrates his willingness to be helpful to workers ("...I have tried to unearth in the shops of craftsmen...to suggest medical precautions for the prevention and treatment of such diseases as usually affect the workers"). The ethical contribution of Ramazzini, however, goes far beyond these noble and heartfelt words, demonstrating his intellectual and moral depth. In fact, alongside comments and suggestions, quotations and proposals, information and warnings, the Magister offers a framework for his beliefs on the attitude that the physician should adopt. Prudence and moderation inspire his recommendations when he speaks directly and indirectly to workers; irony and sarcasm pervade his thoughts when he talks to his colleagues, fairness and integrity inspire his remarks to authorities. Although current practice is based on ethical rules dating back to more recent times, the ethical vision of the Magister, that is admirable for its honesty, originality and depth, is in some respects still relevant today.
Figures
Figura 2 -Atto di morte di Bernardino Ramazzini -Padova, 5 novembre 1714 (Archivio di Stato, Padova) Figure 2 -Death certificate of Bernardino Ramazzini -Padua, 5 November 1714  
Atto di morte di Bernardino Ramazzini -Padova, 5 novembre 1714 (Archivio di Stato, Padova) Figure 2 -Death certificate of Bernardino Ramazzini -Padua, 5 November 1714
KEY WORDS
History of occupational medicine; ethics; history of prevention; B. Ramazzini
PAROLE CHIAVE
Storia della medicina del lavoro; etica; storia della prevenzione; B. Ramazzini
SUMMARY
«Ethical values and virtues of the Diatriba. A tribute to Bernardino Ramazzini on the tercentenary of his
death (1714)». Based on Hyppocratic values of ancient medicine, Ramazzini’s way of thinking prefigures the social
medicine that was to be an achievement of the Enlightenment. This contribution aims at analyzing the ethical
aspects of the Diatriba. The preface already contains elements that constitute the ethical manifesto of Ramazzini.
He shows compassion (”…we must admit that the workers in certain arts and crafts sometimes derive from them
grave injuries”), expresses gratitude (”we owe this to the wretched condition of the workers from whose manual
toil…so many benefits accrue”), demonstrates a sense of justice (“ …in our own time also laws have been passed in
well-ordered cities to secure good conditions for the workers; so it is only right that the art of medicine should contri-
bute its portion for the benefit and relief of those for whom the law has shown such foresight”) and demonstrates his
willingness to be helpful to workers (“…I have tried to unearth in the shops of craftsmen…to suggest medical pre-
cautions for the prevention and treatment of such diseases as usually affect the workers”). The ethical contribution of
Ramazzini, however, goes far beyond these noble and heartfelt words, demonstrating his intellectual and moral
depth. In fact, alongside comments and suggestions, quotations and proposals, information and warnings, the Ma-
gister offers a framework for his beliefs on the attitude that the physician should adopt. Prudence and moderation
inspire his recommendations when he speaks directly and indirectly to workers; irony and sarcasm pervade his thou-
ghts when he talks to his colleagues, fairness and integrity inspire his remarks to authorities. Although current prac-
tice is based on ethical rules dating back to more recent times, the ethical vision of the Magister, that is admirable for
its honesty, originality and depth, is in some respects still relevant today.
RIASSUNTO
Fondato sui valori ippocratici della medicina antica, il pensiero ramazziniano prefigura la medicina sociale che
sarà una conquista del secolo dei lumi. Il contributo si prefigge di analizzarne gli aspetti etici alla luce dei canoni
moderni. Già nella prefazione la Diatriba contiene gli elementi che costituiscono il manifesto etico di Ramazzini
che dimostra compassione ed esprime gratitudine, testimoniando senso di giustizia e rivelando la volontà di essere
Pervenuto il 8.10.2013 - Revisione pervenuta il 12.11.2013 - Accettato il 14.11.2013
Corrispondenza: Giuliano Franco, Dipartimento di scienze mediche e chirurgiche, materno-infantili e dell’adulto, Università di
Modena e Reggio Emilia, Largo del Pozzo 71, 41100 Modena - Tel.059-4222692 - E-mail franco@unimo.it
La Medicina del Lavoro Med Lav 2014;
105
, 1: 3-14
Virtù e valori etici della Diatriba. Un tributo a
Bernardino Ramazzini in occasione del trecentesimo
anniversario della morte (1714)
G. FRANCO
Dipartimento di scienze mediche e chirurgiche, materno-infantili e dell’adulto - Università di Modena e Reggio Emilia
03-franco:03-franco 15-01-2014 12:34 Pagina 3
FRANCO
INTRODUZIONE
Il 22 giugno 1633 Galileo Galilei sottoscrive
l’atto di abiura e poco più tardi, il 4 ottobre dello
stesso anno, a Carpi nasce Bernardino Francesco
Ramazzini (figura 1). Egli sviluppa la sua linea di
pensiero in un momento storico contrassegnato da
carestie, epidemie, guerre. Il periodo è caratterizza-
to da una profonda recessione che colpisce ogni
aspetto della vita sul territorio del ducato modene-
se. Il problema sociale nel ducato estense è allar-
mante. A tale proposito così si esprime Venceslao
Santi: “La frequenza, la gravità e la varietà dei delit-
ti…furono comuni a tutti gli Stati e a tutte le città in
Italia e fuori; ma nel ducato e nella città di Modena
pare raggiungessero il massimo grado. Antiche e tradi-
zionali animosità, futili gare di famiglia, natura am-
biziosa, altera e vana, falso concetto del punto d’onore,
avidità insaziabile delle cose altrui, favorita da una
profonda corruzione morale e religiosa, da un’estrema
rilassatezza e da uno sfacciato favoritismo del governo
civile e politico d’allora, spingevano la mano del sica-
4
utile ai lavoratori. Il contributo etico tuttavia va ben oltre le nobili e accorate parole contenute nella prefazione; in
tutto il testo il Magister, accanto a osservazioni e suggerimenti, a citazioni e proposte, a indicazioni e ammonimen-
ti offre un affresco delle proprie convinzioni sul comportamento che ogni medico deve tenere. Prudenza e modera-
zione ispirano le indicazioni che Ramazzini rivolge direttamente e indirettamente ai lavoratori; ironia e sarcasmo
pervadono i moti d ’animo che spesso rivolge ai colleghi; equità e integrità ispirano i richiami ai sovrani. Anche se i
principi etici e le regole su cui è basata oggi la pratica professionale risalgono a tempi più recenti, la visione etica del
Magister, ammirevole per onestà, originalità e profondità, è per alcuni aspetti ancora attuale.
Note: Le citazioni in italiano della Diatriba sono state tratte da: Ramazzini B. Le malattie dei lavoratori (a cura di Francesco
Carnevale). Roma: La Nuova Italia Scientifica; 1982; le citazioni in inglese sono state tratte da: Ramazzini B, De Morbis
Artificum Diatriba. Diseases of Workers. The Latin text of 1713 revised with translation and notes by Wilmer Cave Wri-
ght. Chicago; The University of Chicago Press;1940
Figura 1 - Atto di nascita e di battesimo di Bernardino Ramazzini - Carpi 4 ottobre 1633 (Archivio Diocesano, Carpi):
Adi 4 ottobre 1633. Bernardino e Francesco fig.o di M. Bartolomeo Ramacini, e di Mad.a Catt.a Federzoni sua consorte, è
stato batezato da me Pietro Gio. Bosio Curato con le ceremonie di Santa Chiesa, sono stati Padrini il sig.r Nicolò Caleffi,et
la Sig.ra Margherita moglie del sig.r Giosefo Patoni, naque adi sudd.o hor. 17 in martedì”
Figure 1 - Birth and baptismal certificate of Bernardino Ramazzini - Carpi 4 October 1633: Bernardino Francesco son of Bartolo-
meo Ramacini and Maddalena Catterina Federzoni his wife, was baptized by me, Pietro Giovanni Bosio, Curate according to the
ceremonies of the Holy Church, Godparents were Nicolò Caleffi and Margherita, wife of Giosefo Patoni, born on the above mentio-
ned day, Tuesday, at 17 hours
03-franco:03-franco 15-01-2014 12:34 Pagina 4
ETICA DELLA DIATRIBA
rio, del ladro, dell’incendiario e del deturpatore, all’as-
sassinio, al furto, all’incendio, ad ogni sorta di mano-
missione con tanta facilità e ferocia da destare un senso
di meraviglia e di orrore in chi si faccia a scrutare la
vita municipale di quel tempo” (41). Oltre alla preoc-
cupante condizione sociale, sono di ostacolo al pro-
gresso del territorio le risorse usate per i privilegi
ducali, la limitazione della libertà di stampa da par-
te del duca e dell’Inquisizione, la cultura al servizio
dell’immagine della corte, l’economia in massima
parte basata sull’agricoltura (22). Questo è il conte-
sto in cui si svolgono le ricerche e le osservazioni
sul campo del carpigiano, che lo portano, nel 1690,
a tenere il corso De Morbis Artificum allo Studium
geminiano e, successivamente, a pubblicare l’editio
princeps della Diatriba (36, 37).
Questo scritto, che vuole essere un tributo alla
figura di medico e accademico in occasione del ter-
zo centenario della morte, si prefigge di affrontare
il tema del contenuto etico del pensiero delineato
nella Diatriba. Anche se già gli storici hanno quali-
ficato come filantropica l’attitudine del Magister
nei confronti degli artifices (33, 34, 47), taluni
aspetti etici dell’opera sono meritevoli di approfon-
dimento sia alla luce del contesto culturale e socio-
economico ove la stessa fu ideata sia alla luce degli
orientamenti cui l’attuale pratica professionale si
ispira.
VIRTÙ,PRINCIPÎ,CODICI ETICI
Il comportamento etico deriva da scelte di co-
scienza ispirate ai valori morali espressi dalla filoso-
fia greca che hanno affrontato il problema del com-
portamento umano focalizzando i tratti del caratte-
re e le disposizioni dell’animo, definiti virtù, alla
base di azioni eticamente accettabili (26). “La
virtù” –afferma Aristotele nel IV secolo a. C.– “ri-
guarda le passioni e le azioni nelle quali s’incontra
l’errore dell’eccesso e il biasimo del difetto, mentre il
mezzo è lodato e ha successo” (1) introducendo così il
concetto della medietà e quindi della moderazione
(13). Nella cura delle malattie, sostiene Ippocrate,
si deve tendere a due scopi: giovare e non essere di
danno. Su tale assunto sono basati oggi i principi di
beneficialità e di non maleficialità. Nella cultura
occidentale, una base etica condivisa comprende,
oltre a tali principi, anche quelli di giustizia e auto-
nomia. Ai diritti naturali dell’uomo fa riferimento
il principio di giustizia, richiamato dalla Dichiara-
zione di Indipendenza degli Stati Uniti del 1776,
che sottende la necessità di adottare regole che ga-
rantiscano trattamenti equi nei confronti di ogni
individuo (5). Ed è John Stuart Mill, massimo
esponente del liberalismo del diciannovesimo seco-
lo, nel riconoscere il primato dell’individuo, a porre
le basi per la definizione del principio di autono-
mia, secondo cui ogni azione non deve essere con-
dizionata da vincoli o controlli (5).
I tre principi menzionati (considerando come un
unico principio quelli di beneficialità e non malefi-
cialità) hanno ispirato la Dichiarazione universale
dei diritti dell’uomo (44), dalla quale sono state ri-
cavate le regole per guidare le azioni in ambito pro-
fessionale. L’insieme di tali regole, contenute in co-
dici di comportamento, rappresenta la base per
prendere decisioni che presentino risvolti di natura
etica (3, 42). Il medico che si trova ad affrontare
problemi (quali ad esempio rispetto della confiden-
zialità, consenso al trattamento dei dati, diritto al-
l’informazione, rapporti tra colleghi) deve orientare
le proprie decisioni secondo precise regole che gui-
dano il comportamento (17). Oltre al codice deon-
tologico della professione, il medico del lavoro deve
attenersi al codice etico dell’International Commis-
sion on Occupational Health (24) in quanto esplicita-
mente richiamato dalla norma italiana. A esso fa in-
fatti riferimento il decreto legislativo 9 aprile 2008,
n. 81 che, all’articolo 39, recita “L’attività di medico
competente è svolta secondo i principi della medicina del
lavoro e del Codice etico della Commissione internazio-
nale di salute occupazionale (ICOH)” (19, 20).
Alla luce dell’evoluzione storica del pensiero eti-
co e dello stabilirsi delle moderne regole e dei codi-
ci di comportamento, possono essere posti alcuni
interrogativi. È possibile cogliere nel pensiero di
Ramazzini un orientamento di natura etica? È pos-
sibile analizzare i comportamenti suggeriti da Ra-
mazzini in una prospettiva etica? È possibile valu-
tare l’atteggiamento di Ramazzini in base ai mo-
derni principi etici?
Già nella prefazione della Diatriba è esposto
quello che, per certi aspetti, si può considerare il
5
03-franco:03-franco 15-01-2014 12:34 Pagina 5
FRANCO
manifesto etico di Ramazzini. Egli dimostra com-
passione (“...bisogna riconoscere che da ogni atti-
vità...derivano ai lavoratori disagi e malattie molto
gravi e anche la morte...”), esprime gratitudine
(“Questo [ossia il richiamo ai medici a contribuire
all’opera] è certamente un dovere nei confronti dei la-
voratori, dalla cui attività…derivano tanti vantag-
gi…), manifesta senso di giustizia (“Poiché...nelle so-
cietà ben regolate sono state fissate delle leggi a vantag-
gio dei lavoratori, è altrettanto giusto che anche la me-
dicina apporti il proprio contributo...e abbia cura della
loro salute in modo che possano...esercitare senza peri-
colo l’attività…”) e testimonia la sua volontà di es-
sere utile ai lavoratori (“Nelle botteghe artigiane…ho
cercato di raccogliere …e formulare indicazioni…sia
per la cura che per la prevenzione delle malattie…”).
La Diatriba è ricca di numerosi altri passaggi ove è
possibile cogliere altri spunti che inducono a riflet-
tere sul rapporto tra medico e paziente-lavoratore
così come descritto da Ramazzini in termini visio-
nari di beneficio per l’individuo, integrità morale e
indipendenza di giudizio.
PRIMUM NON NOCERE E BENEFICIALITÀ
Il principio di non maleficialità, che deriva dal-
l’ippocratico primum non nocere, e il principio di be-
neficialità comportano rispettivamente l’obbligo di
non arrecare danno e quello di promuovere il bene
dell’individuo, tutelando la salute attraverso la pro-
mozione del bene, l’eliminazione del male e la pre-
venzione del danno. Ramazzini interpreta compiu-
tamente questi principi. Da un lato suggerisce ac-
corgimenti precisi per contenere il rischio e per
proteggere la salute, dall’altro suggerisce prudenza
nelle attività lavorative e, quando non è possibile
migliorare le condizioni di lavoro, invita i lavoratori
ad abbandonare il lavoro per non compromettere la
salute stessa e incorrere in danni più gravi. Soffer-
mandosi più in dettaglio sugli aspetti preventivi
non può non sorprendere come ai lavoratori siano
correttamente proposte norme di comportamento
suggerite dalla prudenza e dalla saggezza del carpi-
giano. Talvolta il suggerimento è limitato al consi-
glio di astenersi dall’inalare particelle nocive come
nel capitolo x (“I lavoratori che trattano lo zolfo, dun-
que, devono guardarsi per quanto possibile dal respirare
i fumi...”) enel capitolo xvii (“Ma quali rimedi ha a
disposizione la medicina per coloro che lavorano il ta-
bacco? Fino a quando non è possibile eliminare la causa
delle loro malattie, cioè il tabacco, bisognerà avvertire
questi operai che nel pestare, staccare e maneggiare in
qualunque modo questa mercanzia...si guardino il me-
glio possibile da quello sciame di atomi volanti, copren-
dosi la bocca e il naso”) oppure di distogliere lo
sguardo dal materiale incandescente come nel capi-
tolo xi (“In ogni caso è bene avvertire i fabbri che, per
quanto possano, distolgano gli occhi dalla vista del ferro
rovente e incandescente”). Talaltra il monito consiste
nell’avere l’accortezza di lasciare diluire gli aerifor-
mi nocivi come nel capitolo xviii (“…lascino le se-
polture un poco aperte prima di mettervi piede perché,
a poco a poco, vadano via le esalazioni che vi sono rin-
chiuse dentro”). Più spesso la raccomandazione con-
siste nello svolgere il lavoro all’aria aperta come nel
capitolo xxiii dedicato ai fabbricanti d’amido (“Di
solito raccomando a questi operai di svolgere, per quan-
to possano, il loro lavoro al sole, in un luogo abbastan-
za spazioso e non in ambienti chiusi”) e nel capitolo
iii del supplemento sugli speziali (“Tali lavoratori
dovranno adottare alcuni accorgimenti; in primo luogo
dovranno preoccuparsi, nei limiti del possibile, che il la-
voro sia svolto in un luogo aperto e ciò per far disperde-
re più facilmente i vapori”), ove si richiama anche la
necessità “di interrompere il lavoro per qualche ora in
modo di respirare aria fresca e pura…”.
In altre occasioni le raccomandazioni sono più
specifiche e, di volta in volta, mirano a contenere il
rischio con misure che lo prevengono o con inter-
venti che promuovono la salute. A proposito delle
malattie di chi lavora in piedi descritte nel capitolo
xxx, Ramazzini invita gli artifices a interrompere di
quando in quando l’attività (“…quando si presenta
loro l’opportunità, sedendo un poco, passeggiando o fa-
cendo altri movimenti del corpo“) e un analogo invito
a interrompere il lavoro per preservare gli occhi è
indirizzato ai falegnami nel capitolo vi (“Si deve
aver cura anche degli occhi perché soffrano il meno pos-
sibile, interrompendo il lavoro”) e ai produttori di
minuterie nel capitolo xxxvii (“Tuttavia sarebbe uti-
le…che questi operai non stessero sempre applicati al
lavoro con testa bassa, ma che di quando in quando to-
gliessero le mani dal banco e volgessero gli occhi altrove,
6
03-franco:03-franco 15-01-2014 12:34 Pagina 6
rubando qualche ora al loro lavoro, per distrarli e ri-
crearli guardando anche altri oggetti”), prefigurando
così misure che trovano oggi corrente applicazione
per la protezione della vista. Altrove, nel capitolo v
del supplemento sulle malattie dei ramai, è antici-
pato l’uso di quello che oggi si definisce mezzo di
protezione personale (“Le orecchie si potrebbero turare
con cotone, per proteggere un po’ dal rumore le parti in-
terne…”). Sono presenti altri esempi nei quali sono
proposte precauzioni, ancorché di dubbia efficacia,
atte a ripararsi da sostanze volatili, come nel capi-
tolo xiv sulle malattie di chi vuota le fogne (“…ho
consigliato questi lavoratori di coprirsi il viso…o di ri-
manere meno tempo nei pozzi…”), da polveri come
nel capitolo xxii ove è approvata “l’abitudine che
hanno i mugnai di coprirsi la bocca con una benda di
lino” e da altri pericoli come nel capitolo xix dedi-
cato alle levatrici “che …si avvolgono le mani con
pannolini …e le lavano spesso…per evitare il contagio
da parte di puerpere sifilitiche”.
Diversi capitoli anticipano suggerimenti che og-
gi hanno lo scopo di promuovere la salute. Così nel
capitolo xxxi dedicato ai lavori sedentari, Ramazzi-
ni scrive che i lavoratori “devono essere esortati a te-
nere in esercizio i loro muscoli...per compensare in parte
con il beneficio di qualche giorno, i danni della posizio-
ne seduta mantenuta per la maggior parte della loro
vita” e nel capitolo xxxii sui lavoratori ebrei aggiun-
ge “Io da parte mia penso che niente sia più salutare e
raccomandabile per le donne e gli uomini occupati nel
lavoro di cucito, dell’attività fisica”.
Persona eclettica e colta, come i medici del suo
tempo, Ramazzini conosce a fondo i classici e ad
essi dimostra di ispirarsi (40). Da Aristotele, che
afferma la dottrina del giusto mezzo tra vizi oppo-
sti (“Dunque la virtù è una certa medietà, che ha come
scopo il giusto mezzo”)(1), egli mutua l’attitudine al-
la medietas e la consapevolezza di conformarsi alla
virtù di mezzo. Tale approccio si ritrova costante-
mente nella Diatriba: evitare gli estremi di ogni ge-
nere e ricercare la moderazione in ogni comporta-
mento. “Quel detto popolare, nulla di troppo, mi piace
particolarmente” sostiene Ramazzini nel capitolo iv
del supplemento dedicato ai tessitori e alle tessitrici
(“Tanto per gli uomini che per le donne la difesa contro
queste malattie, causate da un lavoro così faticoso, sa-
rebbe la moderazione”), richiamando il ne quid nimis,
traduzione latina del motto greco µηδὲν ἄγαν scol-
pito, secondo la tradizione, nel tempio di Apollo a
Delfi. Lo stesso invito è rivolto ad altri artigiani,
quali i falegnami nel capitolo vi del supplemento
(“Posso solo consigliare la moderazione nel lavoro per-
ché quando quei lavoratori sono troppo presi dal gua-
dagno finiscono, loro malgrado, col mancare dal lavoro
per molti giorni”), gli stampatori nel capitolo i del
supplemento (“…avvertirli di lavorare con modera-
zione, di rubare qualche ora del giorno al lavoro...”) e
gli affilatori di rasoi nel capitolo vii del supplemen-
to (“consigliando la moderazione ed interrompendo per
alcune ore quest’attività...”). D’altra parte egli non
esita a raccomandare moderazione, come nel capi-
tolo xxxviii sulle malattie che colpiscono i maestri
di dizione e i cantanti, anche nello svolgimento
dell’esercizio fisico (“Non esiste esercizio fisico che, per
quanto benefico ed innocuo sia, non arrechi gravi dan-
ni quando è praticato senza moderazione…”) e, acco-
gliendo il precetto di Platone che “giustamente rac-
comandava di non esercitare il corpo senza l’animo e
l’animo senza il corpo”, è fermo nell’invitare alla mi-
sura i letterati (“Quanto poi al regime consigliabile per
le restanti attività, i letterati per ovviare agli inconve-
nienti della vita sedentaria o dello stare in piedi, devo-
no fare tutti i giorni esercizi moderati…”).
“LE VIRTÙ DELLANIMO,E LE AMABILI E DOLCI
MANIERE
È Girolamo Tiraboschi, erudito e storico della
letteratura italiana, che alla fine del Settecento
esprime ammirazione per la figura di Ramazzini
“non solo per la molta dottrina ma ancora per le virtù
dell’animo, e le amabili e dolci maniere” (43). Più di
recente, altri studiosi si sono soffermati sugli aspet-
ti umani di Ramazzini, che giudicano anticipatore
della visione etica medica del Settecento: “due cose si
richiedono al medico, primo che sia addottrinato nella
scienza medica; secondo, che abbia un suo vivo genio
per poter esercitare questa scienza…per esercitare con
essa una medicina affabile a vantaggio dei malati” (7,
14). Il carpigiano si dimostra equilibrato e cortese,
affabile appunto, quando nel capitolo xiv chiede al
lavoratore che svuota le fogne perché lavori con
tanta rapidità (“Mosso a compassione per una fatica
ETICA DELLA DIATRIBA 7
03-franco:03-franco 15-01-2014 12:34 Pagina 7
FRANCO
così ingrata gli chiesi perché lavorasse con tanta fretta e
perché invece non se la prendesse con più calma, evitan-
do in modo di stancarsi troppo”). Non è solo il modo
cortese con cui si rivolge al suo interlocutore, ma
anche l’empatia che si evince dalle sue parole, a te-
stimoniare la solidarietà che esprime nei confronti
del lavoratore. Sentimenti di compassione e di soli-
darietà sono costantemente presenti, accanto a un
senso implicito di impotenza, quando Ramazzini
in molteplici occasioni, ammette di ignorare quali
misure consigliare per evitare che il lavoro provochi
danno alla salute. Così sempre nel capitolo xiv sug-
gerisce prudentemente “… di coprirsi il viso con ve-
sciche trasparenti…o di rimanere meno tempo nei poz-
zi che puliscono, oppure…di abbandonare il mestiere e
di dedicarsi a un altro per non essere costretti… diven-
tati ciechi a fare i mendicanti”. Ramazzini è solidale
e modesto quando nel capitolo xii riconosce mesta-
mente “…non so suggerire ai fabbricanti di sapone al-
cuna precauzione se non una giusta moderazione negli
sforzi fisici…”.
Diversi altri passaggi rivelano l’equilibrio di Ra-
mazzini, la sua cautela e la sua incapacità a propor-
re misure efficaci. Nel capitolo xxxiv dedicato ai
domatori di cavalli, sostiene che “…bisognerà ab-
bandonare questo genere di lavoro, perché niente più
del cavalcare è dannoso a questi organi [reni, ossa, pe-
ritoneo], nel capitolo xxxviii sulle malattie dei
maestri di dizione afferma “… bisognerà fare opera
di persuasione perché abbandoni questo tipo di lavoro”
e nel capitolo v del supplemento sui ramai ricono-
sce che “… non ci sarà nessun rimedio più sicuro che
abbandonare quel lavoro e dedicarsi ad un altro...” per
concludere amaramente che “non c’è guadagno peg-
giore di quello che conduce ad una rapida morte”. Del
pari è animata da impotente pessimismo
l’esortazione del capitolo xxvii che tratta le malattie
dei cardatori di lino, di canapa e di cascami di seta
(“si guadagnino da mangiare in altro modo, perché è
pessimo il guadagno che fa perdere la salute, cosa tanto
preziosa”) e la caritatevole considerazione espressa
nel capitolo i dedicato ai minatori (“c’è da chieder-
si…se si debba considerare un’opera pietosa concedere a
questo genere di lavoratori il soccorso della medicina e
prolungare loro una vita di miseria”).
Piuttosto che agli aspetti sociali legati alla mise-
ria e alle deprecabili condizioni di vita della popo-
lazione, nella Diatriba si riscontra costantemente
un’attenzione al lavoro, per lo più degli umili e su-
dici artigiani, ma anche di occupazioni più decoro-
se e rispettabili. Ciò ha fatto ritenere che l’opera
non fosse facilmente collegabile al risveglio illumi-
nistico (2). In linea con tale annotazione conviene
ricordare che Ramazzini vive e sviluppa il suo pen-
siero nel Seicento e che il suo nome è stato inserito
tra “i geniali studiosi e ricercatori che illustrarono la
medicina italiana del diciassettesimo secolo” (31) ed è
stato relegato tra le figure di quel tempo (10). Tut-
tavia il complesso dei sentimenti di umanità pre-
senti nella Diatriba ha convinto cultori del passato
(25) e studiosi moderni che Ramazzini fosse moti-
vato da un’attitudine filantropica, mossa dall’amore
e dall’interesse dell’uomo per l’uomo, indotta dalla
compassione e tendente a contrastare le miserie
dell’uomo. È stato infatti asserito che, anche se
l’ispirazione iniziale è da ricercarsi nella curiosità
scientifica propria degli iatromeccanici, la sua atti-
tudine etica, espressa dalla dedizione e dall’altrui-
smo, sono in armonia con le successive conquiste
della filantropia “intessuta di slanci, di idee, di princi-
pi che in Rousseau nella filosofia e in Frank nella me-
dicina avrebbero trovato il loro apologeta” (34).
I sentimenti espressi da Ramazzini corrispondo-
no tuttavia a virtù etiche piuttosto che a principi
etici di giustizia, talché solidarietà e compassione
assumono un rilievo altruistico individuale. Se si
dovesse analizzare l’opera di Ramazzini alla luce
dell’equità sociale secondo quanto espresso dal mo-
derno principio di giustizia, non si potrebbe fare a
meno di ricordare che tale principio è di molto po-
steriore alla sua morte e risale alla fine del Sette-
cento. Esso fa riferimento sia al rispetto delle nor-
me di legge sia all’equità sociale, secondo cui ogni
individuo deve essere trattato allo stesso modo, sì
da evitare ogni discriminazione. Ne deriva quindi
l’obbligo di una giusta distribuzione dei benefici,
dei rischi e dei costi. Nella prefazione della Diatri-
ba è facile scorgere gli spunti tratti dalla tradizione
etica e dalla saggezza pratica aristotelica. La giusti-
zia, intesa come disposizione al giusto mezzo, è
considerata una sintesi di tutte le virtù e, sostiene
Aristotele, è “quella disposizione di animo per la quale
gli uomini sono inclini a compiere cose giuste e per la
quale operano giustamente e vogliono le cose giuste”
8
03-franco:03-franco 15-01-2014 12:34 Pagina 8
(1). E in questo senso Ramazzini evoca la giustizia
riferendosi al dovere degli Stati di provvedere al
benessere dei lavoratori (“anche ai nostri tempi, nelle
società ben regolate, sono state fissate delle leggi a van-
taggio dei lavoratori”), proteggendone le prerogative
(“La loro attività è così necessaria in tutte le città che
gli Stati…proibiscono che si faccia violenza ai vuota-
tori e agli spurgatori di fogne, anche se lavorando in-
vadono lo spazio di edifici altrui”), ma anche richia-
mando il dovere della medicina (“E’ giusto preoccu-
parsi della salute…è giusto che la medicina contrac-
cambi”) e sostenendo le proprie convinzioni (“Io, da
parte mia, ho fatto tutto quello che pensavo fosse giusto
fare…”).
Trattando di giustizia non si può trascurare la
dottrina utilitaristica. Nelle motivazioni che hanno
spinto Ramazzini ad affrontare un tema così origi-
nale, è stata percepita infatti un’attitudine utilitari-
stica più che una motivazione ideale, argomentan-
do che egli tendeva a conservare la forza lavoro e
ad aumentare la produttività, ancorché mirata alla
protezione della salute della popolazione (14). In
realtà l’utilitarismo, come teoria della giustizia, sarà
concepito solo dopo oltre cinquant’anni e tale dot-
trina sarà mirata non solo e non tanto alla conser-
vazione della salute dell’individuo quanto piuttosto
al raggiungimento del bene comune realmente pos-
sibile per tutti (“the greatest good for the greatest
number of people”)(4). In linea con detta dottrina
sembra quindi che Ramazzini anticipi l’asserzione
di Bentham quando sostiene che “la salute del corpo
umano…è la cosa che conta al mondo, giacché la vita
non consiste nel vivere, ma nello star bene” (38) pre-
correndo quella ricerca della pubblica felicità pro-
pugnata più tardi dal Muratori (29). D’altra parte
non si può non aggiungere che sarà la dottrina uti-
litaristica, basata sui presupposti di imparzialità e
giustizia distributiva, a ispirare le politiche miranti
all’utilità sociale che asseconderanno lo sviluppo
delle conoscenze scientifiche nel campo della salute
e dell’igiene, dell’educazione, dell’economia, del-
l’ordine e della sicurezza pubblica, tutti termini
compresi sotto il nome di polizia (30). Saranno i
trattati di polizia che appariranno nel corso del
Settecento a orientare le politiche e a fornire le
procedure di gestione finalizzate al miglioramento
del benessere e della ricchezza della popolazione.
Tali opere sarebbero state indirizzate alla protezio-
ne della salute di categorie lavorative a maggiore ri-
schio: i giovani, le donne in gravidanza, i lavori pe-
santi. Ciò che Ramazzini ha intravisto, focalizzan-
do l’attenzione sul lavoratore malato per estenderla
al gruppo di lavoratori, si afferma con forza: la tu-
tela della popolazione lavoratrice contribuisce alla
ricchezza degli Stati e la ricchezza di questi ultimi
favorisce il benessere di chi lavora.
PATERNALISMO E INDIPENDENZA DI PENSIERO
Fino a un passato relativamente recente il rap-
porto medico-paziente è stato basato su un’etica di
tipo paternalistico costituita dall’obbligo di operare
per il bene del paziente senza arrecargli danno. Il
medico era quindi tenuto a prendere decisioni per
il bene di una persona senza richiederne l’assenso e
il paziente, privato di ogni possibilità di decidere e
quindi di ogni diritto, doveva accettare l’asimmetria
della relazione. Nella seconda metà del Seicento
non è ancora tempo di concepire l’autonomia e la
non discriminazione del paziente. Solo più tardi,
grazie alle rivoluzioni politiche e religiose e all’in-
fluenza di grandi pensatori, si assisterà all’emanci-
pazione dell’individuo che, in quanto dotato di ra-
gione, sarà considerato autonomo e indipendente.
È necessario tuttavia attendere il ventesimo secolo
perché all’individuo sia riconosciuto il diritto a li-
bertà e autonomia di decidere. Secondo il principio
di autonomia tale diritto da un lato deve contrasta-
re l’atteggiamento paternalistico, superando la ten-
tazione del medico di servirsi della propria autorità
per indurre dipendenza nel paziente, e dall’altro es-
so deve rendere possibili scelte basate su conoscen-
za e comprensione dei fatti e sull’accettazione delle
possibili decisioni (3). Il principio di autonomia ri-
chiama quindi la necessità di rispettare i valori per-
sonali in modo da consentire l’autonomia decisio-
nale delle parti e consiste nell’obbligo per gli ope-
ratori qualificati di rispettare la libera e responsabi-
le volontà dell’individuo riguardo all’espressione
del consenso sino alla potestà del rifiuto.
Nella relazione che Ramazzini instaura con i pa-
zienti-lavoratori, si intravvede di certo un atteggia-
mento paternalistico, contrario al principio di auto-
ETICA DELLA DIATRIBA 9
03-franco:03-franco 15-01-2014 12:34 Pagina 9
FRANCO
nomia che del paternalismo è la negazione, mirante
soprattutto al bene dell’individuo. Tuttavia molti
sono i passaggi nella Diatriba ove, in linea con le
parole di Ippocrate che stimolava il medico ad as-
sumere un atteggiamento collaborativo con il pa-
ziente (“si opponga al male il malato assieme al medi-
co”), Ramazzini riconosce la dignità del lavoratore-
paziente e il bisogno di informarlo sui pericoli le-
gati al suo lavoro.
L’indipendenza di pensiero è un aspetto molto
rilevante nella Diatriba e in altre opere di Ramaz-
zini. Essa è testimoniata dagli scritti polemici (16),
dall’atteggiamento nei confronti delle autorità del
duca e di quelle religiose, dalle posizioni che assu-
me nei confronti dei colleghi medici. Gli scritti
consistono nella stampa di censure e risposte su ar-
gomenti di tipo sanitario che caratterizzano le non
infrequenti contese tra i medici di quel periodo. In
due occasioni Ramazzini si trova coinvolto in que-
ste polemiche, la prima delle quali attira
l’attenzione delle autorità religiose di Roma che or-
dinano l’interruzione della disputa (28), mentre la
seconda provoca il richiamo da parte del duca di
Modena che ne vieta la pubblicazione (16). D’altra
parte, con riferimento ai contenuti della prefazione
della Diatriba non si può fare a meno di riconosce-
re che “queste asserzioni così ricche di afflato umano
costituiscono un richiamo alle sonnacchiose e spesso pa-
rassitarie e rovinose, incarnazioni dell’autorità stata-
le…” (33) a testimonianza di un Ramazzini libero e
padrone di sé e di certo intellettualmente non sot-
tomesso ai formalismi della corte ducale. Tuttavia
non è solo rispetto all’autorità laica che rivendica
l’indipendenza di pensiero. Egli è un credente (39),
il cui orientamento è “guidato da un colto cattolicesi-
mo sociale” (9) e la cui religiosità è documentata
dalla dissertazione sulla tutela della salute delle ver-
gini religiose, quando esalta la verginità religiosa.
Nondimeno egli non esita a criticare la Chiesa.
Nella Diatriba sono presenti infatti diversi passaggi
che testimoniano come il suo pensiero talora sia in
contrasto rispetto alle consuetudini del tempo. Così
non esita, nonostante la perdurante attività dell’In-
quisizione, a criticare la Chiesa quando osserva, nel
capitolo viii del supplemento dedicato alle malattie
dei fabbricanti di mattoni che “la religione cristiana,
che come noto si preoccupa più della salute dell’anima
che di quella del corpo, ha lasciato a poco a poco cadere
in disuso i bagni” facendo riferimento all’abolizione
dei bagni di quelle terme che erano state il vanto
della civiltà romana. Del pari è critico nei confronti
delle autorità religiose per l’uso di seppellire i morti
nelle chiese quando afferma, nel capitolo xviii sulle
malattie dei becchini, che “Un orribile odore di pu-
trefazione si sente molto spesso nelle chiese …ed arreca
grande fastidio ai fedeli; è prodotto dall’enorme numero
di sepolcri e dalla loro frequente apertura”.
Lo spirito polemista del Ramazzini anticonfor-
mista si manifesta soprattutto nei confronti dei col-
leghi e ne avvalla l’autonomia, proprio quell’auto-
nomia richiesta oggi nella relazione con i colleghi,
rispetto a comportamenti che egli non condivide e
dai quali vuole prendere le distanze. Questo spirito
è stato colto e documentato dagli studiosi che di
volta in volta ne hanno descritti gli aspetti satirici
(9), l’ironia (14), l’arguzia (34), l’umorismo (31). È
invero da notare come pressoché l’intera Diatriba
sia pervasa da sentimenti di questo tipo. Così egli si
dimostra beffardo quando, nel capitolo xiv invita i
colleghi medici a interessarsi della salute dei lavo-
ratori visitando le botteghe, pur esprimendo qual-
che dubbio sulla reale volontà di questi ultimi a
operare in questo senso (“Proviamo a invitare i me-
dici amanti della raffinatezza e della pulizia ad uscire
dalle botteghe degli speziali che per lo più esalano cin-
namomo per condurli nelle latrine. Non c’è dubbio che
arriccerebbero il naso”) ma anche sentenzioso e pe-
dante quando ai colleghi schizzinosi rammenta che
“è dovere…del medico –dice Ippocrate [nel De
Flatibus]– analizzare attentamente le cose sgradevoli
ed avere a che fare con le cose ripugnanti”. Del pari è
pungente nei confronti dei colleghi che ne critica-
no comportamenti inconsueti per un medico quan-
do scrive nel capitolo i sui minatori “So bene con
quanta ironia sono stato additato mentre, con rischiosi
tentativi, andavo cercando le sorgenti ove nascono le
acque modenesi”.
Ramazzini è sobrio e prudente nella ricettazione:
egli appartiene alla schiera di quei medici che, anti-
cipando l’orientamento della medicina del Sette-
cento, propugnano un trattamento semplice che
aiuti il medico ad assecondare una guarigione natu-
rale con l’utilizzo di pochi farmaci efficaci (8). Non
sorprende dunque il dileggio e lo scherno presenti
10
03-franco:03-franco 15-01-2014 12:34 Pagina 10
nel capitolo xii sulle malattie di chi lavora col gesso
e con la calce: ”Ma c’è una categoria di medici che or-
dina lunghe cure anche per malattie brevi e che guari-
rebbero da sole…secondo il principio non passi giorno
senza che sia stata prescritta una nuova ricetta“. Del
pari è sconcertato dal fatto che i medici, anche in
occasione di gravi epidemie, ne siano esenti, quan-
do nella dissertazione sulle malattie dei letterati os-
serva con arguzia e ironia “Ciò credo che si debba ri-
condurre non tanto alle precauzioni adottate quanto al
molto esercizio e al buon umore, perché tornano a casa
ben carichi di denaro”. Pur amareggiato da quanto
osserva nel capitolo xxxix sulle malattie dei conta-
dini (“Guardo non senza commiserazione i poveri con-
tadini…affidati a giovani medici usciti da poco dalla
scuola…indeboliti per effetto di energici purganti e ri-
petuti salassi…”), trova lo stimolo di raccomandare
ai giovani poco preparati, nell’orazione “Felicius cu-
rari a Medico popularem gentem, quam nobiles, et
princeps viros”, di occuparsi della gente del popolo
per avere una visione più completa delle malattie e
delle terapie.
Ramazzini non manca inoltre di irridere i lette-
rati quando, nella dissertazione a loro dedicata,
scrive che “…essi hanno fisso nella loro mente
l’immortalità…ci sono molti che, presi dalla smania di
scrivere, mettono insieme in fretta opere piene di argo-
menti tra di loro poco coerenti che sono aborti più che
prodotti maturi…”. La dissertazione manca di quel-
lo spirito empatico che egli dimostra nei capitoli
dedicati ai lavori più umili: la pietà è infatti assente
quando tratta di persone che stanno troppo sedute
e non esercitano il fisico (11). D’altra parte, non si
trattiene dall’annotare con amarezza, di essere og-
getto egli stesso di critica perché si dedica alla poe-
sia, osservando che “oggi per tutto regna l’Ignoranza,
e chi vuol scoprirsi si fa bersaglio della maledicenza e
del livore” (35).
Ma è nel capitolo iv sulle malattie dei chimici
che Ramazzini manifesta il suo alto senso di indi-
pendenza e integrità morale. L’episodio è troppo
noto per essere descritto in dettaglio (48). Sia suffi-
ciente dire che il carpigiano intuisce l’esistenza di
un’associazione tra malattia e inquinamento del-
l’ambiente di vita e assume un atteggiamento di os-
servatore attento e rigoroso del fenomeno morboso
come conseguenza di un’esposizione protratta nel
tempo. Soprattutto per quest’osservazione, ancor-
ché di tipo aneddotico, che rappresenta un segnale
di allarme in quanto espressione di un potenziale
problema per la salute pubblica, a Ramazzini è sta-
to attribuito il titolo di epidemiologo ante litteram
(48). Tuttavia il caso descritto testimonia anche che
il Magister non è solo un arguto osservatore, ma ne
attesta l’atteggiamento di indipendenza rispetto al-
l’esito giudiziario della disputa: Alla fine i giudici
dettero ragione al commerciante e il vetriolo, assolto, fu
dichiarato innocente. Se l’esperto del diritto in questo
caso abbia ben giudicato, lo lascio giudicare agli esperti
di scienze naturali”.
CONCLUSIONE
Ramazzini viene meno mentre si reca a lezione.
È il 5 novembre 1714. È Arnaldo Maggiora a tra-
scrivere il suo certificato di morte: “detto [cioè il 5
Novembre 1714] L’Ill.mo Signor Bernardino Ra-
mazzini pubblico Professore di anni 80 in circa
d’accidente apoplettico, visitato dall’Ecc.mo Reatto
ed altri morse à l’hore 5 vendo [venendo] li 6; pa-
rocchia di Santa Soffia”(25) (figura 2). È Giovanni
ETICA DELLA DIATRIBA 11
Figura 2 - Atto di morte di Bernardino Ramazzini - Padova, 5 novembre 1714 (Archivio di Stato, Padova)
Figure 2 - Death certificate of Bernardino Ramazzini - Padua, 5 November 1714
03-franco:03-franco 15-01-2014 12:34 Pagina 11
FRANCO
Battista Morgagni, suo collega dell’ateneo patavino,
che in precedenza l’ha assistito nella sua malattia, a
descrivere la causa di morte in quello che sarà il pri-
mo trattato di anatomia patologica (27). Anche se
fino a non molti anni or sono non era certo che le
spoglie di Ramazzini fossero tumulate nella Chiesa
di Beata Elena Enselminidi Padova, all’esterno del-
la quale è presente una lapide a memoria (18) (figu-
ra 3), studi approfonditi basati sulla datazione con
radiocarbonio, suggeriscono che i resti sine titulo
esumati siano proprio quelli del carpigiano (46).
Esponente del neo-ippocratismo che valorizza la
pratica sanitaria della medicina antica, Ramazzini è
stato definito protosociologo della salute (12), pre-
figurando quella che sarà la medicina sociale (quel-
la medicina cioè che si rivolge alle malattie che col-
piscono larghi strati di popolazione, che causano la
perdita della produzione lavorativa e il cui contra-
sto richiede interventi non solo sanitari) e la sua
opera rappresenta una concreta conquista medico-
sociale del secolo (33). Scrive infatti Pazzini che
“Ramazzini è il vero medico sociale, in una interezza
che forse nemmeno il pensiero medico moderno ha con-
cepito” (32). E autorevolmente aggiunge Premuda
che “il medico acquisisce così in questa problematica
emergente una posizione da protagonista” (34) e, tra i
medici che rivendicano la sua figura come nume
tutelare sono i medici del lavoro, grazie agli studi di
Luigi Devoto (15), ad avere dedicato maggiore at-
tenzione alla sua figura e alle sue opere (37).
Trecento anni sono trascorsi dalla morte del
Magister carpigiano. Tuttavia il suo messaggio e la
sua visione della salute occupazionale sono per certi
aspetti moderni (6, 21, 23). Ci si può chiedere se
anche i valori che hanno ispirato e guidato la stesu-
ra della Diatriba, se confrontati con gli odierni ca-
noni etici, possano essere considerati attuali. Ebbe-
ne, se il medico di Carpi è stato un profondo inno-
vatore non solo perché ha saputo guardare in modo
non convenzionale alla malattia (prevenire è meglio
che curare) e alle sue cause (49), non si può fare a
meno di osservare che egli ha dedicato la propria
attenzione alla parte più umile dei lavoratori non
solo attraverso gli occhi di scienziato ma anche at-
traverso quelli di medico che, oltre che rispettare
gli insegnamenti ippocratici del primum non nocere
e di beneficialità, palesa virtù etiche di equità e
d’integrità e manifesta una sincera indipendenza di
pensiero. In questo senso l’insegnamento etico di
Ramazzini si offre ai giovani e ai loro mentori (45)
per riflettere sulle virtù alle quali ispirare i propri
comportamenti che, nel caso del moderno medico
del lavoro, vanno oltre alla sola osservanza dei pre-
cetti di Ippocrate e del codice di deontologia della
professione medica, dovendo attenersi a precise re-
gole dettate dai principi etici della disciplina.
NO POTENTIAL CONFLICT OF INTEREST RELEVANT TO
THIS ARTICLE WAS REPORTED
BIBLIOGRAFIA
1. Aristotele: Etica nicomachea. I Classici del pensiero. Mila-
no: Mondadori editore, 2008
2. Armocida G: Bernardino Ramazzini e il suo “opuscolo
dei mali degli artefici”. In Terribile Wiel Marin T, Rippa
Bonati M (a cura): Simposio su Bernardino Ramazzini e il
suo tempo. Padova: Tipografia La Garangola, 2001
3. Beauchamp TL, Childress JF: Principles of biomedical
12
Figura 3 - Lapide posta sulla facciata della chiesa Chiesa
di Beata Elena Enselmini, nella quale sono sepolti i resti
mortali di Bernardino Ramazzini. La lapide è stata posta
per iniziativa del Rettore dell’Università di Padova in occa-
sione del trecentesimo anniversario della nascita di Ramaz-
zini
Figure 3 - Plaque on the facade of the Church of Beata Elena
Enselmini, where the remains of Bernardino Ramazzini are
buried. The plaque was laid on the initiative of the Rectorof
the University of Padua on the tricentenary of the birth of Ra-
mazzini
03-franco:03-franco 15-01-2014 12:34 Pagina 12
ethics. New York: Oxford Univ Press, 2008
4. Bentham J: An introduction to the principles of morals and
legislation. London: Pickering, Lincoln’s Inn Fields and
Wilson, Royal Exchange, 1823
5. Berlinguer G: The ethical foundations of occupational
prevention: a historical overview. In: Contributions to the
history of occupational and environmental prevention.
Amsterdam: Elsevier 1999
6.Bertelli G, Foà V: Ramazzini cinquanta anni dopo
su “La Medicina del Lavoro”. Med Lav 1983; 74: 423-
425
7. Boerhaave H: Methodus discendi medicinam. Venetiis:
Angelum Pasinellum, 1727
8. Brambilla E: La medicina del Settecento: dal monopo-
lio dogmatico alla professione scientifica. In Annali 7.
Malattia e medicina. Torino: Einaudi editore, 1984
9. Carnevale F, Mendini M, Moriani G. Introduzione. In:
Ramazzini B: Opere mediche e fisiologiche. Le malattie dei
lavoratori. In Carnevale F, Mendini M, Moriani G (a
cura). Verona: Cierre Edizioni, 2009
10. Castiglioni A: Storia della medicina. Milano: Mondado-
ri, 1936
11.Cave Wright W. Introduction In Ramazzini B: De
Morbis Artificum Diatriba. Diseases of Workers.The Latin
text of 1713 revised with translation and notes by Wilmer
Cave Wright. Chicago; The University of Chicago
Press; 1940
12.Cipolla C: Manuale di sociologia della salute. Milano:
Franco Angeli, 2002
13. Comitato nazionale per la bioetica: Scopi, limiti e rischi
della medicina. Roma: Ufficio grafico dell’Istituto Poli-
grafico e Zecca dello Stato - Dipartimento per l’Infor-
mazione e l’Editoria, 2003
14. Cosmacini G: Dalle “malattie dei lavoratori” alla “medi-
cina del lavoro”. In Ramazzini B: Le malattie dei lavora-
tori. Roma: Teknos Edizioni, 1995
15. Devoto L: Bernardino Ramazzini nel terzo centenario
della nascita. Med Lav 1933; 24: 337-342
16. Di Pietro P: Bernardino Ramazzini. Biografia e biblio-
grafia. Eur J Oncol 1999; 4: 179-317
17. Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirur-
ghi e degli Odontoiatri: Codice di Deontologia Medi-
ca, 2006 (http://www.medicitalia.it/public/uploaded
files/file/CodiceDeontologiaMedica.pdf accesso del 2
ottobre 2013)
18.Franco G: La tomba di Bernardino Ramazzini nella
Chiesa di Beata Elena a Padova e la ricognizione delle
sue spoglie. Med Lav 2002; 93: 361-362
19. Franco G. Analisi etica del processo decisionale nella
pratica professionale del medico del lavoro. Med Lav
2005; 96: 375-382
20. Franco G, Mora E: Attività del medico competente e
obblighi etici secondo il nuovo testo unico sulla sicurez-
za sul lavoro (decreto legislativo 81/2008). Epidem Prev
2009; 33: 116-121
21. Franco G: A pioneer of public health, Bernardino Ra-
mazzini (1633-1714). Ann Ig 2013; 25: 273-280
22.Franco G: Il contesto culturale, economico e sociale
della Diatriba ramazziniana nella seconda metà del sei-
cento - In memoria di Pericle Di Pietro in occasione
del trecentesimo anniversario della pubblicazione dell’e-
dizione definitiva della Diatriba (Padova, 1713). Med
Lav 2013; 104: 167-177
23. Franco G: A tribute to Bernardino Ramazzini (1633-
1714) on the tercentenary of his death. Occ Med 2014;
64: 2-3
24. International Commission on Occupational Health.In-
ternational Code of Ethics for Occupational Health
Professionals. Med Lav 1993; 84: 337-352 (versione
aggiornata nel 2002 scaricabile da http://www.icohweb.
org/core_docs.asp accesso del 4 ottobre 2013)
25. Maggiora A: In ricordanza del II centenario della morte di
Bernardino Ramazzini. Modena: Reale Accademia di
Scienze, Lettere ed Arti in Modena, 1918
26. Meara NM, Schmidt LD, Day JD: Principles and vir-
tues: A foundation for ethical decisions, policies, and
character.The Counseling Psychologist 1996; 24: 4-77
27. Morgagni GB: Delle sedi e delle cause delle malattie ana-
tomicamente investigate. Prima versione italiana di Pietro
Maggesi. Volume primo. Milano: Tipografia Felice Ru-
sconi, 1823
28. Muratori LA: Bernardino Ramazzini. Dottore in Medi-
cina. Biblioteca Estense. Archivio Muratoriano, 1703
29. Muratori LA: Della pubblica felicità oggetto de’ buoni
principi. Lucca, 1749
30.Panseri G: La nascita della polizia medica:
l’organizzazione sanitaria nei vari Stati italiani. In: Sto-
ria d’Italia. Annali 3. Scienza e tecnica nella cultura e nella
società dal Rinascimento a oggi. Torino: Einaudi editore,
1980
31. Pazzini A: Storia della medicina. Milano: Società Editri-
ce Libraria, 1947
32. Pazzini A: In: Bernardino Ramazzini e l’opera sua. In
Ramazzini B: De morbis artificum diatriba. Roma: Tipo-
grafia Carlo Colombo, 1953
33. Premuda L: L’istanza sociale in Ramazzini pre-illumini-
sta. Med Lav 1983; 74: 433-441
34.Premuda L: Dottrina e filantropia nel pensiero di
Bernardino Ramazzini. In Terribile Wiel Marin T,
Rippa Bonati M (a cura): Simposio su Bernardino Ra-
mazzini e il suo tempo. Padova: Tipografia La Garango-
la, 2001
35. Ramazzini B: Lettera a Antonio Magliabechi del 30
maggio 1692 – n 108. In Di Piero P (a cura): Epistola-
ETICA DELLA DIATRIBA 13
03-franco:03-franco 15-01-2014 12:34 Pagina 13
FRANCO
rio. Modena: Toschi, 1964
36. Ramazzini B: De Morbis Artificum Diatriba. Modena:
Capponi, 1700
37. Ramazzini B: Opere mediche e fisiologiche. Le malattie dei
lavoratori. In Carnevale F, Mendini M, Moriani G (a
cura). Verona: Cierre Edizioni: 2009
38. Ramazzini B: Opere mediche e fisiologiche. Nona orazione.
In: Carnevale F, Mendini M, Moriani G (a cura). Vero-
na: Cierre Edizioni; 2009: 363
39. Rinaldi F: Bernardino Ramazzini e la medicina del la-
voro. Civiltà Cattolica1933; 4: 17-32
40. Riva MA, Sironi VA, Cesana G: L’eclettismo culturale
di Bernardino Ramazzini. Analisi delle fonti bibliogra-
fiche non mediche del De Morbis Artificum Diatriba.
Med Secoli 2011; 23: 511-526
41. Santi V: La storia nella “Secchia rapita”. Memorie della
R: Accademia di Scienze, Lettere ed Arti, in Modena.
Serie III, Volume IX, 1909
42. Stanley JM: The Appleton consensus: suggested inter-
national guidelines for decisions to forego medical
treatment. J Med Ethics 1989; 15: 129-136
43.Tiraboschi G: Storia della letteratura italiana. Tom o
VIII. Dall’anno MDC all’anno MDCC. Modena: So-
cietà Tipografica, 1793
44. United Nations: Universal Declaration of Human Ri-
ghts, 1948 (http://www.un.org/en/documents/udhr/
accesso del 4 ottobre 2013)
45.Weed DL, McKeown RE: Epidemiology and virtue
ethics. Int J Epidemiol 1998; 27: 343-348
46. Zanchin G, Capitanio M, Panetto M, et al: Bernardino
Ramazzini rests in Padua. Vesalius 2005; 11: 15-20
47. Zanobio B: Fondazione, nascita, primi passi della Clini-
ca del Lavoro di Milano. Suoi contesti storico e sociale.
Med Lav 1992; 83: 18-32
48. Zocchetti C: Bernardino Ramazzini (1633-1714) epi-
demiologo ante litteram. Epid Prev 2000; 6: 276-281
49. Zocchetti C, Foà V: Bernardino Ramazzini e “La Me-
dicina del Lavoro”. Med Lav 2000; 91:3-13
14
03-franco:03-franco 15-01-2014 12:34 Pagina 14
Project
Ramazzini’s scientific and humanitarian thinking developed in the cultural, economic and social context in the seventeenth century. At that time, when the attention of doctors was devoted to the m…" [more]
Project
In their daily practice occupational health professionals may face ethical many dilemmas involving different stakeholders (workers, employers, workers’ representative, supervising authority, regula…" [more]
Project
As clinicians move within a framework of research-informed health care while taking into account the need to satisfy the patient, occupational health practitioners act according to a different but …" [more]
Project
Research evaluation is a key issue in benchmarking performance, orienting research policies, and making informed decisions about investments. Although there is the need of objective performance mea…" [more]
Article
January 2014 · Occupational Medicine
    The full version is freely available at the website of the journal ---- Historians claimed that the Diatriba ‘is to the history of occupational diseases what Vesalius’s book is to anatomy, Harvey’s to physiology, Morgagni’s to pathology’. His book represented a medical and social triumph and appointed Ramazzini as the father of occupational medicine. On the occasion of the tercentenary of... [Show full abstract]
    Article
      The paper aims at focusing the relationship between scientific evidence and ethical values' issues of occupational health practice according to the new Italian law 81/2008 stating that the occupational health physician (OHP) is required to act according to the Code of Ethics of the International Commission on Occupational Health. The code itself emphasizes that (i) the practice should be... [Show full abstract]
      Article
        The paper aims at analyzing the development of Ramazzini's train of thought in Diatriba within the cultural, economic and social context of the Duchy of Modena in the second half of the seventeenth century. The period was characterized by a deep recession affecting every aspect of life in the territory: culture was mostly at the service of the court's image, the economy, mainly based on... [Show full abstract]
        Discover more