Valutazione diagnostica

Article · January 2011with3 Reads
DOI: 10.1007/978-88-470-2041-2_9

    Abstract

    La valutazione delle componenti vegetali in una unità di paesaggio (UdP) viene effettuata mediante le analisi esposte nel
    capitolo 5, paragrafo 5.2, secondo i principi e i metodi della bionomia. Sappiamo, tuttavia, che i criteri di valutazione
    vanno oltre le fasi di analisi, perché il reperimento dei dati spesso non esaurisce la lettura critica del fenomeno in esame
    e, quindi, è necessario dare qualche indicazione anche sulla valutazione. Si tenga sempre presente (vedi capitolo 4, paragrafo
    4.3) che le valutazioni diagnostiche dipendono dal confronto fra le condizioni del sistema ecologico in esame e quelle di
    uno stato considerato come “normale”. In altre parole, è il rapporto tra “patologia” e “fisiologia” dei sistemi che permette
    una diagnosi in senso clinico del paesaggio in esame. Bisogna capire di quanto il sistema si sposta dallo stato di normalità
    a causa degli stimoli patogeni e, con una proiezione delle informazioni, valutare dove potrebbe arrivare il danno alla struttura
    e alle funzioni, in un tempo congruente. Esponiamo in breve qualche considerazione più operativa.