ArticlePDF Available

Usi e pratiche della comprensione attraverso la lente dei verba recipiendi

Authors:

Figures

Content may be subject to copyright.
30
Usi e pratiche della comprensione
attraverso la lente dei verba recipiendi*
di Isabella Chiari
Oltre quella volta che ci salutammo cantando ne’ sotterranei,
io aveva inteso parecchie volte dal piano superiore le sue can-
tilene, ma senza capire le parole, ed appena pochi istanti, per-
ché nol lasciavano proseguire. Ora alzò molto più la voce, non
fu così presto interrotto, e capii tutto. Non v’ha termini per
dire l’emozione che provai.
S. Pellico, Le mie prigioni
1
1
Introduzione
Questo contributo muove come punto di partenza da un noto saggio di Tullio
De Mauro dal titolo Intelligenti pauca2 nel quale si presentavano, discutevano
e classificavano i verba dicendi e i verba recipiendi notandone l’asimmetria non
solo quantitativa nel lessico dell’italiano, e peraltro in quello di moltissime altre
lingue. Partendo da quelle osservazioni cercheremo di continuare la riflessione
sulle caratteristiche e possibili cause di tale asimmetria e di osservare e descri-
vere a) le tipologie principali di verbi della ricezione e comprensione; b) gli usi
linguistici e metalinguistici associati ai verba recipiendi, dove questi si discostino
da quelli della loro controparte produttiva; c) osservare l’incidenza testuale nel
parlato e nello scritto di questi usi linguistici; d) esaminare, usando indicatori
statistici, la preferenza dei principali verba recipiendi per oggetti percettivi, lin-
guistici o cognitivi nei loro usi testuali effettivi.
La questione della comprensione è stata affrontata anche in ambito inter-
nazionale in numerosi lavori con approcci diversi: dalla linguistica descrittiva
alla semiotica, alla linguistica testuale e pragmatica per arrivare all’analisi della
* Questo lavoro è un omaggio, spero non troppo indegno, e un ringraziamento al mio
professore Tullio De Mauro sine quo non nel giorno del suo compleanno. Ringrazio Federico
Albano Leoni ed Elena Pizzuto per i loro commenti che mi hanno permesso di rendere più
chiaro il percorso proposto in questo testo.
1. Capo 72.2.
2. T. De Mauro, Intelligenti pauca, in Miscellanea di studi linguistici in onore di W. Belardi, a
cura di P. Cipriano, P. Di Giovine, M. Mancini, Il Calamo, Roma 1994, pp. 865-75.
31
conversazione3. Abituati come siamo, da linguisti e da semiologi, a osservare la
comunicazione, linguistica e non, sotto forma di circuito, spesso rappresentato
in forma schematica, abituati negli ultimi anni anche a criticare tali schemi so-
prattutto laddove conducano o implichino una visione speculare di produzione
e ricezione, confrontiamo gli usi e i processi soggiacenti con una certa attenzione
dal punto di vista linguistico, semiotico, cognitivo, psicolinguistico e sociolin-
guistico.
De Mauro4, ad esempio, mette in luce la povertà relativa del campo dei verba
recipiendi rispetto ai numerosi e spesso specificissimi verba dicendi, di cui forni-
sce una classificazione funzionale.
Non solo vi è uno svantaggio numerico, ma a tale svantaggio numerico si
accompagna il fatto che i verbi della ricezione sono generici anche in quanto
non differenziano la loro applicazione a domini linguistici e domini semiotici, e
nella frequente indifferenza anche verso oggetti e domini puramente percettivi
(ascoltare parole ma anche ascoltare rumori, musica ecc.) o verso domini generali
e pragmatici (capire cose, eventi, relazioni, persone ecc.). I verba recipiendi sono
inoltre verbi largamente polisemici in accezioni astratte connesse con attività di
natura generalmente cognitiva e semiotica. La ricchezza del dominio produtti-
vo non è solo rappresentata da circa 360 verbi italiani, come mette in luce De
Mauro, ma anche dalla possibilità di differenziare le funzioni produttive in cate-
gorie piuttosto differenziate e raffinatamente dettagliate: 1. verbi generalmente
linguistici; 2. verbi che colgono e il dire e altre attività simboliche, comunicative
e semiotiche nella loro generalità; 3. verbi distintivi di modalità fonetiche del
dire; 4. verbi distintivi di modalità semantico-testuali del dire; 5. verbi distintivi
di modalità e conseguenze illocutive e giuridiche del dire; 6. verba scribendi; 7.
verbi ermeneutici5. Peraltro, stessa sorte tocca alle altre categorie grammaticali
che esprimono produzione linguistica: si pensi a nomi quali voce e alle rispettive
“etichette” ad essi associate6. Per queste, tuttavia, occorre osservare che la lessi-
calizzazione soprattutto uditiva delle caratteristiche della voce come alta, bassa,
rauca, profonda, flebile, stridula, sommessa, metallica, grave, tremante, sottile,
3. Tra gli altri si segnalano i lavori di T. De Mauro, Minisemantica dei linguaggi non verbali
e delle lingue, Laterza, Roma-Bari 1982; M. Dascal, I. Berenstein, Two modes of understan-
ding: Comprehending and grasping, in “Language & Communication”, vii, 1987, pp. 139-51;
Dalla parte del ricevente: percezione, comprensione, interpretazione. Atti del xix Congresso
internazionale di studi sli (Roma, 8-10 novembre 1985), a cura di T. De Mauro, S. Gensini, M.
E. Piemontese, Bulzoni, Roma 1988; T. De Mauro, Capire le parole, Laterza, Roma-Bari 1994;
Z. Vendler, Understanding misunderstanding, in Language, mind and art, ed. by D. Jamieson,
Kluwer, Dordrecht 1994, pp. 9-21; M. Dascal, Introduction: Some questions about misunder-
standing, in “Journal of Pragmatics”, xxxi, 1999, pp. 753-62; E. Weigand, Misunderstanding:
The standard case, in “Journal of Pragmatics”, xxxi, 1999, pp. 763-85; D. Silvestri, Logos e logo-
nimi, in Le parole per le parole: i logonimi nelle lingue e nel metalinguaggio. Atti del Convegno
(Napoli, Università degli Studi “L’Orientale”, 18-20 dicembre 1997), a cura di C. Vallini, Il
Calamo, Roma 2000, pp. 21-37.
4. De Mauro, Intelligenti pauca, cit.
5. Ivi, pp. 867-70.
6. Su questo si veda in italiano il lavoro di F. Albano Leoni, Sulla voce, in La voce come bene
culturale, a cura di A. De Dominicis, Carocci, Roma 2002, pp. 41-65.
32
acuta, squillante, nasale, fioca, chiara, scura ecc., in realtà, non descrive solamen-
te un meccanismo produttivo e la sua modulabilità, ma quasi in maggior misura
un meccanismo uditivo e percettivo, per cui le qualificazioni di voce sarebbero
a pieno titolo da includere anche tra le “etichette dell’udito/ascolto sulla voce”.
Le etichette della voce sono testimonianza infatti della capacità discriminativa e
selettiva dell’udito sul materiale sonoro.
La genericità dei verba recipiendi è tuttavia tale solo comparativamente al
versante produttivo. E se invece di decretare l’inadeguatezza descrittiva di
questa classe di verbi non provassimo a osservarli tenendo come categorie di
comparazione non già i verba dicendi, bensì i verbi che descrivono attività sen-
soriali? Ricezione e comprensione, nelle varie declinazioni che vedremo nei
paragrafi seguenti, sono infatti caratterizzate dal passaggio primario attraverso
un organo di senso, quasi sempre l’udito, spesso la vista. Senza una variazione
e modulazione percepita dai sensi non è infatti concepibile alcuna forma co-
municativa. Proviamo allora a osservare e, se il caso, a far dipendere le caratte-
ristiche di questi verbi e la loro varietà d’uso da questa restrizione. Proviamo
dunque a ricollocare i verba recipiendi nella categoria dei verba sentiendi, circo-
scrivendo questi soprattutto ai verbi della percezione sensoriale.
2
I verba recipiendi
nel quadro dei verba sentiendi
Confrontare i verba recipiendi con i verbi di percezione sensoriale in qualche
modo ci permette di valutare sotto una luce diversa la varietà, la genericità e le
caratteristiche di questi verbi in una prospettiva che tenga conto sia della loro
capacità semiotica sia della loro collocazione e del loro uso come filtro d’espe-
rienza in relazione alla capacità dei singoli sensi di muoversi per catturare la
sensazione e la percezione e di attivare operazioni cognitive più complesse e
astratte.
I dati statistici presentati in questo paragrafo e nel seguente sono stati tratti
da un corpus esteso di italiano scritto contenente testi appartenenti a tipologie
diverse, formali e informali come testi giuridici e religiosi, fino a scambi in forum
e chat. Si è scelto di lavorare per lo scritto su ItWac7, corpus di lingua italiana
costituito da circa 1.909.535.984 parole (occorrenze). Il corpus è parzialmente bi-
lanciato attraverso una serie di procedure di Web crawling, lemmatizzato con
un lemmatizzatore di impianto statistico TreeTagger8, interrogato attraverso il
Corpus Query System di Sketch Engine9.
7. M. Baroni, A. Kilgarriff, Large linguistically-processed Web corpora for multiple languages,
in Proceedings of the 11th Conference of the European Chapter of the Association for Computational
Linguistics, Trento 2006, pp. 87-90.
8. Cfr. http://www.ims.uni-stuttgart.de/projekte/corplex/TreeTagger/
9. A. Kilgarriff, D. Tugwell, Word Sketch: Extraction and display of significant collocations for
lexicography, in Proceedings of 39th Meeting of the Association on Computational Linguistics a c l
– Workshop on collocation: Computational extraction, analysis and exploitation, Toulouse 2001,
33
Innanzitutto i verbi di percezione sensoriale hanno la caratteristica di essere
rappresentati fortemente da verbi di base, che sono in genere anche i più usati
per esprimere attività della vista, udito, tatto, olfatto e gusto, uno o al massi-
mo due per ciascun senso (vedere/guardare, udire/ascoltare, gustare, toccare e
odorare), cui si accompagnano due verbi orizzontali generici che si possono
applicare a diversi sensi: sentire e percepire. Il verbo sentire, ad esempio, si usa
largamente sia per l’ascolto che per il gusto e l’olfatto; percepire è utilizzabile
per tutti i sensi10.
Ad esempio, se usiamo come cartina di tornasole i verbi della percezione
visiva e il loro rapporto con le azioni compiute dall’occhio, vediamo che i ver-
bi con cui si “svolgono azioni oculari” sono spesso di natura diversa rispetto
a quella percettiva, sono, ad esempio, verbi di azione modulata, volontaria e
selettiva. L’occhio può essere accompagnato da: chiudere 10.212, aprire 8.692,
alzare 3.106, strizzare 2.184, vedere 2.079, tenere gli occhi [aperti, chiusi, serrati,
bassi] 1.905, spalancare 1.535, guardare 1.282, sgranare 1.154, socchiudere 1.125, bril-
lare 835, bruciare 835, fissare 812, riaprire 807, abbassare 683, puntare 553, riempire
gli occhi [di dolore, di malinconia, di gioia] 553, sbarrare 553, buttare l’occhio 478,
staccare 451, illuminare 409, posare 409, strabuzzare 409, rivolgere 376, volgere
320, distogliere 302, levare 279, arrossare 241, sollevare 225, cadere 211, stringere
192, scintillare 189, incrociare 182, rifare 179, iniettare 165, roteare 147, luccicare
143, allenare 135, richiudere 133, abituare 132, ridere 130, scrutare 114, incollare 111,
infossare 108, sorridere 97, dilatare 82, splendere 81, riempiere 79, scorgere 77,
appannare 72, lacrimare 71, sfavillare 70, inumidire 65, foderare 5811. I verbi sot-
tolineati tra questi sono quelli relativi ad azioni connesse alla vista, allo sguardo
e alla gestione dell’attenzione visiva. Ad esempio, fissare, puntare, buttare l’oc-
chio, posare, rivolgere, volgere, distogliere, incollare si riferiscono alla gestione
dello sguardo; allenare e abituare si riferiscono alla relazione della vista con
l’ambiente in cui si orienta.
Se inoltre osserviamo ancora i verbi della vista sottolineati per osservarne la
specificità visiva, come per i verba recipiendi dell’udito, vediamo che gli unici
quattro specificatamente visivi sono guardare, vedere, scorgere e scrutare e la po-
lirematica buttare l’occhio. Di circa una trentina di verbi del lessico italiano che
descrivono in qualche accezione attività visive, solo 15 sono specificatamente
visivi o comunque almeno etimologicamente partono da una prevalenza visi-
pp. 32-8; A. Kilgarriff, P. Rychly, P. Smrz, D. Tugwell, The Sketch Engine, in Proceedings of the
11th e u r a l e x International Congress, Lorient 2004, pp. 105-16.
10. La situazione è abbastanza simile anche nelle altre lingue che forniscono alcuni termini
di base generali per la percezione sensoriale. A titolo esemplificativo: l’inglese usa see/look,
hear/listen/sound, taste, touch, smell e i più generici feel e sense; lo spagnolo usa ver/mirar, oir/
escuchar, gustar/saborear, tocar/sentir, oler; il francese usa voir/regarder, sentir/entendre/écouter,
goûter, toucher, flairer; il tedesco usa sehen/ansehen/anschauen, hören/anhören, schmecken, rie-
chen, berühren il generale fühlen; il russo смотреть/видеть, слышать, касаться, пробовать, il
generale чувствовать; l’arabo
11. Si tratta della cinquantina di lemmi che più frequentemente si accompagnano a occhio
in ItWac. Non esauriscono tutte le possibilità, ma sono individuati sulla base di salienza stati-
stica.
34
va: adocchiare, ammirare, avvistare, contemplare, guardare, intravedere, mirare,
occhieggiare, osservare, ravvisare, rimirare, scorgere, scrutare, vedere, vigilare,
mentre 9 sono verbi generici usati spesso in accezioni visive come: discernere,
distinguere, esaminare, fissare, individuare, posare, puntare, rivolgere, volgere e
8 sono polirematiche o espressioni in cui il verbo non è sufficiente a indicare
un’accezione visiva ed è necessaria l’esplicitazione dell’oggetto (occhio o sguar-
do in genere): abituare gli occhi, allenare gli occhi, buttare l’occhio, distogliere
lo sguardo/l’occhio, incollare gli occhi, l’occhio cade, staccare lo sguardo/l’occhio,
tenere d’occhio.
Facendo una carrellata, per quanto riguarda il tatto, vi sono 21 verbi specifici
entro il vocabolario comune: accarezzare, battere, brancicare, carezzare, palpare,
palpeggiare, picchiare, picchierellare, picchiettare, pizzicare, premere, ritoccare,
sbrancicare, saggiare, stringere, strizzare, sfiorare, smanacciare, tastare, toccare,
vellicare12. Peggio va ai verbi del gusto che sono 8: assaggiare, assaporare, centel-
linare, degustare, gustare, leccare, rigustare, sentire il sapore, sorseggiare13. I verbi
dell’olfatto sono notoriamente pochissimi14 di cui registriamo i cinque: annusa-
re, sentire l’odore, fiutare, odorare, sniffare15. Se aggiungiamo alla lista alcuni dei
principali verbi che passano per l’udito, includendo i verbi generali di ascolto, i
verbi di ricezione uditiva, le locuzioni uditive (ed escludendo dai verba recipiendi
i verbi ermeneutici, semiotico-testuali e cognitivi, i verbi del fraintendimento;
includendo, invece, anche i verbi riferentesi a domini non linguistici, ossia i 4
bucare le orecchie, fischiare, rimbombare, ronzare), arriviamo a 28 lemmi.
Il quadro complessivo mostrato in figura 1 rivela che la povertà nella varietà
quantitativa è una caratteristica piuttosto comune a tutti i verbi della ricezione
sensoriale (povertà non assoluta ma relativa al paragone, forse non del tutto le-
gittimo, con i verbi della produzione linguistica). La povertà di varietà è inoltre
almeno parzialmente correlata, oltre al meccanismo stesso della percezione sen-
soriale, anche con la possibile mobilità del principale organo di senso coinvolto.
L’udito e l’ascolto, dunque, lungi dall’essere poveri di varietà, se si confrontano
ad esempio con l’olfatto, altro senso che passa attraverso un organo tendenzial-
12. A questi possono essere aggiunti anche i verbi che il Grande dizionario italiano dell’uso
(GRADIT) (dir. da T. De Mauro, 6 voll., u t e t , Torino 1999) marca come obsoleti, letterari o
basso uso, cioè altri 10 verbi: attastare, attingere, contingere, disfiorare, pertingere, sfiorettare,
sfrisare, tangere, tentare, trafficare.
13. Cui si aggiungono gli obsoleti, letterari o basso uso: delibare, fruire, gusteggiare, libare,
prelibare, saporare.
14. Si vedano le osservazioni in proposito di Y. B. Popova, “The fool sees with his nose”:
Metaphoric mappings in the sense of smell in Patrick Suskind’s Perfume, in “Language and Li-
terature”, xii, 2003, pp. 135-51; D. Monopoli, C. Cacciari, Il linguaggio letterale e figurato nelle
descrizioni dell’esperienza sensoriale: l’olfatto è davvero un senso “senza parole”?, in “Paradig-
mi”, i, 2009, 10.3280/PARA2009-001011; R. Cavalieri, Il naso intelligente. Che cosa ci dicono gli
odori, Laterza, Roma-Bari 2009. In particolare, Monopoli e Cacciari danno una interessante
carrellata della povertà lessicale ed epistemologica ascritta all’olfatto da Aristotele ai nostri
giorni e sottolineano le diverse modalità cognitive e lessicali di associazione tra spazio e me-
moria olfattiva.
15. E tra obsoleti, basso uso, regionali, dialettali si aggiungono 7 verbi: annasare BU, assitare
RE, nasare OB, nascare DI, papillare BU, pippare BU, usmare RE.
35
mente inerte, registrano una varietà tutt’altro che ridotta, tanto da discostarli
persino dal tatto e dal gusto. Peraltro, come vedremo nel prossimo paragrafo, se
includiamo nel computo dei verbi di udito anche i verbi che distinguono attività
da esso spesso dipendenti e direttamente correlate (come la comprensione, le
attività dei verba più specificatamente intelligendi, dei verbi tipici del fraintendi-
mento e i verbi ermeneutici di ricezione), arriviamo a cifre ben più significative
di varietà lessicale.
Figura 1
Varietà dei verbi di senso16
Un’altra caratteristica che ci spinge a collocare i verbi di ricezione e comprensio-
ne nel quadro più naturale dei verba sentiendi è anche il fatto che questi ultimi
hanno una forte capacità di assumere accezioni astratte di carattere cognitivo,
proprio come si osserva solitamente per i verba recipiendi. Tale inclinazione me-
taforica può essere messa in relazione con dati di tipo neuroanatomico17, che
giustificano anche la stretta relazione con il dominio delle emozioni (tipico per
il tatto, ad esempio) e che sembrano essere comuni ai verbi di percezione anche
16. Non sono stati inclusi nella lista verbi più amodali, ossia quelli che attraversano orizzon-
talmente le modalità e spesso sono specificatamente cognitivi, come identificare, riconoscere,
distinguere, individuare, discernere.
17. Cfr., ad esempio, D. Caplan, A note on the abstract readings of verbs of perception, in
“Cognition”, i i , 1972, pp. 269-77; I. Ibarretxe-Antuñano, Polysemy and metaphor in perception
verbs: A cross-linguistic study, p h d Dissertation, University of Edinburgh, Edinburgh 1999; Id.,
Cross-linguistic polysemy in tactile verbs, in Cognitive linguistics investigations across languages,
fields, and philosophical boundaries, ed. by J. Luchenbroers, John Benjamins, Amsterdam-Phil-
adelphia 2008, pp. 235-53.
varietà di verbi di senso
verbi sensoriali
vista udito tatto gusto olfatto
32 28 21 9 5
0
5
10
15
20
25
30
35
36
in lingue non imparentate geneticamente18. La grande polisemia dei verbi di per-
cezione sensoriale è generalmente collocata in una scala che colloca in alto tra i
più produttivi i verbi visivi e uditivi e l’olfatto e gusto tra quelli più poveri in una
gerarchia vista > udito > tatto > {olfatto, gusto, gerarchia che inoltre risulterebbe
correlata alla frequenza d’uso di ciascuno dei verbi di questa classe19.
Bisogna notare inoltre che l’occhio è un organo mobile, come la lingua e le
dita, quindi per il tatto soprattutto e in seconda battuta per il gusto presenta
una oggettiva maggior possibilità di essere messo in moto sia a fini semiotici che
a fini generalmente motori. Tale differenza tra organi di senso mobili e immobili
si riflette direttamente a livello linguistico con una maggiore ricchezza di verbi
legati al senso mobile. Diverso è il caso dell’inerzia fisica dell’orecchio e del
naso (e della pelle, per il tatto). E una variabile utile che può avere un riflesso
linguistico nella raffinatezza delle categorizzazioni è la persistenza che nel mez-
zo assumono o possono assumere gli stimoli sensoriali diretti a ciascuno dei
cinque sensi: persistenza che può essere ridottissima per tutti i sensi (immagini
che passano, volatilità costitutiva del suono, odori spazzati via dal vento ecc.),
tendenzialmente prolungata (per stimoli del tatto, spesso della vista e del gusto)
e ripetuta mediante il ricorso a strumentazioni esterne (mediante, ad esempio,
riproducibilità digitale di immagini in movimento, registrazioni di suoni). Altra
variabile è la distanza dello stimolo sensoriale rispetto all’organo percipiente
per cui abbiamo gusto, olfatto e tatto come sensi prossimali e vista e udito
come sensi “distali”. Un ulteriore punto di interesse è snodare e definire meglio
quei caratteri della percezione sensoriale e della sua raffinatezza anche nella
rappresentazione linguistica che sono innervati nel meccanismo psicobiologico
umano e quelli che invece dipendono da fattori legati alla centralità di ciascuno
dei sensi nelle diverse culture e anche al modo in cui si è soliti suddividerli e
raggrupparli. Anche su questo c’è ormai una letteratura piuttosto corposa20 ten-
dente a identificare una primarietà della visione come strumento di conoscenza
per il mondo occidentale rispetto ad aree come l’olfatto meglio classificate nelle
lingue orientali.
Queste considerazioni piuttosto comuni nella letteratura cognitiva attuale
si rivolgono soprattutto alla considerazione della vista e dell’olfatto, come poli
opposti della gerarchia. Tuttavia una considerazione che si collochi in una pro-
spettiva più ampia non può considerare solamente i verbi della percezione come
isolati, non tenendo conto invece della ricchezza che si sviluppa per esempio
nella caratterizzazione avverbiale e nella qualificazione aggettivale dei sostantivi.
In effetti non è la pura presenza e numerosità dei verbi di percezione a definire
il campo semantico/lessicale dei cinque sensi poiché la lingua trova altresì mezzi
raffinati di caratterizzazione (e dunque di concettualizzazione delle percezioni)
18. Ibarretxe-Antuñano, Cross-linguistic polysemy, cit., p. 13.
19. A. Viberg, The verbs of perception: A typological study, in Explanations for language univer-
sals, ed. by B. Butterworth, B. Comrie and O. Dahl, Mouton De Gruyter, Berlin 1984, pp. 123-62.
20. Per tutti si vedano C. Classen, Worlds of sense: Exploring the senses in history and across
cultures, Routledge, London-New York 1993; e C. Rouby, Olfaction, taste, and cognition, Cam-
bridge University Press, New York 2002.
37
anche altrove. Analogamente, ciò che è stato detto per la voce e le etichette
dell’udito si può dire del gusto, che si collocherebbe per Viberg21 come ultimo
nella gerarchia: pensando invece alle caratterizzazioni aggettivali degli oggetti
del gusto e alle descrizioni soggettive della gastronomia o ancor meglio dell’eno-
logia nei paesi come il nostro con una grande tradizione di produzione e con-
sumo, tale povertà sia nella denotazione sia nella ricchezza metaforica non pare
sussistere, o comunque sembra quantomeno da verificare.
Ritornando brevemente sulla disparità tra sofisticatezza delle descrizioni
produttive e ricettive, è certamente da attribuire largamente alla differente mi-
surabilità e osservabilità dei meccanismi soggiacenti: questo è l’aspetto soli-
tamente più citato nella letteratura semiotica e linguistica. La produzione si
estende in un canale esterno, produce una variazione di stato fisico (nell’aria,
o nello spazio ecc.) che è in primo luogo volatile, ma anche registrabile, misu-
rabile e analizzabile con strumentazioni di vario tipo ed è anche, tendenzial-
mente e a diversi gradi, propriocetta, ossia riconosciuta da recettori specifici
che sottendono al controllo del movimento (la propriocettività dei meccanismi
produttivi è infatti attività cosciente e circoscritta alla componente motoria del-
la produzione linguistica). La ricezione e la percezione sensoriale, in generale,
sono invece più sfuggenti poiché interiori, anche se non per questo, almeno
oggi, con a disposizione le tecnologie di brain imaging e di registrazione delle
attività sensoriali e neuronali misurabili, accessibili almeno nel loro correlato
fisico. D’altra parte, proprio di una gran parte dell’attività propriocettiva si
occupa specificatamente l’orecchio (in particolare relativa all’equilibrio) che
conferma il suo ruolo essenziale dal punto di vista della produzione linguistica
(non solo ricezione tout court)22.
3
Le principali tipologie di verba recipiendi
Focalizziamo ora l’analisi sui verba recipiendi cercando di mettere in luce alcuni
aspetti che li caratterizzano usando dati testuali che rappresentano il modo con il
quale questi verbi sono usati, come si polarizzano le accezioni e quali sono i loro
dominanti usi comuni. Partendo dal fatto che la relativa povertà quantitativa e di
specificità dei verba recipiendi e intelligendi sia fatto registrato in tutte le lingue, De
Mauro23 cita il caso del cinese in cui, allargando l’insieme dei verbi per includere
i composti bisillabici, si trovano alcuni casi di verbi specificatamente linguistici
dell’ascolto e ricezione. Poiché l’italiano non utilizza così largamente la compo-
21. Viberg, The verbs of perception, cit.
22. D’altra parte l’orecchio e la ricezione governano anche l’attività motoria produttiva
esterna (come feed-back immediato durante l’attività stessa) tanto da precludere a chi abbia
gravi danno all’udito la capacità di modulare la voce adeguatamente. A. A. Tomatis (L’orecchio e
il linguaggio, Ibis, Padova 1995, p. 64) scrive: «L’orecchio […] inteso come rilevatore che regola,
organizza e dirige la fonazione». Ci sembra dunque, in fin dei conti, ancora maggiore l’inscindi-
bilità della considerazione di produzione e ricezione e la artificialità del confronto.
23. De Mauro, Intelligenti pauca, cit., p. 873.
38
sizione come meccanismo di produzione delle parole, sarà per noi necessario al-
largare l’analisi a polirematiche e collocazioni per individuare ulteriori elementi
lessicali che possono veicolare specifiche applicazioni al dominio linguistico.
I verba recipiendi sono circa poco più di una settantina: oltre alla decina esami-
nata nel lavoro di De Mauro, si possono aggiungere diversi esempi consultando
il GRADIT e, oltre a ciò, allargando ulteriormente il campo a polirematiche e
collocazioni non facilmente estraibili da risorse lessicografiche. Si può inoltre pro-
cedere attraverso sistemi di estrazione di sequenze da corpora per giungere a una
lista di lemmi che abbiano almeno un’accezione imparentata o sinonima dei verbi
già individuati. Della lista di 79 verbi su cui si è lavorato non si assume l’esaustività,
si nota comunque come di questi, 19 sono collocazioni o polirematiche, la maggior
parte delle quali formate con orecchio/orecchi/orecchie, udito o ascolto.
Esaminando di questi verbi la marca d’uso attribuita all’accezione che riporta
il lemma alla classe dei verba recipienti, si può notare che del vocabolario di base
fanno parte 12 lemmi fondamentali e 5 di alto uso, 2 di alta disponibilità e la gran
parte delle forme rimanenti si ascrivono al vocabolario comune (si veda tabella
1)24. Come si è detto, una parte dei verbi considerati non sono verbi generalmente
linguistici, ossia possiedono accezioni più generali spesso relative alla percezione
uditiva in generale e sviluppano accezioni e usi linguistici solo in determinati
contesti. È il caso ad esempio di avvertire, percepire, orecchiare, ricevere, ascol-
tare, sentire, udire, captare utilizzabili per stimoli acustici anche non linguistici.
Come nota De Mauro25, le accezioni per così dire generalmente cognitive spesso
non si distinguono da quelle più specificatamente linguistiche.
Cerchiamo ora di avvicinarci ulteriormente agli usi testuali dei verba reci-
piendi osservando la loro capacità di formare costruzioni fisse o quasi fisse come
collocazioni, polirematiche, espressioni idiomatiche e inoltre di osservare come
nei testi questi usi si stratificano quantitativamente.
Proviamo innanzitutto a fornire, per quanto possibile, una classificazione dei
principali tipi di verba recipiendi, tenendo conto tuttavia che per alcune classi è
tipica l’appartenenza a più di una:
(ia) verbi generalmente linguistici e semiotici del capire: capire, comprendere,
intendere. Verbi che si applicano al dominio linguistico e semiotico a uguale di-
ritto. Sono in questo senso verbi sovraordinati rispetto a verbi specificatamente
linguistici e si riferiscono a operazioni cognitive generali incluso l’orientamento
nel mondo, l’individuazione di intenzioni, l’organizzazione concettuale relativa
ad oggetti interni, esterni e, come sottoclassi di questi ultimi, di oggetti linguisti-
ci e semiotici. Il verbo intendere è un caso particolare perché appartiene anche
ai verbi della produzione linguistica nel senso di intendo dire;
(ib) verbi generali di tipo percettivo-uditivo e al tempo stesso linguistico-semio-
tico: ascoltare, dare orecchio/ascolto, porgere orecchio/ascolto, prestare orecchio/
ascolto, ricevere, sentir dire, sentire. Questa classe si è preferito associarla alla
24. Per una descrizione delle caratteristiche qualitative e quantitative delle fasce d’uso cita-
te, si veda T. De Mauro, Introduzione, in Grande dizionario, cit., pp. v i i -x l i i .
25. De Mauro, Intelligenti pauca, cit., p. 871.
39
precedente per la sua generalità di applicazione e per il fatto che, pur derivan-
do spesso da accezioni di ricezione uditiva, in genere viene usata in contesti
generali quasi esclusivamente linguistici. Nel caso di sentir dire il riferimento
è precipuamente al dominio linguistico, facendo leva appunto sulla specificità
del dire.
La genericità in questi verbi si identifica in qualche modo con un livello di
base (in qualche modo come se fossero basic hearing terms, parafrasando Berlin
e Kay), che nell’uso si discosta sia dalla pura ricettività uditiva sia dall’estremo
opposto, ossia dall’esercizio di facoltà ermeneutiche complesse (come ad esem-
pio nel caso di interpretare o penetrare). Lo stesso discorso vale anche per la
classe (ia) dei verbi generalmente linguistici e semiotici;
Tabella 1
Marche d’uso dei verba recipiendi26
Marca d’uso # Verbi
FO 12 ascoltare, avvertire, capire, cogliere, comprendere, intendere, legge-
re, seguire, sentir dire, sentire, tradire, udire
AU 5afferrare, concepire, interpretare, penetrare, rileggere
AD 2assordare, deformare
CO 50 aguzzare le orecchie, aprire gli orecchi/le orecchie, arrivarci, arri-
vare con l’ultimo treno, assimilare, avere il cotone negli orecchi, ca-
pire una cosa per l’altra, captare, dare orecchio/ascolto, decifrare,
decodificare, discernere, distorcere, drizzare le orecchie/gli orecchi,
equivocare, fare lo gnorri, fare orecchio da mercante, fraintende-
re, fraintendersi, frastornare, ingannarsi, intercettare, intronare,
leggicchiare, leggiucchiare, misinterpretare, mistificare, orecchiare,
origliare, percepire, porgere orecchio/ascolto, prendere fischi per
fiaschi, prendere lucciole per lanterne, prestare orecchio/ascolto,
raccapezzare, raccapezzarsi, reinterpretare, ricevere, rintronare,
rompere i timpani, snaturare, spaccare le orecchie/i timpani, spa-
lancare gli orecchi, stracapire, straleggere, stravolgere, tapparsi le
orecchie, tendere l’orecchio, trasfigurare, travisare
TS 1auscultare
OB, LE 1audire
BU 6
intrasentire, scernere, intraleggere, malintendere, perleggere, traleggere
(i i ) verbi distintivi di modalità percettive uditive: aguzzare le orecchie, assordare,
avvertire, auscultare, captare, drizzare le orecchie/gli orecchi, frastornare, intercet-
tare, intrasentire, intronare, orecchiare, origliare, percepire, rintronare, rompere i
timpani, spaccare le orecchie/i timpani, tendere l’orecchio, udire. A questa clas-
se appartengono i verbi che si riferiscono, spesso anche etimologicamente, al
26. Per pochissimi verbi della lista non è data marca d’uso o perché assenti dal GRADIT o
perché ivi non era indicata la marca.
40
momento puramente ricettivo e alla gestione dell’attenzione uditiva, indipen-
dentemente dal tipo di oggetto cui si applicano. Si tratta di meccanismi lessi-
calizzati molto simili a quelli che abbiamo incontrato nel paragrafo precedente
relativamente alla vista, in cui la focalizzazione dell’attenzione e la capacità di far
emergere la percezione categorizzata dalla sensazione pura viene indicata spesso
mediante forme polirematiche o collocazioni abbastanza rigide a carattere me-
taforico;
(i i i a) verbi distintivi di modalità semantico-testuali e semiotico-cognitive del ca-
pire: afferrare, aprire gli orecchi/le orecchie, arrivarci, arrivare con l’ultimo treno,
assimilare, cogliere, concepire, discernere, penetrare, raccapezzare, raccapezzarsi,
scernere, seguire, spalancare gli orecchi, stracapire. Si tratta di una classe eminen-
temente cognitiva che esprime modi e tempi di orientamento applicabili ad ogni
tipo di oggetto, anche linguistico, ma non specificatamente tale. Sulla linea im-
maginaria che va dalla pura focalizzazione sui suoni e loro identificazione (gra-
diente di percezione)27 fino alla comprensione culturalmente e pragmaticamente
impegnativa si collocano su un livello medio-alto, poiché già implicano forme
complesse di elaborazione del materiale ricevuto. A questa classe, in realtà, ap-
partengono a buon titolo anche verbi che non abbiamo incluso nella nostra lista
come distinguere, individuare, identificare che tuttavia sono orizzontali e amodali
e si applicano egualmente a tutti i percetti (e anche agli oggetti, per dir così,
mentali), indipendentemente dal canale ecc.;
(i i i b) verbi ermeneutici di modalità ricettiva: decifrare, decodificare, interpreta-
re, maleinterpretare/malinterpretare, misinterpretare, reinterpretare. I verbi er-
meneutici, come sottolinea già De Mauro, hanno spesso una doppia valenza
produttiva ed esecutiva da una parte e ricettivo-cognitiva dall’altra. In questo
secondo senso sono qui elencati alcuni dei principali verbi italiani; tra questi,
maleinterpretare/malinterpretare, misinterpretare rientrano anche nella classe
successiva dei verbi di incomprensione. Come vedremo, sia dal punto di vista
teorico sia nell’uso comune non troviamo una separazione netta tra questa classe
e la precedente. Si tratta di un continuum che a seconda delle realizzazioni d’uso
si colloca più verso una elaborazione ordinaria o più verso un polo di analisi ed
elaborazione concettuale complessa. Si può a egual diritto decifrare il linguag-
gio di Heidegger o un post-it sul frigorifero, si può cogliere il senso di un s m s o
dell’ultima proposizione del Tractatus logico-philosophicus. Come vedremo nel
paragrafo 7, questa collocazione in un continuum può essere indicativamente
rappresentata (o quantificata) anche a livello lessicale mediante l’uso su grandi
corpora di misure di associazione adeguate;
(i v ) verbi distintivi di modalità di incomprensione: avere il cotone negli orec-
chi, capire una cosa per l’altra, deformare, distorcere, equivocare, fare lo gnorri,
fare orecchio da mercante, fraintendere, fraintendersi, ingannarsi, malintendere,
27. Le nozioni di gradiente di percezione e gradiente di cognizione, che saranno riprese più
avanti, sono state introdotte e usate per descrivere i verbi di percezione sensoriale da C. Cacciari,
M. C. Levorato, I cinque sensi e la loro traduzione linguistica: uno studio sui verbi dell’esperienza
sensoriale, in Semantica percettiva: rapporti fra percezione e linguaggio, a cura di A. Zuczkowski,
Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali, Pisa-Roma 1999, pp. 39-68.
41
mistificare, prendere fischi per fiaschi, prendere lucciole per lanterne, snaturare,
stravolgere, tradire, trasfigurare, travisare. Si tratta di una macrocategoria che
comprende sia verbi non marcati per quanto riguarda la posizione del soggetto
nei confronti della ricostruzione del senso (fraintendere, equivocare, travisare,
malintendere), che altri nei quali solitamente si riconosce al soggetto una volontà
di interpretazione specifica (deformare, distorcere, mistificare, tradire, stravolge-
re). Tra questi verbi si sono incluse anche alcune polirematiche che si riferiscono
a modalità di errore oppure a forme di simulazione dell’incomprensione come
avere il cotone negli occhi, fare lo gnorri o fare orecchio da mercante, prendere
fischi per fiaschi e prendere lucciole per lanterne;
(v) verba legendi: disleggere, intraleggere, leggere, leggiucchiare, leggicchiare, per-
leggere, rileggere, straleggere, traleggere. Delle categorie individuate quella dei
verba legendi è la più stabile anche se non meno ambigua delle precedenti. I
verba legendi richiedono una ricezione per via scritta, tuttavia non si riferiscono
alla pura verbalizzazione (ad esempio nella lettura ad alta voce) o ricostruzione
del testo scritto, ma anche a operazioni cognitivamente più impegnative. La defi-
nizione di leggere che dà il GRADIT ne dà conto in questo modo: «scorrere con
la vista i caratteri della scrittura distinguendo i suoni rappresentati dalle lettere
e comprendendo più o meno completamente il significato di parole e frasi»28.
Tanto che, ad esempio, intraleggere si riferisce a modalità complesse di leggere
tra le righe e intuire, così perleggere. Mentre disleggere, nel senso di lettura di un
testo fatta con l’intento di contestarne il senso o l’argomentazione29, rientrereb-
be a pieno titolo anche tra i verbi di incomprensione (in questo senso si trova a
volte anche misleggere, chiaramente ricalcato sull’inglese, in un senso glossato
con l’inglese “read badly”, forse messo anche in relazione con dislessia)30. Come
disleggere compare invece nella traduzione italiana di A map of misreading (1975)
di Harold Bloom sarebbe una forma estrema di interpretazione che collochereb-
be disleggere tra i verbi ermeneutici. D’altra parte, a stretto rigore, è possibile
vedere usi dei verba legendi come verbi ermeneutici in moltissimi casi come, ad
esempio, quando si dice Emilio Garroni legge Kant in termini [], in cui il ver-
bo è associato all’accezione 3 di lettura come interpretazione appunto, ossia nel
senso di «intendere, interpretare in un determinato modo uno scritto, un passo
di un autore: l. un testo in chiave filologica»31.
Di queste classi esamineremo più da vicino i verbi generali delle classi (ia e
ib) e (ii ) appartenenti al vocabolario fondamentale, i verbi dell’incomprensione
e le polirematiche appartenenti a tutte le classi. Nel paragrafo 7, invece, consi-
dereremo i principali verbi di ciascuna delle classi e vedremo di collocarli in una
scala di intensità di associazione con alcune etichette metalinguistiche in modo
28. De Mauro, Grande dizionario, cit., vol. i i i , pp. 918-9.
29. G. De Rienzo, Le nuove parole di pessimo gusto, in “Corriere della Sera”, 25 marzo
2009.
30. B. Mayo, M.-T. Schepping, C. Schwarze, A. Zaffanella, Semantics in the derivational
morphology of Italian: Implications for the structure of the lexicon, in “Linguistics”, x x x i i i , 2009,
pp. 883-938.
31. De Mauro, Grande dizionario, cit., vol. i i i , p. 919.
42
da fornire un inquadramento della tendenza che un verbo ha a trattare oggetti di
ricezione (come voce), oggetti testuali (conversazione, testo), oggetti semantici e
cognitivi (significato, senso, concetto).
4
I verbi caratteristici del capire e dell’ascoltare
In questo paragrafo esamineremo più in dettaglio i principali verbi caratteri-
stici delle classi (ia) e (ib), ossia i verbi generalmente linguistici e semiotici del
capire e i verbi generali di tipo percettivo-uditivo e al tempo stesso linguistico-
semiotico. Si tratta di verbi appunto generali, polisemici, che hanno un ampio
spettro di applicazione dal dominio sensoriale passando per i domini linguistici,
metalinguistici e cognitivi.
Per ragioni di spazio osserveremo in dettaglio solo i verbi più generali e
frequenti, ossia i verbi appartenenti alla fascia del vocabolario fondamentale:
capire, comprendere, intendere, sentire, ascoltare, udire. I verbi di cui ci occu-
peremo hanno una distribuzione generalmente molto alta sia nello scritto che
nel parlato. Nella tabella 2 si vedono le occorrenze generali di questi verbi nello
scritto, rappresentato da ItWac, e nel parlato, rappresentato dal LIP32. Ci sono
due differenze che saltano all’occhio e che saranno affrontate più avanti in que-
sto paragrafo: il valore molto alto di ascoltare nel parlato (che lo fa salire al terzo
rango della lista) e il valore bassissimo di udire.
Tabella 2
I verbi di comprensione del vocabolario fondamentale in ItWac e nel LIP
Lemma Marca d’uso Freq. ItWac Freq. LIP
Sentire FO 649.197 1.107
Capire FO 509.844 1.117
Intendere FO 437.821 81
Comprendere FO 391.465 45
Ascoltare FO 176.256 138
Udire FO 55.293 7
Il verbo capire [sec. XIV; lat. capĕre]33 è uno dei verbi generalmente linguistici
più usati, quello che forse polarizza il maggior numero di usi in campo esclusi-
vamente linguistico, anche se il tasso di espressioni che si riferiscono a compiti
32. T. De Mauro, F. Mancini, M. Vedovelli, M. Voghera, Lessico di frequenza dell’italiano
parlato, Etas libri, Milano 1993. Si sono utilizzati i valori di frequenza assoluta nel corpus (e non
dell’uso che è invece una nozione interpretabile solo comparativamente, all’interno del l i p e
dipendente dalle scelte qualitative relative alla suddivisione del corpus in sottocorpora).
33. Tutte le indicazioni etimologiche sono tratte da De Mauro, Grande dizionario, cit.
43
cognitivi è comunque anch’esso molto alto. Di tutto ciò che più frequentemente
si capisce o non si capisce vi sono numerosi elementi del dominio linguistico34 o
testuale, ossia senso 2.116, significato 1.359, parola 857, domanda 736, concetto 540,
discorso 448, messaggio 380, lingua 309, linguaggio 262, lezione 204, battuta 173,
termine 165, risposta 157, frase 155, contenuto 147, testo 144, inglese 139, passaggio
125, affermazione 101, nome 88, tono 85, post 84, commento 78. Questi coprono il
18,7% di tutti gli oggetti che raggiungono la soglia della frequenza 78. Un ordi-
namento che tiene conto della salienza35 invece si trova in figura 2.
Figura 2
Gli oggetti linguistici di capire in ordine di salienza
Peraltro, spesso, come vedremo più avanti, le costruzioni con oggetto espresso
di tipo linguistico sono usate in contesti negativi per cui si sottolinea il fallimento
comunicativo, mentre invece nei casi di successo si indica direttamente l’oggetto,
oppure più frequentemente si ricorre alle costruzioni con avverbio che abbiamo
visto sopra.
Il completo fallimento comunicativo, anche qui esclusivamente espresso in
costruzioni negative, è rappresentato per lo più da espressioni idiomatiche, alcu-
34. In ordine di frequenza decrescente fino al rango 45 sono: cosa 4.320, senso 2.116, ragione
1.810, motivo 1.782, importanza 1.642, significato 1.359, problema 1.218, differenza 1.062, situazione
901, parola 857, domanda 736, mondo 708, meccanismo 706, valore 692, storia 620, esigenza 588,
punto 574, concetto 540, realtà 524, necessità 497, posizione 471, errore 458, natura 449, discorso
448, stato 448, causa 415, intenzione 412, funzionamento 401, messaggio 380, fenomeno 379, moti-
vazione 367, ruolo 354, difficoltà 325, lingua 309, persona 298, portata 297, origine 291, logica 286,
spirito 285, bisogno 274, gioco 267, modo 265, linguaggio 262, fatto 262, film 255.
35. L’indice di salienza usato per la misura di associazione è il logDice; si veda J. R. Curran,
From distributional to semantic similarity, p h d Dissertation, University of Edinburgh, Edinburgh
2004.
significato
discorso
concetto
senso
inglese
battuta
lezione
parola
messaggio
linguaggio
frase
domanda
tono
passaggio
lingua
affermazione
post
contenuto
termine
risposta
testo
commento
nome
7,6
6,2 6,1 6,1 5,9
5,4 5,4 5,3 5,3 5,3 5,2 5,1 4,8
4,4 4,4 4,3
3,6 3,4 3,4 3,3 3,2 3,1
2,3
0,0
1,0
2,0
3,0
4,0
5,0
6,0
7,0
8,0
44
ne delle quali tipiche del parlato emergono pesantemente nello scritto informale
(ampiamente rappresentato nel corpus) e, a questo proposito, troviamo accan-
to al generico e neutro non capire (o non capirci) una parola (857) le più vivaci
espressioni: non capire un cazzo 1.074, una mazza 659, un tubo 399, un cavolo 165,
una sega 153, un’acca 142, un accidente/i 137, una cippa 110, un fico (soprattutto
secco) 40, una fava 35, un piffero 14.
Non basta questo a valutare la specificità linguistica del verbo, anche se ne
è un indicatore. In particolare, il verbo capire (più che comprendere o intende-
re) è usato sia affermativamente che negativamente senza oggetto espresso per
lo più in relazione a oggetti linguistici. Le costruzioni in cui capire è seguito
da un oggetto (anche non immediatamente) sono infatti solo 81.515 su 509.844,
ossia il 16%. Negli altri casi in cui capire non ha un oggetto determinato biso-
gna presumere una prevalenza di usi di tipo linguistico in cui, ad esempio, ho
capito, non hai capito si riferiscono alle parole dette. Esempi delle numerosis-
sime costruzioni senza un oggetto diretto espresso si trovano negli esempi36 [1]
[2] [3] [4] [5]:
[1] #4213916 Dissidente ... ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni. Non ho
capito se ti riferivi a me comunque ... ritengo che Carlet abbia giocato
[2] #66063192 Aldo: Ti ringrazio per queste belle parole, ma aspetta, forse non ho
capito bene. Noi non viviamo affatto questa esperienza in maniera
[3] #78692487 E lui ha risposto in peruviano mascherato da italiano. E io non ho
capito. Allora gli ho detto Vada via! - con tono terrorizzato. E
[4] #1526261 ostinandosi a proporre il suo linguaggio accusa gli altri di non capire.
Non pensi che in questo tuo atteggiamento possa ritrovarsi
[5] #23074017 valori che per primo ha dimostrato di non aver né letto né capito? Non
c’era traccia di soddisfazione, ieri, tra gli avversari
E quando capiamo più o meno bene, in genere, da cosa capiamo? Capiamo da
elementi direttamente linguistici in 570 casi (70,5%): parola 103, nome 69, titolo
64, risposta 49, discorso 39, post 36, lettera 35, lettura 25, dichiarazione 24, libro 23,
commento 16, racconto 15, messaggio 13, descrizione 13, recensione 10, dialogo 9,
mail 8, frase 8, giornale 6, spiegazione 5. Capiamo invece da fattori paralinguistici
e contestuali in 237 casi (29,5%): sguardo 51, tono 40, faccia 23, occhio 20, voce 18,
contesto 17, espressione 1537, comportamento 9, gesto 7, accento 6, sorriso 8, volto
6, atteggiamento 6, copertina 6, reazione 5. Vero è altresì che tra i casi di capire
seguito dagli oggetti paralinguistici o contestuali non è detto che ciò che sia stato
capito fosse in relazione a un dominio linguistico. Un caso in cui il “capire dallo
sguardo” è in relazione a una funzione comunicativa, di sincronizzazione tra i
36. I riferimenti a concordanze di ItWac sono sempre stati ricopiati come risultano nel cor-
pus nella visualizzazione k w i c , con contesti precedenti e successivi anche incompleti. Gli errori
di battitura e altro non sono stati deliberatamente corretti. I numeri di riferimento si riferiscono
alle righe che definiscono l’i d di ciascun frammento del corpus.
37. Qui espressione è usato nel senso di “espressione facciale” in tutti i casi computati. Nel
corpus vi è un caso solo di capire un’espressione in senso linguistico: #860348408 sul blog l’artico-
lo di Allam, così: “Ad Allam. Io non ho capito dalle espressioni che Allam usa”.
45
parlanti, è quello in [6]. L’esempio in [7], invece, è tipicamente non riferito a
contesti comunicativi.
[6] #1658280456 artistica che tecnica. (sempre più difficile, ragazzi! la prof. capisce dai
nostri sguardi che è il momento di spiegarci qualcosa,
[7] #1589017950 innocenza salutare, nonostante la malattia e la povertà: lo capisci dal
loro sguardo. Vorrei avere anch’io lo sguardo buono di
Dichiariamo di capire dalle parole qualcosa ma anche di non capire dalle parole
in qualche caso (in 8 casi, come in [8] [9]), ma se neghiamo in genere diciamo di
non capire le parole in 369 casi (si veda tabella 12). Mentre nel caso di sguardo, ad
esempio, non ci sono attestazioni di forme negative.
[8] #662403691 con le mie carezze cerco di spiegarti ciò che ancora non puoi capire
dalle mie parole. Il tempo si è fermato, lentamente i colori
[9] #851844191 piacerebbe e cosa mi piacerebbe che “dicesse”. Se non si è capito dalle
mie parole, allora leggete il d d b che Gigi ha messo sul
In genere per tutti questi casi di oggetti paralinguistici e contestuali ci sono po-
chi casi di negazione, solamente 8 su 237, ossia il 3,3% (si vedano, ad esempio,
[10] [11]). Per non capire dal tono, ad esempio, ci sono due casi interessanti, en-
trambi direttamente riferiti al dominio linguistico, poiché il tono è sempre tono
della voce [12] [13]:
[10] #384022657 precisamente per “compresenza (présence simultanée)” non è facile
capirlo nemmeno dal contesto, comunque non può venire esclusa quel
[11] #423904221 furbo da presentarsi come Katz al telefono - nessuno potrebbe capire
dal suo accento che è turco, e poi lui è nato a Berlino,
[12] #173879556 su e giùgettando in aria il cappello. Cercai di non lasciar capire dal
tono della mia voce la gioia immensa che provavo. Anche
[13] #412194898? Strano, non l’avrei mai sospettato. Samantha Non l’aveva capito dal
tono della mia voce che c’è un uomo di là!? O pensava
Per quanto riguarda le modificazioni avverbiali più frequenti, capire regge una
tipologia qualitativa, una tipologia quantitativa o graduale e una tipologia tem-
porale. Alla tipologia qualitativa che esprime come viene capito l’oggetto di cui
si parla in termini valutativi appartengono i casi di capire bene 12.374, meglio
7.455, molto 2.259, male 2.364, benissimo 2.133, perfettamente 1.052, veramente
807, davvero 801, esattamente 663, chiaramente 601, facilmente 295, assolutamente
256, realmente 191, profondamente 109, completamente 89, pienamente 80 e, per
quanto riguarda le locuzioni avverbiali, in profondità 55, al meglio 16, in dettaglio
14, a pieno 10, a stento 9. Alla tipologia quantitativa che pone il capire nella sua
parzialità e gradualità come processo di approssimazione della comprensione
appartengono capire tutto 3.360, poco 1.319, meno 367, abbastanza 175, granché 124,
a sufficienza 11, a metà 16. E, infine, alla tipologia temporale appartengono le de-
terminazioni avverbiali che sottolineano la temporalità del processo di compren-
46
sione come capire subito 3.383, mai 1.281, prima 496, immediatamente 431, adesso
345, finalmente 292, presto 359, tardi 142, ora (o solo ora) 472 e, come locuzioni,
in tempo 91, in anticipo 82, in fretta 80, in seguito 63, da un pezzo 55, in un attimo
46, all’istante 22, in ritardo 20, in un istante 14, con anticipo 10, in un lampo 8 e
anche capire al volo 596. Per quanto riguarda la dimensione temporale, si nota
da una parte una tendenza all’uso di espressioni che sottolineano il momento in
cui si riconosce di aver afferrato quasi come un processo riconosciuto nella sua
istantaneità (in un lampo, all’istante, in un attimo, immediatamente) e dall’altra la
rilevanza pragmatica della comprensione, per cui questa è messa in relazione con
un evento, una funzione, un punto di riferimento entro il quale deve avvenire la
comprensione in relazione a obiettivi pragmatici, concreti e sociali (presto, tar-
di, in tempo, in anticipo, in ritardo), sottolineandone l’aspetto più propriamente
processuale.
Tra le espressioni avverbiali che occorrono in contesto negativo, invece regi-
striamo (non) capire niente 5.314, più 3.655 (specialmente in non capire più niente
313, non capire più nulla 335), non capire proprio 1.355, ancora 1.144, nemmeno 581,
neanche 406, neppure 231, affatto 94.
Sempre riguardo alla modalità qualitative del capire, espressioni preposizio-
nali tipiche sono con: chiarezza 109, precisione 46, esattezza 38, certezza 35, facili-
13, immediatezza 10, evidenza 8 e capire alla perfezione 6738. E, ancora, come
espressioni che descrivono la qualità del capire senza aiuto esterno e prenden-
dosene responsabilità e conseguenze in espressioni come capire da soli 210, capire
sulla propria pelle 36.
Il secondo dei verba recipiendi generali è comprendere [av. 1294; dal lat.
comprehendĕre]. Si tratta di un verbo per molti versi simile a capire, che tuttavia è
effettivamente usato molto più nel senso di «1a inserire, includere in un insieme,
in una categoria […] 1b contenere in sé» che nel senso di «2 capire, intendere»39,
tanto che su 131.388 co-occorrenze con oggetti diretti (a soglia 77, ossia con una
co-occorrenza di almeno 78 casi), solo 11.119 (8,6%) sono appartenenti al domi-
nio linguistico, ossia: significato 1.499, senso 947, informazione 688, testo 665, con-
cetto 500, articolo 478, parola 477, messaggio 390, norma 356, lingua 335, linguaggio
316, contenuto 277, titolo 274, libro 268, brano 266, documento 247, lezione 240,
termine 238, descrizione 233, dichiarazione 201, domanda 201, legge 187, argomento
186, comunicazione 185, documentazione 165, pensiero 163, pagina 155, passaggio 151,
contesto 123, discussione 113, frase 88, poesia 87, scrittura 86, discorso 85, espressione
85, notizia 84, affermazione 78, racconto 78. Da questi sono stati esclusi gli oggetti
ambigui come, ad esempio, lettera usato sia nella prima che nella seconda acce-
zione di comprendere.
Per quanto riguarda la modalità di comprensione, si comprende soprattutto
qualitativamente: meglio 3.957, bene 1.670, pienamente 401, benissimo 316, perfet-
tamente 310, facilmente 297, chiaramente 188, immediatamente 165, esattamente
38. Sarebbe utile osservare anche i pattern di capire in modo (1.335) e capire in maniera (262),
ma per ragioni di spazio li tralasciamo.
39. De Mauro, Grande dizionario, cit., vol. i i , p. 211.
47
158, a fondo in 748 casi e con: chiarezza 90, facilità 28, precisione 24, intelligenza
20, esattezza 17, difficoltà 10, evidenza 7, fatica 5, certezza 5, immediatezza 4, orrore
4, sforzo 4, finezza 3, completezza 3, cognizione 3, ironia 3 o alla perfezione 14 e sul
serio 5 e usando anche cuore 15, ragione 15, intelletto 6. Mentre per comprendere
da abbiamo molti meno casi rispetto a capire: dal tono 4, dalla lettura 7.
Complessivamente comprendere è un verbo molto meno specificatamente
linguistico di capire, non solo per gli oggetti cui si applica, ma anche nella com-
plessità e articolazione delle modalità di comprensione: si capisce bene 12.374
(salienza 9,5), benissimo 2.133 (9,3), molto più di quanto comprenda bene 1.660
(6,7), benissimo 316 (6,9); stesso dicasi per non capire niente 5.314 (9,5) e capire
male 2.364 (8,6) e rispetto a non comprendere niente 29 (2,4) e comprendere male
72 (3,8).
Stesso dicasi per le modalità temporali tipiche di capire molto più che di com-
prendere: si usa capire subito in 3.383 casi (8,9), adesso 345 (6,5), presto 359 (6,4), ora
472 (6,1), dopo 158 (5,6), tardi 142 (5,5) non capire mai 1.281 (6,8), in fretta 80 (6,0),
in anticipo 82 (6,0), in un attimo 46 (4,9); si usa invece molto meno comprendere
subito 333 (5,7), adesso 40 (3,8), presto 64 (4,2), ora 170 (4,8), dopo 13 (2,4), tardi 22
(3,3), in fretta 12 (3,2), in anticipo 15 (3,5), in un attimo 6 (1,9) e non comprendere
mai 221 (4,4).
Tabella 3
Schema comparativo di alcune caratteristiche di capire e comprendere
Tendenze e salienza di associazione Capire Comprendere Scarto
Specificità linguistica (con oggetto espresso) 18,7%8,9% -9,8%
Gradiente di temporalità +
Ms = 6,3
-
Ms = 3,7-2,6
Gradiente di qualità sulla scala bene/male +
Ms = 9,2
-
Ms = 5,0-4,2
Idiomaticità (soprattutto) in costruzioni negative +
Ms = 6,6
-
Ms = 0,0-6,6
Da notare che più che la frequenza assoluta è la salienza40 a dare una indicazione
più affidabile del grado di associazione del verbo con il suo oggetto, dato che
quest’ultima mette in relazione la co-occorenza con l’occorrenza del verbo con
40. Per estrarre e valutare i risultati dell’interrogazione non si sono usate le frequenze grez-
ze, bensì un indice di salienza logDice con un minimo di similarità configurato a 0,15. Il logDice
ha come parametri la frequenza di co-occorrenza della tripletta lemma1-relazione grammaticale
specifica-lemma2, la frequenza di co-occorrenza della tripletta lemma1-relazione grammaticale-
qualunque altro lemma del corpus, la frequenza di co-occorrenza di tutte le triplette del corpus.
Per la specifica misura di associazione usata in Sketch Engine si veda Curran, From distributio-
nal to semantic similarity, cit.
48
tutti gli altri oggetti. Il valore medio della salienza (Ms) delle categorie ci fornisce
una indicazione sul grado di associazione delle categorie qualitative o temporali
ad esempio (si veda tabella 3) e va letto ancora meglio sullo scarto, molto signi-
ficativo già a -2.
Altra differenza è la mancanza di espressioni idiomatiche di negazione per
comprendere (per intenderci quelle del tipo non capire un tubo, una mazza ecc.),
espressioni che abbiamo visto invece essere molto varie e frequentissime per
capire, con valori di salienza anche altissimi: cazzo 8.44, mazza 8.35, tubo 7.32, acca
6.23, cavolo 6.23, sega 6.21, accidente 6.09, cippa 5.46.
Entrando un po’ più nello specifico degli oggetti cui si applicano i due verbi,
troviamo alcune abitudini d’uso come capire il nesso e capire la battuta (o non ca-
pire), capire una domanda, ma anche tendenzialmente capire una lingua specifica
come italiano o inglese, molto più frequenti dei corrispondenti con comprendere
(pure attestati). La salienza dell’associazione di capire/comprendere con le speci-
fiche lingue storico-naturali è piuttosto bassa, probabilmente per ragioni extra-
linguistiche, con l’eccezione di italiano e inglese che comunque sono al di sotto
del 5,0. La media della salienza per le lingue specifiche di capire è di 3,29 e di
comprendere è 1,16. La lingua in generale come oggetto risulta invece egualmente
saliente per entrambi i verbi (si veda tabella 4).
Tabella 4
Capire e comprendere le lingue
Le lingue Capire Comprendere
Freq. Salienza Freq. Salienza
Lingua 309 4,36 335 4,16
Italiano 314 5,70 67 3,30
Inglese 139 5,10 27 1,80
Francese 29 2,15 12 0,23
Russo 24 1,87 2 0,11
Arabo 20 1,62 13 0,35
Prendiamo ora in esame il verbo sentire [fine XII sec.; lat. sĕntīre], verbo piut-
tosto complesso, per la sua generica sensorialità, per cui lo troviamo trasver-
salmente a descrivere molte modalità percettive (sentire un rumore, ma anche
sentire un sapore, sentire un odore e sentire con il tatto). Sul verbo sentire ci si
domanda, da una parte, quanto sia caratteristico dell’udito e degli altri sensi e,
dall’altra, quanto si riferisca invece alla dimensione uditiva oppure cognitiva del
dominio linguistico.
Rispetto agli oggetti diretti, ci aspettiamo dal verbo sentire una maggiore po-
lisemicità e soprattutto, essendo il verbo generico della ricezione sensoriale, ci
aspettiamo di trovare ben rappresentati oltre agli oggetti uditivi e di compren-
49
sione anche gli altri oggetti sensoriali. Osservando gli oggetti diretti fino a soglia
di co-occorrenza 78, troviamo invece una situazione piuttosto asimmetrica (si
veda tabella 5):
Tabella 5
L’udito, la lingua e gli altri sensi di sentire con oggetto diretto
Dominio linguistico Dominio uditivo
(non ling.)
Altri domini sensoriali
(olfatto, tatto, gusto)
Altro
Occorrenze totali 41.700 10.595 8.876 87.601
Percentuale 27,7%7,0%5,9%58,2%
Innanzitutto notiamo che l’udito (sia di dominio linguistico che altro) pre-
vale significativamente su tutti gli oggetti relativi agli altri sensi che arrivano
al 5,9% delle occorrenze sopra la soglia: odore 2.288, dolore 1.786, profumo
1.049, calore 671, puzza 545, sapore 448, aria 431, brivido 390, vento 305, senso
267, odor 138, polso 111, gusto 104, alito 89, stimolo 86, caldo 85, tocco 83. Si
sono escluse, tuttavia, tutte le espressioni relative a stati interni, sentimenti
ecc. (anche se alcuni sfuggono comunque sotto sentire un senso di). I tre sensi
concorrenti all’udito si spartiscono il loro 5,9% rispettivamente con 4.129
occorrenze di tatto, 4.109 per l’olfatto e 552 per il gusto. Eccezione è sentire
uno stimolo che come il verbo sentire stesso è una espressione amodale (o
intermodale).
Del 34,8% degli usi uditivi ve ne sono 7,0% di tipo non linguistico per descri-
vere suoni, rumori, musica: rumore 2.622, musica 1.158, suono 1.052, canzone 611,
colpo 464, respiro 453, eco 388, sparo 382, passo 344, canto 287, battito 257, lamento
225, sirena 223, rombo 209, boato 181, fischio 167, fruscio 158, silenzio 151, risata 150,
botto 136, tonfo 133, c d 130, concerto 119, tuono 112, ritmo 110, sibilo 103, brano 97,
scoppio 92, ronzio 81. Il verbo sentire si configura dunque come verbo a prevalen-
za netta dell’udito rispetto agli altri sensi.
Per quanto riguarda invece la valutazione della sua applicazione al dominio
linguistico, la sua stima è molto delicata. Molti oggetti diretti di sentire sono
agenti singoli (persona, uomo, difensore, esperto, procuratore), o nomi di agente
di massa (commissione, collegio, consiglio). Nella maggioranza dei casi gli agenti
dopo il verbo si riferiscono ad attività linguistiche. Nel nostro computo, piutto-
sto cauto, abbiamo selezionato come certamente appartenenti al dominio lingui-
stico solo i casi più tipici, tralasciando invece quelli generici o formulaici come
sentito il ministro, sentito il presidente ecc. [14].
[14] #13829791 interno, di concerto con il Ministro di grazia e giustizia, sentiti i Mini-
stri interessati, è istituita una commissione centrale
In ordine di frequenza decrescente gli oggetti linguistici tipici per sentire sono:
voce 9.938, commissione 5.681, parere 5.372, conferenza 5.134, consiglio 4.434, parola
50
1.936, urlo 742, notizia 596, nome 595, commento 587, opinione 569, discorso 564,
grido 554, frase 445, collegio 388, relatore 351, conclusione 335, risposta 254, racconto
242, dichiarazione 234, osservazione 196, intervento 188, intervista 149, testimone
144, critica 141, domanda 137, difensore 135, lamentela 133, esperto 133, ordine 132,
vocina 131, brusio 120, affermazione 111, chiamata 109, espressione 107, questore 105,
testimonianza 105, messaggio 104, procuratore 100, tono 96, richiesta 89, argomen-
tazione 84. La chioma della lista ordinata invece per salienza si trova in figura 3.
Figura 3
Gli oggetti linguistici di sentire in ordine di salienza
È messa in evidenza innanzitutto la stretta relazione tra sentire e voce e poi emer-
ge, ad esempio, la collocazione sentire un parere, sentire il consiglio. Il verbo
sentire sembra inoltre essere abbastanza dominato (almeno nel corpus) da una
certa area d’uso burocratica nelle accezioni non direttamente ricettive. Infatti gli
agenti che si sentono più spesso nominare come oggetto sono: commissione, col-
legio, relatore, testimone, difensore, esperto, questore, procuratore, con una netta
preferenza per i contesti giuridici.
Si sentono conversazioni, notizie, informazioni, discorsi per: telefono 305, ra-
dio 78, strada 36, televisione 11 oppure al telefono 332, al t g 63, al telegiornale 49,
al bar 35, alla radio 313, in radio 80, alla televisione 56, in televisione 102, alla t v 32,
in t v 112, in giro 618. In 253 casi si sente con le proprie orecchie.
Il verbo sentire viene oramai usato anche per intendere una qualunque
forma di contatto, anche mediato, soprattutto dalle tecnologie, e anche non
uditivo ma scritto come in sentire tramite: e-mail/email/mail 17, forum 6, chat
5, Internet 5, msn 2, squillo 2, telefonino 2 oppure via radio 20, mail 10, email 4,
sms 3, per cui si rende necessario specificare che, a volte, ci si sente a voce 34 o
persino di persona 100.
voce
conferenza
parere
commissione
urlo
consiglio
grido
parola
discorso
relatore
commento
frase
opinione
notizia
racconto
collegio
nome
conclusione
intervista
affermazione
vocina
procuratore
lamentela
questore
brusio
testimone
9,2
8,4 8,2
7,67,2 7,1
6,3 6,3 6,1 5,9 5,6 5,6 5,4 5,3 5,3 5,2 5,1 4,8 4,6 4,4 4,4 4,4 4,4 4,4 4,3 4,2
0,0
1,0
2,0
3,0
4,0
5,0
6,0
7,0
8,0
9,0
10,0
51
Cerchiamo ora di osservare, come per la coppia capire/comprendere, come
sentire si colloca contrastivamente ad ascoltare [av. 1306; lat. *ascŭltāre, var. di
auscultāre]. I due verbi hanno in comune la capacità di muoversi da un versante
puramente sonoro a un versante linguistico-cognitivo complesso. Vi sono alcuni
domini in cui l’applicazione (sia in termini di frequenze che di salienza) è piutto-
sto omogenea e comune. È il caso di ascoltare/sentire: una voce, un rumore, una
parola, un suono, un discorso, una frase, un commento; più marcate verso sentire
sono invece: conferenze, parere, comitato e poi anche urlo e boato; marcate verso
ascoltare invece: radio, racconto, conversazione, silenzio, testimonianza, preghiera,
suggerimento, notiziario (si veda tabella 6).
Tabella 6
Alcuni dati sulle co-occorrenze comparative di sentire e ascoltare
Co-occorrenze marcate per sentire Co-occorrenze neutre Co-occorrenze marcate per ascoltare
sentire ascoltare sentire ascoltare sentire ascoltare
+conferenza voce radio +
5134 95 9.938 3.447 196 1.118
8.04 3.01 9.02 8.00 4.05 7.09
+parere grido racconto +
5372 469 554 416 242 663
8.02 5.00 6.03 7.02 4.06 6.09
+urlo parola
conversazione
+
742 66 1.936 2.809 42 252
6.08 4.07 6.03 7.01 2.06 6.04
+comitato suono
testimonianza
+
2.677 18 1.052 569 105 378
7.02 0.03 6.08 6.07 3.05 6.03
+boato discorso silenzio +
181 0 564 688 151 342
4.09 0 5.06 6.05 4.00 6.00
Per quanto riguarda le modalità di realizzazione di sentire e ascoltare, emergono
alcune peculiarità come ad esempio la tendenza a usare solo con ascoltare: atten-
tamente 777 (contro 7 di sentire), con attenzione 1.462 (16), distrattamente 115 (7),
ma anche volentieri 346 (34). Il verbo ascoltare è dunque verbo che sottolinea
l’attenzione selettiva e non l’udire casualmente, tanto che può essere un atto
deliberato. Il verbo sentire, invece, preferisce la modulazione qualitativa per cui
52
si può sentire male, meglio, bene, benissimo, troppo, niente, abbastanza, distinta-
mente, ma più raramente ascoltare male, bene, al limite ascoltare poco è comune
ai due verbi.
Tabella 7
Schema comparativo di alcune caratteristiche di sentire e ascoltare
Tendenze e salienza Sentire Ascoltare Scarto
Attenzione selettiva -
Ms = 0,8
+
Ms = 8,2-7.4
Gradiente di qualità sulla scala bene/male +
Ms = 7,0
-
Ms = 3,7-3,3
Esplicitazione del canale =
Ms = 3,2
=
Ms = 2,8-0,4
Anche i pattern in cui il verbo è seguito dalla specificazione sul mezzo (telefono,
t v , radio, e-mail) sono molto caratteristici. In realtà, osservando lo scarto e i va-
lori di salienza in tabella 7 non sembra esserci regolarità, questo perché sentire
e ascoltare si distribuiscono più o meno equamente i mezzi di trasmissione del
segnale vocale e non: sentire è preferito per le comunicazioni bidirezionali per
telefono, ma anche per i contatti con le nuove tecnologie come email, chat, cellu-
lare, i mezzi di comunicazione di massa tradizionali (televisione e radio) possono
ammettere entrambi i verbi con una leggera preferenza di sentire (ho sentito per/
dalla/in televisione), mentre non si dice invece ho sentito sul giornale perché
l’estensione di sentire allo scritto vale solo per le tecnologie bidirezionali (forum,
chat, instant messaging, s m s ) ed è probabilmente dovuta al senso di sentire come
“avere un contatto con qualcuno”. Le preferenze di ascoltare, invece, si eserci-
tano su ascoltare con la cuffia, sulla radiolina, all’altoparlante, ove ci si riferisce
solitamente all’ascolto musicale più che a quello linguistico; infatti, tra gli oggetti
in cui la salienza di ascoltare è altissima rispetto a sentire ci sono appunto musica,
brano, c d , disco (oltre a confessione e silenzio, ma per ragioni diverse).
Abbiamo notato all’inizio del paragrafo la discrepanza di frequenze del verbo
ascoltare nel parlato e nello scritto. Osserviamo ora brevemente il fenomeno.
Osservando gli esempi tratti dal corpus del LIP41 in [15] [16] [17], scopriamo che
delle 139 occorrenze di ascoltare, ben 84 sono di questo tipo:
[15] FA9_22B difatti io non lo supero poi c’è questo ascolti io avrei diritto a un accom
pagnatore porto il bastone da $ e che
[16] FB9_11 ascolta sei libera oggi *
[17] FB31_10B sì ascolta come facciamo io io entro all’una
41. De Mauro, Mancini, Vedovelli, Voghera, Lessico di frequenza dell’italiano parlato, cit.
53
Si tratta della funzione di marcatore pragmatico o fatico, per cui ascoltare, in
genere usato in prima o seconda persona, serve a sincronizzare i parlanti a ga-
rantire la prosecuzione della conversazione come segnalatori discorsivi. Tra i
verba recipienti, ascoltare non è l’unico ad assumere questo valore nel parlato.
Un altro caso tipico è quello di capire come in [18] [19] e sentire, anche questo
usato in seconda persona, come si può osservare in un corpus di colloqui psi-
chiatrici42 [20]:
[18] FA2363_C hai capito * fa il gelato davanti a tutti c’ha una bella pedana tutta
[19] FA3_123 capito * proprio abbiamo ho cercato un pochino di mettere eh l’eserci-
zio gliel’ho detto invece di copiarlo ecco in tutti i modi
[20] DGpsA01Nn_GG 1 allora buongiorno senti che che cosa ci eravamo avevi scelto
come argomento
Come ultimo verbo tra i fondamentali appartenenti alle prime due classi trovia-
mo udire [fine XII sec.; dal lat. audīre], altro verbo caratteristico della modalità
percettiva di tipo uditivo. Le sue principali accezioni secondo il GRADIT:
1 FO v.tr. percepire attraverso l’orecchio, […] 2 FO v.tr. venire a sapere, conoscere
tramite informazioni comunicate a voce, […] 3 v.tr. (CO) ascoltare prestando atten-
zione, […] 4 v.tr. (CO) estens., prestare ascolto accettando suggerimenti o esaudendo
preghiere, […] 5 v.tr. (CO) estens., capire, intendere43
Vediamo come queste accezioni si proiettano in ItWac nei casi in cui vi sia un
oggetto espresso, sempre per co-occorrenze maggiori di 78, in tabella 8.
Tabella 8
Usi e accezioni di udire in ItWac44
Udire non ling. Udire ling. Altro Totale
Occorrenze 2.268 10.531 204 13.004
Percentuale 17,45%80,99%1,5%100%
42. F. M. Dovetto, M. Gemelli, Il parlato di soggetti schizofrenici, in Atti del Convegno in-
ternazionale sulla comunicazione parlata, a cura di M. Pettorino, A. Giannini, M. Vallone, R.
Savy, Liguori, Napoli 2007, pp. 1081-92; Idd., Marcatori discorsivi nel parlato schizofrenico, in
Fenomeni di intensità nell’italiano parlato, a cura di B. Gili Fivela e C. Bazzanella, Franco Cesati
Editore, Roma 2009, pp. 181-93.
43. De Mauro, Grande dizionario, cit., vol. v i , p. 878.
44. Gli oggetti espressi di percezione uditiva non linguistica più frequenti sono: rumore 558,
suono 509, canto 203, colpo 172, sparo 160, passo 129, musica 123, esplosione 117, eco 86 entro la
soglia delle 78 co-occorrenze e seguiti da: boato 77, richiamo 69, rombo 67, fruscio 64, pianto 59,
tonfo 57, fischio 56, tuono 53, sibilo 50, scoppio 47, gemito 44, ronzio 43, coro 42, fragore 41, sirena
38, risata 37, battito 36, detonazione 33, segnale 33, storia 31, respiro 30, squillo 29, silenzio 28, verso
27, frastuono 26 tra i più frequenti.
54
Il verbo udire, dunque, solo apparentemente è un verbo che, almeno alle fre-
quenze alte, è verbo specificatamente linguistico, poiché applicato ad oggetti
linguistici occorre nell’80,9% dei casi, negli altri casi gli usi sono pressoché
tutti assorbiti da suoni e percezioni uditive non linguistiche (15,4%), mentre in
un caso è indeterminato, ossia udire una cosa (sono i 204 casi classificati come
Altro, e che peraltro sono spesso anch’essi di tipo linguistico, come si può ve-
dere in [21]).
[21] #306601913 Gerusalemme e verrà quindi consegnato nelle mani dei pagani”.
All’udire queste cose, noi e quelli del luogo pregammo Paolo di non andare
Osservando meglio il dominio linguistico, troviamo per udire nella chioma della
lista e scorrendo in basso anche qui molte etichette di ambito giuridico (molto
rappresentato nel corpus) e molti agenti, come per il caso del verbo sentire, anche
udire: parere 2.254, relazione 1.971, voce 1.768, avvocato 1.596, parola 1.094, relatore
543, difensore 283, consiglio 177, nome 161, lamento 143, p.m. 111, frase 63, risposta
57, procuratore 54, dichiarazione 54, notizia 53, discorso 50, commissione 49, raccon-
to 48, rappresentante 44, contenuto 38, domanda 36, giunta 35, proposta 35, popolo
30, conclusione 29, padre 29, messaggio 29, donna 29, bestemmia 26, magistrato 26.
Gli stessi oggetti in ordine di salienza li troviamo in figura 4.
Figura 4
Gli oggetti linguistici di udire in ordine di salienza
Per quanto riguarda le qualificazioni avverbiali e la modalità di realizzazione
dell’udire, abbiamo tipologie simili a quelle individuate per gli altri verbi. Nella
modalità qualitativa osserviamo innanzitutto udire: bene 80, male 12, meglio 17,
distintamente 114, chiaramente 78, perfettamente 10, benissimo 8, confusamente 6,
avvocato
relazione
lamento
parere
p.m.
difensore
relatore
voce
parola
bestemmia
procuratore
frase
discorso
racconto
nome
magistrato
contenuto
conclusione
rappresentante
notizia
consiglio
risposta
9,3
7,9
7,41 7,4 7,34 7,29 7,23 7,22
6,23 5,8
4,41 4,1
3,5 3,5 3,33 3,19 2,8 2,56 2,54 2,46 2,3 2,3
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
55
lontano 34 e, nella modalità graduale, soprattutto udire poco 35, appena 19; nella
modalità temporale: mai 71, sempre 59, spesso 40, ora 31, nuovamente 23, improv-
visamente 12, per un attimo 5, e in altro senso a intervalli 4, a tratti 4, a intermit-
tenza 4; mentre come forme negative: nemmeno 36, neppure 23, niente 22.
Anche udire, come sentire, è un verbo molto centrato su aspetti percettivi, e
dunque trova spesso l’indicazione esplicita del canale sul quale si svolge la co-
municazione. Per esempio, si ode attraverso le orecchie 2, alla radio 4 (o per radio
3), in cuffia 5, dalla bocca di qualcuno 35 [22], ma anche udire sul forum 48 (chiara-
mente in senso metaforico in [23]), al telefono 7. Interessante da diversi punti di
vista il luogo in cui ci si colloca per udire: nell’udienza 920 (o all’udienza 368, in
udienza 78), nella camera 780, alla Camera 46, nell’università 41, nella stanza 10,
dietro l’uscio 2, nel corridoio 8, in aula 5, tra gli alberi 4, ma anche dal cielo 17 (ed
è ovviamente la voce di Dio [24]).
[22] #919342719 ricordato ai discepoli la promessa del Padre, che essi avevano udito
dalla sua bocca, riguardo allo Spirito Santo che sarebbe venuto
[23] #40304267 parso di risentire argomentazioni e modo di scrivere già ben udite su
questo forum ... Siccome non ne ho la certezza non facci
[24] #725504927 vogliono fare ciò vuole la Parola di Dio”. Eppure Dio ha fatto udire
dal cielo la sua voce per educare l’uomo (cfr. Dt 4, 36), per
Apparentemente il verbo udire sembra molto simile a sentire in quanto sono en-
trambi verbi molto focalizzati sulla dimensione percettiva. Il verbo udire sembra
complessivamente applicarsi in maniera privilegiata all’uso in ambito giuridico
e nei testi sacri, e sentire è altrettanto tipico, in altro senso però, del dominio
giuridico. La grande differenza globale tra udire e sentire sta nel diverso modo
in cui si sono specializzati sul dominio sensoriale, sul dominio linguistico e su
altri domini. Mentre sentire è verbo di percezione sensoriale generica (applicata
all’udito solo nel 7,0% dei casi), e nel 27,7% è verbo linguistico, udire è verbo
specificatamente linguistico tout court con 80,9% degli usi applicati a questo
dominio (e 17,45% sull’udito non linguistico). Osservando più da vicino i dati
che emergono dalle statistiche di salienza media, però, compare anche un altro
motivo di distinzione, ossia la capacità di associarsi a modalità qualitative (bene,
male, meglio ecc.), presenti di per sé negli usi di entrambi i verbi, tuttavia molto
più tipicamente associate a sentire, come si vede in tabella 9, con una differenza
molto significativa di -2,9 punti.
Tabella 9
Schema comparativo di alcune caratteristiche di udire e sentire
Tendenze e salienza Udire Sentire Scarto
Specificità linguistica (con oggetto espresso) 80,9%27,7%43,3
Gradiente di qualità sulla scala bene/male -
Ms = 4,1
+
Ms = 7,0-2,9
56
Per quanto riguarda gli oggetti, si è osservato che entrambi i verbi tendono a occor-
rere in contesti giuridici, tuttavia ancora con salienza e senso diversi. Il verbo sentire
è molto più saliente per comitato, commissione, consiglio [25] [26], mentre udire è
più saliente per avvocato, p.m., difensore, relazione [27] [28], profilando essenzial-
mente una certa preferenza per sentire come “sentire il parere e consultare” e per
udire in un senso meno valutativo di “assistere a una dichiarazione o relazione”.
[25] #3573513 con proprio decreto, dal Ministro per la pubblica istruzione, sentito il
Comitato nazionale delle opere universitarie”. - Gli articoli
[26] #6107674 docente della materia ed occorrendo con il Consiglio di Facoltà, senti-
to il Consiglio dipartimentale (art. 16 comma 4 e 5 legge 104/92
[27] #122597155 giorni dalla scadenza del termine per il deposito del ricorso, uditi i
difensori delle parti che ne abbiano fatto richiesta. In
[28] #37727557 Consiglio è invitato a deliberare. Il Consiglio di Amministrazione,
udita la relazione del Presidente, all’unanimità delibera di approvare
5
I verbi dell’incomprensione:
fraintendere, equivocare, travisare e gli altri
I verbi caratteristici e peculiari dell’incomprensione appartengono quasi tutti
al vocabolario comune, ma non si pensi perciò che l’espressione esplicita della
incomprensione sia per questo più rara rispetto alla sua controparte positiva. In-
fatti sono i verbi generici capire, comprendere, intendere a venir usati più spesso
in costruzioni negative per segnalare le modalità di incomprensione, come si è
visto nei paragrafi precedenti. La classe dei verbi dell’incomprensione è quasi
omogeneamente appartenente alla fascia del vocabolario comune45, la qual cosa,
anche con un corpus di 2 miliardi di occorrenze come ItWac, rende meno stabile
e più segnata da problemi di campionatura l’estrazione di dati significativi per
cui le quantificazioni risultano più aleatorie rispetto ai lemmi analizzati prece-
dentemente. Per quanto riguarda la frequenza d’uso dei verbi di incomprensio-
ne che si sono presi in esame (deformare, distorcere, equivocare, fare lo gnorri, fare
orecchio da mercante, fraintendere, ingannarsi, malintendere, mistificare, prende-
re fischi per fiaschi, prendere lucciole per lanterne, snaturare, stravolgere, tradire,
trasfigurare, travisare), misurata sul lessema indipendentemente dalle accezioni
specificatamente applicate a contesti linguistici (ossia specificatamente riferen-
tesi al fraintendimento, travisamento ecc. di parole, discorsi, frasi), il verbo più
comune è tradire, che però è anche quello che, come si vedrà, è anche poco
peculiarmente linguistico, così come stravolgere, distorcere e deformare, mentre
i tre verbi forti dell’incomprensione (ossia fraintendere, travisare, equivocare) si
distribuiscono i maniera più equilibrata tra usi non linguistici e (meta)linguistici
(si veda tabella 10).
45. Con l’eccezione di tradire che è fondamentale, deformare che appartiene all’alta disponi-
bilità e malintendere che è di basso uso.
57
Tabella 10
Occorrenze dei verbi di incomprensione in ItWac46
Lemma Occorrenze in ItWAc
Tradire 30.046
Stravolgere 13.223
Distorcere 12.382
Deformare 6.149
Fraintendere 5.953
Snaturare 4.308
Trasfigurare 3.371
Travisare 2.351
Ingannarsi 2.073
Mistificare 1.701
Equivocare 1.359
Fare orecchio da mercante 381
Prendere lucciole per lanterne 98
Fare lo gnorri 84
Prendere fischi per fiaschi 75
Malintendere 6
Prendiamo subito in esame i verbi più caratteristici per osservare l’uso e la di-
stribuzione testuale.
Tra i verbi distintivi di modalità di incomprensione, equivocare [av. 1321; dal
lat. aequĭvŏcāre] è uno dei più caratteristici insieme a fraintendere e travisare poi-
ché tendenzialmente è più specifico del campo linguistico o semiotico rispetto,
ad esempio, a stravolgere e meno marcato delle espressioni prendere fischi per
fiaschi o fare lo gnorri.
Il dominio cui si applica l’equivocare è più tipicamente quello linguistico e
in particolare semantico: equivocare sul significato 8, mentre le determinazioni
avverbiali prendono in considerazione soprattutto aspetti valutativi sulle conse-
guenze dell’equivoco per cui si equivoca volutamente 5, completamente 3, inten-
zionalmente 2, facilmente 2, grossolanamente 1, arbitrariamente 1, clamorosamente
1, terribilmente 1, gravemente 1.
Il verbo fraintendere [1432; der. di intendere con fra–] compare accanto a
determinazioni avverbiali abbastanza simili a quelle di equivocare, cioè delibera-
tamente 2, volontariamente 3, clamorosamente 1, parecchio 2, gravemente 1, legger-
mente 1, cui si aggiungono tre avverbi che sottolineano la ripetitività: costante-
mente 1, continuamente 1, e in particolare sempre 26, per esempio in:
[29] #1276513629 com’è che mi fraintendete sempre? Qiu siamo sul topic
46. Dalle occorrenze totali di ingannarsi, per un limite nelle possibilità di interrogazione,
mancano i casi in cui il riflessivo è enclitico, le occorrenze si riferiscono dunque solo agli usi
con proclitico.
58
[30] #1463311194 cura di Luigi Russo Russo: “Il cardinale fraintende sempre don Ab-
bondio, lo fraintende generosamente
[31] #1684759429 appartiene alla costellazione ...” “... e poi fraintendono sempre tutto,
leggono troppo tra le righe
Inoltre, rispetto a equivocare, il verbo fraintendere registra tre determinazioni
avverbiali assolute di incomprensione: completamente 19, totalmente 3, intera-
mente 1.
Per quanto riguarda le differenze specifiche che emergono, ad esempio, tra
equivocare e fraintendere c’è che si usa fraintendere più di equivocare per un’af-
fermazione 25(3)47, un’intenzione 22(4). Fraintendere è anche percepito come più
estremo rispetto ad equivocare per cui si fraintende completamente 19(3). Per
quanto riguarda l’intenzionalità, questa è generalmente associata a entrambi i
verbi: a equivocare in determinazioni avverbiali come volutamente o intenzional-
mente oppure nell’espressione equivocare in malafede (2); a fraintendere in deli-
beratamente e volontariamente. Da notare anche l’occorrenza simile nello sfondo
di entrambi i verbi congiunti o disgiunti a strumentalizzare (12 per fraintendere,
4 per equivocare)48.
Il terzo dei verbi fortemente caratteristici è travisare [seconda metà XIII sec.;
der. di viso con tra– e –are]. Gli oggetti che si travisano più frequentemente
sono: realtà 90, parola 62, senso 60, fatto 56, significato 53, pensiero 28, contenuto
19, messaggio 18, spirito 14, concetto 11, verità 11, dettato 8, intento 8, portata 7,
intenzione 7, discorso 7, logica 6, affermazione 5. Se oltre a individuare gli oggetti
linguistici o semiotici in generale (parola, senso, significato, contenuto, messaggio,
dettato, discorso, affermazione) ne contiamo le occorrenze, siamo a 322 su 470,
ossia il 70% delle occorrenze frequenti. Se poi approfondiamo ulteriormente
l’indagine per osservare quali sono le determinazioni anche di spirito, troviamo
che tutte sono riferite alla legge come in [32] e [33]:
[32] #161500128 provvedimento de quo ha provveduto, sua sponte, travisando lo spi-
rito della norma, ad avviare un procedimento
[33] #1213913170 Venezia Giulia ha infatti grossolanamente travisato lo spirito e la
lettera delle Direttive
Bisogna tuttavia osservare che, oltre a una presenza non indifferente di oggetti
di carattere cognitivo (come pensiero, concetto, logica), anche senso, significato
e contenuto non sono univocamente applicati a contesti linguistici, almeno in
linea di principio. L’espressione travisare il senso nel corpus è adoperata di fat-
to, delle sue 60 occorrenze, solo in 6 a contesti non linguistici, per cui accanto
47. Tra parentesi è indicato il numero delle occorrenze del verbo meno caratteristico, in
questo caso equivocare.
48. In contesti come: #255838776 la rivoluzione cristiana, anche se spesso fraintesa o addirit-
tura strumentalizzata dagli uomini; #1149612700 discorso è lungo e verrebbe sicuramente frain-
teso e strumentalizzato quindi se hai voglia; #91063955 il significato delle nostre parole venga
equivocato o strumentalizzato: rimaniamo sempre.
59
agli usi tipici in [34] [35] [36], troviamo anche esempi di carattere diverso come
[37] [38].
[34] #1131844718 libertà. Questo non toglie però che tu travisi completamente il senso
delle mie parole
[35] #1266652343. Purtroppo, commentatori senza scrupoli travisano il senso di questo
verso, del resto così
[36] #1607051451 qualificati come parenti o soci o amici; aveva travisato il senso delle
dichiarazioni del teste
[37] #33219257 più discutibili. È una raffigurazione che travisa il senso delle scoperte
scientifiche. Se
[38] #1175541500 soddisfazione venne dal fatto che l’intervista non travisò il senso reale
del nostro fare musica.
Nel caso di significato su 53 occorrenze (in realtà 58, poiché vi si aggiungono
5 occorrenze di travisare nel significato), solo 7 sono applicate ad oggetti non
linguistici (come intervento, messa). Per contenuto, di 19 occorrenze, solo 2 sono
non linguistiche.
Anche il verbo travisare ha una serie di modificazioni avverbiali tipiche: com-
pletamente 30, spesso 13, volutamente 5, sistematicamente 4, sommariamente 3,
totalmente 3, parecchio 2, notevolmente 2, continuamente 2, pregiudizialmente
1, superficialmente 1, vistosamente 1, pericolosamente 1, criticamente 1, enorme-
mente 1, opportunamente 1, volontariamente 1, fondamentalmente 1, apertamente
1, integralmente 1, interamente 1, profondamente 1, sostanzialmente 1. Se avessi-
mo frequenze più alte si potrebbe tentare una caratterizzazione; per ora quel
che è possibile dire è che le tipologie ricalcano, seppure in scala minore anche
per varietà, le tipologie del capire, ossia una qualificazione quantitativa (com-
pletamente, totalmente, parecchio ecc.), una temporale (spesso, sistematicamente,
continuamente) e una tipologia qualitativa (pregiudizialmente, superficialmente,
apertamente ecc.). Il verbo travisare se confrontato a equivocare e fraintendere
è solitamente associato a un tasso maggiore di volontarietà. Un indicatore di
questo sono i verbi che sono ad esso più spesso congiunti (o disgiunti), che sono:
ignorare 20, strumentalizzare 18, distorcere 16, manipolare 12, tradire 10.
Veniamo ora a una serie di verbi generali e che si applicano a diversissimi
contesti d’uso: tradire, stravolgere, distorcere, deformare, snaturare e mistificare.
Si tratta di un gruppo abbastanza omogeneo di verbi polisemici, con numerosi
e frequenti ambiti d’uso concreti (e non linguistici) e per i quali in genere vi è
un’associazione più diretta alla volontarietà del travisamento. Prendiamo ad
esempio tradire49 [av. 1250; lat. tradĕre, propr. “consegnare, dare”, con cambio
di coniug., nella tradizione cristiana con riferimento alla consegna di Gesù alle
guardie da parte di Giuda, comp. di tra– “oltre” e dăre “dare”], il verbo meno
linguistico del gruppo, su 5.728 costruzioni con oggetto diretto frequenti, regi-
49. Non analizzeremo in dettaglio il verbo tradire data la sua altissima frequenza e il fat-
to che disambiguare i contesti e trovare un ordine di riflessione su 30.000 occorrenze è fuori
dall’obiettivo e dai tempi di questo lavoro.
60
stra senso 58, parola 32, messaggio 26 (cui si aggiungono contesti linguistici come
promessa 112, costituzione 53, giuramento 41); gli altri usi riguardano domini qua-
li aspettativa 435, fiducia 423, spirito 294, attesa 254, origine 194, marito 187 ecc.,
con frequenze molto più alte. Anche deformare [av. 1306; dal lat. defōrmāre]
pare generalmente poco usato per il dominio linguistico: solo 14 dei 611 casi di
oggetti diretti, sono costituiti dal solo termine linguistico presente, ossia signi-
ficato. Così anche mistificare [1843 nell’accez. 2; dal fr. mystifier, der. di mystère
“mistero”] ha solo 5 occorrenze di mistificare il significato su 562 usi con oggetto
diretto.
Il caso di distorcere [1313-19; lat. distŏrquēre] è interessante e tendente verso
il non linguistico. Usando come cartina di tornasole le costruzioni con oggetto
diretto, si osserva che nel 13,5% circa dei casi si riferisce ad oggetti linguistici o
potenzialmente tali (774 casi su 1.436): interpretazione 56, senso 38, significato 33,
contenuto 22, messaggio 18, concetto 16, comprensione 7, frase 4. Stesso dicasi per
snaturare che è effettivamente un verbo “a bassa linguisticità”: su 1.324 occorren-
ze frequenti con oggetto diretto, sono 145 quelle linguistiche (significato 64, senso
52, contenuto 29), ossia l’11%.
Osserviamo più in dettaglio il verbo stravolgere [av. 1356; der. di volgere con
stra–], anch’esso appartenente alla fascia del vocabolario comune, anch’esso po-
lisemico: presenta una accezione concreta e tre figurate, di cui una generalmente
semiotica che può applicarsi a contesti linguistici, nel senso di «travisare, inter-
pretare in modo arbitrario» (acc. 3, GRADIT). Selezionando gli oggetti diretti
più frequenti che si associano alle 13.223 occorrenze del verbo in ItWac (di cui
7.335 sono i casi in cui stravolgere sia effettivamente seguito da un sostantivo,
anche a distanza, ossia, ad esempio, modificato da un aggettivo ecc.), troviamo:
senso 249, regola 229, impianto 208, equilibrio 121, testo 111, significato 109, concetto
101, costituzione 100, principio 96, contenuto 81, natura 80, abitudine 68, principio
56, spirito 55, finalità 46, ragionamento 36. Di tali oggetti ve ne sono quattro, mol-
to bene attestati, di tipo linguistico: senso 249, testo 111, significato 109, contenuto
8150. Il verbo stravolgere non è certamente un verbo specificatamente linguistico,
anzi, forse tra i verbi che abbiamo analizzato è uno dei meno linguistici. Parti-
colare è il caso frequente di stravolgere la costituzione (con ben 100 occorrenze),
anch’esso di natura testuale. Osservando, dunque, complessivamente le costru-
zioni con oggetto diretto più frequenti di un totale di 1.746 occorrenze, ben 750,
cioè il 42%, sono oggetti linguistico testuali.
Di stravolgere lo spirito è possibile trovare accezioni anche linguistiche e sono
40 casi dei 55 attestati, soprattutto relativamente a stravolgere lo spirito della nor-
ma, legge, testo, come si può vedere negli esempi [39] [40] [41]. In questo modo
stravolgere diventa verbo linguistico al 45%.
[39] #135110991 dei propri dipendenti extracomunitari. Anziché minacciare di stravol-
gere lo spirito e la lettera della legge sarebbe bene che il ministri
50. A questi possono essere aggiunti stravolgere nel significato 13, nel contenuto 12, che rap-
presentano varianti sintattiche alle forme con oggetto diretto più tipiche.
61
[40] #1576430987, pur mantenendo un certo rigore filologico nell’evitare di stravolge-
re lo spirito del testo e del contesto, dando spazio all’inventiva
[41] #1616458671 fu convertito in legge il 6 febbraio con 262 voti contro 240. Stravol-
gendo completamente lo spirito della sentenza della Corte Costituzionale
[42] #828090067 Milosevic ed ostacolano il progetto pan-albanese. Vediamo di non
stravolgere il concetto della mail ... Qua si dice invece che gli u s a cambiano
I riferimenti ad accezioni più generalmente semiotiche o cognitive (che al loro
interno possono avere usi anche linguistici, si veda [42]) sono quelli in cui stra-
volgere è seguito da concetto 101 o ragionamento 36. Complessivamente anche per
stravolgere troviamo nei fatti che l’uso concreto, pur essendo in principio appli-
cabile sia a oggetti concreti (ad esempio fisionomia) che ad astratti non semiotici
nel senso di “turbare profondamente” o di “alterare” (come in abitudine o equi-
librio), privilegia quantitativamente con evidenza gli usi linguistici.
Il verbo stravolgere, che è un verbo che già indica una forma di travisamento
di tipo grave, è accompagnato da modificatori avverbiali che accentuano que-
sto tenore: completamente 334, totalmente 28, radicalmente 21, ulteriormente 21,
definitivamente 10, assolutamente 10, irreparabilmente 5, pesantemente 5, profon-
damente 5, drasticamente 4, irreversibilmente 3. Da notare che stravolgere comple-
tamente cattura da solo il 30% di tutte le occorrenze di stravolgere, seguito da un
modificatore avverbiale (ossia appunto 334 casi su 1.092).
Per quanto riguarda le polirematiche più note, fare lo gnorri, fare orecchio
da mercante si riferiscono quasi sempre solamente al far finta di non capire
(o spesso di non sapere), mentre avere il cotone negli orecchi può riguardare
sia l’aspetto puramente ricettivo sia la comprensione di ciò che è stato detto.
Costruzioni simili sono anche fare il nesci, fare il serfedocco, fare l’indiano nel
senso di fare il semplice, fingere ignoranza, ma anche fingere di essere stupidi,
fingere di non capire.
La polirematica prendere fischi per fiaschi (75 occorrenze)51 è quella più spe-
cificatamente linguistica, come si può facilmente capire anche dalla sua stessa
formulazione, che, come spesso per le forme fisse, può subire diverse varianti:
capire fischi per fiaschi 33 [43], confondere fischi per fiaschi 38 [44], intendere fischi
per fiaschi 2 [45], ma anche pigliare 6, scambiare 7, e perfino leggere fischi per
fiaschi 7 [46].
[43] #233146330 è ignurant, ma non sa nemmeno leggere l’italiano e capisce fischi per
fiaschi inviato il 26.05.2005 14:17:10 l’ignurant” Oggi invece gli
[44] #180941005 occidentali necessito una ripassata generale per non confondere fischi
per fiaschi. dovrei inoltre curare la sintassi perché a volte (spesso)
[45] #646728744 “Signore mio, come può credere a mio figlio se lui intende fischi per
fiaschi?” Così dicendo si rivolse al figlio e gli disse: “Figliolo
[46] #560764624 incriminata) a un tale che per l’ennesima volta dimostrava di leggere
fischi per fiaschi. Ebbene, il nostro moderatore, che era connesso nel momento
51. Una variante usata più per oggetti non linguistici è prendere lucciole per lanterne.
62
Se osserviamo, inoltre, di tutti i verbi dell’incomprensione a quali altri verbi
sono congiunti o disgiunti, troviamo in modo generalizzato l’associazione a verbi
di tipo negativo, non solo appartenenti alla stessa famiglia ma anche tipologie
tipiche di “reato” o comunque spesso tipiche del linguaggio giuridico (condan-
nare, accusare, vilipendere, falsare, manipolare ecc.), dove peraltro i verbi di in-
comprensione giocano un ruolo importantissimo tanto da giustificare una intera
disciplina di teoria dell’interpretazione del testo giuridico.
Osservati i verbi che lessicalizzano possibilità di incomprensione, è utile get-
tare uno sguardo agli usi negativi dei principali verbi di comprensione anche
per avere un’idea della quantità di casi nei quali con lo stesso verbo si afferma
o si nega la comprensione. In realtà esistono moltissimi modi di usare un verbo
del capire negandolo. Poiché un’analisi su grandi corpora non rende possibile
la scrematura di tutti gli esempi, ci serviremo di alcuni indicatori, ammettendo
implicitamente che i valori generali saranno certamente sottostimati52. Usiamo
come cartina di tornasole le costruzioni con il non, 53, senza. Prendiamo in
considerazione solo una sottoclasse dei verba recipiendi più rappresentativi.
Tabella 11
Tasso di negazione dei lemmi globali in ItWac
Lemma Freq. Non Senza Tot. neg. % neg.
Capire 509.844 128.822 716 2.538 132.076 26
Comprendere 391.465 33.487 491 611 34.589 9
Intendere 437.821 36.988 204 128 37.320 9
Sentire 649.197 78.669 1.201 2.329 82.199 13
Ascoltare 176.256 15.995 287 830 17.112 10
Udire 55.293 5.703 306 99 6.108 11
Afferrare 18.847 1.667 38 119 1.824 10
Cogliere 92.232 9.219 113 275 9.607 10
Posto il fatto che sia per le negazioni sia per il resto delle occorrenze ci troviamo
qui di fronte a lemmi sporchi: il lemma è corretto, ma l’accezione linguistica non
è differenziata. Salta comunque all’occhio la percentuale di negazione caratte-
52. In realtà esistono casi nei quali anche la negazione diretta con il non non è sufficiente a
determinare un contesto effettivamente negativo. Segnaliamo, dunque, la pura forma negativa
indipendentemente dai suoi usi che possono essere anche interrogativi, fatici, ironici ecc. Un
altro limite riguarda i casi nei quali l’uso non è applicato al dominio linguistico: i dati presentati
sono cumulativi e vanno ripensati in proporzione agli usi specificatamente diretti al dominio
linguistico.
53. Per nell’interrogazione sono state sommate anche le occorrenze di <né> con l’accento
erroneamente scritto grave.
63
ristica del verbo capire che è significativamente più alta rispetto agli altri verbi.
Guardiamo dunque più da vicino le negazioni dei principali oggetti linguistici
del verbo capire nella tabella 12, dove abbiamo indicato, per ogni oggetto lingui-
stico tipico in ordine di frequenza (senso, significato, parola, domanda, discorso,
messaggio, lingua, linguaggio), in corsivo il numero delle negazioni espresse con
il non nel corpus ItWac con sotto la percentuale rispetto a tutte le occorrenze di
capire seguito dallo specifico oggetto. Sotto il + troviamo gli altri casi (ossia la
classe complementare, non obbligatoriamente tutta positiva o affermativa).
Tabella 12
Negazioni con non del lemma capire con i principali oggetti linguistici (in ItWac)
Lemma senso significato parola domanda
+ - + - + - + -
Capire 1.285 831 1.030 329 488 369 156 580
39,3%24,2%43,1%78,8%
discorso messaggio lingua linguaggio
+ - + - + - + -
290 158 286 94 159 150 211 51
35,3%24,7%48,5%19,5%
Dalla tabella emerge che l’espressione della negazione con il non di capire con
oggetti linguistici è molto variabile: ad esempio, capire una/la domanda è negati-
vo ben nel 78,8% dei casi ed è l’unico impressionante caso in cui prevale di netto
quantitativamente l’uso in negativo su quello positivo. Sono ben 580 le occor-
renze di non capire la domanda, spessissimo usate in prima persona come in [47]
[48], molti meno i casi un cui la non comprensione è attribuita ad altri [49]:
[47] #873490899 esplicitarmi la natura di tali contratti nel settore scuola. Non ho capi-
to la domanda. Cosa vuol dire “esplicitare la natura dei contratti
[48] #1396419264 relativi all’acquisto di opere di giovani artisti? Ramon: Non capisco
la domanda ... L’indirizzo al quale puoi vedere le immagini
[49] #1430517353 l’omino del cervello mi pone un teoria: “o questa non ha capito la
domanda, o sei tu che ti sei fermato a chiedere informazioni
In una fascia intermedia abbiamo percentuali dal 35,3 al 48,5 per non capire un
discorso, il senso, la parola e la lingua. Mentre tendenzialmente positivi sono gli
usi di capire il linguaggio [50] [51], il messaggio [52] e il significato [53].
[50] #179534263 nell’imparare la loro parte nello spettacolo, nel cercare di capire il
linguaggio non certo moderno del testo di Dickens, nella
64
[51] #59300419 con loro, anche se non mi risulta facile, forse perché non capiscono il
mio linguaggio. Molti infatti non hanno compreso le parole
[52] #203237420 la scritta: YELLOW AND BLUE = GREEN. Questa è la chiave per
capire il messaggio nascosto. Utilizzando quindi il case come filtro
[53] #14336015 misure, ipocritamente! Alla luce di queste spiegazioni si può capire il
vero significato dei testi citati dai geovisti.
6
Le polirematiche dell’ascolto
Prendiamo ora in esame alcune delle polirematiche, o strutture complesse,
più diffuse appartenenti alle diverse classi di verba recipiendi che abbiamo
individuato, tutte appartenenti alla fascia del vocabolario comune: porgere
orecchio/ascolto ib, prestare orecchio/ascolto ib, dare orecchio/ascolto ib, aguz-
zare le orecchie i i , drizzare le orecchie/gli orecchi ii , rompere i timpani ii , spacca-
re le orecchie/i timpani i i , tendere l’orecchio i i , arrivare con l’ultimo treno iiia,
aprire gli orecchi/le orecchie iiia, spalancare gli orecchi iiia, avere il cotone negli
orecchi i v , fare orecchio da mercante i v , prendere lucciole per lanterne i v , fare
lo gnorri i v , prendere fischi per fiaschi i v . Tralasceremo le espressioni relative
alla categoria dell’incomprensione che abbiamo affrontato nel paragrafo pre-
cedente.
Osserviamo innanzitutto che si tratta quasi esclusivamente di polirematiche
dei tre termini centrali del dominio uditivo: orecchio, ascolto, udito, che risultano
infatti spesso intercambiabili nelle occorrenze testuali. Oltre a ciò, tra queste
ci sono diverse coppie sinonimiche, anche queste prodotto del meccanismo di
sostituzione di costruzioni molto trasparenti per il parlante, perché ad esempio
basate su un tipo di estensione metaforica già ampiamente lessicalizzata in italia-
no. Troviamo dunque:
I. porgere orecchio/ascolto, prestare orecchio/ascolto, dare orecchio/ascolto
II. aguzzare le orecchie, drizzare le orecchie/gli orecchi, tendere l’orecchio
III. aprire gli orecchi/le orecchie, spalancare gli orecchi
IV. rompere i timpani, spaccare le orecchie/i timpani
Vediamo innanzitutto di avere un quadro della loro occorrenza testuale per
poi osservarne l’uso.
Nel gruppo porgere orecchio/ascolto, prestare orecchio/ascolto, dare orecchio/
ascolto vi è una doppia tipologia di usi: a) prestare attenzione come in [55] [57]
[58]; b) dare retta, ubbidire come nel caso frequentissimo di dare ascolto ad
esempio in [54] [56].
[54] #138658412 supplica [1] Salmo. Di Davide. Signore, ascolta la mia preghiera, porgi
l’orecchio alla mia supplica, tu che sei fedele, e per la
[55] #241237914 comunicare significa rapportarsi agli altri a 360°, non solo porgendo
l’orecchio per ascoltare le parole che escono dalla bocca
[56] #25829656. Attraverso Abram tutte le nazioni saranno benedette. Abram ascol-
to, obbedisce e parte. Il salmo 32 esprime la fiducia
65
[57] #32685566 con la caparbietà di un ragazzo testardo, era riuscito a non dare ascolto
ai loro vocalizzi di disappunto, continuando a lavorare
[58] #377001800 in catena all’appello puntuale s’alza Visibile a chi vuole dare udito al
mio padrone e al suo dito sfuggito ;-) scritto il 09 _ 04
Tabella 13
Gruppo di polirematiche del porgere ascolto
Lemma Classe Marca
d’uso
Freq.
ItWac
Orecchio Udito Ascolto
Porgere orecchio/ascolto Ib CO 346 297 -49
Prestare orecchio/ascolto Ib CO 943 288 -655
Dare orecchio/ascolto Ib CO 2.910 204 1 2.705
Il gruppo aguzzare le orecchie, drizzare le orecchie/gli orecchi, tendere l’orec-
chio è costituito da verbi dell’attenzione, e in particolar modo dell’atten-
zione selettiva. La metafora dell’aguzzare come rendere più penetrante è
peraltro comune, la troviamo in altri contesti sensoriali, aguzzare la vista,
aguzzare gli occhi, aguzzare lo sguardo, in un senso del tutto simile espresso
sulla modalità visiva e in contesti cognitivi, aguzzare la mente, l’ingegno.
Questo gruppo è piuttosto omogeneo, di natura molto concreta e si applica
solo a orecchio e non ad ascolto e udito proprio perché rimanda a una situa-
zione fisica specifica.
I due verbi aprire gli orecchi/le orecchie, spalancare gli orecchi, in realtà simili
ai precedenti, aggiungono a questi un aspetto spesso rappresentato da espres-
sioni come apri bene le orecchie con una determinazione avverbiale. Anche in
questo caso applicati soprattutto a orecchio [59], con un unico caso di spalancare
l’ascolto [60].
[59] #323868753 non sono soddisfatti della posizione attuale faranno bene a spalancare
occhi e orecchie. In ferie, magari sotto l’ombrellone o durante
[60] #1439573402 democratica nel percorso di un’Europa sempre più coesa”. Spalan-
chiamo l’ascolto a coloro che - ha rilevato il ministro - di più
Le due polirematiche aprire gli orecchi/le orecchie, spalancare gli orecchi sono per
certi versi simili al primo significato di aprire gli occhi nel senso di «1 svegliarsi |
fig., stare attento | fig., capire una situazione»54.
Infine il gruppo rompere i timpani, spaccare le orecchie/i timpani nel senso
di “assordare” è caratterizzato dall’uso dei termini concreti (orecchio, timpani)
rispetto alla coppia udito/ascolto.
54. De Mauro, Grande dizionario, cit., vol. i, p. 378.
66
Tabella 14
Gruppo di polirematiche dell’attenzione
Lemma Classe Marca
d’uso
Freq.
ItWac
Orecchio Udito Ascolto
Aguzzare le orecchie II CO 43 43 - -
Drizzare le orecchie/gli orecchi II CO 180 180 - -
Tendere l’orecchio II CO 614 606 8 -
Aprire gli orecchi/le orecchie IIIa CO 321 321 - -
Spalancare gli orecchi IIIa CO 26 25 -1
Tabella 15
Gruppo di polirematiche del rompere i timpani
Lemma Classe Marca
d’uso
Freq.
ItWac
Orecchio Udito Ascolto Timpani
Rompere i timpani II CO 74 10 - - 64
Spaccare le orecchie/
i timpani II CO 85 30 - - 55
7
Verba recipiendi nel continuum
tra suono, senso e rappresentazione astratta
Abbiamo visto alcune caratteristiche dei verba recipiendi e messo in luce alcuni
metodi utili per la valutazione anche quantitativa di questi verbi. Tentiamo ora
di collocare insieme alcuni dei dati raccolti per mostrare come gli oggetti meta-
linguistici (come significato, senso, parola, discorso, testo, voce, nome, espressione,
frase, messaggio, racconto, affermazione, battuta, verso, brano, lettera, linguaggio,
segno, contenuto) vengano ad essere associati più all’uno o all’altro verbo in uno
spazio continuo che ci permette di mettere in luce come i diversi verbi di ricezio-
ne e comprensione si fanno carico di funzioni metalinguistiche.
In un lavoro del 1999 Cacciari e Levorato55 introducono la distinzione per i
verbi di percezione sensoriale tra gradiente di percezione, tendenza per il verbo
ad assumere significati direttamente legati allo stimolo sensoriale, e gradiente di
cognizione, per gli usi metaforici e astratti che colgono aspetti complessi della
cognizione. Poiché si tratta di un continuum senza salti, le autrici tentano una
collocazione dei verbi sensoriali in una scala basandosi su un test di valutazione
percettiva su soggetti. Poiché vi è un evidente divario tra come pensiamo e im-
maginiamo la collocazione di un verbo su una scala e come invece lo usiamo con-
cretamente in contesti percettivi e cognitivi, una valutazione più approfondita
55. Cacciari, Levorato, I cinque sensi, cit.
67
Tabella 16
Gradienti di salienza dei verba recipiendi con etichette linguistiche (con lo sfondo grigio sono indicate le aree a maggiore salienza)
Lemma Voce Nome Espressione Parola Frase Testo Messaggio Racconto Discorso Conversazione Lingua Linguaggio Segno Contenuto Significato Senso Concetto
Capire 0,70 2,20 2,60 5,30 1,40 3,00 4,60 1,60 5,80 -4,36 5,03 1,90 3,42 7,60 6,10 6,10
Comprendere 3,80 3,80 2,60 4,30 3,20 5,00 4,36 3,00 2,90 -4,16 4,80 2,50 4,39 7,10 4,80 5,50
Intendere 2,70 2,70 4,80 4,30 4,00 3,83 1,60 1,30 2,40 1,10 2,27 3,00 1,00 1,30 4,40 2,60 4,60
Sentire 9,20 4,80 3,20 6,30 5,60 2,40 2,50 4,60 5,60 2,60 1,80 1,00 0,60 -6,10 2,90 0,50
Ascoltare 8,00 2,30 1,50 7,10 4,30 1,70 4,90 6,90 6,50 6,40 2,10 3,30 -1,40 1,10 -1,00
Udire 7,20 3,30 1,00 5,80 4,00 -1,10 3,50 3,00 3,30 0,40 0,50 1,00 0,04 - - -
Captare 1,10 - - 4,20 2,50 -2,00 - - 4,00 - - 1,10 1,70 - - 8,10
Origliare - - - - - - - - 1,56 5,10 - - - - - - -
Afferrare 1,10 0,10 -1,00 - - - - 1,20 - - - - - 4,20 2,70 4,70
Cogliere 1,10 -3,40 1,90 2,70 -4,10 1,30 1,10 - - - 5,50 2,20 6,90 5,20 3,00
Decifrare - - 1,50 0,80 2,20 1,60 4,60 - - - 0,20 3,40 3,00 2,20 3,20 0,20 -
Interpretare 1,80 0,40 3,80 4,20 4,80 3,30 3,90 1,00 2,60 - - 3,80 4,50 2,90 4,90 2,80 4,30
Fraintendere - - - 1,90 2,50 -0,60 -1,50 - - - - - 2,80 1,70 1,40
Travisare - - - 1,70 - - 0,50 -0,40 - - - - 0,70 3,50 1,10 1,10
Stravolgere - - - - 0,80 2,60 0,40 -0,70 - - - - 2,80 4,50 3,10 4,20
Leggere 2,10 5,70 3,20 6,10 6,30 7,10 7,70 6,90 4,70 2,40 1,60 2,20 4,20 5,30 2,60 0,80 0,60
68
di questo aspetto importante deve essere affrontata con altri mezzi, ad esempio
usando solamente informazioni di natura testuale e mediante l’uso di dati quan-
titativi derivati da misure di associazione.
Un modo per collocare in uno spazio i verba recipiendi usando solo informa-
zioni testuali è quello di usare la misura di salienza relativa alla co-occorrenza
del verbo in una data relazione con il nome di un oggetto linguistico. Si sono
dunque selezionati alcuni verbi dei più rappresentativi per ogni classe tra i verba
recipiendi: capire, comprendere, intendere, sentire, ascoltare, udire, captare, ori-
gliare, afferrare, cogliere, decifrare, interpretare, fraintendere, travisare, stravolge-
re, leggere. Di questi si sono estratti i dati di salienza relativi all’associazione con
alcune etichette di oggetti metalinguistici (voce, nome, espressione, parola, frase,
testo, messaggio, racconto, discorso, conversazione, lingua, linguaggio, segno, con-
tenuto, significato, senso, concetto). I risultati sono accessibili in tabella 16.
Anche senza fare un’analisi in dettaglio, non possibile qui per questioni di spa-
zio, emergono tuttavia una serie di regolarità: a) i verbi capire, comprendere, leggere
sono quelli che applicati all’area linguistica spaziano di più tra il dominio percet-
tivo, il dominio testuale e il dominio semantico; b) i verbi intendere, sentire, ascol-
tare, udire privilegiano oltre al lato percettivo anche quello, se vogliamo, lessicale
e sintattico (poiché sono anche quelli che selezionano con maggiore significatività
parola e frase); c) sono sempre i verbi citati ai punti precedenti, cui si aggiunge in-
terpretare, a preferire il dominio generalmente testuale (messaggio, testo, racconto,
discorso); d) sembra esserci, almeno con i dati attuali, una significativa preferenza
per gli oggetti testuali del parlato (discorso, conversazione) solo per ascoltare e poi
per gli specifici captare e origliare; e) i verbi più semiotici (che si applicano, ad
esempio, a segno e linguaggio) sembrano essere, oltre a capire e comprendere, i
due verbi ermeneutici decifrare e interpretare; f) i verbi dell’incomprensione (in
particolare travisare e stravolgere) e anche i due verbi afferrare e cogliere hanno una
preferenza per oggetti semantici come senso, significato, concetto.
Certamente si tratta solo di una carrellata che consente un’esplorazione delle
associazioni frequenti. Non solo la lista delle etichette andrebbe ampliata e cate-
gorizzata la serie di etichette metalinguistiche da analizzare, ma sarebbero anche
da valutare l’utilità di usare metodi di clustering automatico dei dati e anche la
correlazione tra elementi appartenenti alle due classi dei verbi e dei nomi.
8
Considerazioni conclusive
I verba recipiendi e i loro usi sono una lente interessante da cui osservare i
meccanismi di ricezione e comprensione. Tali verbi nelle loro caratteristiche
di varietà, generalità, astrazione, polisemicità e produttività polirematica non
vanno solamente confrontati con i verbi della produzione linguistica, ma vanno
anche meglio collocati all’interno del gruppo dei verba sentiendi di tipo prima-
riamente percettivo, con i quali condividono moltissime proprietà. Abbiamo
cercato dunque di mettere in luce alcune delle ragioni per cui i verba recipiendi
vanno interpretati come particolarmente ricchi e variati rispetto ad altri verbi
69
sensoriali, quali i verbi del tatto, del gusto e dell’olfatto. In questa prospettiva la
questione della valutazione delle caratteristiche linguistiche dei verba recipiendi
non può essere affrontata né da un punto di vista esclusivamente linguistico, né
da un punto di vista esclusivamente cognitivo, ma integrando la riflessione sul
carattere simbolico, sull’uso di questi verbi, sulla deissi e sulle relazioni eviden-
ziali implicate nel loro uso con la dimensione simbolica, linguistica e testuale. I
verba recipienti, infatti, come gli altri verbi di percezione, non hanno solamente
un rilievo e un valore descrittivo, pragmatico e metalinguistico, ma anche, e
forse primariamente, un valore conoscitivo attraverso la loro relazione diretta
in primo luogo con il senso dell’udito. In questo sfondo bisogna inoltre tener
conto delle restrizioni fisiche e forse anche neurologiche che derivano dall’es-
sere l’udito un senso non modulabile, inerte e poco governabile da attività vo-
lontarie56.
Si è inoltre cercato di far luce sui verba recipiendi tentando di classificarli e
di osservarne gli usi testuali, in modo da esaminare concretamente come questi
sono usati, quanto effettivamente le accezioni siano applicate a domini linguistici
e dunque se, e in quale misura, alcuni tra i verba recipiendi siano da considerare
come specificatamente linguistici. La stima quantitativa della specificità lingui-
stica dei verba recipiendi è molto complessa e, soprattutto quando si lavora su
corpora molto grandi, difficile da valutare dato il numero di occorrenze effettivo
di ciascun verbo (se si pensa che solo sentire in ItWac ha circa 650.000 occorren-
ze, si può avere un’idea della non praticabilità dell’osservazione di tutti i casi e
quindi di una valutazione completa). D’altra parte, corpora più piccoli soffrono
per tutte le fasce (si pensi al caso di udire nel LIP), ma soprattutto per la fa-
scia del vocabolario comune, di problemi di campionamento e i verba recipiendi
sono quasi tutti appartenenti a questa fascia. Tra l’avere risultati non affidabili
e invece provare a trovare degli indicatori di specificità linguistica applicabili ai
grandi corpora, certamente si preferisce la seconda strada. Un primo tentativo
è stato quello di stimare la percentuale di usi specificatamente linguistici delle
costruzioni con un oggetto diretto espresso, come si è qui proposto. Si tratta
tuttavia di una sottoclasse circoscritta degli usi effettivi dei verbi, peraltro nello
scritto e ancor più nel parlato non si tratta della costruzione dominante (si pensi
al caso di capire per cui le costruzioni con oggetto diretto sono 81.515 su un totale
di 509.844 occorrenze del verbo), e probabilmente c’è da attendersi che, almeno
nel parlato, gli usi senza oggetto diretto anche come marcatori discorsivi siano
specificatamente linguistici.
56. Tutto questo ovviamente ha dei limiti: l’udito può essere selettivo, distingue figura e
sfondo, può congiungersi con sforzi di attenzione verso aspetti particolari, può essere almeno
parzialmente filtrato, ed è anche in parte governato da meccanismi involontari (si pensi all’effet-
to cocktail party per cui, in un ambiente molto rumoroso, se qualcuno pronunzia il nostro nome
l’attenzione si sposta verso quello stimolo uditivo che emerge in maniera del tutto involontaria).
Su questo si vedano: E. C. Cherry, Some experiments on the recognition of speech, with one and
with two ears, in “Journal of Acoustical Society of America”, x x v , 1953, pp. 975-9; S. Haykin,
Z. Chen, The cocktail party problem, in “Neural Computation”, x v i i , 2005, pp. 1875-902; J. H.
McDermott, The cocktail party problem, in “Current Biology”, x i x , 2009, pp. 1024-7.
70
Un altro aspetto che abbiamo osservato è il tipo di determinazioni avverbiali
(avverbi e locuzioni avverbiali) di ciascun verbo: la prevalenza o varietà di deter-
minazioni qualitative (soprattutto sulla scala bene/male), quantitative o graduali,
temporali e anche delle negazioni ed espressioni dubitative. Utilizzando global-
mente le informazioni sulla varietà, frequenza, salienza di queste classi avverbiali
è possibile fornire un profilo contrastivo degli usi dei verba recipiendi che ci
permette di cogliere differenze interessanti, non sempre facilmente individuabili
intuitivamente. In questo modo si possono anche immaginare dei gradienti di
qualificazione, quantificazione, temporalità, negazione. Applicando sistematica-
mente ai verba recipiendi le misure di tendenza individuate è possibile osservare
su base empirica le differenze e somiglianze tra singole forme verbali e classi e
determinarne sia la relazione con gli altri verbi di percezione sensoriale sia molto
più dettagliatamente le loro caratteristiche di specificità linguistica.
La chiarificazione del ruolo e degli usi dei verba recipiendi necessita ancora
di indagini più approfondite. In particolare, a) non è sufficiente un approccio
testuale, ci vuole anche un approccio pragmatico che osservi le funzioni dei
verba recipiendi nella conversazione e nel parlato tout court, e che metta in re-
lazione le espressioni linguistiche con aspetti contestuali, percettivi, cognitivi
e deittici; b) è essenziale, inoltre, tener conto ed esaminare le peculiarità d’uso
di questi verbi in corpora di parlato adeguatamente ampi e adeguatamente eti-
chettati e, in particolare, osservarli nei meccanismi concreti della comunica-
zione parlata in generale e nella conversazione in particolare per osservarne
le peculiarità funzionali ed eventuali discrepanze nell’incidenza testuale; c) è
necessario ampliare all’intero campo semantico dei sensi gli uni in relazione
con gli altri, e dunque riflettere sui rapporti tra verbi di percezione ed etichette
dei sensi e delle loro manifestazioni; quindi, ad esempio, ampliare il campo dei
verbi di ricezione alle etichette uditive, ma anche alle etichette ad esse correlate,
quali le etichette della voce.
71
Ferdinand de Saussure e Monsieur B
di Giuseppe D’Ottavi
La letteratura critica ha acquisito ormai da tempo il ruolo del soggetto parlante
come componente inalienabile dalla visione linguistica saussuriana nel suo com-
plesso1.
1. Il pensiero saussuriano fu affidato, com’è noto, alla pubblicazione del Cours de linguistique
générale (Payot, Lausanne-Paris 1916 [Paris 19222]) il cui testo è il frutto (per la gran parte) di una
recensio, più e meno riuscita, dei quaderni degli allievi dei tre corsi di linguistica generale dati da
Ferdinand de Saussure (1857-1913) a Ginevra tra il 1907 e il 1911. Il lavoro si deve alla solerzia e alla
capacità di due professori ginevrini ed ex allievi, Charles Bally (1865-1947) e Albert Sechehaye
(1870-1946), che, col concorso di Albert Riedlinger (fedele frequentatore delle lezioni tra il 1907 e
il 1912, ma non del terzo corso), confezionarono la sintesi divenuta un classico della linguistica del
Novecento. Fu questa a fornire l’orizzonte degli indirizzi di ricerca della linguistica e delle scienze
umane tra gli anni Trenta e Sessanta del secolo scorso, contribuendo a lanciare e a plasmare – di
ritorno – l’immagine di un Saussure “strutturalista senza saperlo” (Mounin) che finì per essere
ampiamente adottata e diffusa. La prima tappa della svolta negli studi fu il lavoro filologico, anco-
ra prima che esegetico, di Robert Godel (1902-1984), Les sources manuscrites du «Cours de lingui-
stique générale» de F. de Saussure (SM), Librairie Droz, Genève 1957 [19692], che collocò una volta
per tutte i materiali manoscritti (confluiti o meno nel Cours) al centro della critica. Marcata come
apocrifa l’ultima frase del Cours («la linguistica ha per unico e vero oggetto la lingua considerata
in se stessa e per se stessa», CLG, p. 282; si veda SM, pp. 119, 181), apparve non più tanto salda la
vantata ascendenza saussuriana delle pulsioni autonomiste e dell’astrattismo linguistico di matrice
strutturalista. L’allestimento di un’edizione critica (o meglio, di una propedeutica a un’edizione
critica) del testo del Cours fu portato a termine da Rudolf Engler (1930-2003) con F. de Saussure,
Cours de linguistique générale, éd. par R. Engler, 4 voll., Otto Harrassowitz, Wiesbaden 1967-74
[1989-902] (CLG/E): il lavoro di Engler scoperchiò il laboratorio di Bally e Sechehaye svelando
definitivamente il Cours nella sua natura di prima interpretazione del pensiero saussuriano. Tullio
De Mauro integrò le acquisizioni filologiche di Engler al commento col quale accompagnò la sua
traduzione italiana (F. de Saussure, Corso di linguistica generale (CLG), introduzione, traduzio-
ne e commento di T. De Mauro, Laterza, Roma-Bari 1967 [201023]) dando luogo ad una sintesi
interpretativa che per completezza, coerenza e diffusione raggiunge presto lo stato di standard.
Un insieme eterogeneo di carte, note e quaderni risalenti per lo più al periodo parigino (fine
1880-1891) e involatosi per gli Stati Uniti nel 1967 ha trovato pubblicazione in tempi ravvicinati ma
in modalità differenti: un’antologia, per la cura di Herman Parret, è uscita contemporaneamente
in “Cahiers Ferdinand de Saussure”, x l v i i , 1993 [1994], pp. 179-234, e in versione italiana (F. de
Saussure, Manoscritti di Harvard, a cura di H. Parret, Laterza, Roma-Bari 1994), e cinque quaderni
di argomento fonetico sono stati fatti oggetto di un minuzioso lavoro filologico da parte di Maria
Pia Marchese (F. de Saussure, Phonétique. Il manoscritto di Harvard Houghton Library bMS Fr 266
(8), Unipress, Padova 1995). Il fiorire di edizioni di manoscritti e di note dei corsi di linguistica
generale trasversali al testo di CLG (cfr. ad esempio F. de Saussure, Introduzione al secondo corso
ResearchGate has not been able to resolve any citations for this publication.
ResearchGate has not been able to resolve any references for this publication.