Elena Dellù

Elena Dellù
Ministry of Culture Italy · Istituto autonomo Villa Adriana e Villa d'Este

PhD Archaeology - Specialization Archaeoanthropology
Italian Ministry of Culture - Villa Adriana e Villa d'Este - collaborator of Soprintendenza ABAP of Bari

About

69
Publications
8,554
Reads
How we measure 'reads'
A 'read' is counted each time someone views a publication summary (such as the title, abstract, and list of authors), clicks on a figure, or views or downloads the full-text. Learn more
20
Citations
Introduction
BIOARCHAEOLOGY-Contribute to the reconstruction of our evolution through anthropological remains./ ETHICAL MANAGEMENT OF HUMAN REMAINS-Protection and conservation from discovery to enhancement.
Education
January 2014 - May 2017
Università Cattolica del Sacro Cuore
Field of study
  • Archaeology
October 2006 - October 2007
University of Milan
Field of study
  • Forensic Archaeology; forensic physical anthropology
October 2006 - October 2007
University of Milan
Field of study
  • Physical Anthropology; Paleopathology

Publications

Publications (69)
Article
Objective To differentially diagnose cranial lesions noted on a medieval skeleton and explore the importance of comorbidity. Materials A skull of an adult female with osteolytic and osteoblastic lesions, edentulism, and an ectopic tooth from an ossuary of the Church of Santa Maria in Vico del Lazio, Frosinone Italy, dating to the Middle Ages. Met...
Article
Full-text available
The Abbey of San Leonardo in Siponto (Apulia, Southern Italy) was an important religious and medical center during the Middle Ages. It was a crossroads for pilgrims heading along the Via Francigena to the Sanctuary of Monte Sant'Angelo and for merchants passing through the harbor of Manfredonia. A recent excavation of Soprintendenza Archeologica de...
Article
INFECTIOUS DISEASES The study of infectious diseases in the past is a very interesting and important topic. In the last years a series of new tools were used in Paleopathology in order to increase the reliability of the results. The aim of our research was to present a suggestion for the approach to the study of infectious diseases in the past. Thi...
Conference Paper
Full-text available
The Abbey of San Leonardo in Siponto (Apulia, Southern Italy) was an important religious and medical center during the Middle Ages. It was a crossroads for pilgrims heading along the Via Francigena to the Sanctuary of Monte Sant'Angelo and for merchants passing through the harbor of Manfredonia. A recent excavation of the local Archaeological Super...
Article
Full-text available
Objective A reappraisal of the available evidence of osteopetrosis in the archaeological record as first step in promoting new approaches to rare diseases in paleopathology. Materials and methods Three different approaches are combined: a survey of the last 50 years of bioarchaeological publications; an online search addressing six of the more wid...
Article
Full-text available
Molti sono gli approcci innovativi che si stanno osservando negli ultimi anni in ambito bioarcheologico e archeoantropologico, ma manca a tutt’oggi in Italia un’etica di gestione dei resti umani i quali, sia negli ambiti della ricerca che della tutela, tendono ad essere oggettificati al pari delle diverse classi di materiali. Su ciò verterà il nost...
Conference Paper
Full-text available
The interaction between humanities and scientific disciplines is a slow and recent process, which is still standing influencing more and more frequently the reconstruction of our history. Ancient human remains are a significant part of our heritage, both from a cultural and biological point of view. They keep trace of our evolution at a macroscopic...
Article
Full-text available
The interaction between humanities and scientific disciplines is a slow and recent process, which is still standing influencing more and more frequently the reconstruction of our history. Ancient human remains are a significant part of our heritage, both from a cultural and biological point of view. They keep trace of our evolution at a macroscopic...
Conference Paper
Full-text available
Le testimonianze biologiche di individui riconducibili ad epoca pre-protostorica e storica, provenienti da siti di interesse archeologico, costituiscono a tutti gli effetti parte del nostro patrimonio culturale e sono tutelati ai sensi del D.Lgs. 42/2004. Sono definibili come beni culturali ‘sensibili’, in quanto testimonianze uniche ed irripetibil...
Conference Paper
Full-text available
Il presente lavoro costituisce una sintesi dei risultati ottenuti dallo scavo microstratigrafico e da un conseguente approccio multidisciplinare applicato ad uno degli ipogei dell’età del Bronzo di Trinitapoli-località Madonna di Loreto (BT), l’Ipogeo del Guardiano. La struttura ipogeica si compone di un ingresso costituito da un corridoio a cielo...
Conference Paper
Full-text available
Un progetto internazionale e multidisciplinare concentrato sui resti scheletrici di un uomo vissuto seicento anni fa a Castiglione, villaggio rurale oggi scomparso presso Conversano, e progressivamente allargato all’intero nucleo insediativo e alla storia della sua comunità nel delicato momento di passaggio tra l’età angioina e l’età aragonese. La...
Conference Paper
Full-text available
Giornata di studi organizzata dalla Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bari e dall'Università degli Studi di Bari Aldo Moro-Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici; ente partner Associazione Antropologica Italiana; Sponsor : De Marco srl. Bari, 17-18 giugno 2019 I resti umani, veri e propri 'b...
Presentation
Full-text available
In Rutigliano (Bari) a little town in South Italy - was accidentally discovered a monumental grave. A large funerary structure with quadrangular plant. It has been dated to the Final Neolithic Age (Diana culture, final V-beginning of 4th millennium B.C.) and contained three skeletal remains in crouched position: one male of 30-35 years old, one mal...
Presentation
Full-text available
In Canosa di Puglia - South Italy (locality of Palata 2) a stratigraphic deposit connected to a Neolithic settlement was brought to light in 2008. The burial referred to the individual US 21 made in a quadrangular pit and dated to the middle of 6th millennium B.C. (radiocarbon dating: LTL 5188A 6.561 ± 50 BP, calibrated 2 sigma 5.630-5.460 BC). The...
Article
Full-text available
in 'Atti della Giornata di Studi (Sarzana, 1 luglio 2017), Luna tra età romana e medioevo. Dati inediti e rivisitazioni', 'Centro Studi Lunensi - Quaderni', 2018
Conference Paper
Full-text available
The arrival of leprosy in Italy is a very controversial topic, as is its diffusion in Europe. According to the most accredited theories on a molecular basis, leprosy spread in Eurasia from Eastern Africa about 80,000 years ago (Monot et al 2005) following the migratory routes of H. sapiens “out of Africa”. To date, in ancient time dissemination str...
Conference Paper
Full-text available
A site inspection at the Church of Santa Maria in Vico nel Lazio led to the discovery of a crypt whit numerous burials related to the medieval settlement, which is dated between the 13th and the 15th century. The human remains belongs to both male and female individuals and fully represent the demographic sample for the presence of either adults an...
Conference Paper
Full-text available
Un seminario per mostrare l'importanza di un dialogo tra discipline umanistiche e scientifiche. Sinergie necessarie per scavare, documentare, ricostruire e valorizzare storie di uomini e popolazioni passate. A parlarcene saranno membri dell'ISCUM, esperti del mondo accademico e del MiBACT.
Article
Full-text available
Nell'ambito delle indagini archeologiche condotte tra il 2013 e il 2014 all'interno della chiesa duecentesca dei SS. Filippo e Giacomo di Nosedo (MI) - svolte in accordo tra la Soprintendenza Archeologia della Lombardia e l'Università Cattolica del Sacro Cuore - è stato riportato alla luce un sepolcreto in uso tra la metà del XV e gli inizi del XVI...
Conference Paper
Full-text available
In 2014 and in 2015, the discovery of two (medieval and modern) deviant burials - one placed prone and the other burned - in the church of San Calocero Albenga (SV) turned the international spotlight on this type of depositions. The occasion was an incentive to investigate the issue of deviant burials, focusing the interest on medieval and post-med...
Article
Full-text available
A recent project of museum redevelopment involved the archaeological site of the episcopal complex in Milan, located under the churchyard of the Cathedral. This opportunity allowed to carry out stratigraphic surveys in the areas interested by the works. The project of musealization, sponsored by the "Veneranda Fabbrica del Duomo" and Regione Lombar...

Network

Cited By

Projects

Projects (10)
Project
Traditional national and international approaches; new ways of managing ancient human remains
Project
Una piccola rivoluzione per proporre un'idea dell'archeologia e dell'antropologia più vicina alla gente grazie al supporto della tecnologia. È questa l'idea di fondo del progetto Officina del Tempo di ArcheoExplora e FabLab Poliba, che sarà presentato questo pomeriggio al Fablab Poliba, in viale delle Nazioni, a Bitonto, nella zona artigianale. Un modo per sperimentare esperienze innovative alla scoperta di un Medioevo multietnico in terra di Bari, attraverso i 7 laboratori interattivi con cui sarà possibile entrare a far parte del pool di ricerca impegnato nell'ambizioso obiettivo di ricostruire, partendo dai resti trovati nella sua sepoltura, il volto e la vita di una vera donna, vissuta in epoca medievale e sepolta a Lama Misciano, tra Bitonto e Modugno. Le attività laboratoriali, pensate sia per i grandi che per i più piccoli, sono aperte a tutti in maniera gratuita e le prenotazioni sono partite già alcuni giorni fa. Sette, come detto, i laboratori previsti: quello di Antropologia (1° sessione ore 16.00 e 2° sessione ore 19.00), che è un'esperienza diretta di ricostruzione del profilo biologico sui resti scheletrici rinvenuti; quello di Ricostruzione Manuale, pratiche di ricostruzione manuale del volto attraverso lo studio attento dei resti scheletrici; quello di Fotogrammetria, durante il quale si effettua la scansione tridimensionale dei resti della sepoltura mediante fotogrammetria digitale; quello di Realtà Virtuale, in cui si potranno vivere esperienze di virtual reality in ambiente archeologico; quello di ArcheoGiochiamo, riservato ai più piccoli, impegnati in vere e proprie esperienze di scavo archeologico; quello di Stampa in 3D, di manifattura digitale con stampanti 3D a FDM e SLA per la riproduzione dei resti scheletrici; quello di Illustrazione Digitale, su fondamenti di grafica e pittura digitale applicate al tema del cranio su postazione Wacom Cintiq. «L'idea di organizzare un open day di archeologia – spiega Michaela Ciocia, archeologa bitontina di ArcheoExplora – nasce dalla volontà di sfatare un preconcetto, perchè solo attraverso un approccio multidisciplinare l'archeologo può ricostruire in maniera verosimile il passato. Lo scopo è accendere l'attenzione su contesti archeologici finora trascurati, come il caso di Lama Misciano. L'obiettivo è però lo stesso: valorizzare, tutelare e conservare la memoria storica e territoriale». «Qui al FabLab – tiene a precisare il professor Nicola Parisi, direttore del Centro Tecnologico di Fabbricazione Digitale FabLab Poliba - intendiamo aggiornare gli statuti tradizionali del sapere. Per questo è stato un grande piacere lavorare sull'antropologia: crediamo che qualsiasi disciplina scientifica debba andare verso il futuro attraverso i nuovi strumenti del mondo digitale». Il progetto sarà presentato nel dettaglio, come detto, oggi pomeriggio, a partire dalle 16, in una conferenza aperta a tutti alla quale interverranno Michele Abbaticchio - sindaco della città di Bitonto, il professor Eugenio Di Sciascio - Magnifico Rettore del Politecnico di Bari e Luigi La Rocca - soprintendente SAPAB della Città Metropolitana di Bari. Seguiranno gli interventi del professor Nicola Parisi - Politecnico di Bari, del professor Sandro Sublimi - Università degli Studi di Bari, della dottoressa Elena Dellù - SAPAB Città Metropolitana di Bari, della dottoressa Michaela Ciocia - Archeoexplora, e del professor Maurizio Michilli - Università di Sassari. "Officina del Tempo" nasce da un'idea dell'associazione Archeoexplora e del Centro Tecnologico Fablab Poliba, in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica e delle Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Bari, il Comune di Bitonto, il Laboratorio di Antropologia dell'Università degli Studi di Bari e libere professionalità.