NSC Nursing

Published by Ordine delle Professioni Infermieristiche di Napoli
Online ISSN: 2612-6915
Publications
Introduzione: La pandemia da Covid-19 ha inevitabilmente avuto un impatto significativo sul nostro stile di vita, stravolgendo e mutando modalità di lavoro, tempo libero e abitudini quotidiane. La più grande e grave pandemia degli ultimi 100 anni ha messo in luce la fragilità dei sistemi sanitari di tutto il mondo. Questo in Italia ha determinato, oltre alle migliaia di morti causate dal virus, anche i “danni collaterali” dovuti al fermo dei ricoveri ospedalieri e delle prestazioni ambulatoriali per tutti gli altri malati. Materiali e Metodi: Attraverso il motore di ricerca Pubmed, con filtro di ricerca la parola “lockdown” AND “Italy” e considerando il periodo di tempo tra l’01/02/2020 e il 6/11/2020, compaiono 591 risultati. Sono stati presi in considerazione esclusivamente gli articoli e le citazioni che contenessero dati ospedalieri riferiti al periodo gennaio - maggio 2020, per un confronto con lo stesso periodo del 2019 Analisi dei dati: Gli studi selezionati mostrano uniformemente in tutto il territorio italiano un calo di ingressi e di ricoveri per patologie diverse dal Covid-19. Su 40 studi presi in cosiderazione, solo una voce ha mostrato un aumento delle prestazioni rispetto all’anno precedente. Le prestazioni sono calate poiché, durante l’era del Coronavirus, si sono ridotte le risorse per tante patologie croniche e di urgenza e per la loro prevenzione, risorse che sono state invece destinate alla lotta al Coronavirus; inoltre sono calati gli accessi al Pronto Soccorso. Conclusione: per evitare eventuali future riduzioni di prestazioni ospedaliere causa pandemia occorre trovare soluzioni alternative all’ospedale, come il potenziamento della prevenzione e della medicina nel territorio. Inoltre è indispensabile l’informazione alla cittadinanza su un uso adatto del Pronto Soccorso, anche se il calo di ricoveri per patologie a rischio vita è un chiaro segno di paura al servirsi di tale servizio in caso di emergenza.
 
Prevalence of the side effects of COVID-19 vaccines among age groups
Background: Communities around the world have expressed concern about the safety and side effects of SARS-CoV-2 vaccines. The adverse effects of the Covid-19 vaccines played a critical role in public trust in the vaccines. The current study aimed to provide evidence on the side effects of the BNT163b2 mRNA COVID-19 vaccine (Pfizer-BioNTech®); ChAdOx1 nCoV-19 vaccine (AstraZeneca®); BBIBP-CorVvaccine (Sinopharm®) COVID-19 vaccines. Material and Methods: A cross-sectional study design was performed from April 26th, 2021, to June 3rd, 2021. Convenience sampling was used to select respondents; face validity was performed to the mandatory multiple-choice items questionnaire to cover the respondent’s demographic characteristics, coronavirus-19 related anamneses, and the side effect duration of coronavirus-19 vaccines, the data were analyzed by using descriptive statistics. Results: The 588 participants enrolled in the current study. ChAdOx1 nCoV-19 vaccine received 49.7%, followed by BNT163b2 mRNA COVID-19 vaccine and BBIBP-CorV (39.5% and 10.9%). The most common complaint was headache (61.2%), followed by vaccine injection site discomfort (58.8%), fatigue (49.7%), fever (48.3%), muscle discomfort (42.9%), and approximately (10.5% and 10.2%) had injection site swelling and nausea, respectively. Most of those surveyed had postvaccine symptoms for one to two days (25.2%), (41%), and only a small percentage (3.7%) experienced them for over one month. ChAdOx1 nCoV-19 vaccine handled 53% of the side effects, followed by BNT163b2 mRNA COVID-19 vaccine (42%) and BBIBP-CorV vaccines (5%). Conclusion: Prevalence of various local and systemic vaccines side effects, such as headache, fever, and pain at the injection site, was observed. Almost all participants had mild symptoms and were well-tolerated .AstraZeneca® vaccine has the most side effects, followed by the Pfizer® vaccine, and the Sinopharm® vaccine has the least. More independent studies on vaccination safety and public awareness are critical to improving public trust in vaccines.
 
Un neonato sano a termine dovrebbe essere tenuto a contatto pelle a pelle con la propria madre che ha avuto un parto vaginale o un taglio cesareo con anestesia epidurale subito dopo la nascita o non appena possibile. Si definisce rooming in la permanenza del neonato e della madre nella stessa stanza in un tempo più lungo possibile durante le 24 ore. Lo scopo di questo articolo di commento è quello di discutere e generare riflessioni sulle conseguenze che il Covid-19 sta generando in quanto sta cambiando la vita e l’esperienza pre- e post-natale di molte madri e neonati nonché delle loro famiglie condizionando il contatto precoce, la diade madre-bambino, l’allattamento.
 
Following the Covid-19 pandemic, healthcare personnel had to face a very difficult period linked to the healthcare emergency, with important repercussions from a professional and personal point of view. These aspects have been explored by numerous researches on an international level, but only a small number of articles have investigated the phenomenon in the Italian context. The aim of this research is to describe the experience of healthcare workers in a Covid ward, exploring their emotional responses. Materials and Methods: The study consists of a qualitative research with a phenomenological approach according to Giorgi. Narrative interviews were used with healthcare workers who worked in a Covid ward at the San Camillo health centre in Turin, a hospital specialising in second level functional recovery and re-education. Results: Through the field research, 12 interviews were collected, involving 9 nurses and 3 socialhealth workers, working in a ward dedicated to the care of Covid-19 patients. The common themes that emerged concerned: the beginning of the Covid operator's "journey", characterised by a profound change in professional life since the beginning of the pandemic; the whirlwind of emotions and feelings experienced (fear, feeling blocked, annulled, powerless, depersonalised by suits and masks, anguish due to both physical and psychological isolation, etc.); relations with family members and friends; the relationship with the patient's family; relations with the operators' families; the risk of contagion and the fear of infecting oneself and one's loved ones; the group as a handhold for not giving up, as a point of strength, union and trust; the awareness of change with the desire to take one's own life back into one's own hands, taking advantage of the good things this time can give. Conclusions: The research highlights the ability of the operators to identify positive aspects in the experiences lived, the union and trust in the group and the support of the family despite the strong fear of contagion. There are also important suggestions to reinforce strategies for dealing with such health emergencies and the importance for each individual in feeling accompanied throughout the process, in the difficult challenges they face.
 
Lo scopo di questo articolo di commento è quello di discutere e innescare riflessioni sulle conseguenze di un eventuale arruolamento degli studenti del 3 anno del CdL in Infermieristica, come rinforzo nei setting ospedalieri per il contenimento dell’emergenza COVID-19. Le loro competenze limitate potrebbero generare esiti negativi nel sistema salute. Parole Chiave: Studente Infermiere, Infermieristica, Pandemia, COVID-19, Infezione.
 
Introduction. Nausea and vomiting are the most common symptoms experienced by pregnant women in the first trimester, and these symptoms are experienced by 70-85% of women. Nausea and vomiting are often experienced by pregnant women, especially in the first trimester, affecting about 50-80% of pregnant women. Management of nausea and vomiting in pregnancy consists of pharmacological and non-pharmacological. This study aims to analyze the effect of acupressure therapy on nausea and vomiting. Methods. This type of research is a quasi-experimental design using a two-group pre-post design involving 30 first trimester pregnant women who experience nausea and vomiting selected by purposive sampling. The criteria for the participants were gestational age at 10-16 weeks and maternal age at 20-35 years (productive age), while mothers taking nausea and vomiting drugs were excluded from this study. Data analysis used the Wilcoxon test and Mann-Withney test. Results. a significant decrease group with p-value <0.05. Based on the Mann Whitney test, it was found that the p-value for the pre in the frequency of moderat nausea and vomiting scores before and after acupressure in the intervention -test (<0.0001), and the post-test was 0.55, post test scores showed no difference between the two study groups. Conslusion. The study shows encouraging signs about reducing the frequency of nausea and vomiting in first-trimester pregnant women, so this therapy can be used as an alternative intervention for pregnant women who experience nausea and vomiting. Keywords: Acupressure, Nausea Vomiting, Pregnant Women, Non-pharmacological Therapy
 
Introduzione In Italia circa 3,5 milioni di donne ed 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Si tratta di una condizione emergente a causa dell’invecchiamento della popolazione, che colpisce il 50% circa delle donne dopo i 70 anni, a seguito del sopraggiungere della menopausa e dei conseguenti cambiamenti fisici. È stata riscontrata la necessità, da parte delle donne, di maggiori informazioni relative a questa patologia al fine di attuare valide strategie preventive, necessità la cui soddisfazione rientra nelle competenze infermieristiche avanzate. Obiettivi: valutazione delle conoscenze relative alle strategie preventive e l’attuazione di interventi educativi finalizzati al loro miglioramento. Materiali e metodi Il campione reclutato è costituito da pazienti afferenti agli ambulatori di Ginecologia presso due Aziende Sanitarie Locali in provincia di Napoli e Caserta, di età compresa tra i 40 ed i 70 anni alle quali è stato sottoposto un intervento preventivo finalizzato all’incremento delle conoscenze in merito all’osteoporosi, successivamente valutato attraverso l’ausilio di un questionario realizzato ad hoc sulla base dei dati raccolti in letteratura. Risultati È emerso l’intervento educativo attuato, a cui hanno partecipato 54 donne, è stato ritenuto utile, sotto ogni suo aspetto, in buona percentuale. Conclusioni Dallo studio si evince la necessità di realizzare interventi educativi finalizzati a favorire la prevenzione di questa patologia. L’esercizio di tali attività rientra tra le competenze infermieristiche e quindi la funzione educazionale dell’infermiere ha assunto una valenza complementare della funzione assistenziale e di cura.
 
Introduzione: La Malattia Renale Cronica è diventata un importante problema di salute globale, con una prevalenza che va da 8% a 16% nella popolazione adulta. Il paziente con Malattia Renale all’ultimo Stadio in trattamento con emodialisi, deve aderire ad una terapia complessa, impegnativa e di lunga durata. Il controllo dei fluidi nei pazienti in dialisi rappresenta un importante fattore predittivo di esito ma è una restrizione difficile da raggiungere. La percezione della self-efficacy risulta avere un ruolo fondamentale nell’aderenza terapeutica; pertanto l’obiettivo della revisione è stato quello di identificare le relazioni tra la self-efficacy nei soggetti in trattamento emodialitico e il livello di adesione al corretto introito di liquidi. Materiali e Metodi: La revisione è stata condotta utilizzando il database PubMed, nel periodo tra gennaio 2007 ed agosto 2017. Sono stati inclusi studi primari, revisioni sistematiche e Linee Guida. Le parole chiave utilizzate sono state Malattia Renale allo Stadio Terminale; emodialisi, auto-efficacia; restrizione di liquidi. Risultati/Discussione: Dalla revisione è emerso che la self-efficacy è stata positivamente correlata con la cura di sé. Pertanto è necessaria la rilevazione del livello di self-efficacy per la valutazione predittiva dell’aderenza alla restrizione dei liquidi. Programmi di miglioramento, di autogestione e di auto-efficacia possono influenzare l’aderenza al controllo di liquidi nei soggetti affetti da malattia renale cronica in trattamento emodialitico.
 
Background: The Italian health system related to mental disorders is currently experiencing a period of radical reforms. This process began in 1978 with the adoption of the law 180 which produced a radical reform in mental health care. The problems of the continuous confrontation with increasing levels of expenditure are reflected in the search for models to improve both the efficiency and effectiveness of the health care system. Among these, the value creation model proposes to optimize the relationship between effectiveness, quality, and appropriateness of care on the one hand, and efficiency, cost and how resources are used on the other. The intervention involves redesigning services on the principles of recovery; implementing treatments supported by scientific evidence; encouraging processes of social inclusion. The proposed rehabilitation interventions are recovery oriented that place the person at the center of his rehabilitation path, motivating him in assuming responsibility for the treatment proposed during hospitalization. Objective: Evaluate the impact of the organisational reorganisation of the DSM S.R.R Regional Health Service of Ancona Area Vasta 2 by introducing evidence-based and recovery-oriented practices through the evaluation of clinical outcomes and psychosocial functioning. Methods: Longitudinal descriptive observational study with evaluation of a cohort of 13 patients, hospitalized in residential and semi-residential care at SRP1 “Casa Rossa” Area Vasta 2 of Ancona, by administration of a questionnaire (HoNOS) at the time of recruitment (February 2019), at 6 months (August 2019) and at 12 months (February 2020). The 12 items of the questionnaire were grouped into four subsets: behavioural problems (items 1-3), deficits and disabilities (items 4-5), psychopathological symptoms (items 6-8) and relational/environmental problems (items 9-12). Results: Survey results show a reduction in mean scores at 6 and 12 months compared to baseline in all subscales. Conclusions: Intensive mental health residential facilities need to put more effort into evaluating effectiveness in practice, using appropriate tools for outcome assessment and analysis of results. It is possible, in daily clinical practice, to evaluate the outcome of admissions in order to satisfactorily describe the changes induced during the period of hospitalization.
 
Introduction: Women in reproductive age are at high risk of iron deficiency anemia during the menstrual cycle. Adequate knowledge, attitudes, practices, and prevention towards anemia are necessary.There is a dearth of information on the evaluation of study characteristics and the overall quality of evidence of intervention studies in improving knowledge, attitudes and practices of anemia among adolescents. Aim: The purpose of this study is to examine the impact of health educationinterventionson the knowledge, attitudes, practices, and prevention towards anemia in adolescent girls. Therefore, the review question are “What health education methods are best used to improve knowledge, attitudes, practices, and prevention of adolescent?”, “What is the effect of health education interventions on anemia in adolescent girls?” Methods: This systematic review was conducted using the Preferred Reporting Items for Systematic Reviews and Meta-Analyses Protocols) Checklist whichinvolved studies published between 2000 to 2021 through the databases of PubMed, ScienceDirect, Willey online Library, Cochrane, in English version. Study quality assessed using the National Institutes of Health (NIH) on controlled intervention studies. The risk of bias of the studies included assessed using The Cochrane Risk of Bias Assessment Tool.Data of the studies included were synthesized thematically in order to understand the effectiveness of mobile application. Atidentification stage, there are 1,414 publications were discovered through backward searching of relevant papers. The full-text screening was conducted on 34 articles and the finding 22 articles failed to meet eligibility criteria at the full-text screening stage, and only 12 articles were finally eligible for further analysis. There are twelve studies included in this study, strengthening the components of health education and increasing Iron-Folic Acid (IFA) knowledge among adolescent girls is beneficial in reducing iron deficiency anemia in adolescent girls Results: The results of the review article showed that health education interventions, giving iron supplements and multivitamins were effective in overcoming iron deficiency anemia in adolescent girls. Educational interventions also increase the knowledge of young women about iron deficiency anemia Conclusions: Health Education intervention for the treatment of iron deficiency anemia among adolescent female improved their knowledge, attitude, practice,and prevention Keywords: adolescent girl, health education, iron deficiency anemia, anemia
 
Introduction: Breast cancer is the most frequent type of cancer in women, and it is one of the major causes of mortality. Efforts should be made to prevent breast cancer by using the breast self-examination (BSE) method of early diagnosis. This study aims to determine the effectiveness of the demonstration and audio visual methods on adolescent knowledge about breast self-examination at SMA Pertiwi 1 Jambi City, Indonesia. Methods. This study is a quasi-experimental study using a two-group pretest-posttest design at the private high school Pertiwi 1 Jambi City, involving 122 participants divided into two groups. Group 1 consisted of 61 participants given BSE material by demonstration, while group 2 consisted of 61 participants given material using audio-visual media. Data processing in this study used univariate and bivariate analysis, and the statistical test used was the Wilcoxon test. Results. The results showed that there was an increase in students' knowledge about BSE after the demonstration with p-value < 0.0001, and displayed audio-visually with p-value < 0.0001. Conslusion: demonstration and audiovisual methods proved effective in increasing adolescent knowledge about breast self-examination at at SMA Pertiwi 1 Jambi City, Indonesia. Keywords: breast self-examination, knowledge, cancer, demonstration, audio visual
 
Introduzione: I Disturbi dell’Alimentazione (DA), rappresentano un problema di salute pubblica in costante crescita nei Paesi industrializzati. Il nucleo familiare di chi è affetto da tali DA sembra essere incluso marginalmente nei programmi terapeutici, con possibile danno per l’intero processo di cura. Obiettivo/scopo Valutare i bisogni assistenziali dei genitori di soggetti affette da DA e l’efficacia dell’home treatment (HT) rivolto a persona giovane, affetta da Disturbo del Comportamento Alimentare. Metodo: revisione della letteratura condotta sulle banche dati elettroniche di Medline, Cinahl ed Embase. Risultati: Dagli studi selezionati si evincono i principali bisogni individuati dalle famiglie di soggetti affetti da DA in HT. Conclusioni: La ricerca conferma l’esistenza di situazioni nelle quali la famiglia necessita supporto ed educazione nella gestione dei figli con DA, tale sostegno va garantito da un'equipe multidisciplinare. L'Infermiere potrebbe supportare l'intero percorso adattando le proprie competenze allo specifico contesto.
 
Introduzione: la plagiocefalia è una deformazione del cranio a varia eziologia. Essa può essere sinostosica o non ed è una conseguenza della fusione precoce di una o più suture craniche. Questa patologia può determinare se non affrontata tempestivamente, un cattivo sviluppo non solo del cranio, ma anche del cervello, a seconda della gravità della stenosi. Materiali e Metodi: Questo studio è stato eseguito su di un campione di 347 neonati selezionati consecutivamente tra Dicembre 2016 e Settembre 2019 affetti da plagiocefalia non sinostosica e con età post natale compresa nel range 10-910 giorni. Risultati: E’ stato osservato un significativo trend negativo per gli indici ODDI (indice di differenza fra i diametri obliqui) e CPI (indice di proporzionalità craniale) tra il primo e l’ultimo trattamento terapeutico (p
 
Introduzione: Il trattamento efficace della sindrome da apnee ostruttive nel sonno (OSAS) con pressione continua positiva per via aerea (CPAP) può ridurre la morbilità e la mortalità, ma i tassi di aderenza sono bassi senza un chiaro consenso delle cause. Obiettivo: Lo scopo della revisione della letteratura è stato quello di identificare i fattori cognitivi, barriere e facilitatori correlati all’aderenza terapeutica al trattamento con CPAP nei pazienti affetti da OSAS. Risultati: Dagli studi selezionati emerge che i fattori che incidono maggiormente sull’aderenza sono: socio economici, terapie associate, patologia e servizi sanitari. Uno status socio economico svantaggiato, effetti collaterali legati all’interfaccia, la presenza di co-morbilità, scarse conoscenze del paziente e la limitata capacità di garantire percorsi educativi validi sono considerati le maggiori barriere per una scarsa adesione alle cure. Conclusioni: Comprendere i fattori predittivi e quelli che ostacolano l’aderenza terapeutica nei pazienti con OSAS in trattamento con la CPAP, può aiutare i professionisti sanitari nella scelta di interventi assistenziali efficaci. Agire sui fattori che influenzano le scelte dei pazienti, come le conoscenze, le capacità, il locus of control ed i valori personali, migliora il livello di self-efficacy e ne sostiene l’aderenza al trattamento.
 
Introduzione: I difetti cardiaci sono molto comuni nell’età pediatrica; spesso i genitori scoprono, dopo la nascita, queste patologie ed apprendono che l’intervento di cardiochirurgia è l’unica soluzione. Il ricovero del proprio bambino in una Terapia Intensiva comporta elevati livelli di stress, ansia, depressione. Gli infermieri assumono un ruolo attivo nell’assistenza del piccolo degente ma anche nella presa in carico dell’intero nucleo familiare. Obiettivo: scopo dello studio è stato descrivere l’esperienza dei genitori dei bambini ricoverati in una unità di Terapia Intensiva cardiochirurgica. Metodo: disegno ermeneutico fenomenologico secondo Cohen. Risultati: dall’analisi di 16 interviste sono emersi 3 temi principali: la paura per la possibile perdita del proprio bambino; la sensazione di aver perso il ruolo di genitore e la bisogno di ricevere maggiori informazioni per poter essere parte attiva nel processo di cure. Conclusioni: Il ricovero di un bambino in una Terapia Intensiva e, nello specifico, di cardiochirurgia, impone al personale assistenziale la presa in carico dell’intero nucleo familiare. Gli Infermieri sono i primi professionisti dai quali i genitori si attendono tale coinvolgimento. Questo studio offre uno sguardo sull’esperienza vissuta dai genitori che hanno il proprio figlio ricoverato in una Terapia Intensiva di cardiochirurgia; inoltre può rappresentare lo spunto per ulteriori ricerche finalizzate alla olistica armonizzazione tra la diade (famiglia e bambino) spesso ingiustamente scisse durante il ricovero in Terapia Intensiva.
 
Introduzione: la vaccinazione antinfluenzale (VA) rappresenta uno degli interventi raccomandati per proteggere non solo operatori sanitari e pazienti ad alto rischio, ma la popolazione tutta. Lo scopo dello studio è stato valutare l’adesione alla VA da parte del personale infermieristico dedicato all’assistenza dei pazienti immunocompromessi presso l’A.O.U. “Federico II” di Napoli negli ultimi cinque anni. Ulteriori obiettivi sono stati: rilevare il fabbisogno formativo e comprendere i motivi della mancata adesione alla VA. Metodo: lo studio osservazionale è stato condotto da giugno a settembre 2015; è stato somministrato un questionario rivolto agli infermieri utilizzando un modulo di analisi on-line creato con la piattaforma G-Drive di Google. Risultati: sono stati somministrati un totale di 227 questionari con un tasso di adesione del 67.8%. Il 61.3% del campione creda nelle vaccinazioni quali strumenti importanti per la riduzione/eliminazione delle malattie. Nell’anno 2014-15, l’89% del campione non ha praticato la vaccinazione antinfluenzale. Negli ultimi 5 anni il 20.8% dichiara di essersi vaccinato soltanto una volta, l’11% due o più volte, mentre il 68.2% non si è mai vaccinato. Un ulteriore bisogno di informazioni è emerso nell’80% del campione. Conclusioni: l’assenza di un protocollo aziendale e le misconception sulla VA sembrano essere i principali elementi che hanno determinato i risultati. Vi è la necessità di attuare interventi capaci di stimolare gli operatori a comprendere l’importanza della VA, sviluppando una maggiore l’adesione.
 
Introduzione: Il piede diabetico è una complicanza del diabete, che può comportare gravi limitazioni nelle attività della vita quotidiana, generare complicanze come infezioni e amputazioni. La membrana amniotica, considerata un materiale di scarto post-parto, grazie alla ricerca e ai recenti progressi, è riconosciuta come importante risorsa per le medicazioni. Materiali e Metodi: Revisione della letteratura condotta sulle banche dati CINAHL, PubMed ed EMBASE. Risultati: Dagli studi selezionati si evince come la membrana amniotica abbia molteplici proprietà, come ruolo nella gestione delle lesioni cutanee, contribuendo ad aumentare il comfort del paziente oltre a diminuire il periodo di degenza ospedaliera ipotizzando una riduzione dei costi a livello sanitario. Conclusione: La letteratura scientifica conferma che la membrana amniotica è ottimale nella risoluzione delle ulcere del piede diabetico, tuttavia ulteriori studi sono raccomandati.
 
Introduzione: La soddisfazione lavorativa impatta su molteplici aspetti nell’ambiente di lavoro influenzando la produttività, la performance, l’assenteismo, la permanenza, l’assunzione, l’impegno organizzativo, l’assistenza. Lo scopo dello studio è stato quello di documentare la percezione del livello di benessere organizzativo e di soddisfazione lavorativa individuando i determinanti di malessere organizzativo presso l'ASL 3 Genovese ''Ospedale Villa Scassi''. Materiali e Metodi: Lo studio cross-sectional è stato condotto da aprile a giugno 2019; le informazioni sono state raccolte attraverso un questionario somministrato ad un campione di 318 infermieri composto da 72 items e da diverse variabili sociodemografiche di cui 22 per indagare il livello di burnout e gli altri 50 per indagare l’influenza dei fattori psicosociali sullo stato di benessere dei lavoratori. Risultati: Sono stati somministrati un totale di 318 questionari con un tasso di adesione del 36.16%. Il 76.52% della popolazione non è soddisfatta della propria condizione lavorativa, mentre il 20.86% lo è. I livelli di sfinimento emotivo sono risultati elevati in quanto il 30% del campione intervistato risulta essere ''più volte al mese'' emotivamente stressato a causa del lavoro svolto. Il 33.9% e il 42.6% del campione hanno giudicato complesso e interessante il proprio lavoro con un voto pari a 10. Discussione: Vi è la necessità di rendere le organizzazioni sanitarie maggiormente consapevoli che avere una classe di infermieri che mostrano passione e interesse nei confronti della propria professione migliora la qualità del lavoro stesso e la qualità delle cure fornite agli assistiti.
 
Introduzione: La puntura arteriosa è una procedura che permette di valutare lo stato di ventilazione del paziente, il suo equilibrio metabolico ed i suoi livelli glicemici. Una spiacevole caratteristica di questa tecnica è che provoca spesso dolore; la parete arteriosa infatti a differenza di quella venosa, è particolarmente ricca di recettori del dolore. Nonostante numerosi studi invitino a un uso di tecniche analgesiche, questa procedura viene riconosciuta dal paziente come una delle principali fonti di preoccupazione e come una delle più spiacevoli esperienze del ricovero. I vantaggi offerti dalle tecniche analgesiche comprendono sia la riduzione del dolore percepito dell’assistito che l’evitare frequenti situazioni quali trattenere il respiro o iperventilare che potrebbero essere causa di una alterazione dei valori emogasanalitici. Lo scopo del seguente elaborato è quello di valutare, attraverso una revisione della letteratura, l’efficacia delle tecniche analgesiche per la gestione del dolore associato alla puntura arteriosa, eseguita su pazienti adulti. Materiali: È stata effettuata una ricerca bibliografica che ha previsto la consultazione delle banche dati Cinahl, Embase e Pubmed, utilizzando un quesito di ricerca formulato attraverso la metodologia PIO. Risultati: Le tecniche analgesiche emerse dalla presente revisione della letteratura riguardano la riduzione del calibro dell’ago, la crioanalgesia e l’analgesia farmacologica. I risultati hanno mostrato che la riduzione del calibro dell’ago può essere una valida tecnica analgesica per i pazienti che non richiedono valutazione elettrolitica. La crioanalgesia è risultata efficace nella riduzione del dolore, mentre sono emersi risultati discordanti per quanto riguarda la somministrazione di analgesici farmacologici prima della puntura arteriosa. Conclusioni: Le tecniche analgesiche individuate hanno avuto un ottimo riscontro, tuttavia sono ancora poco utilizzate. Ulteriori studi sarebbero necessari per chiarirne la reale efficacia e definire in modo adeguato le modalità di utilizzo.
 
Background: Much scientific evidence shows the benefits of L. Merr, Moringa Oleifera Lam, and Vigna Cylindrica (L) Skeels. The leaves of these plants can be easily found in almost all of Indonesia and are a local food ingredient for Indonesian people. This study analyses the effect of the consumption of Sauropus Androgynus L. Merr, Moringa Oleifera Lam, and Vigna Cylindrica (L) Skeels on increasing the production of breastmilk while breastfeeding. Methods: The research design used in this study was one group pretest-posttest design. The sample was taken by purposive sampling with 37 breastfeeding mothers with children aged <40 days who met the inclusion criteria. The intervention was to provide products processed as daily dishes, namely " sayur bening "with a composition of 150 grams of each plants (L. Merr, Moringa Oleifera Lam, and Vigna Cylindrica (L) Skeels), then measure the milk production by looking at how much the amount of breast milk increases after consuming the product for five days in a row, with the same seasonings. Data analysis using Wilcoxon test. Results: The number of respondents in the study was 37 people with an age range between 19-39 years, with a child age range of 4-40 days, and the number of children owned by the respondents between 1-5 people. Analysis using the Wilcoxon test, it was found that all respondents (100%) experienced an increase in breastfeeding with p-value < 0.05, the same result was also shown in the comparison of birth weight with children's body weight after being given the intervention. Conclusion: Consumption of Sauropus Androgynus L. Merr, Moringa Oleifera Lam, and Vigna Cylindrica (L) Skeels was statistically proven to differ in the amount of breast milk expenditure significantly. Kathree processing is adapted to everyday cooking so that postpartum nursing mothers can easily accept the taste and appearance. Keywords: Sauropus Androgynus L. Merr, Moringa Oleifera Lam, Vigna Cylindrica (L) Skeels, Breastfeeding, Mothers
 
Introduction. The use of technology in the treatment of diabetes can facilitate the medium of communication between nurses and clients in data collection to create a comfortable life for patients. The use of mobile health technology in diabetic education is an innovative learning method that can engage patients and influence positive health behaviors. Aim. This study aims to find out the influence of mobile-based education applications in the Haemoglobin A1c control and prevention of hypoglycemia in patients with type 2 diabetes mellitus. Methods. Database search for article are from four databases such as Pubmed, Sciencedirect, Proquest, and Cochrane is limited to the publication of the last ten years from 2010 to 2021 and full text article in English. Authors individually screened the titles and abstracts, then full articles in order to obtain papers that met inclusion criteria Results. a total of 664 references were found. After duplicates were removed, 391 potentially relevant references remained from the database searches. Eight articles were finally designated as articles to be reviewed and use RCT design. Most studies put a Haemoglobin A1c (HbA1c) as a primary outcomes, and hypoglycemia as a secondary outcomes. Through the use of mobile app, there are reductions in HbA1c which affect the hypoglycemia events in Type 2 DM patients. Conclusion. Mobile application can enhance HbA1c and hypoglycemia control among T2DM patients. Because providing patient education face to face is time-consuming, the use of mobile application may be an effective complement or alternative for healthcare professionals to manage the rapidly increasing number of diabetes patients.
 
Background. L’Interpretazione dell’ECG è una conoscenza fondamentale da acquisire attraverso la formazione, in particolare per gli infermieri e le ostetriche che operano in un ospedale per acuti. Infatti, un’interpretazione dell’ECG rapida ed accurata, è fondamentale per riconoscere precocemente alterazioni che possono mettere a rischio la vita del paziente ed allertare il medico per la refertazione. Studi precedenti hanno dimostrato che la competenza nell’interpretazione dell’ECG tra i gli infermieri è molto variabile e la relativa diagnosi precoce può essere compromessa. I programmi più comuni per la formazione degli infermieri nell’interpretazione dell’ECG sono la lezione frontale e l’analisi di casi. Poiché alcuni studi dimostrano l’efficacia della Formazione a Distanza (FaD) nello sviluppo di conoscenze relative all’interpretazione dell’ECG, nell’Azienda Ospedaliero Universitaria di Ferrara, è stato sviluppato un programma di e-learning per l'acquisizione di tali conoscenze. Gli scopi del nostro studio sono di valutare le capacità di interpretazione dell’ECG tra gli infermieri e le ostetriche a seguito della partecipazione dopo un percorso formativo on-line basato su lezioni ed analisi di casi clinici e di misurare l’impatto organizzativo. Materiali e metodi. Il corso è stato realizzato utilizzando la piattaforma Moodle che prevede un sistema di reportistica in grado di rilevare e tracciare il percorso didattico di ogni partecipante. La popolazione considerata nell’indagine di impatto è di 316 professionisti infermieri ed ostetriche con contratto sia a tempo indeterminato che a tempo determinato presso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Sant’Anna di Ferrara, che hanno partecipato al corso FaD dal 4 novembre 2013 al 31 agosto 2014. Per la valutazione del corso, le variabili analizzate sono: genere, ora di termine del corso, punteggi ottenuti del test di apprendimento, questionario di gradimento, questionario di impatto organizzativo. Risultati. Per quanto riguarda il questionario di gradimento i partecipanti risultano essere 312; poiché al momento del download il corso di formazione a distanza era ancora attivo. Il questionario di impatto organizzativo è stato inviato a tutti coloro che avevano terminato il corso da almeno sei mesi. A questa indagine hanno aderito 63 infermieri. I tre tipi di questionari valutati hanno evidenziato risultati abbastanza soddisfacenti: 1. la quasi totalità dei partecipanti, utilizzando il questionario di gradimento, ha espresso piena soddisfazione sul corso che si è dimostrato utile ed apprezzato. 2. le variabili analizzate del questionario di apprendimento quali il punteggio medio ottenuto dai partecipanti risulta essere 17.01/18; gli orari di compilazione del questionario evidenziano una equa ripartizione nei tre turni di lavoro. 3. le variabili analizzate nel questionario di impatto organizzativo, come l’età media dei partecipanti (circa 46 anni); una distribuzione di provenienza dai reparti abbastanza bilanciata tra dipartimento medico, chirurgico e di emergenza; il riscontro da parte dei partecipanti dei casi clinici trattati nel corso risulta abbastanza rappresentativo come anche l’applicazione delle conoscenze acquisite, ha realizzato un miglioramento nella qualità delle cure erogate. Discussione. I dati analizzati sono preliminari: al momento si può dedurre che i professionisti sono interessati ad aumentare le proprie competenze in materia di ECG e che la formazione on line sia utile a migliorare tali competenze, che sono applicate nella pratica clinica.
 
Introduzione La diagnosi di malattia onco-ematologica risulta traumatica e di difficile elaborazione per le conseguenze drammatiche sulla vita della persona. L'approccio narrativo viene utilizzato in ambito clinico per sostenere i pazienti, facilitando espressione di sentimenti e condivisione. Obiettivo dello studio è analizzare le esperienze di pazienti e operatori in seguito all'introduzione dei diari di bordo condivisi all'interno di una Struttura Complessa a Direzione Universitaria di Ematologia, indagandone l'utilità. Materiali e Metodi Il disegno di ricerca è di tipo qualitativo, con approccio "ricerca-azione". E' stato progettato lo strumento dei Diari di bordo condivisi. E' stata svolta una indagine realizzata attraverso interviste e focus group. Risultati Le sei persone assistite intervistate sottolineano come la scrittura del diario diventi un’arte della scrittura di sé, un mezzo “particolare” per condividere vissuti nella esperienza drammatica e totalizzante della malattia. Sono state coinvolti nei due focus group dieci tra Infermieri e Operatori Socio Sanitari, dai quali è emersa l'utilità del Diario di bordo condiviso come strumento "speciale" per conoscere l'esperienza degli assistiti e utilizzarla nella pratica di cura; una difficoltà riguarda la proposta dell’esperienza diaristica all'accoglienza dell'assistito dell’unità di cura. Discussione L'opportunità offerta dai Diari di bordo di condivisione del vissuto di malattia, la possibilità di scrivere per riflettere e lasciare una testimonianza rappresentano i punti di forza di questa esperienza. La lettura dei diari condivisi permette agli operatori di entrare in contatto con i vissuti dei pazienti e migliorare il proprio lavoro. Sono da affrontare alcune criticità legate all’introduzione dello strumento nella pratica clinica.
 
L’Area dell’emergenza-urgenza è un luogo di cura nella quale i pazienti sono essenzialmente sconosciuti e potenzialmente gravemente malati o feriti. L’infermiere di Pronto Soccorso (PS), può rappresentare il driver di cura e di sostegno anche per le famiglie. Il processo di fornire le cura di fine vita per i pazienti morenti e sostegno alle loro famiglie, viene sottovalutato e c’è poca ricerca disponibile a supporto del contributo e delle azioni dell’infermiere di emergenza nel fine vita1. D’altra parte le morti improvvise e scioccanti, eventi acuti o gravi incidenti, sono parte della realtà di tali setting assistenziali nei quali, la morte, non è molto lontana dalla quotidianità di un PS2-3. Inoltre gli atteggiamenti degli infermieri verso la morte e il morire possono influenzare la qualità delle cure erogate durante le fasi critiche o terminali della vita di una persona4. Sebbene la morte sia un fenomeno universale che riguarda tutti gli esseri umani, indipendentemente dalle loro condizioni di vita, viene comunque percepita come un evento temuto e pertanto si è poco propensi a parlarne4. Ognuno ha un atteggiamento soggettivo nei confronti della morte, ha un proprio modo di affrontarla e di elaborarla. Gli operatori sanitari, in particolar modo infermieri e studenti infermieri, svolgono un importante e fondamentale ruolo nella cura e nella presa in carico di persone che stanno per morire e dei loro familiari5. I pazienti nel loro fine vita, sperimentano una varietà di bisogni che comprendono non solo i bisogni fisici, che la condizione clinica richiede ma anche bisogni spirituali e sostegno emotivo6. Prendersi cura di queste persone e dei propri cari diventa quindi una grande sfida per la pratica infermieristica perché richiede abilità emotive, professionali e quindi una buona formazione nell’approccio ai morenti. Ovviamente questo tipo di assistenza ha delle ripercussioni di non poco conto sugli operatori sanitari coinvolti. Alcuni studi infatti hanno rivelato che l’assistenza al paziente morente suscita, in coloro che erogano salute e benessere, emozioni negative come sentimenti di impotenza, paura, angoscia e ansia. Queste emozioni poi si ripercuotono inevitabilmente sull’assistenza fornita con un impatto negativo6 In uno studio condotto in Iran su 155 infermieri, afferenti ai reparti di oncologia e terapia intensiva di 3 ospedali, è emersa la correlazione tra il grado di autonomia degli infermieri e le attitudini nei confronti dei pazienti morenti7. Il maggior livello di autonomia degli infermieri influenza positivamente le abilità del prendersi cura nel fine vita8. Altro fattore che condiziona gli atteggiamenti degli infermieri e, di conseguenza l’assistenza ai pazienti morenti, è rappresentato dal livello di formazione. L’adeguata competenza professionale presuppone anche la formazione di atteggiamenti assistenziali positivi nei confronti della morte, del paziente e della sua famiglia, già dai corsi universitari di primo livello9. Una buona formazione del professionista garantisce un buon approccio e un’adeguata gestione situazionale nelle scelte e nelle decisioni dei familiari del paziente e nell’elaborazione del lutto10. È possibile dedurre quanto una buona assistenza al paziente nel fine vita sia legata ad una serie di fattori concatenati gli uni agli altri e quanto siano indispensabili per i pazienti e i loro familiari. Tutto questo contesto si amplifica e si complica notevolmente nei PS1 nei quali non lascia sempre, anzi quasi mai, spazio agli aspetti relazionali, comunicativi e al supporto emotivo ai pazienti. Il PS, erroneamente, è considerato un luogo in cui viene trattato il sintomo in emergenza e non il paziente, un posto che tralascia i vissuti delle persone perché la priorità non è lo stato psico-sociale ma esclusivamente quello fisio-patologico. Dalla letteratura emerge che gli atteggiamenti degli infermieri verso la cura per i malati terminali possono avere un importante influenza sull’assistenza erogata (Mastroianni,2015). Tali studi hanno esaminato le associazioni tra gli atteggiamenti personali verso la morte e la cura dei pazienti morenti. La maggior parte di questi studi si sono concentrati sulla figura dell’infermiere11 o studenti infermieri nella cura dei pazienti oncologici terminali. A nostro conoscenza, non ci sono studi in Italia e pochi a livello internazionale1 che hanno indagato gli atteggiamenti degli infermieri e studenti infermieri nel fine vita nelle aree di emergenza-urgenza ed in particolare in PS. Tali conoscenze potrebbero contribuire a promuovere l’adozione di atteggiamenti positivi negli infermieri e studenti infermieri, nelle cure di fine vita in PS. L’obiettivo dello studio è quello di descrivere gli atteggiamenti degli infermieri e degli studenti infermieri nelle cure di fine vita in PS. È stato condotto uno studio trasversale, nel periodo tra Giugno e Settembre 2017, con campionamento di convenienza di infermieri afferenti al PS del P.O. di “Pineta Grande” (n. 20) in provincia di Caserta ed al PS dell’A.O.R.N. “A. Cardarelli” di Napoli (n. 60). Il campione di studenti infermieri ha incluso tutti gli studenti che frequentavano il 3° anno (n. 40) del corso di laurea in Infermieristica dell’Università degli studi di Roma “Tor Vergata”, sede di Castel Volturno. La scelta di includere il 3° anno di corso è stata fatta considerando che, in linea con le attività didattiche programmate, l’insegnamento sull’infermieristica nelle cure di fine vita fosse stato completato.
 
Background: Voluntary termination of pregnancy (VTP) is influenced by ethical convictions, religious orientations and knowledge of the law. The latter is essential for students to be improved in University curricula, in order to develop attitudes among future nurses and midwives with the objective to reduce stigma and reluctance in providing VTP. Previous research has shown that nursing and midwifery students' attitudes and knowledge can be improved. Aim: The aim of this study is to describe literature regarding knowledge and perception about abortion and voluntary termination of pregnancy in several countries of the world among nurses, midwives and university students. Methods: This is a scoping review of the literature conducted by following the recommendations of the PRISMA-ScR Statement. The authors selected studies in MEDLINE, Scopus, CINAHL, PsycINFO, Academic Search Index, Science Citation Index and ERIC, published in English and Italian in the last decade. Quality assessment was performed using the Jadad scale. Results: Initially, 434 studies were selected. A total of 11 articles met the inclusion criteria. The articles included in the scoping review deal with the issue of abortion from different perspectives. From the analysis it emerged that the barriers for VTP are the lack or inadequate knowledge of the legislation and of the practical / technical phases of the procedure. Conclusions: Health professionals and students have different perspectives and attitudes toward VTP. Nurses and midwives have inadequate knowledge of procedures and legislation. Therefore, it is recommended to implement university curricula on the topic.
 
Introduzione: La Sindrome di Münchausen per Procura (Münchausen Syndrome by Proxy - MSbP) è una condizione in cui la figura di accudimento, solitamente la madre, procura o simula un danno fisico e psicologico al proprio figlio, per richiamare su di sé le attenzioni delle persone con cui si relaziona tramite il piccolo. Il danno psicologico che ne consegue sulle vittime è devastante e può causare anche la morte. Dalla letteratura emerge la difficoltà di svolgere la diagnosi della Sindrome, per cui occorre un’adeguata formazione del personale sanitario. Obiettivo: valutare il grado di conoscenza della Sindrome di Münchausen per Procura tra i professionisti che lavorano in contesti di emergenza-urgenza. Materiali e metodi: E’ stato condotto uno studio osservazionale e multicentrico presso le Unità Operative di Pronto Soccorso di quattro ospedali del Sud Italia. Lo strumento utilizzato è questionario di Hochhauser, consegnato in busta chiusa ai Direttori delle Unità operative e ai coordinatori infermieristici dei vari reparti e distribuito al personale Medico ed infermieristico. Risultati: Il campione è costituito da 137 professionisti sanitari, di cui fanno parte medici e infermieri. Solo il 22.6% (n=31) ha dichiarato di conoscere la MSbP. L’86.1% (n=118) sostiene di non aver mai trattato la MSbP. Il 53.3% (n=73) ha sospettato o potrebbe ora sospettare retrospettivamente tale Sindrome in alcuni casi trattati. Il 41.6% (n=57) ha riscontrato genitori che esagerassero i sintomi del bambino o attribuissero significati patologici gravi a malattie sintomatologiche modeste. Il 93.4% (n=128) sostiene che sarebbero utili e necessari corsi di formazione per approfondire tale Sindrome. Conclusioni: I risultati del nostro studio mostrano una scarsa conoscenza della Sindrome di Munchausen tra gli operatori sanitari, nonché lacune in un eventuale gestione di un caso. Si evidenzia la necessità di incrementare corsi di formazione in merito a tale tematica, con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza del professionista sanitario rispetto al riconoscimento, diagnosi e cura di questa forma di abuso.
 
Background and Objective. The rapid development of technology makes it easier for teachers to continue to be interactively connected with students, for example, by using Augmented Reality technology. We conducted this review intending to investigate the diffusion and the effectiveness of AR technology as a learning media for students from various health fields. Materials and Method. This systematic review was conducted using the Preferred Reporting Items for Systematic Reviews and Meta-Analyses Protocols) Checklist. We used some databases including PubMed, Google Scholar, Wiley Online Library, and Sciencedirect to search relevant literature with eligibility criteria, namely articles published in the period 201-2021, and discuss the development of Augmented Reality -based applications for learning students in the field of health Results. The studies included are on the development of AR-based learning applications carried out to improve the clinical skills of health students (Medicine, Nursing, and Midwifery). Various types of application development are carried out including anatomy, Endotracheal Intubation, AR Prototype for Medical Surgery, Intravascular Neurosurgery, injection skills, and Laparoscopic. Conclusion. The use of Augmented Reality as a learning medium really helps improve the understanding and skills of students majoring in health sciences. Keywords: Development, Augmented Reality, Health-Science, Students
 
Introduzione: L’evoluzione della formazione infermieristica ha di fatto portato ad un accrescimento di conoscenze e competenze che hanno reso gli infermieri dei veri e propri professionisti. Con l’introduzione del comma 566 della Legge di stabilità del 2015 e della Legge 24 del 2017, è stata posta una maggiore attenzione sull’utilizzo delle Linee Guida e su come esse, insieme alla buona pratica, possano ridurre il ricorso ad una medicina difensiva. Obiettivo: Indagine sulle conoscenze del personale infermieristico riguardanti i concetti di competenza avanzata e responsabilità professionale, in relazione al loro agire quotidiano, e ai nuovi assetti normativi. Materiali e Metodi: Uno studio cross-sectional è stato eseguito su un campione di 60 soggetti fra Giugno 2019 e Settembre 2019, presso l’ospedale Policlinico Umberto I di Roma. È stata condotta una survey, rivolta agli infermieri operanti nel setting dell’area critica e chirurgica, mediante l’utilizzo di un questionario non validato, in forma anonima in cui vengono analizzati e saggiati: a) dati anagrafici; b) analisi dell’attività lavorativa; c) analisi delle conoscenze. Risultati: Sono stati convalidati per lo studio 60 questionari correttamente compilati, con un tasso di risposta del 63.8%. Il 68.3% degli infermieri era di sesso femminile ed il 31.6% di sesso maschile. L’età media del campione è di 35.2 anni. Il 16.7% degli infermieri utilizza sempre le linee guida aziendali/ministeriali nella pratica clinica; il 36.7% le usa raramente; il 41.7% le utilizza abbastanza, mentre il 5% non le utilizza mai. In relazione alla conoscenza della normativa vigente, emerge che il 48.3% non conosce il comma 566 della Legge di stabilità, con il 48.3% del campione che asserisce di conoscere la Legge Gelli. Conclusione: Dai risultati ottenuti emerge la necessità del personale infermieristico di una maggiore formazione circa gli aspetti legali della professione mediante una formazione dedicata. Inoltre emerge l’importanza dell’aggiornamento professionale come mezzo per non incorrere in atti di medicina difensiva.
 
Introduzione: In commercio vi sono svariate tipologie di medicazioni avanzate utilizzate per il trattamento delle ferite chirurgiche e per il contenimento delle complicanze correlate. Tuttavia non è chiaro quale sia quella più appropriata in relazione alla tipologia di ferita. A tale scopo è stata effettuata una ricerca bibliografica per reperire evidenze in letteratura sul corretto utilizzo delle medicazioni al fine di favorire il processo di guarigione della ferita chirurgica. Metodi: È stata effettuata una ricerca bibliografica che ha previsto la consultazione delle banche dati The Cochrane Library, PubMed e CINAHL. Sono state consultate le linee guida NICE e documenti reperiti da Google Scholar. Risultati: Sono stati selezionati articoli con un campione di pazienti adulti sottoposti a qualsiasi intervento chirurgico. L’utilizzo delle medicazioni avanzate ha ridotto, prevalentemente, l’incidenza di complicanze quali infezioni, vesciche, sieromi e dolore. Conclusioni: I risultati mostrano che le medicazioni avanzate sono indicate nel trattamento delle ferite che guariscono per chiusura primaria ritardata, per seconda intenzione, per ferite sporche o infette. Le medicazioni tradizionali sono, invece, indicate per le ferite che guariscono per prima intenzione.
 
Introduction: Sleep needs in infants 3-12 months are not only in terms of quantity but also quality. Good quality sleep provides benefits to the fulfilment of physical and psychological needs. One method of meeting these needs is baby massage. A common reason for mothers to give baby massages is the child's habit of fussing at night and often waking up, and they say that after the massage, their child becomes calm at night. This study aims to analyze the effect of baby massage on the sleep quality of infants aged 3-12 months at private midwife Muji Kenali Asam in Jambi City. Material and Methods: This pre-experimental study consisted of a one-group pretest-posttest design for a group of 68 infants aged 3-12 months. The questionnaire was compiled into a google form, and the link was distributed to each mother. Data processing consists of editing, coding, tabulating and statistical tests (Wilcoxon test) at the limit of significance value of 0.05. Results: The study results that can be described are that most of the sleep quality of infants aged 3-12 months before the intervention was sufficient at 45.6%, and for poor quality, it was 27.9%. After the intervention, most infants aged 3-12 months were good in sleep quality by 45.5% and sufficient sleep quality by 52.9%. The results of the Wilcoxon test revealed the effect of infant massage on infant sleep quality with a significance value of p-value = 0.001. Conclusion: Baby massage tends to improve the baby's sleep quality. Therefore Midwifery students need to acquire baby massage skills and promote the method to mothers, particularly those with babies 3-12 months.
 
INTRODUZIONE: Il problema dell’obesità e del sovrappeso in età infantile ha assunto particolare rilevanza in Sanità Pubblica. In Italia circa 1 milione di bambini è in eccesso ponderale. Nella società contemporanea, molte sono le famiglie nelle quali entrambi i genitori lavorano e spesso i nonni si prendono cura dei nipoti, occupandosi anche della loro alimentazione. L’obiettivo di questo studio è stato quello di comprendere il ruolo percepito delle nonne sulle abitudini alimentari dei bambini in età prescolare attraverso la percezione delle mamme. MATERIALI E METODI: Indagine qualitativa, condotta con metodologia fenomenologica secondo Cohen, incentrata sull’intervista di dieci donne con almeno un figlio/figlia in età prescolare (4-6 anni) che hanno dichiarano l’aiuto da parte delle nonne. Il campionamento di convenienza è stato effettuato presso dell’Associazione di Promozione Sociale “Neomamme” nella città di Monopoli (BA), dal Settembre 2017 all’Ottobre 2017. RISULTATI: Dall’analisi fenomenologica sono emersi i seguenti temi: • Il tempo con i nonni, all’interno del quale è emerso il sottotema relativo alla disciplina alimentare adottata o meno dalle figure di accudimento; • Il cibo ed il senso di colpa; • La percezione dell’aspetto del bambino, all’interno del quale è emerso il sottotema relativo alle strategie per evitare il sovrappeso. DISCUSSIONE: L’analisi fenomenologica ha evidenziato l’importanza del supporto dei nonni (in particolare della nonna materna) nell’educazione alimentare. I nonni paterni appaiono indulgenti (spesso in relazione al tempo limitato che trascorrono con i nipoti) e tendono ad utilizzare il cibo come veicolo di emozioni positive. L’analisi ha evidenziato inoltre l’inclinazione della maggior parte delle madri ad utilizzare il gioco o la lettura piuttosto che il cibo come strumento per compensare la propria lontananza durante la giornata. Dall’analisi è,inoltre, emerso che le madri hanno una percezione nella norma della corporeità dei loro bambini e che ciò è il risultato della combinazione di attenzione alla dieta e attività sportiva.
 
Introduzione: La fragilità dell’anziano è fisica e psichica e su di entrambe vi è influenza degli eventi stressanti della vita. Le paure che insorgono possono essere determinate da stereotipi che spesso egli tende ad accettare e che lo portano a ritenersi incapace fino ad un lento declino intellettuale. Questa ricerca ha l'obiettivo di approfondire le conoscenze sulle paure dell’anziano ricoverato e sperimentare la “presenza dell’infermiere” come possibile intervento. Materiali e Metodi: All'interno di un Reparto “Cure Intermedie” è stata svolta una ricerca qualitativa con osservazione partecipante (studio osservazionale descrittivo tipo “serie di casi”). I dati raccolti sono stati analizzati attraverso il metodo l’analisi del contenuto. Risultati: Dalle osservazioni di 13 pazienti (9 donne e 4 uomini; età media 71 anni), sono emersi principalmente contenuti positivi come “Gioia (47)”, “Attesa (35)” e “Offerta-ricordo (33)”. Il contenuto "Paura (16)” diversamente dalla bibliografia consultata è risultato presente ma non preponderante. Discussione: Dall’analisi approfondita del materiale pare emergere che gli aspetti negativi comprendenti la “Paura” sono tra loro molto collegati ma il grosso nucleo di sofferenza viene destabilizzato dagli aspetti affettivi (speranza, aspettativa, amore) che arriva ad una prospettiva positiva (gioia, piacere, gratitudine). “Ascolto” e “disponibilità” sono stati i principali interventi attuati durante l’osservazione e coerentemente a quanto descritto in letteratura hanno permesso di registrare un impatto positivo sui pazienti. Un approfondimento è stato dedicato al concetto di “Offrire-dono” inteso come atto di riconoscimento attivo da parte del paziente verso l’operatore, con le sue implicazioni simboliche e psicologiche. Nell’analisi del materiale sono anche stati presi in considerazione aspetti legati alla psicologia positiva e allo “human caring”, come l’importanza e l’effetto del sorriso, della presenza fisica, dell’empatia nella condivisione e i risvolti nell’ambito di cura. In base agli indicatori della Diagnosi Infermieristica di Paura di Lynda Juall Carpenito-Moyet, la valutazione iniziale durante la fase di accertamento degli stati di paura del paziente, permette un'assistenza basata anche sulla pratica dell'ascolto, competenza fondamentale dell'infermiere. Nei pazienti valutati si è assistito ad una riduzione dello stato di paura nelle osservazioni successive e nelle stesse, ipotizzando un effetto efficace della “presenza”.
 
Introduzione. L’infermiere di famiglia e comunità rappresenta un nuovo modello organizzativo sul territorio, coniugando il bisogno di salute tra medico di medicina generale e paziente. L’obiettivo dello studio è valutare le conoscenze dei cittadini e dei medici di famiglia sul ruolo e le attività attribuiti a tale professionista. Materiali e metodi. L’indagine conoscitiva, multicentrica, è stata realizzata nelle Regioni del Coordinamento Interregionale Basilicata, Campania, Molise da giugno a ottobre 2015. Il campione è costituito da assistiti e medici di medicina generale a cui è stato somministrato un questionario volto ad indagare la conoscenza del ruolo e delle attività dell’infermiere di famiglia e comunità. Risultati. Sono stati somministrati e ritirati 556 questionari- in Basilicata, 2014 in Campania e 266 nel Molise (100% di adesione) per un totale di 2836 utenti e 368 questionari tra i medici di famiglia. Lo studio evidenzia la diversa e difforme considerazione nelle tre regioni dell’infermiere di famiglia e comunità da parte dell’utenza, che comunque lo percepisce protagonista nel risvolto pratico del concetto “Salute”. L’integrazione e la modalità di interazione con il medico di medicina generale, permetterebbe di avvalersi di specifiche competenze di tale figura per perseguire la “mission” curativa. Conclusioni. L’infermiere di famiglia e comunità aiuta gli individui ad adattarsi alla malattia e alla disabilità cronica fornendo consulenza su stili di vita e fattori di rischio. Necessaria una maggiore conoscenza del ruolo e delle competenze di questa figura nelle regioni dove non è stata ancora implementata: la formazione con specifici master per infermieri di famiglia e di comunità e corsi di formazione per i medici di medicina generale potrebbe migliorare tali conoscenze.
 
Background: Breast’s milk is an excellent food for the growth and development of infants. The United Nations Children's Funds (UNICEF) and the World Health Organization (WHO) recommend that children only be exclusively breastfed for six months and continued until two years. This study analyzes the effect of family support, health workers, and socio-culture on exclusive breastfeeding in the working area of the Rumbia Health Center, Rumbia District, Bombana Regency. Methods: This study involved 86 mothers who had babies aged 0-6 months who were registered and domiciled in the working area of the Rumbia Health Center spread over 4 Kelurahan and 1 Village, which were selected by purposive sampling using a cross-sectional design from February to April 2021. Data analysis using odds ratio (OR) and logistic regression at significance level < 0.05. Results: The largest age group in the range of 20-35 years, as many as 68 people (79.1%), undergraduate as many as 32 people (37.2%), and income above Rp. 2.552.014, - / month as many as 60 people (69.8%). The results showed an effect of family support on exclusive breastfeeding (p = 0.0020.05) and the results of multivariate analysis of the most dominant variables associated with exclusive breastfeeding in the working area of Rumbia Health Center District Rumbia Bombana Regency is supported by health workers with an OR = 9.199 (p-value = 0.039
 
Background: The inappropriate temperature of vaccine storage may cause vaccine damage leading to degrading or even dispelling the vaccine’s quality. This research aims to reveal the difference of vaccine’s quality stored in the cooler box compared to the household refrigerator with vaccine only and the difference of vaccine’s quality stored in the cooler box compared to the household refrigerator with vaccine stored along with food and beverage Methods: The research design uses an experimental study with a post-test-only control group design. The research was conducted at two independent practice midwives in Antapani Sub-district and the Faculty of Mechanical and Aerospace Engineering Bandung Institute of Technology from November to December 2015. The research object used eight types of vaccine (Hepatitis B, BCG, DPT-HB-Hib, Polio, Measles, DT, Td, and TT) with 72 vaccine vials divided into 3 vaccine storage units. The data analysis uses the chi-square test. Results: The results of the research show that there are statistically significant differences between the vaccine’s quality stored using a cooler box compared to a household refrigerator with vaccine only and the vaccine’s quality stored using a cooler box compared to a household refrigerator with vaccine stored along with food and beverage with the value of p
 
Introduction: Breast milk is the best food for babies because it contains nutrients to support growth and development. The achievement rate of exclusive breastfeeding in ASIA countries has not yet reached the expected target. The coverage of exclusive breastfeeding in Jambi Province in 2018 was 59.36%. The success of exclusive breastfeeding is not only influenced by the mother's physical and mental readiness to breastfeed. Still, it is also influenced by support from health workers and the family. The study aimed to determine the effect of counseling using breastfeeding video on grandmothers' knowledge as breastfeeding support in Sembubuk Village, Muaro Jambi Regency. Methods: This type of pre-experimental research using the One Group Pretest-Posttest design, which saw 40 grandmothers of the Breast Milk Support Group members, was carried out from June 2020 to July 2021. Respondents answer the questionnaires to complete the data collection. The intervention carried out in this study was the provision of counseling using video media about breastfeeding. Data were analyzed through univariate and bivariate using the Wilcoxon test. Results: The results showed the p-value = 0.0001, which means that breastfeeding video affects grandmothers' knowledge in breastfeeding support groups in Sembubuk village, Muaro Jambi District. Conslusion: The results of this study are expected to increase public knowledge and insight regarding the importance of breastfeeding for infant health so that positive behavior is formed in breastfeeding, providing additional appropriate information to advance understanding of breastfeeding support groups about breastfeeding.
 
Introduction: Non-communicable diseases (NCDs) are diseases that are not caused by bacterial infection and are the main cause of death in the world. The increase in NCDs cases also occurred in Southeast Sulawesi Province (Indonesia), including Kendari City. The purpose of this study was to analyze the determinants of proxies related to the performance of Integrated Non-Communicable Diseases Development Post (INCDDP) cadres in Kendari City, Indonesia. Materials and Methods: A cross-sectional study carried out in Kendari City, Southeast Sulawesi Province (Indonesia), with a population of all INCDDP cadres in the working area of PHC Abeli, Lepo-Lepo, and Perumnas. The sample consisted of 56 responders. Data were analyzed univariate and bivariate statistics, using the chi-square test. Multivariate using logistic regression. Results: The results of the research on the performance of INCDDP cadres were awards (p = 0.079), cadre training history (p = 0.031), infrastructure (p = 1.0) and knowledge (p = 0.007). The factor most related to the performance of INCDDP cadres was cadre knowledge (p = 0.019) with the coefficient of determination (R2) = 27.4%. Conclusion: Cadre performance is related to awards, cadre training history, infrastructure and cadre knowledge. The most related factor to INCDDP cadre performance is cadre knowledge.
 
Introduzione Lo Scompenso Cardiaco ha un impatto importante sui pazienti, le famiglie e la spesa sanitaria. Il peggioramento della tolleranza agli sforzi, la dispnea, lo sviluppo di patologie multi organo e la necessità di cambiamenti di stili di vita e di una complessa terapia farmacologica possono determinare un impatto negativo sulla qualità di vita di questi pazienti. Gli aspetti psicologici e socioculturali contribuiscono all’espressione dei sintomi e alla percezione da parte del paziente della malattia. Pertanto risulta essenziale esplorare il vissuto del paziente nell’ambito di cura. Obiettivo Definire il vissuto del paziente con Scompenso Cardiaco. Rilevare, analizzare e comprendere gli aspetti della vita quotidiana che vengono influenzati dallo Scompenso Cardiaco. Metodo Indagine osservazionale condotta de settembre 2015 a marzo 2016. Sono stati inclusi 41 pazienti con diagnosi di Scompenso Cardiaco, nella provincia di Benevento. Per il raggiungimento degli obiettivi dello studio sono stati somministrati ai soggetti inclusi il Six-Item Screener, Questionario Socio Demografico, Epworth Sleepiness Scale, Hospital Anxiety and Depression Scale, Multidemensional Scale of Perceveid Social Support. Risultati Dai risultati dello studio, non sono emersi “fattori barriera” che compromettono la qualità della vita dei pazienti e l’efficacia della loro autocura. Sono emerse, tuttavia, importanti differenze tra le categorie individuate. Le donne, così come i soggetti under 65, si sono rivelati essere più fragili in termini di “performance emotiva” e di “percezione” di una rete sociale che le supporti (oltre la famiglia). Conclusioni I risultati emersi sono in linea con i dati della letteratura scientifica. Gli aspetti psicoemotivi possono rappresentare delle fragilità e condizionare il vissuto del paziente con Scompenso Cardiaco. Lo studio può offrire uno spunto per una ulteriore indagine orientata alla individuazione ed all’implementazione di un nursing che non solo “curi” e “guarisca”, ma che supporti, orienti il paziente.
 
Introduzione: L’infermiere presente all’interno delle carceri opera tra la gestione della sicurezza e il diritto della salute, spesso con elevata complessità assistenziale, in un setting difficile, dove a prescindere dal reato commesso, è fondamentale la presa in carico del paziente. Obiettivo: Individuare il ruolo e le competenze specifiche degli infermieri che lavorano negli istituti penitenziari Materiali e metodi: La ricerca degli articoli è stata effettuata tramite la consultazione di banche dati biomediche quali Medline (PubMed) e Cinahl, reperendo articoli scientifici di studi primari. Risultati: Dalla ricerca bibliografica sono stati reperiti 394 articoli ma, di questi, solo 4 articoli sono risultati pertinenti con l’obiettivo della ricerca. Dalla ricerca emerge il ruolo complesso dell’infermiere che si trova ad affrontare una popolazione che presenta diverse criticità legate a fattori psicosociali, culturali, ambientali, patologie croniche e che manifesta dipendenze, disturbi psichici, infezioni. È necessaria una formazione specialistica post base per rispondere ai molteplici bisogni assistenziali dei detenuti. Occorre maggiore tutela per il professionista Infermiere che opera all’interno degli istituti penitenziari. Conclusioni: Nel sistema penitenziario si contraddistingue la forte necessità della figura dell’infermiere e, all’interno di tale ambiente tanto da rappresentare uno dei pilastri portati dell’assistenza sanitaria, in grado di fornire e assicurare la somministrazione equa dei trattamenti sanitari. Dalla revisione emerge la necessità di ulteriori studi, soprattutto in ambito nazionale.
 
Introduzione: Il linfedema secondario rappresenta una potenziale complicanza della linfadenectomia ascellare per il cancro della mammella. Il linfedema correlato al cancro della mammella, richiede interventi mirati basati sulle migliori evidenze scientifiche al fine di stimolare le pazienti all’osservazione di comportamenti atti a ridurne il rischio. Scopo dello studio è quello di strutturare un intervento educativo e valutare le conoscenze delle pazienti linfadenectomizzate in tema di prevenzione del linfedema. Materiali e Metodi: Studio di coorte prospettico, condotto tra maggio e agosto 2014, su pazienti sottoposte ad intervento di linfadenectomia ascellare per cancro della mammella. Le pazienti sono state suddivise in tre coorti, il primo gruppo ha ricevuto l’intervento educativo, il secondo gruppo ha ricevuto le informazioni di routine mentre il terzo gruppo era costituito da pazienti in trattamento per linfedema. Risultati: il campione è costituito da 45 pazienti, il 57.8% del campione conosce le misure preventive del linfedema; il 13,3% delle pazienti non ha ricevuto nessuna informazione; oltre il 20% del campione identifica l’infermiere come principale fonte di informazioni. Discussione: Il gruppo delle pazienti cui è stato fornito l’intervento educativo, iniziato nel preoperatorio, hanno maggiori conoscenze in tema di prevenzione, sono maggiormente consapevoli dei rischi rispetto al gruppo che ha ricevuto l’informazione di routine mentre hanno buone conoscenze le pazienti in trattamento per linfedema. Conclusione: La capacità di gestione delle pazienti migliora sensibilmente con l’aumento del grado di informazioni ricevute. L’intervento educativo inizia nella fase peri-operatoria, gli infermieri devono favorire il processo di autocura dei pazienti migliorando le conoscenze e le abilità nella prevenzione del linfedema.
 
Cardiology made enormous advances in the treatment of extremely severe diseases such as heart failure. Specifically, interventional cardiology has been enriched, over the years, with increasingly complex aids that have contributed in improving the quality of life and survival of patients suffering from this disease. These advances in technique compel the interventional cardiologist being constantly updated on new procedures and therapy. As a result, both the ward nurses and those supporting the cardiologist in the surgery room, must acquire the knowledge that allows them to be always in step with the fast-changing times. The aim of this commentary is to underlining the importance of a continuous updating of nurses by emphasizing that their role has been changing over the years and that these professionals, along with the physicians, must stay up-to-date regarding technological innovations, within the limits of their specific skills. Keywords: Heart failure; Cardiac Contractility Modulation; Nurse updating
 
Introduction: The Health Care Quality System began in 1992 and continues in the complex phenomenon of innovation which is necessary to improve the Health Care System. This study aims to investigate how patients perceive the quality of care provided in the interventional cardiology service and therefore whether they are satisfied with the care received. Materials and Methods: A questionnaire of 19 total items was elaborated and administered on 81 patients with the objective of assessing the importance of the interaction modality of the nursing staff with the patients who undergo the interventional cardiology procedure in the intra and peri- procedural moments. Results: The sample collected was significantly heterogeneous because the male component was more frequent (p
 
Introduction: Management by processes and clinical care pathways are now fundamental and indispensable requirements for quality improvement in healthcare organisations. The basic idea is to design a system that allows for continuous improvement in the way in which the key player in healthcare, i.e. the patient, is managed. If this were to happen, the best experiences to date tell us, it would definitively improve outcomes, efficiency and appropriateness. Moreover, patients perceive and appreciate this difference, allowing health professionals to operate at their best. Objective: To assess the knowledge and application of the DTCPs by the nursing staff. Materials and methods: The cross-sectional study took place in the period between June and September 2019 at the Operative Units of digestive surgery, hepatobiliary surgery, breast surgery and gynaecological surgery of the “Fondazione Policlinico Gemelli IRCCS in Rome”. A questionnaire was administered only to permanent nurses. Results: A total of 64 questionnaires were administered of which 27 were correctly completed (response rate 42.1%) and considered valid for analysis. The sample of respondents was predominantly female (74.07%), 81.48% held a Bachelor's degree and 40.74% held a Master's degree. 55.56% knew what DTCPs were, but there was no in-depth knowledge of them in the sample. In fact, 55.56% knew whether there were active DTCPs in their region; 7.41% that nurses cannot participate in DTCPs and only 11.11% that nurses cannot participate in the review of individual DTCPs, while 59.26% were aware of the professional figures involved in the drafting and review of DTCPs. 25.93% knew what the diagnostic phase was based on and 14.81% that there were no active memoranda of understanding with public or private facilities in the diagnostic phase. Finally, only 25.93% were aware that the user could not be used in the evaluation of the outcome. Conclusions: Although the interviewees were familiar with clinical care pathways, for most of them there had never been active involvement, they agreed on user involvement instead. Keywords: nursing care, clinical care pathways, patient safety, diagnostic-therapeutic care pathways
 
This manuscript offers a reflective pause to consider an overview of Unitary Caring Science as a philosophical-theoretical discipline-specific, professional nursing practice/praxis model for human caring nursing. It provides the background of the 10 Caritas Processes, considered universals of human caring phenomena and practices. The underlying starting point for unitary caring science is informed by an ‘Ethic of Belonging ‘- that is, we all belong to the infinite field and sacred circle of life itself. – belonging to the cosmic energy of universal Love. Thus our ‘Belonging’ becomes before our separate ‘Being’. So, in this foundational unitary starting point - ‘ethics comes before ontology’. With this philosophical-ethical foundation nursing practice moves from technical industrial forms of practice to Praxis, that is discipline specific, value guided, informed, knowledgeable, moral practice (praxis). This shift transcends technology and objective task- focused- physical care, to critiquing, repatterning practices from tasks and skills to Caring -Healing Arts and micro-practices that allow for human face- to- face, heart- to- heart – energetic human caring touch and transpersonal caring moments that unite.
 
Introduction: The low number of deliveries assisted by midwives or health workers is an indicator of the low utilization of health facilities by mothers in labor. This study analyzes the factors related to the utilization of childbirth in health facilities in the Sungai Lokan Community Health Center Work Area, Tanjung Jabung Timur Regency. Materials and Methods: This research is an analytic observational using a cross-sectional approach involving 74 participants. The research was conducted from January to July 2019 in the Sungai Lokan Health Center Work Area, Tanjung Jabung Timur Regency. Results: The results showed that the factor of the utilization of childbirth in health facilities was related to family culture (p = 0.0001) and family support (p = 0.003), while the service access factor was not related (p = 0.364). Conclusion: The role of health workers in socializing the importance of utilizing health facilities as a place of delivery is significant in reducing maternal mortality
 
Introduction: Diarrhea is a significant public health problem because it is the third major contributor to child morbidity and mortality in various countries, including Indonesia. This study aimed to determine the relationship between the density of flies in the geographic area, the knowledge of the mothers, their defecation behavior, and the presence of diarrhea in children in Jambi City, Indonesia Materials and Methods: This type of research is a quantitative study with a case-control approach involving 76 children under five, namely 38 cases and 38 control groups. The research data were analyzed using the Odds Ratio test. Results: Mothers who have less knowledge are 12 times more likely to have a toddler suffering from diarrhea than mothers who have good knowledge. Mothers with poor behavior in dealing with toddlers' defecation habits will have a 5 times greater risk of having a toddler with diarrhea problems; on the other hand, if mothers behave well in dealing with children's defecation problems, then the toddler will not be at risk of having diarrhea. The density of flies does not provide a significant risk for the incidence of diarrhea in infants. Conclusion: the incidence of diarrhea in children under five in the Putri Ayu Public Health Center in Jambi City is influenced by low parental knowledge and bad defecation behavior Keyword: Availability of latrines, Behavior, Knowledge, Diarrhea, Children
 
Introduzione: ad oggi, non esiste uno strumento che identifichi il livello di intensità di cura adeguato nell'immediato post-operatorio nei pazienti sottoposti ad intervento chirurgico. Tra gli strumenti utilizzati, il Triage di Corridoio (Tri-Co), che comprende la valutazione empirica del livello di gravità e di dipendenza del paziente, potrebbe essere potenzialmente utile anche in ambito chirurgico. Obiettivo: valutare l'efficacia dello strumento Tri-Co attraverso un'analisi della concordanza tra i punteggi ottenuti dallo strumento Tri-Co e l’allocazione reale del paziente per intensità di cura. Materiali e Metodi: è stato condotto uno studio osservazionale presso l'Ospedale di Biella, su pazienti che erano stati sottoposti ad intervento chirurgico nel 2016, per i quali era stato calcolato il punteggio Tri-Co e successivamente valutato il grado di concordanza tra il punteggio Tri-Co e l'effettiva collocazione del paziente. Risultati: sono stati osservati 671 pazienti, di questi, 443 sono stati inclusi nell’analisi. La concordanza, tra l’allocazione per intensità di cura secondo la valutazione in uso e il Tri-Co, è stata calcolata con il Kappa di Cohen pesato e relativo intervallo di confidenza al 95%. Il valore Kappa è stato pari a 0.125 (IC 95% 0.105 - 0.131), mostrando una concordanza scarsa tra i due tipi di valutazione. In particolare, nella valutazione dell’allocazione dei pazienti, il metodo Tri-Co sovrastima nella valutazione i pazienti da allocare in reparti appartenenti alla chirurgia a bassa intensità, mentre sottostima quelli da allocare presso le chirurgie a media ed alta intensità di cura. Conclusione: i risultati ottenuti hanno dimostrato una scarsa concordanza tra l’allocazione per intensità di cura reale e con il Tri-Co. La valutazione del paziente chirurgico dovrebbe prevedere l’integrazione dell’indice ASA con il grado di complessità dell’intervento.
 
Top-cited authors
Gianluca Pucciarelli
  • University of Rome Tor Vergata
Marco Perrone
  • Università degli Studi di Genova
Teresa Rea
  • University of Naples Federico II
Emanuele Primavera
  • Azienda Sanitaria Locale di Pescara
Elsa Vitale
  • Università degli Studi di Bari Aldo Moro