Article

Transforming Graduate Medical Education to Improve Health Care Value

Medicare Payment Advisory Commission, Washington, DC, USA.
New England Journal of Medicine (Impact Factor: 54.42). 02/2011; 364(8):693-5. DOI: 10.1056/NEJMp1012691
Source: PubMed

ABSTRACT U.S. health care is too expensive, and its quality too inconsistent. To ensure that health care will be affordable for future generations and appropriate for our burgeoning geriatric population, its delivery and organization must change. Physicians should be in the vanguard of this change, and transforming medical education will be instrumental in preparing tomorrow's physicians to lead the way. Swensen et al. have stated that U.S. physicians must shift from viewing themselves as "nonintegrated, dedicated artisans who eschew standardization" to become leaders of a system that values "wise standardization, meaningful measurement, and respectful reporting."(1) To manage this transition, physicians will . . .

1 Follower
 · 
64 Views
  • [Show abstract] [Hide abstract]
    ABSTRACT: Il tema della consulenza suggerisce in primis la necessità di cogliere, in ambiente clinico, la complessità della persona e ricomporre i suoi diversi aspetti, anche se analizzati in dettaglio da diversi rami della disciplina medica. In questo senso, la Medicina di Laboratorio sostiene e interagisce con le altre forme di conoscenza per contribuire a una corretta valutazione dello stato di salute individuale, orientando il processo diagnostico in modo appropriato. Nei laboratori moderni la consulenza è rivolta a pazienti e medici, e il Patologo Clinico svolge in qualità di specialista il suo ruolo, basato sulla conoscenza dei materiali biologici, delle metodologie e delle tecnologie. In questo modo si delinea una zona in cui le informazioni sulla gestione dei problemi tecnici, le interferenze e loro risoluzioni sono fornite per tutte le diverse fasi del processo di laboratorio (pre-analitica, analitica, post-analitica); lo stesso ruolo è presente, in post-analitica, con l’interpretazione dei risultati. La consulenza in Medicina di Laboratorio presenta rapporti diretti con vari attori: scenari principali per questi momenti di incontro consistono in rapporti con gli studenti, risposte ai pazienti, dibattito e collaborazione in un ruolo complementare con altri professionisti della diagnostica, dialogo con le istituzioni, per lo più su aspetti organizzativi e medico-legali. Le applicazioni spaziano dalla definizione dello stato di salute alle procedure diagnostiche e al follow-up delle malattie e possono contenere la richiesta di second opinion. Sono presenti campi d’interesse particolare in materia di prevenzione, screening e specifici counseling (ad esempio genetica e malattie infettive). Nel laboratorio clinico, i temi principali riguardano l’appropriatezza prescrittiva e l’interpretazione del test nel contesto del singolo paziente, mentre la comunicazione dei valori critici e la gestione degli errori di laboratorio sono spesso il tema dell’informazione clinica. Programmi di formazione dedicati a specifiche conoscenze tecniche e a metodologie di comunicazione devono essere previsti e fortemente perseguiti. Il referto finale costituisce anch’esso materia di consulenza e fornisce un “valore aggiunto” come sintesi di risultati, dettagli di informazioni tecniche e interpretative e note e commenti, che offrono un contributo innovativo. In questo scenario, gli specialisti diventano attori di governo clinico e della sanità.
    Rivista Italiana della Medicina di Laboratorio 12/2012; 8(4). DOI:10.1007/s13631-012-0073-9
  • Source
    [Show abstract] [Hide abstract]
    ABSTRACT: The indirect medical education (IME) and disproportionate share hospital (DSH) adjustments to Medicare's prospective payment rates for inpatient services are generally intended to compensate hospitals for patient care costs related to teaching activities and care of low income populations. These adjustments were originally established based on the statistical relationships between IME and DSH and hospital costs. Due to a variety of policy considerations, the legislated levels of these adjustments may have deviated over time from these "empirically justified levels," or simply, "empirical levels." In this paper, we estimate the empirical levels of IME and DSH using 2006 hospital data and 2009 Medicare final payment rules. Our analyses suggest that the empirical level for IME would be much smaller than under current law-about one-third to one-half. Our analyses also support the DSH adjustment prescribed by the Affordable Care Act of 2010 (ACA)-about one-quarter of the pre-ACA level. For IME, the estimates imply an increase in costs of 1.88% for each 10% increase in teaching intensity. For DSH, the estimates imply that costs would rise by 0.52% for each 10% increase in the low-income patient share for large urban hospitals.
    01/2011; 1(4). DOI:10.5600/mmrr.001.04.a01
  • Clinical and Translational Science 04/2011; 4(2):73-5. DOI:10.1111/j.1752-8062.2011.00277.x · 2.11 Impact Factor